Anticipazioni sul disco postumo di Chris Cornell: ci saranno anche i Pearl Jam

In alcune canzoni contenute nel disco postumo di Chris Cornell, una retrospettiva sulla carriera del compianto cantante di Seattle in uscita il prossimo 16 novembre, ci saranno anche i Pearl Jam.

Foto: James Pringle

Nel box set che sarà distribuito in vinile, CD e in digitale, oltre all’inedita When Bad Does Good, saranno incluse Reach Down e Stargazer (cover dei Mother Love Bone) tratte dal concerto a Seattle del tour di reunion dei Temple of the Dog del 2016.

Non solo, su Chris Cornell, questo il titolo del disco, troveranno spazio anche versioni incise in solista da Cornell di Say Hello To Heaven, Call Me A Dog, All Night Thing, la versione studio di Hunger Strike (con Eddie Vedder alla voce) e Hey Baby (Land of the New Rising Sun), pubblicata originariamente su un disco tributo a Jimi Hendrix e incisa dai M.A.C.C. – progetto formato per l’occasione da Mike McCready, Jeff Ament, Chris Cornell e Matt Cameron.

Le note presenti nel booklet sono state scritte da componenti delle band di Cornell e collaboratori, Kim Thayil e Matt Cameron dei Soundgarden, Tom Morello degli Audioslave, Mike McCready dei Temple of the Dog e dal produttore Brendan O’Brien mentre il direttore creativo del progetto è Jeff Ament.

CHRIS CORNELL “Chris Cornell” (2018)
Edizione 2LP
Edizione Deluxe (4CD + DVD) 

Small my table, sits just three. Nasce nel 1980 a Reggio Emilia. Crea pearljamonline.it nel 2001 e scrive la prima edizione di “Pearl Jam Evolution” nel 2009 insieme alla moglie Daria. Collabora con barracudastyle.com, hvsr.net e rockol.it, ha collaborato con Rolling Stone e Il Fatto Quotidiano. Continua imperterrito a tentare di trovare “belle melodie che dicono cose terribili”.