Intervista ai Pearl Jam | Teraz Rock, September 2009

<< Back to Interviste | Home
 

 

Pearl Jam Let The Sun In

Interview with Matt Cameron & Mike McCready

Courtesy of Teraz Rock (Poland)
Polish-English translation: I Sh*t And I Stink@PJ Message Board


The new disc doesn't have a title yet but I believe that 'Joy' would be apt. Or 'Hope'. During the making of the previous album, when it was without a title, it could have been called 'Pissed Off'.
MM: That's true. Times have changed. We're in a different moment with a different political outlook, the situation in the world has changed. It's still the same crazy, unsafe world but there is certainly more hope and a new will to do positive things. Maybe our music reflects that on some level, we got our soul back in that moment. We made the record fast, maybe the energy to do so came from that fact.

Was the pessimism of Avocado related, on a personal level, to the death of Johnny Ramone and, on a political level, to a government which you couldn't accept?

MC: It certainly crept into a lot of the lyrics. We definitely all felt influenced by life in America under the Bush administration. We didn't feel a bond with the powers that be and, to a certain extent, with our own country. It felt as if there was a great divide within society. Such a situation came about in an underhand way and we felt that something wrong was happening - that really came across in our last record.

Is it true that Eddie waited until the results of the last election before writing any lyrics to this album?
MM: I don't think he especially waited for that moment. I don't know for sure when he wrote the lyrics. I think he wrote them when we composed the music before the election but I saw him writing some stuff in the studio with my own eyes. It's his world, you'd have to ask him.

And you started writing here in the warehouse last summer?
Yes, it started here and a little in Montana at Jeff's place. That was the first session. We wrote, with breaks, over the course of a year. We decided to work with Brendan O'Brien again and it was his theory that we should compose at least a portion of the songs without Eddie. That way we could give him concrete stuff to work with in his process of creation. The idea was to give the lyric writer no more than 15 to 18 music arrangements to work with.

Why did you then record in LA?
MM: Brendan really likes the Henson studio there. It really is a nice place. More than that, it got us out of Seattle which, selfishly speaking, suited me fine because I was based in California at the time. I like to go there for the sun when it's cloudy and cold here. It was a personal pleasure for me, but generally Brendan wanted to take us to a new place where we could find a new sound.
MC: Exactly. In Seattle we've got one or two studios, there they are on every corner.

How long have you been working out of these head quarters, if that is what you call it...
MM: Hiding place. I call it a hiding place (smiles). We've been here three years. Before that for ten, eleven, maybe fifteen years we practiced in a different place, a different warehouse. It was rented.

Was it connected to Litho, Stone's studio?
MC: No, that's a completely separate thing, it's in the Freemont district of Seattle. It's a real studio with does great work, it's really amazing. We've also recorded there.

I'm interested, what came first: co-operation with Brendan on the Ten reissue or the invitation for him to work on the new material?
MM: I think that Ten was first. Jeff asked him endlessly just to remix Ten for him, because he was interested to hear how it would sound and we were all so happy with how it turned ou, it just sounded great, so it ended up that we asked him to work with us again.

I wonder, why Jeff changed his mind over the years on the mix for Ten. Similarly, during the original recording he had a pretty big influence on the shaping of the album...
MM: We mixed the record in England with Tim Palmer. It was our first mixing and recording session although Stone and Jeff had done that kind of thing before. I think that with the passing years he longed to hear it in a different form. Something more raw.

During your previous work with Brendan you've argued with him, you were a stubborn, young band. I suppose that you now accept his vision?
MC: He certainly has his own way of looking at the smallest details of even fragments of music. Working with him is easy, because he knows how to offer help when it comes to small interludes, fragments, he's brilliant at adding small parts with the piano or percussion... small things which we certainly couldn't come up with and work out by ourselves. Really, all of us are now very open to working with him and we invited him to make this disc using his own methods.
MM: When we worked with him on VS we were fresh from selling millions of records all over the world, after Lollapalooza we were just getting bigger and bigger... and everything within the space of a year. The expectations on the second album were huge – would we fall into the second album trap or would it be good... I knew that we had lots of pretty good stuff, and above all that we were young and full of enthusiasm. The same as when we went to California now. We knew that Brendan was a good fit to our vibe. He had a certain innocence within him. I'd say that he has more now, but he also had it then (laughs). He's one of those versatile musicians, when me and Stone play we just play guitars, I don't even know how to count the notes, I just know my part. I play songs the way I know how, but Brendan looks at it from a different angle... the difference between those two records is huge. We're at totally different points in our lives. We feel more comfortable with our roles: 'Ok, let's listen to him, make use of him, trust his methods'. Sometimes they are crazy! It's incredible to watch Brendan work.

We can hear a lot of space on the new album, not present on the raw Pearl Jam. It's funny, bearing in mind that you got rid of the spatiality of Ten in its' remix.
MC: The whole spatiality on Ten is really just a reverb. On this new record we gained it in completely different way. It's a matter of instrumentation.
MM: I agree. There are strings, French horns, other types of percussion and interesting keyboards sounds. Brendan played the keyboard parts, he dubbed them and added pieces to a few songs... he's good at it so we let him do that kind of thing. It's a totally different quality in comparison to just turning up the reverb, as we did it on Ten.

You can hear a lot of piano on ‘Speed of Sound' and ‘Unthought Known'. Can you tell us about the process by which that came about?
MM: Speed of Sound was mine, I thought up the melody solohere, in the style of the 70 - I wanted it to become an important part of the piece. Ed composed it California. Matt, Tell them how it was, you did it with him...
MC: Yeah, Ed played guitar and sang and then the rest of us began to add our parts. It was the last song that we put on the record and it came together pretty quickly. Mike's solo part is great, it gives the song a whole other dimension. It reminds me if the Beach Boys, it's a sunny Californian sound that just falls into your ears...
MM: Thanks. That was just what I was hoping to create. I usually just come in and play. That time I carefully planned exactly what I wanted to do and it paid off.
MC: ' Unthought Known' was also written by Ed. He thought about the song's crescendo really precisely, he worked out exactly what he wanted us all to play and we followed the map he had drawn up to the note. Mike came up with a nice percussion part and Brendan added the piano which has a key meaning. It didn't come out too bad at all in the end.

My favourite song on the album is ‘The Fixer', it's got a lot of different vocal harmonies which are littered throughout the album...
MM: Matt wrote that one...
MC: I didn't write the lyrics! (laughs). I did the melody. Ed brought in a lot of pop aspects to the song. Brendan encouraged him to add so many vocal harmonies as he could and still feel comfortable with it. I think that the songs profited from the pop aspect because it didn't sound like that when we played it here in the Warehouse. We didn't do the whole disc that way though.

There are a fair few hard rock songs on the new album. That must be your influence, Mike...
MM: Of course, I love hard rock. But I'm sure that some of the songs you are thinking about, like ‘Gonna See My Friend' were written by Ed.

I was thinking about ‘Force Of Nature'

MM: That's definitely mine. It's interesting that I set out to create something poppy if I only could. I'd never thought like that before, I normally just compose... Mind you, it didn't turn out particularly poppy. It's more like the Stones. When the whole band gets into a song you lose certain elements and gain others and it takes on a new quality. So it turned out differently to how I'd imagined it and that's good because maybe my vision was a little limited. I'm glad that it made it onto the record and that you spotted it.

Are the lyrics outlining the bands ecological manifesto?
MM: I have to listen closely to the lyrics. I got more of a feeling that it was about a woman as a force of nature. I didn't recognize it but maybe it's there in the depths.
MC: Exactly, maybe there is something more to it, something we haven't read between the lines yet.

You're known for more than music, your active politically, socially, environmentally, in healthcare - I'm thinking of you there Mike...
MM: About Crohn's. Oh yeah, that's my contribution. My pain.

...how much meaning does the fact that you come from Seattle, a town that is known as being more aware than the rest of America, have?
MC: There is a lot of money here in Seattle, in the North-West. A lot of affluent people become philanthropists, like Bill and Melinda Gates who run the biggest charity fund on Earth. There has always been a heightened awareness here about a lot of different things Let's take care of the environment, remembering that tropical forests are here, real rainforests and we also have incredible mountains... it's a wonderful place that nature has shaped for us to live in around here. We can't ignore that. Our band has tried to open people's eyes to a lot of things over the years, one of those has been taking care of the environment. At the moment we are concerned about the advancement of global warming and so on.

Do you personally have very green lifestyles? Do you drive hybrid cars, for example?
MM: Yes, I've got two hybrids and an old petrol BMW, so I can say I do.
MC: And I've got a hybrid and a 425HP V8. Two extremes...

‘Just Breathe' differs from the rest of the album in that it has strings. Was that your idea?

MC: Me? No, that was Brendan. Ed wrote the song. We were learning it and trying it with the whole band and some kind of country style came through the song. We intended to bite into it when we go to LA but Brendan said to just do the guitar and voice. I think he already had it in mind at that time and was thinking of a string arrangement. It sounded great from the moment we laid it down. It's great that we got two pop numbers with an orchestra on the record, they fit alongside the rock songs. We got an interesting mix of different styles.

A little of the country element remains in the song though, particularly in the vocals...
MC: Ed used his amazing baritone. He's good at low registers, like you often hear good country singers use, like Merle Haggard or George Jones. It's very American, it's gives an American value to our music. Ed uses it freely.

You probably won't bring in the country listeners though, at least because of you ideological opposition to one another.
MM: Well, I dunno. We've got a big fan from the world of country music. Dierks Bentley, my friend, it's going up in his estimation. I got to know him some years ago... we've definitely got a number of fans among the country listeners. I don't think they are all against us.
MC: I reckon a lot of Nashville musicians value rock. We label them all as conservatives and to a certain extent that may be true. However, I think that a lot of them like our rock group.

I wonder if the return to Ten, hearing that record again, didn't inspire you to create some songs in the spirit of classic Pearl Jam. I'm thinking about ‘Amongst The Waves'.
MM: Stone wrote that one. I love it but I wouldn't say that by reaching out to that record we grabbed the new one. In my opinion they are different matters. That one is over and done with, it was a part of my life 18 years ago. A different version of that album has come to life now but I listened to it and that was the end for me. I can separate the two things. We're going forward, making new songs, in a new phase of life. One thing doesn't connect to the other.
MC: The fact still remains that the song does have all of the aspects that you expect of classic Pearl Jam. It's my favourite song on the album.

There's a classic rock sound on the solo. That'll be yours, won't it Mike?
MM: Yeah, that's me! I tried to get into the shoes of Mick Taylor in the early 70s. It's played on a low pickup Les Paul with a solid sound of old Bad Company. Brendan called me and said he wanted something just like that. He wanted me to compose a solo for part of a solo, or better still the whole of it. I didn't have the strength to do the whole thing, I'm too lazy for that! (laughs). So, I just wrote the end where the harmony with Stone appears (he sings it). It came about by two things: I was in the right mood and the band's playing inspired me.

In a few places we can hear that you are moving in the direction of the inspirations of your youth, stuff you listened to in the 70s
MM: Yes and no. I'm also open to new things. I listen to a lot of satellite radio and get new vibes from there, although they also play a lot of older stuff. Sometimes I discover something “old-new”. I'm thinking in particular about new wave, which didn't interest me at the time because I was into metal... From more recent things, I'm inspired by Radiohead or Death Cab For Cutie. It all depends upon the mood. Yesterday I listened to the Stones' ‘Sticky Fingers'. Indeed, I often fall into that kind of stuff.

‘Amongst The Waves' should appeal to you because of the lyrics about surfing.
MM: It could be about other things, but I certainly like it... You know, Ed has a very visual, tangible bond to water. Throughout our career he's connected with that.I'm thinking about the line: ‘Everything flows amongst the waves'. It's surfing, a time when there is something liberating and a person knows they are alive. You have to remember that human beings are made up of about 80% water... Every time I go to the shore I feel like a newborn.

I've seen the boards hanging here, do you all surf?
MC: Yes, on those boards*. If someone disappears we know what to do (laughs)
*I don't know if it was mentioned earlier that each board has member of the band on it. T
MM: It happens like this, for example, Stone says 'there's a wave, where's my board?' And where's Kelly (Curtis – band manager)? Kelly is sitting smoking a cigarette... (laughs) A few of us surf. I started a long time after Eddie. I just didn't know anyone who did it before. When I met my wife, who comes from California, I got to know a friend who just did it non-stop. But it cost a lot of my time learning to use that fucking board. It required years. Now I can finally do it.

Can you surf around Seattle?
MC: You need to go a long way up the coast, about one and a half hours from here. And you need to wear a thick suit because the water is cold, but it's fine.
MM: I've gotta go, I've never been there... It's hard to find an hour and a half to travel there and then surf and come back again when, in California, it's just on the other side of the street.

Did the Californian climate have a positive influence on the record?
MM: Maybe something comes through. When we arrived in LA we surfed a lot, that's the upside of the stay there.
MC: Mike brought the sun to our record
MM: I was in the sun, I went there with my wife and child, because she has family there. It came about that we could surf and chill out. I've got a job where I can let myself do thatm my child doesn't go to school yet... I'm trying to make the most of everything I can, that's where learning begins. But I didn't drag the rest of the band to California - that was Brendan.

I always wondered how Ed, as a Californian surfer, go on with you guys. He represented another culture, another musical culture, too. Do you remember a period of coming to understand one another?
*Mike just relates the story of how they made a tape with Matt drumming and sent it to Jack Irons, whose drumming Stone had loved on ‘Uplift Mofo Party Plan'.... And the rest is history for you all, I'm sure. He doesn't actually say if it was difficult getting to know Ed. [T]

Okay, I've stressed you enough with questions about your beginnings, but... in the special edition of Ten there is a replica of the cassette recorded by Ed. Who had that ‘Holy Grail of Pearl Jam'?
MM: Jeff Ament. Or Ed. Jeff and Ed keep all of those things.
MC: Jeff is a very good archivist. He keeps everything in order - quite the opposite of me (laughs).
MM: I also keep everything in some boxes. But I'm working on it, I'd like to be tidier.

You have said that the last record was the first truly democratic record in the band's history. Was it that way this time around?

MM: It's different every time. On the last record I wrote on a few songs, on this one - just one. Matt wrote a few. Ed brought three or four... it all depends which ones are good. All of us bring a book of ideas, we're all composers. Some of it comes together while we're working. Certain songs come to the fore, is it because they move Ed one of us others...? We always have too much material. It's good to have such a problem.

There is a round number on the horizon for the band. The majority of grunge bands didn't have the luck to celebrate twenty years. Is it luck or something else?
MM: It's a lot of things. Luck, the right time; it's true that we separate ourselves from one another when we are not on tour or whatever and we can speak face to face when there are misunderstandings or problems... we have open channels of communication as much as is possible. It's important that I love playing music with these guys and that fans still want to hear us.

I have to tell you that your band is particularly important for Polish fans. The popularity of grunge was concurrent with our country gaining its freedom. Were you aware of the ‘You forgot Poland' t-shirt campaign when you didn't play there for some tours?
MM: Oh yeah, I knew about that. But we got there in the end...
MC: Yeah, in 2007. And we were in Katowice in 2000. It's true, we don't play there too often. The last time we were there, in 2007, the fans we just incredible.

There was also your first concert in 1996. Why did you then decide to go behind the former iron curtain?
MM: Because there's Poland and other Eastern Block countries! We wanted to see them, experience them, get to know what goes on there. We'd got our deformed view of what the situation looked like the from the Western press but the reality is completely different. The possibility to see it personally, talk to people, walk the streets and smell the smells, taste the food; it's a lesson, that's how you learn. It's an important part of life. We can say ‘ Hey, we were in Poland, we saw this, this and this'... we've got our own opinion about it, not from a newspaper, not warped through the years. It was also important that we had fans in that part of the world that we wanted to play to.

About the concerts in 2000, you've said that the first was one of the worst in the band's history and the second one of the best. We know the story of the second but what was wrong with the first?
MM: I'm trying to remember it. Perhaps we had some strange technical troubles. Or there were only a few people...
MC: No, the second had less people.
MM: Oh, yeah. The second was really markedly better because it was so unusual.
MM: We played a lot of songs that night that we hadn't played live for a long time. It turned out to be one of the best gigs on that tour.
MM: Exactly. And it happened because we didn't try to do something grand, we just threw some different songs in there. Eddie is very conscious of the place we are playing in. He goes to them earlier, gets the feel of it, as I've seen, and writes the set list depending upon his feeling towards the town he's in. Maybe that evening he was just (Mike he clicks his fingers) 'Let's go with the flow'. Basically, 'Let's try something different'. It was fucking great. I remember it clearly now.

The performance in 2007 was also atypical, with Linkin Park as co-headliners.
MM: Haha
MC: We did a few concerts with them on that tour. It was a pleasure, I've got it written in my memory, because we hadn't played for you in a long time. Although, I do remember some problems with the power during the show.
MM: I remember the journey, I've got it on tape, I was filming the landscapes during the trip. And I remember the fans, when we were standing in the wings and they were shouting, ‘Lin - kin - park! Please - come - out!'. I was like: ‘What's this about, we're here too, aren't we?'. The next generation must have come (laughs).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pearl Jam Let The Sun In

Intervista a Matt Cameron e Mike McCready

Tratto da Teraz Rock (Polonia)
Traduzione Polacco-Inglese: I Sh*t And I Stink@PJ Message Board
Traduzione Inglese-Italiano: Irene

Il nuovo disco non ha ancora un titolo ma credo che 'Gioia' sarebbe adatto. Oppure 'Speranza'. Durante la lavorazione dell'album precedente, quando era senza titolo, si sarebbe potuto chiamare 'Incazzato'.
Mike McCready: E' vero. I tempi sono cambiati. Siamo in un momento diverso con un diverso panorama politico, la situazione nel mondo è cambiata. E' sempre lo stesso pazzo mondo pericoloso ma sicuramente c'è più speranza e una nuova voglia di fare cose positive. Forse la nostra musica riflette tutto ciò in qualche modo, abbiamo riavuto indietro la nostra anima in questo momento. Abbiamo realizzato il disco velocemente, forse l'energia per farlo è venuta fuori da questo stato di cose.

Il pessimismo di Avocado era collegato, a livello personale, alla morte di Johnny Ramone e, a livello politico, a un governo che non riuscivate ad accettare?
Matt Cameron: Sicuramente si è insinuato in buona parte dei testi. Siamo stati tutti influenzati dalla vita in America sotto l'amministrazione Bush. Non sentivamo un legame con chi governava e, in certa misura, con il nostro Paese. Si percepiva una sorta di divisione all'interno della società. E' una situazione che si è venuta a creare in maniera subdola e noi sentivamo che stava accadendo qualcosa di sbagliato - ci siamo imbattuti in tutto questo nel nostro ultimo disco.

E' vero che Eddie ha aspettato i risultati delle ultime elezioni prima di scrivere i testi di questo album?
MM: Non credo che abbia aspettato quel momento in particolare. Non so con precisione quando abbia scritto i testi. Penso li abbia scritti quando abbiamo composto la musica, prima delle elezioni, ma l'ho visto con i miei occhi scrivere alcune cose in studio. E' il suo mondo, dovresti chiederlo a lui.

Avete iniziato a scrivere qui nella warehouse l'estate scorsa?
Sì, abbiamo iniziato qui e un po' in Montana a casa di Jeff. E' stata la prima session. Abbiamo scritto, con alcuni intervalli, nell'arco di tutto l'anno. Abbiamo deciso di lavorare di nuovo con Brendan O'Brien e la sua teoria era che avremmo dovuto comporre almeno una parte delle canzoni senza Eddie. Così avremmo potuto dargli del materiale concreto su cui avviare il suo processo creativo. L'idea era di dare al compositore dei testi non più di 15 o 18 arrangiamenti musicali su cui lavorare.

Perché poi avete registrato a Los Angeles?
MM: A Brendan piace molto lo studio Henson lì. Ed è effettivamente un bel posto. Oltre a questo, ci ha portati fuori da Seattle cosa che, egoisticamente parlando, mi è andata benissimo perché ero di base in California in quel periodo. Mi piace andarci per il sole quando qui è freddo e nuvoloso. E' stato un piacere personale per me, ma principalmente Brendan voleva portarci in un posto nuovo dove poter trovare un nuovo sound.
MC: Esattamente. A Seattle abbiamo uno o due studi di registrazione, lì sono ad ogni angolo.

Da quanto tempo provate in questo quartier generale, se così si può chiamare...
MM: Un posto per nascondersi. Io lo chiamo un posto per nascondersi (sorride). Siamo qui da tre anni. Prima, per dieci, undici, forse quindici anni provavamo in un posto diverso, un'altra warehouse. Era in affitto.

Era legato a Litho, lo studio di registrazione di Stone?
MC: No, è una cosa completamente separata, si trova a Freemont, un distretto di Seattle. E' un vero studio che fa un ottimo lavoro, è davvero meraviglioso. Abbiamo registrato anche lì.

Ho una curiosità, cosa è arrivata prima: la collaborazione con Brendan per la reissue di Ten o l'invito a lavorare sul nuovo materiale?
MM: Credo che sia venuto prima Ten. Jeff gli ha chiesto all'infinito di remixare Ten solo per lui, perché era interessato a sentire come avrebbe suonato ed eravamo tutti così contenti del risultato, suonava meravigliosamente, che alla fine gli abbiamo chiesto di lavorare ancora con noi.

Mi chiedo perché nel corso degli anni Jeff abbia cambiato idea sul mixaggio di Ten. Allo stesso modo, durante la registrazione originale ha avuto una grande influenza sullo sviluppo dell'album...
MM: Abbiamo mixato il disco in Inghilterra con Tim Palmer. Era la nostra prima session di registrazione e mixaggio anche se Stone e Jeff avevano già avuto un'esperienza precedente. Io penso che con il passare degli anni gli è venuta voglia di ascoltarlo in una forma diversa. Qualcosa di più grezzo.

Durante il vostro precedente lavoro con Brendan avete discusso con lui, eravate testardi, una band giovane. Suppongo che adesso accettiate la sua visione?
MC: Sicuramente lui ha il suo modo di guardare i più piccoli dettagli di ogni frammento di musica. E' facile lavorare con lui, perché sa come aiutarti quando si tratta di piccoli interludi, frammenti, lui è bravissimo ad aggiungere piccole parti con il piano o con le percussioni... piccole cose che non riusciremmo a tirar fuori da soli. Davvero, tutti noi ora siamo molto aperti a lavorare con lui e lo abbiamo invitato a realizzare questo disco utilizzando i suoi metodi.
MM: Quando abbiamo lavorato con lui per VS eravamo reduci dalla vendita di milioni di dischi in tutto il mondo, dopo il Lollapalooza stavamo diventando sempre più grandi... e tutto nello spazio di un anno. Le aspettative per il secondo album erano enormi - saremmo caduti nella trappola del secondo album o sarebbe stato buono... Io sapevo che avevamo un sacco di ottime cose, e soprattutto eravamo giovani e pieni di entusiasmo. Stessa cosa quando ora siamo andati in California. Sapevamo che Brendan si sarebbe adattato perfettamente alle nostre vibrazioni. Aveva una certa innocenza dentro di sé. Direi che adesso ne ha ancora di più, ma ce l'aveva anche allora (ride). E' uno di quei musicisti versatili, quando io e Stone suoniamo, suoniamo solo le chitarre, io non so nemmeno come si contano le note, conosco solo la mia parte. Suono le canzoni nel modo in cui lo so fare, ma Brendan le guarda da una prospettiva diversa... la differenza tra questi due dischi è enorme. Siamo in momenti delle nostre vite completamente diversi. Ci sentiamo più a nostro agio con i nostri ruoli: 'Ok, ascoltiamolo, facciamo buon uso della sua competenza, fidiamoci dei suoi metodi'. A volte sono folli! E' incredibile guardar lavorare Brendan.

Si sente molto spazio nel nuovo album, non presente in Pearl Jam. E' divertente, considerando che vi siete sbarazzati della spazialità di Ten nel remix.
MC: Tutta la spazialità di Ten è in realtà solo un riverbero. In questo nuovo disco l'abbiamo ottenuta in un modo completamente diverso. E' una questione di strumentazione.
MM: Sono d'accordo. Ci sono archi, corni, altri tipi di percussioni e interessanti suoni di tastiere. Brendan ha suonato le parti di tastiera, le ha sincronizzate e ne ha aggiunto alcuni pezzi ad alcune canzoni...è bravo a fare questo genere di cose perciò lo lasciamo fare. E' una qualità totalmente diversa comparata al solo aumento di riverbero, come abbiamo fatto in Ten.

Si sente molto il piano in ‘Speed of Sound' e ‘Unthought Known'. Potete raccontarci come è nata questa cosa?
MM: Speed of Sound era mia, ho ideato la melodia dell'assolo qui, in stile anni ‘70 - volevo che diventasse una parte importante del pezzo. Ed l'ha composta in California. Matt, raccontagli com'è andata, tu l'hai fatta con lui...
MC: Sì, Ed suonava la chitarra e cantava e poi il resto di noi ha iniziato ad aggiungere le proprie parti. E' stata l'ultima canzone che abbiamo messo nel disco e l'abbiamo messa insieme molto velocemente. L'assolo di Mike è meraviglioso, dà al brano tutta un'altra dimensione. Mi ricorda i Beach Boys, è un assolato sound Californiano che ti entra nelle orecchie...
MM: Grazie. E' proprio quello che speravo di creare. Di solito semplicemente prendo e inizio a suonare. Questa volta ho pianificato con cura esattamente quello che volevo fare ed ha funzionato.
MC: Anche ' Unthought Known' è stata scritta da Ed. Ha immaginato molto precisamente il crescendo del brano, ha ottenuto esattamente quello che voleva che ognuno di noi suonasse e noi abbiamo seguito la mappa che aveva disegnato. Mike è venuto fuori con una bella parte di percussioni e Brendan ha aggiunto il piano che ha un significato chiave. Il risultato non è affatto male alla fine.

Il mio pezzo preferito dell'album è ‘The Fixer', ha tante armonie vocali differenti che sono una caratteristica di tutto l'album...
MM: L'ha scritta Matt...
MC: Non ho scritto il testo! (ride). Io ho fatto la melodia. Ed ci ha messo dentro molti aspetti pop. Brendan lo ha incoraggiato ad aggiungere più armonie vocali che poteva a suo piacimento. Penso che la canzone abbia tratto beneficio da questi aspetti pop perché non suonava così quando l'abbiamo provata qui nella Warehouse. Ma comunque il disco non è tutto così.

Ci sono alcuni pezzi hard rock nel nuovo album. Deve essere la tua influenza, Mike...
MM: Ovviamente, io amo l'hard rock. Ma sono certo che alcune delle canzoni a cui ti riferisci, come ‘Gonna See My Friend' sono state scritte da Ed.

Io pensavo a ‘Force Of Nature'
MM: Quella è sicuramente mia. E' interessante il fatto che mi ero riproposto di creare qualcosa di più pop se avessi potuto. Non ho mai fatto questo tipo di riflessioni in passato, normalmente compongo e basta... Però va detto che il risultato non è stato particolarmente pop. E' più simile agli Stones. Quando tutta la band viene coinvolta in una canzone, perdi alcuni elementi e ne guadagni altri e questo porta ad una qualità nuova. Così il risultato è stato diverso da quello che avevo immaginato e questo è un bene perché forse la mia visione era un po' limitata. Sono contento che sia finita nell'album e che tu l'abbia notata.

Il testo delinea il manifesto ecologico della band?
MM: Devo ascoltare il testo con più attenzione. La mia sensazione è che sia più su una donna vista come una forza della natura. Non ho notato quello che tu dici ma forse c'è nel profondo.
MC: Esattamente, forse c'è qualcosa di più, qualcosa che non abbiamo ancora letto tra le righe.

Voi siete famosi non solo per la musica, ma anche per il vostro attivismo politico, sociale, ambientale, nella salute - qui penso a te Mike...
MM: Per il morbo di Crohn. Oh sì, questo è il mio contributo. La mia malattia.

...quanto pesa il fatto che venite da Seattle, una città conosciuta per essere più consapevole rispetto al resto dell'America?
MC: Girano un sacco di soldi qui a Seattle, nel Nord-Ovest. Molte persone ricche diventano filantropi, come Bill e Melinda Gates che gestiscono il più grande fondo benefico della Terra. C'è sempre stata una crescente consapevolezza qui circa molti temi: Prendiamoci cura dell'ambiente, ricordandoci che le foreste tropicali sono qui, le vere foreste pluviali e abbiamo anche bellissime montagne...questa zona è un posto meraviglioso che la natura ha modellato perché potessimo viverci. Non possiamo ignorarlo. La nostra band ha cercato di far aprire gli occhi alle persone su tanti argomenti nel corso degli anni, uno dei quali è stato prendersi cura dell'ambiente. Al momento siamo preoccupati per l'avanzamento del riscaldamento globale ecc.

A livello personale avete uno stile di vita molto ecologico? Guidate macchine ibride, ad esempio?
MM: Sì, io ho due ibride e una vecchia BMW a benzina, perciò posso dire di sì.
MC: E io ho un'ibrida e una 425HP V8. Due estremi...

‘Just Breathe' si differenzia dal resto dell'album in quanto ci sono gli archi. E' stata una tua idea?
MC: Mia? No, è stato Brendan. Ed ha scritto la canzone. La stavamo imparando e provandola con tutta la band è venuto fuori un certo stile country. Volevamo approfondirlo quando saremmo andati a Los Angeles ma Brendan ha suggerito di farla solo chitarra e voce. Penso che ce l'avesse già in mente in quel momento e stesse pensando ad un arrangiamento di archi. Suonava benissimo dal primo momento in cui l'abbiamo buttata giù. E' fantastico avere nel disco due pezzi pop con un'orchestra, stanno benissimo a fianco dei pezzi rock. Abbiamo ottenuto un interessante mix di stili diversi.

Comunque qualche elemento country è rimasto nella canzone, in particolare nella parte vocale...
MC: Ed ha usato il suo meraviglioso baritono. E' bravissimo nei registri bassi, quelli che spesso usano i bravi cantanti country, come Merle Haggard o George Jones. E' molto Americano, dà un valore Americano alla nostra musica. Ed lo usa liberamente.

Comunque probabilmente non troverete fans tra gli appassionati del country, quanto meno a causa delle vostre diverse posizioni ideologiche.
MM: Bè, non lo so. Abbiamo un grande fan nel mondo della musica country, Dierks Bentley, che è mio amico, e secondo lui stanno aumentando. Ci siamo conosciuti qualche anno fa... sicuramente abbiamo un certo numero di fan tra gli appassionati di country. Non credo che siano tutti contro di noi.
MC: Io penso che molti musicisti di Nashville apprezzano il rock. Li etichettiamo tutti come conservatori e in una certa misura questo può essere vero. Tuttavia, penso che a molti di loro piaccia il nostro gruppo rock.

Mi chiedo se il ritorno a Ten, ascoltare di nuovo quel disco, non vi abbia ispirato a creare alcuni brani nello spirito classico dei Pearl Jam. Sto pensando a ‘Amongst The Waves'.
MM: E'stata scritta da Stone. A me piace ma non direi che siamo andati nella direzione di quel disco per arrivare a quello nuovo. Secondo me sono cose diverse. Ten è fatto e finito, è stato una parte della mia vita 18 anni fa. Ora è venuta alla luce una versione diversa di quell'album e io l'ho ascoltata ed è finita lì per me. Riesco a tenere separate le due cose. Noi stiamo andando avanti, facciamo canzoni nuove, siamo in una nuova fase di vita. Una cosa non è connessa all'altra.
MC: Rimane il fatto che la canzone ha tutti gli elementi che ti aspetti da un classico dei Pearl Jam. E' il mio pezzo preferito dell'album.

C'è un classico suono rock nell'assolo. Dovrebbe essere il tuo, vero Mike?
MM: Oh sì, sono io! Ho cercato di mettermi nei panni di Mick Taylor nei primi anni ‘70. E' suonato su un low pickup Les Paul con un solido sound dei vecchi Bad Company. Brendan mi ha chiamato per dirmi che voleva proprio qualcosa di questo tipo. Voleva che io componessi un assolo per parte di un assolo, o meglio ancora per tutto. Non avevo la forza per farlo tutto, sono troppo pigro! (ride). Così, ho scritto solo la fine dove compare l'armonia con Stone (la canta). E' successo grazie a due cose: ero dell'umore giusto e sono stato ispirato dal modo di suonare della band.

In alcuni passaggi si sente che vi muovete nella direzione delle fonti di ispirazione della vostra gioventù, le cose che ascoltavate negi anni ‘70
MM: Sì e no. Sono aperto anche a cose nuove. Ascolto molte radio satellite e ne ottengo nuove vibrazioni, anche se fanno ascoltare anche molte cose più vecchie. Ogni tanto scopro qualcosa di “vecchio-nuovo”. Penso in particolare alla new wave, che non mi interessava all'epoca perché ero preso dal metal... Tra le cose più recenti, sono ispirato dai Radiohead o dai Death Cab For Cutie. Dipende tutto dall'umore. Ieri ho ascoltato ‘Sticky Fingers' degli Stones'. In effetti, cado spesso in quel genere di cose.

‘Amongst The Waves' dovrebbe piacervi per il testo sul surf.
MM: Potrebbe riguardare altre cose, ma sicuramente mi piace... Sai, Ed ha un legame con l'acqua molto visivo, tangibile. Durante tutta la nostra carriera ha sempre avuto un rapporto con questa cosa. Penso al verso: ‘Everything flows amongst the waves'. (Tutto fluisce tra le onde) E' il surf, un momento in cui c'è qualcosa di liberatorio e una persona capisce di essere viva. Devi considerare che gli esseri umani sono fatti per l'80% di acqua... Ogni volta che vado in spiaggia mi sento rinascere.

Ho visto le tavole appese qui, tutti voi fate surf?
MC: Sì, su quelle tavole*. Se qualcuno scompare sappiamo cosa fare (ride)
*Non so se è stato menzionato in precedenza che ogni tavola ha disegnato sopra un membro della band. T
MM: Succede così, ad esempio, Stone dice 'cè un'onda, dov'è la mia tavola?' E dov'è Kelly (Curtis - band manager)? Kelly è seduto a fumare una sigaretta... (ride) Alcuni di noi fanno surf. Io ho iniziato molto tempo dopo Eddie. Non conoscevo nessuno che lo facesse prima. Quando ho conosciuto mia moglie, che viene dalla California, ho conosciuto un amico che lo faceva in continuazione. Ma mi ci è voluto un sacco di tempo per imparare a usare quella fottuta tavola. Servono anni. Ora riesco a farlo finalmente.

Avete modo di fare surf vicino a Seattle?
MC: Bisogna risalire di molto la costa, circa un'ora e mezza da qui. E bisogna indossare una muta spessa perché l'acqua è fredda, ma è bello.
MM: Devo andarci, non ci sono mai stato... E' dura farsi un viaggio di un'ora e mezza per arrivare lì, surfare e tornare indietro, quando in California ti basta attraversare la strada.

Il clima della California ha avuto un'influenza positiva sul disco?
MM: Forse un po' sì. Quando siamo arrivati a Los Angeles abbiamo fatto tanto surf, è il vantaggio di stare lì.
MC: Mike ha portato il sole nel disco.
MM: Io ero al sole, sono andato con mia moglie e mio figlio, perché lei ha la sua famiglia lì. Così abbiamo potuto fare surf e starcene tranquilli. Ho un lavoro che mi permette di fare queste cose e mio figlio non va ancora a scuola… Sto cercando di fare il massimo di ogni cosa che posso, è da qui che inizia l'apprendimento. Ma non ho trascinato io il resto della band in California - è stato Brendan.

Mi sono sempre chiesto come Ed, un surfer Californiano, si sia trovato con voi ragazzi. Rappresentava un'altra cultura, anche un'altra cultura musicale. Vi ricordate il periodo in cui siete arrivati a comprendervi reciprocamente?
*Mike racconta la storia della registrazione di una cassetta con Matt alla batteria, mandata a Jack Irons, il cui suono di batteria in ‘Uplift Mofo Party Plan' aveva colpito Stone.... E sono sicuro che tutti voi conosciate il resto della storia. Non dice se effettivamente è stato difficile iniziare a conoscere Ed. [n.d.t. polacco]

Okay, vi ho stressato abbastanza con domande sui vostri inizi, ma... nell'edizione speciale di Ten c'è una replica della cassetta registrata da Ed. Chi ha conservato quel “Santo Graal dei Pearl Jam”?
MM: Jeff Ament. O Ed. Jeff e Ed tengono tutte queste cose.
MC: Jeff è un ottimo archivista. Tiene tutto in ordine - quasi l'opposto di me (ride).
MM: Anch'io tengo tutto in alcune scatole. Ma ci sto lavorando, vorrei essere più ordinato.

Avete detto che l'ultimo disco era il primo disco veramente democratico nella storia della band. Anche questa volta è stato così?
MM: Ogni volta è diverso. Nell'ultimo disco io ho scritto qualche brano, in questo, solo uno. Matt ne ha scritti alcuni. Ed ne ha portati tre o quattro... dipende tutto da quali sono i pezzi buoni. Ognuno di noi porta le proprie idee, siamo tutti compositori. Alcune vengono fuori mentre stiamo lavorando. Certe canzoni si mettono in evidenza, è perché emozionano Ed o qualcun altro di noi...? Abbiamo sempre troppo materiale. E' bello avere questo tipo di problema.

All'orizzonte c'è un numero tondo per la band. La maggior parte delle band grunge non hanno avuto la fortuna di festeggiare i 20 anni. E' fortuna o qualcos'altro?
MM: E' un insieme di tante cose. Fortuna, il momento giusto; è vero che non ci frequentiamo quando non siamo in tour o altro e possiamo parlare faccia a faccia quando ci sono incomprensioni o problemi... teniamo aperti più canali di comunicazione possibile. La cosa importante è che amo fare musica con questi ragazzi e che i fan hanno ancora voglia di ascoltarci.

Devo dirvi che la vostra band è particolarmente importante per i fan polacchi. La popolarità del grunge è stata contemporanea alla conquista della libertà del nostro Paese. Eravate consapevoli della campagna di t-shirt ‘You forgot Poland' (avete dimenticato la Polonia) quando non avete suonato lì per alcuni tour?
MM: Oh sì, lo sapevo. Ma ci siamo andati alla fine...
MC: Sì, nel 2007. E siamo stati a Katowice nel 2000. E' vero, non suoniamo lì molto spesso. L'ultima volta che ci siamo stati, nel 2007, i fan sono stati incredibili.

C'è stato anche il vostro primo concerto nel 1996. Come mai allora decideste di attraversare l'ex cortina di ferro?
MM: Perché c'è la Polonia e gli altri Paesi del blocco orientale! Volevamo vederli, sperimentarli, capire cosa stava succedendo da quelle parti. Avevamo la nostra visione della situazione, deformata dalla stampa occidentale ma la realtà è completamente differente. La possibilità di vedere le cose di persona, parlare con la gente, camminare per le strade e annusare gli odori, assaggiare il cibo; è una lezione, è il modo per imparare. E' una parte importante della vita. Possiamo dire “Hey, siamo stati in Polonia, abbiamo visto questo, questo e questo” ci siamo fatti la nostra opinione, non attraverso un giornale, non distorta nel corso degli anni. Inoltre era importante il fatto che avevamo dei fan in quella parte del mondo per i quali volevamo suonare.

A proposito dei concerti del 2000, avete detto che il primo è stato uno dei peggiori nella storia della band e il secondo uno dei migliori. Sappiamo la storia del secondo ma cosa è andato male nel primo?
MM: Sto cercando di ricordare. Forse abbiamo avuto alcuni strani problemi tecnici. O c'erano solo poche persone...
MC: No, c'erano meno persone al secondo.
MM: Oh, sì. Il secondo in realtà è stato notevolmente migliore perché è stato così insolito.
MC: Quella sera abbiamo suonato molti pezzi che non facevamo da tanto tempo. Alla fine è risultato uno dei migliori concerti di quel tour.
MM: Esattamente. Ed è successo perché non stavamo cercando di fare qualcosa di grandioso, abbiamo solo tirato fuori un po' di canzoni diverse. Eddie è molto consapevole del posto in cui suoniamo. Va lì prima, riesce a catturare il feeling, come ho visto, e scrive la setlist in base alle sensazioni che gli arrivano dalla città. Forse quella sera ha pensato solo (Mike schiocca le dita) “Lasciamoci andare”. Sostanzialmente, “Proviamo qualcosa di diverso”. E' stato fottutamente bello. Lo ricordo chiaramente ora.

Anche la performance del 2007 è stata atipica, con i Linkin Park come co-headliners.
MM: Haha
MC: Abbiamo fatto un po' di concerti con loro durante quel tour. E' stato un piacere, ce l'ho impresso nella memoria, perché non suonavamo per voi da tanto tempo. Però, mi ricordo alcuni problemi con la corrente elettrica durante lo show.
MM: Io ricordo il viaggio, l'ho registrato, ho filmato i paesaggi durante il viaggio. E mi ricordo i fan, quando eravamo dietro le quinte e loro gridavano, ‘Lin - kin - park! Please - come - out!'. Io pensavo: “Ma cos'è, ci siamo anche noi, o no?”. Deve essere arrivata la prossima generazione (ride).

 

BACK