2005 TOUR :: PART 3 ::
Anno 2005 (Terza parte, Tour Latinoamericano: Cile, Argentina, Brasile e Messico)
22.11.2005 Santiago del Cile, San Carlos Apoquindo
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: Grievance, Leatherman, In My Tree, Little Sister, Sad, 1/2 Full, Do The Evolution, Present Tense, I Am Mine, Love Boat Captain, Last Exit, Faithfull, I Believe In Miracles
Setlist: Release, Corduroy, Last Exit, Hail Hail, Do The Evolution, Given To Fly, I Am Mine, Grievance, Small Town, Even Flow, Lukin, Not For You/(Modern Girl by Sleater Kinney), Daughter/(Blitzkrieg Bop)/(Androgynous Mind), Down, Jeremy, Save You
Encore 1: Go, Better Man, Black, Alive
Encore 2: I Believe in Miracles (Ramones), Baba O'Riley (The Who), Yellow Ledbetter
Uno show pieno di emozioni, i 25000 spettatori non aspettavano altro che questo giorno da quindici anni; una piogerellina leggera ha fatto da cornice al primo concerto latinoamericano dei Pearl Jam. "Siamo molto grati di essere qui in Cile questa sera. Finalmente! Grazie per averci aspettato", con queste parole, a metà show, Eddie Vedder ha salutato il folto pubblico cileno. Pubblico che ha creato non pochi problemi all'apparato di sicurezza interno; infatti nonostante i parecchi inviti alla calma da parte di Eddie Vedder, si sono contati una ventina di feriti lievi e altrettanti espulsi dal luogo del concerto da parte della polizia locale. Il concerto ha visto la presenza dei maggiori classici della band dai tempi di ten fino ai giorni nostri.
Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12 / 13 / 14 / 15 / 16 / 17
23.11.2005 Santiago del Cile, San Carlos Apoquindo
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: ---
Setlist: Given To Fly, Whipping, Animal, Save You, Do The Evolution, Even Flow, Insignificance, In My Tree, Immortality, State Of Love And Trust, Jeremy, Faithfull, Daughter, Green Diesase, Corduroy, Betterman, Porch
Encore 1: Rearviewmirror, Black, Crazy Mary, Alive
Encore 2: I Believe In Miracles, Rockin' In The Free World, Yellow Ledbetter
Given To Fly apre il concerto e il pubblico ruggisce quando Ed cambia uno dei versi in "Made it to Santiago, had a smoke in a tree". "State of Love and Trust" è una richiesta delle prime fila e "Faithfull" è una dedica verso qualcuno che Eddie aveva incontrato prima. Daughter inizia con Eddie che si riferisce alla serata precedente (piovosa n.d.r.) e intona un canto "No clouds, no rain, no pain, all gone / No clouds , no rain, no pain, thank God / No rain, no pain, no rain, thank God / No clouds, No rain, no pain" seguito dall'entusiastico "Hey Ho, Let's go" cantato insieme al pubblico. Poi ancora, "Alright, we know that you are Santiago, and this is Mike McCready. Basso, Jeff Ament. Battarista, Matt Cameron. La guitarra extraordinaire, Stone Gossard. Boom Gaspar ... where are ya?". Si divertono i PJ ad ascoltare i cori da stadio degli spettatori. E ringrazia l'audience per essersi comportata in modo tranquillo facendo capire che la sicurezza è una loro prerrogativa. "Rearviewmirror" contiene una piccola improvvisazione "I see your face / Can I feel your face / I saw your face / I'll never forget your face / Never, Never, Never, Never...". "Black" contiene un'improvvisazione alla fine: "I didn't need you / I didn't need you / To make my dreams come true / I didn't need you / I didn't need you / To make my dreams come true / Goodbye, Goodbye, So long...". Anche per "Yellow Ledbetter" cambio di verso: "Oh, I don't want to stay" è diventato "I'd like to stay/ Stay in Chile / We wouldn't mind stayin, no, no".
Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12 / 13 / 14 / 15
25.11.2005 Buenos Aires, Ferrocarril Oeste Estadio
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: Alive, Man of the Hour, I Got ID, Soon Forget, Love Boat Captain, Light Years, Breakerfall, Habit, Don't Gimme No Lip
Setlist: Breakerfall, Corduroy, Do The Evolution, Animal, MFC, Even Flow, I Am Mine, Once, Daughter, Grievance, Not For You, Given To Fly, Wishlist, Jeremy, Spin The Black Circle, Black, Rearviewmirror
Encore 1: I Believe in Miracles (by the Ramones), Save You, Better Man/(Save It For Later)
Encore 2: Blood, Alive, Yellow Ledbetter
Prima di "I am mine", Eddie ha detto in spagnolo leggendo dal suo quaderno di appunti "Grazie per avrci aspettato a lungo, grazie ai vicini ma non possiamo abbassare il volume". Il pubblico ha cantato ad altissima voce ogni singola parola, come anche le parti di chitarra, per esempio durante "Do the evolution", l'intro di "I am mine", l'assolo che chiude Even flow" e l'ultima strofa di "Rearviwemirror", tra le altre. Ad un certo punto Eddie ha detto: "Dovremo pagarvi noi per essere venuti qui". Dopo essere tornati sul palco dopo la prima pausa Eddie ha riferito a nome della band che non avevano mai ascoltato un pubblico così entusiasta e che cantava le parti vocali e anche di chitarra!!. Continuando ha detto che la prima volta che era stato in Argentina risaliva a sette anni fa per un concerto dei Ramones (nota: in Argentina sono molti noti, e hanno suonato in uno stadio con davanti 70,000 persone) scatenando nel pubblico l'inizio del coro "Hey Ho, Let's Go". Durante "I believe in Miracles" Eddie lascia per qualche verso la voce al pubblico perchè fortemente commosso. Anche questa volta cori da tifosi di calcio: "Ole, ole , ole, Pearl Jam, Pearl Jam" and "Ole, ole, ole, ole, ole, ole ola, ole, ole, ole, cada dia te quiero mas, ohhh, soy Pearl Jam, es un sentimiento, no puedo parar". Tradotto: "Ole, ole , ole, Pearl Jam, Pearl Jam" and "Ole, ole, ole, ole, ole, ole ola, ole, ole, ole, ogni giorno ti voglio di più, ohhh, sono un fan dei Pearl Jam, è un sentimento, non posso fermarmi".
Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12 / 13 / 14 / 15
26.11.2005 Buenos Aires, Ferrocarril Oeste Estadio
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: ---
Setlist: MFC, Save You, Hail Hail, Animal, Given To Fly, Small Town, Whipping, Even Flow, Love Boat Captain, Corduroy, Lukin, 1/2 Full, Daughter/(WMA), Insignificance, Jeremy, Do The Evolution, Go
Encore 1: State of Love and Trust, Black, Better Man, Porch
Encore 2: Last Kiss (by Frank Wilson), I Believe in Miracles (by the Ramones), Alive, Rockin' in the Free World (by Neil Young), Yellow Ledbetter
Prima che i Pearl Jam salissero sul palco, la musica di sottofondo era una cover in spagnolo di Last Kiss. Eddie è uscito cantando la parte "Oh, oh, oh..." con il pubblico. In apertura, il ritornello di "MFC" presenta una variazione sul testo "There's no leaving here, ask Argentina!". Durante il concerto, Ed, in spagnolo, ha detto che il concerto di venerdì (la notte prima) era stato uno dei migliori che avessero mai suonato. Prima di "Love Boat Captain" Eddie ha detto, riferito al pubblico, di aver appreso della morte durante il concerto di una band locale (i Callejeros) di 300 persone, che alcuni degli spettatori conoscevano alcuni di loro, e quindi dedicava il pezzo alle vittime e ai sopravvissuti di quella tragedia. Iniziando il primo encore Ed ha affermato "Avete reso felice un uomo triste", poco prima di iniziare "SOLAT". Durante le ultime note di Black i nostri hanno suonato a basso volume per permettere al pubblico di cantare i "doo-doo" e gli "oh-ohh" tipici. Ed ribadisce che "da qua sopra è tutto bellissimo". Le luci dello stadio si accendono: "Argentina, tu sai sicuramente come divertirti. Noi anche ci siamo divertiti. Per cui quando domani arriverà, tutto questo ci segnerà tutti in modo forte...La prossima volta non sarà così lungo, ci vedremo di nuovo".
Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12 / 13 / 14 / 15
28.11.2005 Porto Alegre, Gigantinho Gymnasium
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: ---
Setlist: Long Road, Last Exit, Animal, Do The Evolution, Green Disease, Jeremy, Grievance, Cropduster, Even Flow, Betterman, State Of Love And Trust, Daughter, Habit, Given To Fly, Immortality, Save You, Rearviewmirror
Encore 1: I Got Id, Crazy Mary, I Believe in Miracles (w/ Marky Ramone), Alive
Encore 2: Small Town, Corduroy, Blood, Baba O' Riley, Yellow Ledbetter
Per quasi tutto l'intero concerto, Ed si è rivolto al pubblico in portoghese. "Rearviewmirror" ha incluso nelle sue parole un pezzo tratto da "Gone", precedentemente suonata ad Atlantic City lo scorso 1° ottobre. Dopo "Crazy Mary" Ed presenta alla batteria Marky Ramone: "e stasera alla batteria, questi è Marky Ramone". Quindi Marky sale sulla batteria di Matt Cameron per suonare "I belive in miracles". Le ultime cinque canzoni vengono introdotte dicendo "stiamo per suonare un paio di brani soliti". Eddie ribadisce in "Elderly woman.." che è la prima visita dei PJ in Brasile con un sottile cambio in un verso "I wish I'd seen this place / but no one's ever taken me". Mike ha suonato "Alive" con la bandiera brasiliana sulle sue spalle. 28 novembre è anche il giorno del compleanno di Matt Cameron, Ed lo invita al centro del palco presentandolo come "uno dei più grandi batteristi della nostra era, proprio qui". Un traduttore giunge sul palco, dicendo al pubblico di cantare "Happy Birthday" in portoghese. Una torta è portata fuori, ed Eddie la scaglia sul viso di Matt, sulle prime fila del pubblico ed inizia una vera e propria mini-battaglia. Un pò di barba rimane sulla barba di Eddie per le ultime due canzoni.
Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12 / 13 / 14 / 15 / 16 / 17 / 18
30.11.2005 Curitiba, Pedreira Paulo Leminski
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: U, Don't Gimme No Lip, Sad, Kick Out The Jams
Setlist: Interstellar Overdrive/Corduroy, Do The Evolution, Animal, Save You, Given To Fly, Dissident, Even Flow, Sad, Lukin, Not For You (Modern Girl), Grievance, Down, Better Man, Black, Once, Porch
Encore 1: Last Kiss, I Believe in Miracles, Jeremy, Spin the Black Circle, Kick Out the Jams (w/ Mudhoney)
Encore 2: Whipping, Go, Indifference, Alive, Yellow Ledbetter
"Finalmente ci incontriamo!". Eddie poi dice in inglese "Questo è un bellissimo posto, quello che avete qui...e so che è un bellissimo palco fatto di legno nel mezzo della roccia e so anche che i Ramones hanno suonato qui qualche tempo fa. E stasera siamo veramente orgogliosi di suonare con amici e vicini e la più grande delle band, i Mudhoney". S'innalza un coro, "Mud-ho-ney", "Mud-ho-ney", prima di "Lukin". "Not for you" finisce con i versi "My baby loves me / I'm so happy / I wanna stay on hallowed ground" che precedono "Modern Girl". Dopo aver cantanto lo stesso ritornello due volte in "Down", Ed cambia il verso "I think I'll throw these pills away" in "I think I'll throw my brain away". Steve Turner e Mark Arm dei Mudhoney raggiungono i Pearl Jam per la cover degli MC5 "Kick Out The Jams", con Mark Arm che pronuncia il famosissimo preludio alla canzone "And right now it's time to 'Kick Out The Jams' motherfuckers!!". E' visibile infine, l'ammirazione con la quale la band osserva il pubblico delirante e in visibilio per i beneamini finalmente lì presenti...Ed finisce lo show dicendo "Come possiamo andarcene? Non possiamo andarcene".
Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12 / 13 / 14 / 15
02.12.2005 Sao Paulo, Pacembu Stadium
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: ---
Setlist: Go, Hail Hail, Animal, Green Disease, Corduroy, Given To Fly, Even Flow, Faithfull, MFC, Porch, I Got ID, Once, Glorified G, Do The Evolution, Better Man, Alive
Encore 1: Man Of The Hour, I Believe In Miracles, Last Kiss, Don't Gimme No Lip, Rearviewmirror
Encore 2: Save You, Black, Jeremy, Yellow Ledbetter
Solo qualche settimana prima di questi concerti, il sindaco di Sao Paulo, Jose Serra, aveva sospeso lo show allo stadio di Pacaembu in seguito alle lamentele dei residenti della zona, causa l'eccessivo rumore. Poi Serra aveva stilato una lista di richieste tra le quali che il concerto doveva finire alle 21.45, le prove dovevano aver luogo durante la giornata per non più di 30 min. "Untitled" ritorna prima di "MFC", con il seguente testo:
Got a car, we ain't got no gas
Let's get the fuck out of here, get out of here fast
Everyone's confused, so I stay in my room
I wanna go but I don't want to go alone

I hope you get this message, but you're not home
Oh, I could be there in 23 minutes or so
We don't have to take no things, just get the kid and come along
I wanna go but I don't want to go alone
With you, I could never be alone

Let's get out of North America
Let's get down to South America
Let's feel the summer air
Let's feel the freedom there
How could I ever feel alone

"I Got Shit" contiene un verso cambiato: "Got all these questions, don't even know what language I'm gonna ask". "Do The Evolution" è introdotta dicendo "è su i nostri antenati...nel fango". Da poco "Modern Girl" è la coda a "Not For You", ma stasera va a finire dopo "Better Man". Eddie dice che stanno per provare una cosa che non hanno ancora fatto in latinoamerica e citando "Johnny Ramone", inizia un forte "Hey Ho, Let's Go" seguito dal pubblico. "Riesci a sentirli Joey?..e tu Dee-Dee?"."Man of the Hour" presenta un cambio di verso "Johnny he enjoyed collisions". "Signore e signori ho un annuncio da fare, in inglese, è il suo debuto alla voce qui in latinoamerica a sao paolo, un benvenuto al signor Stone Gossard", Eddie introduce Stone alla voce per "Don't Gimme No Lip", con Stone che ad alta voce grida "Ola Sao Paolo". Eddie parla molto in portoghese, ma in inglese chiede scusa per come parla la loro lingua "parlo il portoghese come un bambino dell'asilo, un bambino di 4 anni". Appena termina lo show Eddie ringrazia molto il pubblico presente: "grazie per essere venuti...dopo tutti questi anni. grazie per averci ascoltato, per aver cantato...vorrei ringraziare la natura e la terra per averci protetto. E' meglio che a Seattle, questo è meglio di Seattle, e la prossima volta (noi ci ritorneremo), magari tra 2 o 3 anni, non quindici, magari anche uno". Per "Yellow Ledbetter" Matt Cameron ha suonato la chitarra acustica di Stone e Stone la sua batteria!

Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12 / 13 / 14 / 15 / 16 / 17 / 18 / 19
03.12.2005 Sao Paulo, Pacembu Stadium
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: ---
Setlist: Breakerfall, Corduroy, Save You, Animal, Given to Fly, Even Flow, I Am Mine, Lukin, Sad, Present Tense, Daughter, Not For You, Jeremy, Bleed For Me, State of Love and Trust, Elderly Woman, I Believe in Miracles, Do the Evolution
Encore 1: You’ve Got to Hide Your Love Away, Better Man, Black, Kick Out the Jams
Encore 2: Whipping, Crazy Mary, Alive, Rockin in the Free World
Given to Fly subisce un lieve cambio nel testo, nel verso: "Made it to Sao Paolo, had a smoke in a tree". Nella solita jam all'interno di Daughter, l'attenzione di Ed viene catturata da un canto che proviene da un parte del pubblico. Ed incomincia a sua volta un coro, "It's Ok", che impegna un'altra parte del pubblico e i due cori si complementano con un affascinante risultato. Eddie ribadisce "E' meglio che ok..questa è la prima volta con addirittura due parti". Jeremy inizia con "ieri sera è stato veramente speciale, ma voi siete meglio. Non ho dormito stanotte come neanche Matt. Siamo molto eccitati, per cui questa canzone cantatela". Small Town non è iniziata con il solito conto in inglese "1-2-3-4-2-3", ma Eddie ha fatto una variazione in spagnolo che ricordava gli U2 di vertigo: "uno-dos-tres-catorce-dos-tres". Anche Small Town subisce un cambio di testo: "My God, it's been too long, and i know we'll return". Eddie ha suonato You've Got To Hide Your Love Away da solo iniziando così il primo encore, ed è scoppiato a ridere verso la fine della canzone quando il supporto per l'armonica si è rotto. Betterman ha incluso verso la fine il seguente verso: "I'll say, nothing affects me", ripetuto più volte. La band era entusiasta del pubblico: "Molto meglio di ieri sera, e loro sono stati grandi!". Eddie ha ringraziato profondamente il pubblico di Sao Paolo per il loro entusiasmo dimostrato nella 2 giorni di concerti e ha chiuso il concerto riferendosi alle regole imposte dal sindaco (vedi note precedente concerto) "Grazie al vicinato per averci permesso di suonare a volume alto. Grazie alle vostre rumorose voci per averci permesso di suonare nel vicinato".
Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12 / 13 / 14 / 15 / 16 / 17 / 18 / 19 / 20 / 21
04.12.2005 Rio de Janeiro, Praca da Apoteose
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: ---
Setlist: Last Exit, Do The Evolution, Save You, Animal, Insignificance, Interstellar Overdrive/Corduroy, Dissident, Even Flow, Leatherman, Given To Fly, Daughter, Don't Gimme No Lip, Not For You, Samll Town, Down, Once, Go
Encore 1: Soon Forget, Betterman/(I Wanna Be Your Boyfriend), I Believe In Miracles, Blood, Kick Out The Jams, Alive
Encore 2: Last Kiss, Black, Jeremy, Yellow Ledbetter, Baba O'Riley
I Pearl Jam iniziano il loro ultimo concerto brasiliano per questo tour con Last Exit. Durante Daughter, Ed inizia un coro "oh-oh" seguito poi dalla tradizionale tag, questa volta, "It's ok" dei Dead Moon. Ed ha iniziato una tag dei Mudhoney, Suck You Dry, ma ha realizzato che il pubblico stava ancora cantando "oh-oh" e allora Eddie torna indietro e permette che il pubblico continui esclamando poi "Bravo Rio!". Anche quando Daughter finisce, il pubblico tutto continua a cantare ed Eddie parte con un "hey-ho, Rio!". Durante il primo encore, Ed si rivolge alla folla: "Se ve lo posso dire in Inglese, posso apparire una merda, ma voi sembrate molto belli. Se posso, prima che la serata abbia termine, noi vorremo ringraziare sul serio tutta la gente che ha contribuito a rendere realtà questi shows ed in particolare la nostra crew. Loro hanno lavorato veramente molto duramente per rendere tutto ok; tutti gli uomini e donne della crew dei Pearl Jam. E voglio dire un particolare grazie a Marco e Fernando senza i quali questi show non avrebbero avuto luogo. E voglio ringraziare mia madre, e la migliore ragazza al mondo, una che si chiama Jill. E adesso voglio provare qualcosa che non abbiamo mai fatto durante questo tour, con il vostro aiuto. E' una piccola canzone con un piccolo strumento. E la suonerò domani su una delle vostre spiagge". Ed parte con Soon Forget, sbagliando un accordo nella prima parte. Riferendosi al commento fatto prima dice: "la suonerò perfettamente domani sulla spiaggia".Alla fine di Not for you, Ed ha cantato "I always wanted to go / to Rio", ripetuto fino alla tag delle Sleater-Kinney, Modern Girl. Betterman include un a tag dei Ramones, I wanna be your boyfriend. Mike suona i riff di due canzoni dei Kiss, "Black Diamond" e "Deuce", verso la fine di Blood. Dopo, Mark Arm e Steve Turner raggiungono il palco per "kick out the jams", Arm scherza: "questo risponde a una ventennale domanda: come sarebbe se Skin Yard (primo gruppo di Matt Cameron), Shadow (quello di MCcready) e Green River (Gossard, Ament, Arm e Turner), suonassero una canzone degli MC5 (autori di kick out the jams, n.d.t)?". Eddie, prima di Last kiss, richiama il pubblico dicendo: "Ok, se volete, potete aiutarmi a cantare, vorrei ascoltare il ritmo e le voci del sudamerica e del Brasile ancora una volta". Dopo Black, una grande bandiera del Brasile, piena di note e firme, viene buttata sul palco dai fans delle prime fila, Ed la ammira e dice "La metterò nella mia casa". Dopo, Ed aggiunge "il mio numero di telefono è dietro ai vostri biglietti, se doveste passare per Seattle, fatemi una telefonata". Prima di Jeremy, Eddie dice in un portoghese un pò approssimato: "la prossima volta che saremo in Brasile il mondo sarà un posto migliore perchè George Bush non sarà più presidente".
Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12 / 13 / 14 / 15 / 16 / 17 / 18
07.12.2005 Monterrey, Auditorio Coca-Cola
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: ---
Setlist:Long Road, Corduroy, Hail Hail, Animal, Do the Evolution, Given to Fly, Even Flow, Light Years, Lukin, Not For You, In Hiding, Grievance, Green Disease, Daughter/(It's Ok in Spanish), Jeremy, Rearviewmirror
Encore 1: Man of the Hour, Off He Goes, Small Town, Last Kiss, Black, Alive
Encore 2: You've Got to Hide Your Love Away (John Lennon), I Believe in Miracles (The Ramones), Kick Out the Jams (MC5) (/ Mudhoney) Rockin in the Free World (Neil Young) (w/ Mudhoney), Yellow Ledbetter
La serata inizia con un saluto di Ed, "Que onda, Monterrey?", un tipico saluto in voga tra i giovani messicani. L'Auditorio Coca-Cola solitamente ospita dalle 20 alle 40 mila persone, ma la capacità è stata ridotta a solo 8-10 mila unità; la cosa ispira Eddie in Hail, Hail nel modificarne una parte del testo..."Looks like there's room for both of us". Ed dà il benvenuto al pubblico in spagnolo: "Hola Monterrey, como esta? Nosotros estamos contentos". Poi passa in inglese, "E' ok se parlo in inglese? E' difficile per me, quando sono ubriaco, parlare lo spagnolo, voi lo capireste...ma noi stiamo insieme da 15 anni ed è molto gratificante per noi arrivare qui in un posto dove non eravamo mai stati". Dopo un altro spettacolare assolo di Mccready su Even Flow, Eddie lo presenta al pubblico: "pensava di essere al Monterrey Pop e non a Monterrey". Il Monterrey Pop è un famoso festival rock in California, dove nel 1967 Jimi Hendrix s'inginocchiò sulla sua chitarra che giaceva per terra per poi dargli fuoco. Not for you ospita come tag, sempre Moder Girl delle sleater-Kinney, ma questa volta viene omessa la parte cantata. Grievance viene introdotta dicendo: "questa è una canzone che parla sull'avere un confronto con il tuo governo..alcuni ti dicono che puoi averlo...e negli States a causa della pressione...ma penso che alla fine inizieremo a confontarci". Daughter contiene alcuni versi di Suck You Dry dei Mudhoney, per poi modificare dei versi di Androgynous Mind dei Sonic Youth: Hey Hey, it's ok / If it's not, it's gonna be". Poi un fan passa un grande foglio con su i versi in spagnolo di "It's ok" dei Dead Moon. Riferendosi al tempo: "uno dei più caldi concerti per una delle serate più fredde". La seguente "You've Got to Hide Your Love Away" è dedicata a John Lennon nel giorno del 25esimo anniversario della sua morte e prima di eseguirla racconta un aneddoto: "un'altra serata fredda in cui ero seduto su una sedia da solo in camera, ero un bambino e dissero alla tv che John lennon era stato ucciso.. Ciò cambiò il mio mondo e tutto è differente da allora; spesso penso ad alcune persone in vita o non in vita, che non possono essere più con noi, e lui è uno dei pochi sempre nei miei pensieri. cosa succederebbe se fosse ancora in giro? e penso che sarete d'accordo nel dire che se fosse successo sarebbe tutto meglio!". Mark Arm e Steve Turner dei Mudhoney vengono portati sul palco da Eddie per "Kick Out The Jams" e "Rockin' In The Free World", "ok, signore e signori, mi spiace se parlo in inglese, ma vi voglio dire che prima dei PJ e prima dei Mother Love Bone e prima di...appena dopo Cristo, c'era una band che si chiamava Green River. Adesso, Jeff e Stone sono stati insieme da sempre, ma voglio chiamare due "gringos" che conoscevano molto bene prima che arrivassi io...". Prima dell'ultimo ritornello Ed si rivolge ala folla dicendo: "c'è solo poca gente in america che sa che George Bush non è il presidente del mondo eppoi...la canzone contiuna: He's on the way down (4x)... There's a thousand points of light / Take down the President / there's a kinder gentler truthful hand."
Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11
09.12.2005 Mexico City, Palacio De Los Deportes
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: ---
Setlist: Animal, Last Exit, Go, Do The Evolution, Given To Fly, Cropduster, Even Flow, I Am Mine, Alone, I Got Shit, Lukin, Not For You/(instrumental tag Modern Girl by Sleater Kinney), Daughter/(It's Okay by Dead Moon in spagnolo), Save You, Once, Better Man, Rearviewmirror
Encore 1: Small Town, Last Kiss, Crazy Mary, Black, Jeremy
Encore 2: Kick Out The Jams (w/Mark Arm and Steve Turner of Mudhoney), Alive, Yellow Ledbetter
La tag a "Daughter" per la terza serata consecutiva è "It's Ok" cantata totalmente in spagnolo, ma questa volta è incluso anche il cambio di chitarra per Stone ed Eddie chiede aiuto al pubblico esattamente come durante l'ultima parte del Binaural tour negli States (per capirci nello stesso modo con cui accadeva nel DVD Touring Band, n.d.t). Eddie sussurra "Voglio provare questo" e suona lo strumentale "Romanza" prima di "Betterman". Durante il primo encore Eddie esclama "è meglio di quanto ricordavamo". Un attimo dopo, alcuni fan hanno gettato sul palco alcune magliette della nazionale di calcio messicana per ogni membro del gruppo con dietro stampato anche il nome (ce n'era anche una per Boom!). "Come sembriamo? Spero non ci vedano in Brasile. Ci avete dato molto, grazie!". Mark Arm e Steve Turner, come ormai d'abitudine, raggiungono sul palco i nostri per la cover di "Kick out The Jams". Dopo fa salire sul palco uno dei loro più fidati tecnici, Jeff Ousley, ed Eddie racconta al pubblico che era il compleanno di sua Nonna Getrude, 102 anni, e chiede di cantare Happy Birthday, e loro lo fanno. Eddie cade per terra come se fosse stato mandato ko ed un grosso culturista con la maschera di El Santo viene fuori salvandolo. El Santo è stato un wrestler messicano famoso, attore ed icona della metà del secolo scorso ed Eddie è apparso altre volte con la sua maschera. "Grazie signor Santo, abbiamo bisogno del suo aiuto in america. Abbiamo bisogno, Santo, la prego ci salvi da George W. Bush. Lo faccia Santo!". Yellow Ledbetter presenta alcuni versi modificati: "I wanna see him, I wanna wish this dream away / but the war goes on and the war goes on and the war goes on another day."
Pix (from 10club boot): 1 / 2 / 3 / 4 / 5 / 6 / 7 / 8 / 9 / 10 / 11 / 12
10.12.2005 Mexico City, Palacio De Los Deportes
Supporters: Mudhoney
Soundcheck: ---
Setlist: Better Man, Corduroy, Whipping, Save You, Animal, Given To Fly, Even Flow, Untitled/MFC, Nothingman, Small Town, State Of Love and Trust, Jeremy, Insignificance, Daughter/(It's Okay" by Dead Moonin spagnolo), Do The Evolution, Blood
Encore 1: Man Of The Hour, Hard To Imagine, Black, Alive
Encore 2: Porch, Last Kiss, Kick Out The Jams, Rockin' In The Free World, Yellow Ledbetter
Nothingman e Hard to Imagine sono presentate per la prima volta in questo tour. Untitled è suonata prima di MFC, con il seguente testo:

Got a car, even got some gas
Let's go to Mexico, Mexico fast
Everyone's confused, get me out of this room
Get me to the shore, I don't want to be alone

I hope you get this message, but you're not home
Oh, I could be there in 25 minutes or so
Don't have to pack no things, get your board, your kid and come along
I wanna go but I don't want to go alone

I've had enough of war
A war that no one knows what it's for
I wanna go somewhere where there's peace, peace
Hope, Hope... Oceans, hope... Waves of hope
I don't wanna go alone
With you, I could never be alone

Mike, prima di Last Kiss, suona l'intro di River of Deceit dei Mad Season. Mark Arm e Steve Turner dei Mudhoney raggiungono i nostri sul palco per la cover di Kick Out the Jams e Rockin' In The Free World. Durante Rockin', Mark ed Eddie si sono laternati le strofe eppoi Mike e Steve gli assoli.