:: Q&A with Ed Vedder | Uncut, 06.08.2009 ::

<< Back to Interviste | Home
 

An Audience With...

[Questions & Answers with Ed Vedder]

Courtesy of Uncut Magazine | Thanks to primussucks@ Pearl Jam Forum for the transcript

Is it true that you recorded an albums worth of ukulele songs back in 2000? Do you plan to ever release them? - Scott Kobleske, Chicago

I did record it and gave it to a few friends. I was going through a rough time – it was after Roskilde [the Danish festival where, in 2000, nine Pearl Jam fans were trampled to death in a stage crush] and after a number of things in our personal lives. And this tiny little instrument with four strings, which could almost fit in your back pocket, became like a good friend. The uke is an incredible machine for learning about melody and chord structure – you're suddenly able to write ragtime classics! So I wrote these sad songs on a happy instrument. It helped me process some really painful things at the time, but I didn't want to release it because it felt too personal. It's funny now, with some distance, they're not as heartbreaking as I thought. So…it may get released. We'll see.

What are your top most misinterpreted lyrics? Keep it funny if possible - Michael Stipe, REM

Maybe my diction isn't so good! Ha! But it reveals a lot about Michael that he's asked this, as it's happened to him more than me! His stuff was always so open to interpretation. There's a track on Murmur called “We Walk”, y'know, “Take a recess…up the stairs and to the landing”. I was in the car with my daughter, who was two, and she started singing along. I almost had to pull over and start weeping. It was one of my proudest moment. My daughter knew an REM song! Of course, she was singing it wrong, though I don't know if there's a right way. Those lyrics are oblique and yet they mean so much. Michael is a magician that way.

What were your inspirations when your wrote the soundtrack to Sean Penn's Into The Wild? - Irene Mariani, Italy

When I was 12, I remember seeing the movie, Harold and Maude, a film that is accompanied by several Cat Stevens songs. Cat's voice represents the interior voice of the character throughout the movie, and he does it absolutely perfectly. It's a perfect synergy between film and music, and it really inspired me to try writing for film. Take the final scene, where it looks like Harold is going to drive off the cliff, with the rain hitting the windshield and you know how he feels. Suddenly they play “Trouble” by Cat Stevens and it's utterly overwhelming, heartbreaking. So seeing it work there made me think I could give it a go.

Has Olivia gone all four floors on the fireman's pole yet? - Neil Finn, Crowded House

Tell Neil I never talk about the pole! Ha ha! As Neil knows, I've got an adventurous young daughter who's very rough and tumble. I guess things change as they get older and there's a restructuring of power in the male/female dynamic. But right now my daughter's as tough as anyone, male or female, under the age of about 15. The fireman's pole? It's a long story. Basically, I started smoking dope after a long period of abstinence, and I had an epiphany. I realised the house I was living in had a couple of connected closets. And after having this nice hit, it occurred to me that you could put a fireman's pole in this house, connecting all four floors. Three months on, we had one installed. It's really practical! I do all my songwriting in the basement, so if I'm, upstairs, I just slide down. Otherwise you might stop by the laundry room to wash some clothes and you'll have missed a couple of songs. So it has paid for itself in songwriting royalties.

What was Nusrat Fateh Ali Khan like to work with? - Zak, Leytonstone, London

Well, it was intimidating on many levels. We worked together for a few days – we were put together by Tim Robbins for the Dead Man Walking soundtrack – and everything had to go through an interpreter because I was told he didn't really speak English. He was very centered, like a Buddhist statue in many ways and he looked like he was made of stone! And when he sang, it was like he was channeling something incredibly powerful and spiritual. After two days of talking through the interpreter, we were left in the room alone, and he looked at me and said, in perfect English: “You have a very nice voice” And it was like that scene in One Flow Over The Cuckoo's Nest, where the Indian guy finally talks to Jack Nicholson. I thought, you son of a bitch! And of course, we then talked and talked and got on great. I met him a few times after that. I think he pretended not to speak English as a defence mechanism. I wish I'd thought of that! Sadly, he was taken away from us much, much too early. And so many of the secrets of qawwali music have died with him.


Eddie Vedder attracts curiously obsessive fans. Uncut's mailbag for this Audience With…far outstrips any other we've done, and not all of them in the “When are you next playing Portugal?” category.
“Why didn't you turn up to our wedding last year?” asks one slightly hurt fan from Ohio. “And would you and the band like to come and play at our first anniversary?” There are other invitations to weddings in Colombia, christenings in Denmark, safaris in South Africa and surfing holidays in Western Australia. There are fans who promise to come along to a gig and accompany the band on the accordion, others who want Vedder to be godfather to their child, others offering him a spare tent to come to Glastonbury.
“That's kinda…nice”, says a genuinely humble-sounding Vedder. “I guess that people have always seen me as a kinda regular guy. We've never tried to erect boundaries between us and the audience.” It's this balance of messianic stadium rockers and “aw-shucks” regular guys that made Pearl Jam the real kings of grunge, outselling their rivals Nirvana several times and maintaining their position on the arena circuit two decades on.
Vedder, with a cigarette and a coffee in hand, is speaking from the band's headquarters in Seattle. “You could call it ‘Pearl Jam Towers', I guess” he says. “But it's more of a refuge. A couple of offices, a bit of storage, a fan club operation, some areas where we distribute music and other things, and then a practice space. And a refrigerator that used to have beer in it until last night. We had a bit of a party and drank it all, so excuse me if I sound a bit hungover…”

Seeing as you were both icons of grunge, what do you think of Chris Cornell's new LP with Timbaland? -Einat Shaul, Israel

I haven't heard it. Isn't Timbaland a make of shoe? It's a producer? I don't know who that is. Oh well. I really like Chris' records and I think he's the best singer that we've got on the planet. I first met Chris when I moved to Seattle, and we started hanging around. I didn't know what musicians did with their life, and I quickly realized that what he did on a Friday night was to get a 12-pack of shitty beer and chase his dog around on the mud for four hours in the forest. That was about an exciting an epiphany as I had! I haven't seen him in town for a while, but I have taken over the whole dog-chasing practice – me and my Hawaiian mutt. The beer's gotten slightly better too.

You do lots of great cover versions live – have you thought of doing a studio album of them? - Jeff Tweedy, Wilco

I'm not sure why we all play songs we didn't write, especially when nothing can be better than the original. One reason is to play them for people who've never heard them. When I play Cat Stevens songs, of course I don't do them as well as him, but I feel I'm introducing him to a new generation of fans. As for a whole LP, well, imagine how many records you could put out if you didn't have to write the songs! That's why Elvis released so many albums!

Is there one book that you have read that has been life-changing for you? - Jennifer Coppertino, New York

One that jumps to mind is Cat's Cradle by Kurt Vonnegut. He talks about being a humanist, about it being a little different from being an atheist, which had a profound effect on me. I ended up reading pretty much everything he wrote after that, two, three, four, five times. The only other author who's had a similar effect has been Charles Bukowski, who opens your eyes to the fact that there's beauty in everybody's life. The life of someone on the lowest rung of the ladder is as colourful and meaningful, if not more, as some character in an F. Scott Fitzgerald novel. So it makes you realize that we are all individuals and we all have something going on that is worthy of introspection and respect.

When you have felt most scared and alone while surfing and where? - Selin Hall, California

If you're in any big body of water, you get a healthy sense of feat. I would recommend surfing to anyone who thinks they're high and mighty. It takes all your focus, and it doesn't allow you to think about anything else. You can even get hurt on a small, insignificant looking wave if you're not careful. So when you're on the wave, it's one of those rare, purifying instances, where you can't think of anything else apart from surviving and celebrating this wave as it hits the shore after travelling for 2,000 miles. There's also something quite profound about it, because the ocean is the place where we all came from, and I believe that there is something about the ocean that will protect you.

You've been lined with David Lynch's Transcendental Meditation movement; you've worn an Aleister Crowley t-shirt and you've stated that you're an atheist. What do you personally believe in and how did you get there? - Stephan Rott, Germany

Well it changes! And I think we have to be flexible. Any belief system that is inflexible, closed off to other belief systems, is profoundly unhealthy. I also think that if you look at life as a long line of evolutionary changes that started billions of years ago, from little things crawling in the mud, and the you realise where we've got to now, that is a remarkable set of circumstances. There is more magic in that, for me, than someone creating the planet in six days and taking a day off. When you realize how long humanity has taken to get to this point, it makes you respect another person's life in a deeper and broader sense. I wouldn't think of killing anybody because their lineage goes back to the primordial seas, not because there's some eye in the sky, looking out for how many commandments you're going to break.

Be honest. Even you not 100 per cent certain of the words to “Yellow Ledbetter”, are you? - Ed Byrne, comedian

Ha ha ha! This is the comedian who does stuff about me, right? Well he's quite right – the lyrics to “Yellow Ledbetter” do constantly evolve…I admit that, at times, I have sung total nonsense! The song was originally written about the first Gulf War, and I'd created this image of a young guy with long hair and funny clothes, who had just got a yellow telegram telling him his brother has been killed in action. He's walking by these conservative-looking, older folks on a porch, flying an American flag, and he waves to them in a show of solidarity, and they brush him off and give him the finger. So, you know, what did his brother die for?

Last time Pearl Jam played Wembley Arena, at the end of the show you offered to buy the entire audience a drink. Well? It's two years on, and we're thirsty…. - Thomas Birch, Harefield, Middlesex

You don't remember? We all went around the back to that little pub in Wembley. Most of us had two drinks! Hell, I've still got the receipts, Thomas. Oh shucks, I paid cash. Oh well. But it was a great night, Thomas, pity you couldn't make it…

 

 

 

 

 

 

 

Un incontro con...

[Domande & Risposte con Ed Vedder]

Tratto da Uncut Magazine | Grazie a primussucks@Pearl Jam Forum per la trascrizione

Traduzione a cura di FranAaltereddie

E' vero che hai registrato un disco di canzoni per ukulele nel 2000? Hai intenzione di pubblicarlo in qualche modo? - Scott Kobleske, Chicago

L'ho fatto e ne ho regalato anche delle copie a qualche amico. Era un brutto periodo -dopo Roskilde- e con una serie di cose che accadevano nel nostro privato. E questo piccolo strumento a quattro corde che potresti mettere in tasca, è diventato un buon amico. Lo "uke" è un incredibile mezzo per imparare tutto sulla struttura delle melodie e degli accordi - sei subito in grado di scrivere ragtime classici! Così ho scritto queste canzoni tristi con uno strumento allegro. Mi ha aiutato ad elaborare sentimenti davvero dolorosi, ma non ho voluto pubblicare niente perché sono cose troppo personali. E' buffo adesso, in prospettiva non mi sembrano più così commoventi come avevo pensato. Per questo... potrei anche inciderle. Vedremo.

Quali dei tuoi testi sono stati più equivocati? Cita i casi più divertenti - Michael Stipe, REM

Forse la mia dizione non è tanto buona! Ma se Michael fa questa domanda vuol dire che è successo più a lui che a me! I suoi testi sono sempre così aperti all'interpretazione. C'è una traccia in Murmur, "We Walk", la conoscete, "Procurati un angolo... salendo le scale e per l'atterraggio". Ero in macchina con mia figlia, noi due soli, e lei comincia a cantare. Avrei pianto. E' stato uno dei momenti in cui mi sono sentito più orgoglioso. Mia figlia conosceva una canzone dei REM! Ovviamente la cantava tutta sbagliata, ma non so se c'è un modo giusto per farlo. Sono liriche oblique con tanti significati. Michael è un mago in queste cose.

A cosa ti sei ispirato quando hai scritto la colonna sonora di In To The Wild? - Irene Mariani, Italy


Ricordo di aver visto il film "Harold and Maude" quando avevo 12 anni; il film è accompagnato da alcune canzoni di Cat Stevens. La voce di Cat rappresenta la voce interiore del protagonista attraverso tutto il film e lo fa in maniera perfetta. C'è una perfetta sinergia tra il film e la musica e questo mi ha davvero ispirato nel cercare di scrivere una colonna sonora. Prendi la scena finale, quando sembra che Harold guidi oltre la rupe, con la pioggia che batte sul parabrezza e tu sai come si sente. Allora c'è "Trouble" e all'improvviso si è schiacciati dalla commozione. Vedere questo lavoro mi ha fatto pensare che potevo provarci.


Olivia li ha poi fatti i quattro piani scendendo dal palo dei pompieri? - Neil Finn, Crowded House

Dite a Neil che non ho mai parlato di nessun palo! Ha ha! Come Neil sa, abbiamo una figlia giovane e avventurosa, una vera cascatrice. Immagino che, crescendo, le cose cambieranno e avremo un ridimensionamento della dinamica maschio/femmina. Ora come ora però, mia figlia è dura come nessun altro, maschio o femmina, che abbia meno di 15 anni. Il palo da pompiere? E' una storia lunga. Essenzialmente, ho ricominciato a "fumare" dopo un lungo periodo di astinenza e ho avuto un'epifania. Ho realizzato che la casa dove vivo ha come una serie di piani uno sopra l'altro. Dopo questa bella trovata mi occorreva qualcosa come un palo dei pompieri che collegasse i quattro piani tra loro. Lo abbiamo installato tre mesi dopo. E' davvero molto pratico! Io scrivo le mie canzoni in cantina così, se sono di sopra, non faccio altro che lasciarmi scivolare giù. Puoi anche fermarti in lavanderia ad esempio, e mentre sei lì che lavi, dimenticare un sacco di canzoni. Così ti paghi le royalties da solo


Cosa ti è piaciuto nel lavorare con Nusrat Fateh Ali Khan?- Zak, Leytonstone, London

Mi ha messo soggezione per molti motivi. Abbiamo lavorato insieme per qualche giorno - per la colonna sonora di "Dead Man Walking", il film di Tim Robbins - e ogni cosa passava attraverso l'interprete perché mi avevano detto che non parlava inglese. Aveva un grande equilibrio, come la statua di un Buddha, sembrava fatto di pietra! E quando cantava era come se fosse il tramite di qualche incredibile potere spirituale. Dopo due giorni di conversazioni con l'interprete, è capitato che fossimo soli nella stanza, così mi guarda e dice, in perfetto inglese: "Hai davvero una bellissima voce". Sembrava la scena di "Qualcuno volò sul nido del cuculo", quando l'Indiano alla fine parla con Jack Nicholson. Io ho pensato: tu, figlio di puttana! E naturalmente abbiamo parlato e parlato e tutto è andato alla grande. Dopo quest'episodio l'ho incontrato ancora qualche volta. Credo che il suo pretendere di non parlare inglese fosse un meccanismo di difesa. Quanto avrei voluto capirlo prima! Sfortunatamente ci è stato tolto troppo presto. E così molti segreti della musica qawwali sono morti con lui.

Essendo entrambi icone grunge, cosa pensi del nuovo LP di Chris Cornell con Timbaland? - Einat Shaul, Israel

Non l'ho ascoltato. Timbaland quello delle scarpe? O è un produttore? Non so proprio chi sia. Dunque. Mi piacciono davvero i dischi di Chris e penso che sia il miglior cantante sulla faccia della terra. L'ho incontrato la prima volta quando sono venuto a Seattle e abbiamo cominciato a fare conoscere. Non so nulla della vita dei musicisti, ma ho realizzato velocemente cosa ne faceva lui della sua un venerdì notte, quando ha preso una confezione da 12 di birra schifose ed è andato a cercare il suo cane nel fango di un bosco per quattro ore. Ho avuto una rivelazione incredibile! E' un po' che non lo vedo in giro ma ormai so tutto sulla tecnica di ritrovamento dei cani - io e il mio bastardino Hawaiiano. La birra migliora il risultato.


Dal vivo avete realizzato molte grandi cover versions - hai mai pensato di farne un album in studio? - Jeff Tweedy, Wilco

Non sono sicuro del motivo per cui suoniamo canzoni che non abbiamo scritto, specialmente quando è chiaro che niente possa superare l'originale. Una ragione è suonarle per della gente che non le ha mai sentite. Quando suono le canzoni di Cat Stevens è ovvio che non potrò mai farlo bene quanto lui, ma so di presentarlo a delle nuove generazioni di fans. Per quanto riguarda farne un intero disco, be', immagina quanti dischi si potrebbero fare se non si dovessero scrivere le canzoni! E' per questo che Elvis ha realizzato così tanti albums!


Qual'è il libro che ti ha cambiato la vita? - Jennifer Coppertino, New York

Mi viene in mente "Cat's Cradle" ["Ghiaccio-nove"] di Kurt Vonnegut. E' la storia di un umanista che si trasforma in ateo ed ha avuto una profonda influenza su di me. Ho finito per leggere ogni cosa che ha scritto dopo questa, due, tre, quattro, cinque volte. L'unico altro autore che ha avuto su di me un effetto paragonabile al suo, è stato Charles Bukowski, che ti apre gli occhi sulla bellezza che c'è in ciascuna vita. Anche l'esistenza più infima é colorata e piena di significato più che in qualsiasi carattere di una novella di F. Scott Fitzgerald. Questo ti fa capire che tutti noi siamo individui e tutti abbiamo qualcosa che è degno di introspezione e rispetto .

Qual'è la volta che ti sei messo più paura facendo surf? e dove? - Selin Hall, California

Se ti trovi in una grande massa d'acqua ti senti già come se stessi compiendo una prodezza. Consiglierei di surfare a chiunque sia abbastanza alto e robusto. (Fare surf) assorbe tutta la tua attenzione e non ti consente di pensare a nient'altro. Puoi farti un gran male anche con un'onda che sembra piccola e insignificante, se non stai attento. Quando sei sull'onda vivi uno di quei rari istanti di purificazione in cui non puoi pensare ad altro che sopravvivere e celebrare quest'onda che tocca terra dopo aver viaggiato per 2000 miglia. C'è una quiete profonda in questo, perché l'oceano è il luogo da dove veniamo tutti e sono convinto che c'è qualcosa nell'oceano che ti proteggerà.


Hai aderito al Movimento di Meditazione Trascendentale di David Lynch; hai indossato magliette di Aleister Crowley e hai dichiarato di essere ateo. Qual'è il tuo credo personale e come ci sei arrivato? - Stephan Rott, Germany

Be', si cambia! E credo che bisogni essere elastici. Ogni sistema di fede è rigido, chiuso alle altre fedi e questo non è molto sano. Penso inoltre che, se guardi alla vita come a una lunga serie di cambiamenti evolutivi cominciata miliardi di anni fa da piccole cose che nuotavano nel fango, e poi pensi a dove siamo adesso, è certo una serie importante di circostanze. Per me c'è molta più magia in questo che in qualcuno che crea il mondo in sei giorni e si riposa il settimo. Quando capisci quanto tempo ha impiegato l'umanità per arrivare al punto in cui si trova, il tuo rispetto per l'esistenza di un'altra persona acquista profondità e assume un significato più ampio. Non potrei mai pensare di uccidere nessuno perché il suo lignaggio risale ai mari primordiali, non perché c'è un qualche occhio nel cielo che controlla a quanti comandamenti stai disobbedendo.

Sii onesto. Sei tu quello di “Yellow Ledbetter”, anche se non al 100 per cento? - Ed Byrne, comedian

Ha ha ha! Questo è l'attore che fa quelle cose su me, vero? Bene, ha ragione - il testo di “Yellow Ledbetter” si evolve costantemente... Ammetto di aver cantato, a volte, una cosa senza senso! La canzone originale trattava della prima Guerra del Golfo, e io pensai a questa immagine di un ragazzo con capelli lunghi e vestiti buffi, che riceve un telegramma giallo dove gli comunicano che suo fratello è stato ucciso durante un'azione militare. Allora va da questi tizii più vecchi, con l'aria da conservatori, che se ne stanno sotto un portico, sventolando la bandiera americana, cercando di coinvolgerli mostrandosi solidale e loro lo scacciano e gli alzano il medio. Così, secondo voi, suo fratello che cosa è morto a fare?

L'ultima volta che i PJ hanno suonato alla Wembley Arena, alla fine dello show, ti sei offerto di pagare da bere a tutto il pubblico. Vuoi saperlo? Sono passati due anni e io sono ancora a bocca asciutta... - Thomas Birch, Harefield, Middlesex

Come? Non ti ricordi? Siamo andati tutti a questo piccolo pub di Wembley. La maggior parte di noi ha bevuto due volte! Maledizione, Thomas, ho ancora lo scontrino, ho pagato in contanti, accidenti. Vabbè, è stata una gran nottata, Thomas, peccato che non c'eri...

 

 

BACK