Roskilde Ten Years After | Roskilde dieci anni dopo
30.06.2010

<< Back to Interviste | Home
 

 

 

Roskilde Ten Years After: A Light In The Darkness

Out of the tragedy at Roskilde in 2000 has grown a warm and lasting friendship between rock star and relatives

Courtesy of www.pearljam.com / Story by Henrik Tuxen

Note: Dutch to English translation. Original story can be found here.

Ten years ago, specifically on 30 June 2000, did the unthinkable. Nine young men died at the Roskilde Festival in front of Orange Stage during the Pearl Jam concert. An unbelievable tragedy that has cast long, dark shadows behind him. But in the midst of darkness, close and warm friendship blossomed between Pearl Jam guitarist Stone Gossard and the parents of one of the Swedish victims.

Ebbe and Birgitta Gustafsson accidentally drove past Roskilde 30 June 2000 in the evening on their way home early from a holiday in Germany, due to bad weather. They neither knew that their son was at the festival, much less the catastrophic accident he was in the center of. Since their local priest days after bringing over the fatal message, broke the world together for the couple from Tranås in central Sweden. Like eight other parents, their lives, that fateful day, changed forever. Not least thanks to their strong Christian faith, the family has steadfastly worked through the accident and came back to life, partly can read in their fine book After Roskilde - från Christian reconciliation from 2003.

The doorbell rings

At about the same time, in 2003, the Pearl Jam guitarist Stone Gossard realized that he must react. He feels that he has to relate to the accident and to the relatives if they might be interested in meeting him. Until then, the dialogue between Pearl Jam and the relatives have been limited to one contact with lead singer Eddie Vedder and the relatives of an Australian victim, Anthony Hurley and a sporadic email correspondence between Vedder and a few Danish families. But Stone Gossard could not live with the silence, and in November 2003 he traveled and his girlfriend Liz, to Copenhagen and visited the next few weeks parents and / or friends for five of the six Scandinavian victims. And a late Tuesday evening rang the doorbell at 3 in Regnvädersgatan Tranås. A meeting that would prove to be the germ of a close, warm and lasting friendship began.

Birgitta Gustafsson: - It made a very strong impression on us that he had traveled all the way from USA to visit us. I remember that I was terribly nervous. I did not know how he looked and thought that now there will be a long-haired rock star in the door (after years with soldatercut have Stone once again left it long yarn grow, Ed.), But he was quite ordinary, it was like to He was one of us. It was an unforgettable evening, he made a strong impression. It was evident that he was a warm, loving and open person, that we understood immediately. Although we met on the basis of a sorrow, it was an extremely positive meeting. I felt from the outset that this was a meeting that would be of great importance in the future, both for him and for us. I asked already the first day to get his address, which I got. I still have saved the note he wrote the address down.

Birgitta positive impression was more than reciprocated, elaborates Gossard to GAFFA in connection with 10 anniversary.

Stone Gossard: - I can not thank Ebbe and Birgitta enough for the kindness and the love they have shown me. There are very few times in life when you meet someone with such a loving and spiritual presence. Birgitta openness and love has had a significant impact on me. I think we both have touched each other in an unexpected and beautiful way. And it has come out of tragedy, every parent's nightmare. I am very grateful to her.

Vacuum

The friendship between Gossard and Gustaf Johnson is a very special character, which of course is closely linked to the memory of deceased family son.

Birgitta: - We greatly appreciate his friendship. Think about that with his large entourage will continue to have contact with us. Carl-Johan can never be replaced, he was our son, but Stone fills a portion of the vacuum. It's the feeling I have, which is reinforced in the warmth and love he always expresses when we mailer is on Skype or meet.

I have met in the light of a tragedy. Ripping it up in the wounds to keep in touch?

Birgitta: - No, no, quite the contrary. We are a support and care from him as soothe our grief, it's always good to have contact with. This applies both when we mailer, meet or see Pearl Jam play.

Same position gives Pearl Jam guitarist reflects:

Stone: - Bridget and I have seen each other several times now. She comes to our shows, and she meets the band, we share meals, and the mailer together. After each session, we share how grateful we are for each other, all in while we continue to heal from the biggest form of loss. From the first meeting we started a friendship that is alive and kicking today. Our common spirituality and openness to each other has been a big part of my own healing, and I am enormously grateful for her love and forgiveness. It has helped me to feel and accept the tragedy of loss, without losing hope of goodness in the world.

Have you found a second peace today with what happened that day?

Stone: - Everyone in the band - and everyone who works with us - experienced tragedy at Roskilde very strong. It is always with us. It can be very intense to feel, realize and see the past in the eyes. But we have each done in our own way, and we will always continue to do. We want to communicate between us and the families must always be open. The time and the many positive meetings with the families helped in the healing process, but I can not say that I have found peace with the accident.

Pearl Jam Live

There has been something of a revolution taking place in relation to Birgitta's view of Pearl Jam and their music. First it was involuntary noises from teenage room, now she can even clap with the audience.

Birgitta: - Pearl Jam was Carl-Johan's favorite band, that was why he went to Roskilde. He played them constantly high from inside the room and I thought often that he might hear something more quiet and relaxing music. But today I understand his values and enthusiasm much better. We are more to the more subdued and quiet, so Pearl Jam is thus never "our" music, but they have many fine songs and then it is vehemently to see them live. It has also been a great experience to meet the others in the band, I see them as very likeable and humble man. We also know that they are people who are making great efforts in more humanistic and philanthropic relationships, including in environmental cases and that they all in working order and help create a better and fairer world. They are not people who put themselves in front, but doing what they can to help others. When we got to the concert in Paris took Eddie (Vedder, ed.) Against us in the warmest way. He showed us pictures of his little daughter (he now has two little girls, Ed.) And said that he could not imagine what he would do or how he would react if there was to be her thing. The band fit really well for us and let us stand on the side of the stage. Here from Eddie dedicated the entire concert for the family Gustafsson and they played the song I wanted - Thumbing My Way. When we were coming into the car which was driving us to the hotel, we could still hear Pearl Jam, who played Yellow Ledbetter as the last encore. But suddenly confronted Eddie big sweaty in front of us. He was over the stage during the concert, to say goodbye to us. All in all a gesture and a caring meant a great deal for us.

Are there some songs specially hard to hear? There are indications that things went very wrong at Roskilde in Better Mon

Birgitta: - Yes, I will spare it a thought when the song plays. It was probably the last as Carl-Johan heard.

The audience reaction is generally very heavily on Pearl Jam. Can not awaken unpleasant memories that stand in the audience when it goes wild for it?

Birgitta: - The band has such a positive aura when they play that it rubs off on the audience, it is primarily positive enthusiasm. But, yes, I do not like when it gets too wild. In Paris and in London we had VIP seats and was somewhat shielded the crowd pushing and shoving. In Copenhagen, we saw it a little more, and it was a little uncomfortable. I do not like that there will stage divet, so I look the other way and do not really want to stand in the audience during a festival appearance. But I know that Pearl Jam has a much stricter security alert, so it gives a greater sense of security.

New security procedures

It was in many ways paradoxical that for all was Pearl Jam who were involved in the accident, when the band even before the concert had launched a major security alert before and during their concerts settlement. After Roskilde band announced that they would never again play festivals again. That testimony has now changed, but only when their own security measures are followed through.

Stone (sec found by Pearl Jam Head of Security at that time and today, Pete Beattle):

Before Roskilde was our standard operating procedure in relation to playing festivals, to accept a festival operational and safety procedures. Bands were seen as "just performers" and had traditionally not much to say over safety procedures in the same way as their own shows. After Roskilde, this has changed completely for us. We have tightened the standards for safety at the same level as for our own shows. Our contracts with the festivals' highlights our operational requirements are not met, there will be no contract if they are not being complied with in practice, we are not on stage. We demand the right to evaluate all operational and security policies in advance, such as design and configuration of barriers and security response procedures in relation to ensuring our fans' safety. It includes pro-active pre-assessments in the following areas:

Knew nothing amiss

All sizes as Pearl Jam had no control over the fateful evening of Square Cattle Show in 2000. A concert which seemed like everyone else, the band heard no alarm bells ringing in advance.

Stone: - We had no idea that there were some problems before our tour manager came on stage and told us that something was wrong. I felt like a blow. I felt an overwhelming sense of shock when it dawned on me that people were trampled to death and that people were lifted over the barricade was dead. All who attended were as stunned; this had occurred. Afterwards we sat and stared at each other in the hotel, frightened and shocked.

It is impossible to rewind the clock back, but there was something I could have done to prevent what occurred?

Stone: - If there was anything I could have done to predict what the happened, I wish that I could have avoided it. So I regret that not all affected families got a helping hand from us immediately after the accident. It was not enough to ensure this through the media and our international contacts.

Why was there so long as three years before you decided to visit the affected families?

Stone: - We tried to express our availability to all families immediately after the tragedy but were not established any real connection. At the time I figured that it was because of the general chaos and everyone's shock. But I later realized that some families have tried to reach out to us, even then, without success. I have always regretted. Then there was the fact that some early press reaction was that we had inspired the audience to this behavior and that we bore a large share of the blame. I think it was after that we all began to pull us back. Eddie was the first established connection with one of the families. He spent some days with Hurley family from Australia, where he wept with them and how he recognized and felt the intensity of their losses. I was inspired by the courage and the love he showed, which led me out on my own journey. So three years after the accident I reached out to you, Harry, who himself stood on stage during the concert, and got, with your gracious help, contacted a number of families and other relatives, and offered to meet with them if they were interested. I am so grateful for all the families who have shared their memories, pictures, grief and anger. Nothing could have been more profound than their dignity and openness during these visits. All families were still stunned, here three years later. But they opened their hospitable doors and had me as a guest. I will never forget how powerful this experience was. We did not share so many words, and you, Henrik, did your best as a translator. I tried to convey our bands despair and recognition of their losses. Perhaps it helped my visit at a small way.

Roskilde and relatives

More families had both before and after the Stones' visit had contact with festival directors, and not all with the best experience.

Stone: - I can only say that most families that I spoke to various reasons, had not been satisfied with the way in which the festival handled the tragedy's aftermath. Some felt that they should have taken more responsibilities, some felt that they should have taken legal responsibility for the accident. This is an important issue that should be answered by each family, since everyone has their own experiences of contact with the Roskilde Festival and their representatives.

Do you think the festival should not assume legal responsibility for the accident?

Stone: - I think that when people around you are injured or die, then you need to recognize your role, honestly and completely identify and learn from your mistakes, and implement standards for preventing that something similar could occur again .

With God's help

Several families have brought lawsuits to get the festival to accept legal responsibility for the accident without success. The outcome was that the accident was caused by a series of unpredictable events that can not be attributed to the festival's responsibility alone. This has caused great bitterness and sorrow in many families. Here Gustaf's been a little outside. Although they feel for the families who have followed the long and exhausting litigation, they have initially chosen a different path, mainly due to their strong Christian faith.

Birgitta: - Belief in God has always been an important part of our lives and was a huge consolation when Carl-Johan died. He kept us in our life most difficult days. The Bible teaches us to forgive those people who have made us ill and reconcile ourselves with them. We do not think that security was in order and still think that the festival had a responsibility and that it was their fault, but we nevertheless chose to forgive them. We think that there is a difference between forgive and to say that it was ok, what occurred. We decided to forgive to move forward. The second will be for us like going backwards in life. Our choices and our faith has helped us move forward in life.

Before meeting with Stone was in contact with Leif Skov (former festival director, Ed.). How was it?

Birgitta: - It was hard but important to meet. We told him that we would forgive and reconcile with him and the festival, which they know. As a festival, we believe that they have a responsibility to people not getting hurt. There were difficult circumstances, there was rain, poor sound, but still rests a responsibility on the management. When Leif Skov visited us, he showed us the new security procedures were implemented. "Yes, that's fine" I thought, "it's just a year too late." But it was still good to meet and be reconciled to Leif Skov.

Books and lectures

In 2003 came after Roskilde - från Christian reconciliation, the book where the ebb and Birgitta Gustafsson tells his story to journalist Jonathan Sverker. Through the years ebb and Birgitta given a series of lectures, including in churches, where they told their stories and their way of living with their fate.

Birgitta: - The book was written as it maybe could help others in similar difficult situations, where life is hard. The main point is that there is a light at the horizon, it is possible to move forward. We have often been asked out for a lecture on the background of the book. It's been hard but very rewarding and life-affirming. We have had many contacts here through which we appreciate. It has been hard to be through the process to write the book, and to keep the many lectures, but it has helped to help others, and it has been the most important. But there is also a limit, we do not actively pursue it myself, but it takes up for consideration when we are asked to give lectures.

See Venice ...

Birgitta, Ebbe and their daughter Sandra (and the last couple of times also her fiance John) saw Pearl Jam in Paris, 2006, Copenhagen 2007, London in 2009 and soon the trip to Italy.

Birgitta: - Yes, it is quite amazing. Stone has invited us all to Venice in connection with Pearl Jam's concert in the city. He pays residence, plane and everything. It becomes an experience of a lifetime.

Originally, Stone invited Gustaf Johnson to Berlin, but Pearl Jam's concert in town takes place on the tenth day of the accident, and it was too much for Bridget.

Birgitta: - No, I did not want to Berlin on the anniversary. It is always very heavy for me and I did not want to see Pearl Jam on one day I associate with mourning. It is different with Ebbe, for him all day just in that respect. But we have a tradition to make a little trip around the anniversary. We will put a wreath a garland of red roses shaped like a heart on Carl-Johan's grave every year.

A blessing and a privilege

And as I say is Pearl Jam on stage 30 June 2010 in Berlin, the 10 anniversary of the accident, which guitarist summarize as follows:

Stone: - It is impossible to escape from the past. All families are still suffering terribly at the loss of their children. I hope to acknowledge the past and honor those who died and those of their lost loved ones. As a band we feel the loss still significant and we hope and pray that time will reduce and transform the pain.

And Stones helping hand has actually helped, not least, Gustafsson family in their great sorrow.

It is a bit of an upheaval that has taken place in your relationship with Pearl Jam. What do you think Carl-Johan would say if he sits and looks into Heaven?

Birgitta: - He would probably say "bra morsan! He would laugh and smile and could see that I have changed me. He would be happy for our contact, and perhaps a little jealous! One day when I sat and talked with Stone, I said "Think if he sits and looks at us now?" It was a very intense moment.

One of many examples of a cohesion and a friendship which, on a sad background, has led people with totally different backgrounds, very close together; rock star through two decades, Stone Gossard, and office assistant Birgitta Gustafsson from Tranås in central Sweden. A community that also include the rest of Pearl Jam and Bridget's family.

Birgitta: - We have only encountered positive reactions from the world than our relationship with Pearl Jam, though many might not fully understand what we feel and experience. But even though Stone is a big rock star, he is quite common when it comes to human contact. We cherish our deep friendship, and we want to preserve it. We know many who have lost a child, but we have had this contact with Stone, and for it we feel blessed and privileged.

Roskilde accident and Pearl Jam:

Three of the victims were Swedish, three Danish, a German, a Dutchman and an Australian

Pearl Jam has handed out to all the families affected

Pearl Jam was in a period of '90s biggest rock band. They have released nine studio albums, a "Greatest Hits" and a double "rarity" compilation, released a sea of live concerts, has made several DVDs and have sold over 60 million records. Last went "Backspacer" # 1 in U.S. in 2009.

Pearl Jam has always been heavily involved in various humanitarian and philanthropic work, this applies to not least, Stone Gossard

Stone Gossard visit in Scandinavia are described in the book "The Pearl Jam's footsteps - before and after Roskilde" from this writer.

 

 

 

 

 

 

 

Roskilde dieci anni dopo: una luce nel buio

In seguito alla tragedia di Roskilde nel 2000, è nata una calorosa e duratura amicizia tra le rock star ed i parenti delle vittime.

Per gentile concessione di www.pearljam.com

Articolo originale in danese di Henrik Tuxen disponibile qui / Traduzione a cura di Irene

Dieci anni fa, esattamente il 30 giugno 2000, accadde l’impensabile. Nove ragazzi morirono al Roskilde Festival davanti all’Orange Stage durante il concerto dei Pearl Jam. Una tragedia incredibile che ha proiettato a lungo ombre oscure su di loro. Ma in mezzo al buio, è sbocciata una stretta e calorosa amicizia tra Stone Gossard, il chitarrista dei Pearl Jam, e i genitori di una delle vittime svedesi.

Ebbe e Birgitta Gustafsson casualmente passarono in macchina dalle parti di Roskilde la sera del 30 giugno 2000, rientrando a casa in anticipo da una vacanza in Germania, a causa del cattivo tempo. Non sapevano che loro figlio fosse al festival, né tanto meno della catastrofica disgrazia nella quale era rimasto coinvolto. Quando il prete locale, alcuni giorni dopo, portò il messaggio fatale, crollò il mondo per la coppia di Tranås nella Svezia centrale. Come altre otto coppie di genitori, le loro vite, in quel giorno fatidico, cambiarono per sempre. Anche e soprattutto grazie alla loro forte fede Cristiana, la famiglia ha elaborato quella tragedia con determinazione ed è tornata a vivere, come in parte si può leggere nel loro bel libro “After Roskilde - från Christian reconciliation” del 2003.


Suona il campanello

Nello stesso periodo, il 2003, il chitarrista dei Pearl Jam, Stone Gossard, capì che doveva reagire. Sentiva che doveva rapportarsi con quella disgrazia e con i parenti, se fossero stati interessati ad incontrarlo. Fino ad allora, il dialogo tra i Pearl Jam ed i familiari delle vittime si era limitato ad un contatto con il cantante Eddie Vedder ed i familiari di una vittima australiana, Anthony Hurley e ad uno sporadico scambio di email tra Vedder ed alcune famiglie danesi. Ma Stone Gossard non riusciva a convivere con il silenzio e, nel novembre del 2003, andò con la sua compagna Liz a Copenhagen e nelle settimane successive fece visita ai genitori e/o amici di cinque delle sei vittime scandinave. E un martedì sera suonò il campanello al numero 3 di Regnvädersgatan a Tranås. Un incontro che si rivelò essere il germe di una stretta, calorosa e duratura amicizia.

Birgitta Gustafsson: - Rimanemmo molto colpiti dal fatto che fosse partito dagli USA per venire a trovarci. Ricordo che ero terribilmente nervosa. Non sapevo che aspetto avesse e pensavo di trovarmi di fronte una rock star con i capelli lunghi (dopo anni di taglio di capelli militare ora Stone li ha lasciati crescere di nuovo). Invece era assolutamente normale, sembrava uno di noi. E’ stata una serata indimenticabile, ci ha impressionato molto. Era evidente che si trattava di una persona cordiale, affettuosa e sincera, con la quale ci siamo capiti immediatamente. Sebbene ci fossimo incontrati a causa di un dolore, fu un incontro estremamente positivo. Fin dall’inizio ho avuto la sensazione che sarebbe stato un incontro che avrebbe avuto una grande importanza in futuro, sia per lui che per noi. Già dal primo giorno avevo chiesto il suo indirizzo e l’ho avuto. Conservo ancora il biglietto sul quale scrisse l’indirizzo.

L’impressione positiva di Birgitta è stata più che ricambiata, spiega Gossard a GAFFA a proposito del decimo anniversario.

Stone Gossard: - Non ringrazierò mai abbastanza Ebbe e Birgitta per la gentilezza e l’affetto che hanno mostrato nei miei confronti. Capita poche volte nella vita di incontrare qualcuno con una tale presenza affettiva e spirituale. L’apertura e l’affetto di Birgitta hanno avuto un impatto significativo su di me. Penso che siamo rimasti entrambi toccati in un modo bellissimo e inaspettato. E derivava tutto da una tragedia, l’incubo di ogni genitore. Le sono molto grato.


Il vuoto

L’amicizia tra Gossard e i Gustafsson è di un genere speciale, che ovviamente è strettamente legato alla memoria del figlio deceduto.

Birgitta: - Abbiamo apprezzato enormemente la sua amicizia. Penso che con il suo largo entourage continuerà ad avere contatti con noi. Carl-Johan non potrà mai essere sostituito, era nostro figlio, ma Stone riempie una parte di quel vuoto. E’ la sensazione che ho, rinforzata dal calore e dall’affetto che lui esprime sempre quando ci sentiamo tramite Skype o ci incontriamo.

L’incontro è avvenuto alla luce di una tragedia. Tenersi in contatto riapre la ferita?

Birgitta: - No, no, semmai il contrario. Ci dà supporto e attenzione per alleviare il nostro dolore, è sempre bello avere un contatto con lui. Questo accade quando ci scriviamo, ci incontriamo o vediamo suonare i Pearl Jam.

Lo stesso vale per il chitarrista dei Pearl Jam:

Stone: - Io e Birgitta ci siamo visti diverse volte ormai. Lei viene ai nostri concerti, e incontra la band, mangiamo insieme, e ci scriviamo. Dopo ogni incontro, ci diciamo quanto siamo grati reciprocamente e volta per volta continuiamo a guarire dalla più grande forma di perdita. Fin dal primo incontro abbiamo avviato un’amicizia che è tuttora viva e vegeta. La nostra comune spiritualità ed aperture reciproca è stata una parte importante della mia personale guarigione, e sono enormemente grato del suo affetto e perdono. Mi ha aiutato a sentire ed accettare la tragedia della perdita, conservando la speranza nella bontà del mondo.

Oggi ti sei riappacificato con ciò che è successo quel giorno?

Stone: - Ognuno nella band – e tutti coloro che lavorano con noi – ha vissuto in maniera molto forte la tragedia di Roskilde. E’ sempre con noi. Può essere una cosa molto intensa sentire, rendersi conto e guardare negli occhi il passato. Ma l’abbiamo fatto tutti, ognuno a suo modo, e continueremo sempre a farlo. Vogliamo mantenere aperta la comunicazione tra di noi e con le famiglie. Il tempo e i molti incontri positivi con le famiglie sono stati d’aiuto nel processo di guarigione, ma non posso davvero dire di aver trovato pace rispetto a quella disgrazia.


Pearl Jam Live

Per Birgitta c’è stata una rivoluzione del suo punto di vista sui Pearl Jam e sulla loro musica. Prima non era altro che un rumore involontario proveniente dalla stanza di un teenager, ora può addirittura applaudire insieme al pubblico.

Birgitta: - I Pearl Jam erano la band preferita di Carl-Johan, ed è per questo che si trovava a Roskilde. Li ascoltava sempre ad alto volume nella sua stanza ed io spesso pensavo che avrebbe potuto ascoltare una musica più tranquilla e rilassante. Ma oggi riesco a comprendere molto meglio i suoi valori ed il suo entusiasmo. Noi siamo più per qualcosa di più soft e tranquillo, quindi i Pearl Jam non saranno mai la "nostra" musica, ma hanno molte belle canzoni e poi è forte vederli dal vivo. E’ stata una grande esperienza anche incontrare il resto della band, mi sembrano persone molto piacevoli ed umili. Sappiamo anche che sono molto attivi in diverse azioni umanitarie e filantropiche, comprese cause ambientaliste, e che si impegnano tutti per aiutare a creare un mondo migliore e più giusto. Non sono persone che tendono a mettersi in mostra, ma fanno quello che possono per aiutare gli altri. Quando siamo andati al concerto di Parigi Eddie (Vedder, ed.) ci ha accolto nella maniera più calorosa possibile. Ci ha mostrato le foto della sua bambina (ora ha due bambine, ed.) e ci ha detto che non riusciva ad immaginare cosa avrebbe fatto o come avrebbe reagito se le fosse accaduto qualcosa. La band è stata molto carina con noi e ci hanno fatto stare a lato del palco. Eddie ha dedicato l’intero concerto alla famiglia Gustafsson e hanno suonato la canzone che volevo - Thumbing My Way. Mentre stavamo salendo nella macchina che ci avrebbe riportato in hotel, si sentivano ancora i Pearl Jam suonare Yellow Ledbetter come ultimo encore. Ma all’improvviso ci siamo ritrovati davanti Eddie, tutto sudato. Era sceso dal palco mentre il concerto era ancora in corso, per venire a salutarci. Tutto sommato, un gesto ed una attenzione che hanno significato molto per noi.

Ci sono delle canzoni particolarmente difficili da ascoltare? Sembra che la situazione sia precipitata a Roskilde durante Better Man

Birgitta: - Sì, riservo sempre un pensiero quando sento questa canzone. Probabilmente è stata l’ultima che Carl-Johan ha ascoltato.

La reazione del pubblico di solito è molto forte ai concerti dei Pearl Jam. Non si possono risvegliare ricordi spiacevoli stando tra il pubblico quando l’atmosfera si surriscalda?

Birgitta: - Quando suona, la band ha una tale aura positiva che rimane attaccata al pubblico, è soprattutto entusiasmo positivo. Ma, in effetti, non mi piace quando la cosa diventa troppo selvaggia. A Parigi e a Londra avevamo posti a sedere VIP ed eravamo in qualche modo protetti dalla folla che spingeva e spintonava. A Copenhagen abbiamo visto un po’ di più ed è stato un po’ scomodo. Non mi piace lo stage diving, perciò guardo da un’altra parte e non voglio stare in mezzo al pubblico durante un festival. Ma so che i Pearl Jam hanno un servizio di sicurezza molto più efficace, e questo dà un maggiore senso di protezione.


Nuove procedure di sicurezza

E’ stato per molti versi paradossale che proprio i Pearl Jam fossero coinvolti in quella disgrazia, visto che la band anche prima del concerto aveva lanciato un allarme per una maggiore sicurezza prima e durante i loro concerti. Dopo Roskilde la band dichiarò che non avrebbe mai più suonato ai festival. Questa affermazione ora è cambiata, ma solo quando vengono applicate le loro misure di sicurezza.

Stone (sec found da Pete Beattle, Capo della Sicurezza dei Pearl Jam, all’epoca e tuttora):

Prima di Roskilde, il nostro standard operativo in relazione ai festival, era di accettare le procedure operative e di sicurezza del festival stesso. Le band venivano viste solo come "performers" e tradizionalmente non avevano molto da dire sulle procedure di sicurezza così come nei loro concerti. Dopo Roskilde, c’è stato un cambiamento totale per noi. Abbiamo intensificato gli standard per la sicurezza portandoli allo stesso livello dei nostri concerti. I nostri contratti con i festival evidenziano che se non vengono soddisfatte e applicate le nostre condizioni operative, non ci sarà nessun contratto e noi non saliamo sul palco. Chiediamo il diritto di valutare in anticipo tutte le policies operative e di sicurezza, come il disegno e la configurazione delle barriere e le procedure volte a garantire la sicurezza dei nostri fan. Ciò include preaccertamenti preventivi nelle seguenti aree:

struttura di comando per la sicurezza del festival
adeguatezza e appropriata collocazione degli EMTs (Addetti all’Emergenza Medica)
tipologia delle barriere, configurazione e dislocamento
vendita controllata di alcool
capacità
procedure di ingresso e di transito
procedure di interruzione del concerto

Non sapevamo ci fosse qualcosa che non andava

Tutti ritengono che i Pearl Jam non avessero controllo sulla fatidica serata dello show di Square Cattle nel 2000. Un concerto che sembrava come qualsiasi altro, la band non sentì nessun campanello di allarme suonare in anticipo.

Stone: - Non avevamo idea che ci fossero dei problemi finché il nostro tour manager non è salito sul palco e ci ha detto che c’era qualcosa che non andava. Mi è preso un colpo. Mi sono sentito sopraffatto da un senso di shock quando ho cominciato ad accorgermi che le persone venivano calpestate a morte e che coloro che venivano sollevati sopra le barriere erano morti. Tutti coloro che erano lì erano ammutoliti; questo è successo. Più tardi in albergo ci siamo seduti fissandoci l’uno con l’altro, impauriti e scioccati.

E’ impossibile tornare indietro nel tempo, ma c’era qualcosa che avreste potuto fare per prevenire quello che è successo?

Stone: - Se ci fosse stato qualcosa che avrei potuto fare per prevedere ciò che è accaduto, vorrei averlo potuto evitare. Mi rammarico che non tutte le famiglie colpite abbiano avuto una mano d’aiuto da parte nostra immediatamente dopo l’incidente. Non è stato sufficiente garantirlo attraverso i media e i nostri contatti internazionali.

Perché ci sono voluti tre anni prima che decidessi di fare visita alle famiglie coinvolte?

Stone: - Abbiamo cercato di esprimere la nostra disponibilità a tutte le famiglie immediatamente dopo la tragedia ma non si stabilì nessuna vera connessione. All’epoca pensavo che ciò fosse dovuto al caos generale e allo shock che avevamo subìto tutti noi. Ma ho capito poi che alcune famiglie avevano cercato di contattarci, anche allora, senza successo. Me ne sono sempre rammaricato. Poi c’è stato il fatto che alcune prime reazioni della stampa sostenevano che noi avessimo ispirato il pubblico a tenere quel tipo di comportamento e che noi avessimo gran parte della colpa. Credo che fu dopo questi fatti che tutti noi cominciammo a muoverci. Eddie fu il primo a stabilire una connessione con una delle famiglie. Trascorse alcuni giorni con la famiglia di Hurley in Australia, dove pianse insieme a loro, riconoscendo e sentendo l’intensità della loro perdita. Io fui ispirato dal coraggio e dall’affetto che dimostrò, cosa che mi ha guidato verso il mio personale viaggio. Così tre anni dopo l’incidente ho contattato te, Harry, che eri sul palco durante il concerto e, con il tuo cortese aiuto, ho potuto contattare una serie di familiari ed altri parenti, offrendomi di incontrarli se fossero stati interessati a farlo. Sono così grato a tutte le famiglie che hanno condiviso i loro ricordi, le foto, il dolore e la rabbia. Nulla avrebbe potuto essere più profondo della loro dignità e sincerità durante queste visite. Tutte le famiglie erano ancora stordite, tre anni dopo. Ma mi hanno aperto la porta con ospitalità e mi hanno accolto come un ospite. Non dimenticherò mai quanto sia stata forte questa esperienza. Non ci siamo scambiati così tante parole e tu, Henrik, hai fatto del tuo meglio come traduttore. Ho cercato di trasmettere la disperazione della nostra band e la comprensione per le loro perdite. Forse in piccola parte la mia visita è stata di aiuto.


Roskilde e i parenti

Diverse famiglie hanno avuto contatto con i responsabili del festival sia prima che dopo la visita di Stone e non è stata per tutti una bella esperienza.

Stone: - Posso solo dire che la maggior parte delle famiglie con le quali ho parlato per varie ragioni, non erano soddisfatte del modo in cui il festival ha gestito il periodo dopo la tragedia. Secondo alcuni avrebbero dovuto assumersi maggiori responsabilità, per altri avrebbero dovuto rispondere legalmente dell’incidente. Questa è un questione importante sulla quale dovrebbe essere interpellata ogni famiglia, poiché ognuno ha avuto la propria esperienza di contatto con il Festival di Roskilde ed i loro rappresentanti.

Pensi che il festival avrebbe dovuto assumersi la responsabilità legale dell’incidente?

Stone: - Io penso che quando le persone intorno a te rimangono ferite o muoiono, devi riconoscere il tuo ruolo, identificare i tuoi errori in modo onesto e completo ed imparare da essi, ed implementare gli standard per evitare che qualcosa di simile possa accadere di nuovo.


Con l’aiuto di Dio

Alcune famiglie hanno intentato cause legali per costringere il festival ad accettare la responsabilità legale dell’incidente, ma senza successo. Il risultato è stato che l’incidente fu causato da una serie di eventi imprevedibili che non possono essere attribuiti solo ai responsabili del festival. Questo ha causato grande amarezza e dispiacere in molte famiglie. Su questo i Gustafsson sono stati un po’ in disparte. Sebbene vicini alle famiglie che hanno seguito il lungo ed estenuante processo, loro hanno scelto sin dall’inizio un sentiero diverso, principalmente sulla base della loro forte fede Cristiana.

Birgitta: - La fede in Dio è sempre stata una parte importante delle nostre vite ed è stata una enorme consolazione alla morte di Carl-Johan. Ci ha tenuto in vita nei giorni più difficili. La Bibbia ci insegna a perdonare coloro che ci hanno fatto del male ed a riconciliarci con loro. Noi non crediamo che la sicurezza fosse in regola e pensiamo ancora che il festival abbia una responsabilità e che quello che è successo sia colpa loro, ma tuttavia abbiamo scelto di perdonarli. Pensiamo che ci sia una differenza tra perdonare e dire che era tutto a posto, che è accaduto. Abbiamo deciso di perdonare per andare avanti. L’altra ipotesi sarebbe stato per noi come andare indietro nelle nostre vite. Le nostre scelte e la nostra fede ci hanno aiutato a muoverci in avanti.

Prima di incontrare Stone siete stati in contatto con Leif Skov (ex direttore del festival, ed.). Com’è andata?

Birgitta: - E’ stato difficile ma importante incontrarlo. Gli abbiamo detto che avremmo perdonato e che ci saremmo riconciliati con lui e con il festival, che loro sapevano. Come festival, crediamo che loro abbiano la responsabilità che le persone non si facciano male. Ci furono circostanze difficili, c’era la pioggia, suono scarso, ma rimane comunque una responsabilità del management. Quando Leif Skov ci ha fatto visita, ci ha mostrato le nuove procedure di sicurezza implementate. "Sì, va benissimo" ho pensato, "sono solo in ritardo di un anno." Ma è stato comunque bello incontrare e riconciliarci con Leif Skov.


Libri e letture

Nel 2003 è uscito “After Roskilde - från Christian reconciliation”, il libro in cui Ebb e Birgitta Gustafsson raccontano la loro storia al giornalista Jonathan Sverker. Nel corso degli anni Ebb e Birgitta ne hanno fatto una serie di letture, alcune in chiesa, durante le quali hanno raccontato la loro storia ed il loro modo di vivere con il loro destino.

Birgitta: - Il libro è stato scritto perché magari poteva aiutare altri in simili difficili situazioni, quando la vita diventa dura. Il concetto fondamentale è che c’è una luce all’orizzonte, è possibile andare avanti. Spesso ci hanno chiesto una lettura sulla base del libro. E’ stato difficile ma molto gratificante ed una testimonianza di vita. Abbiamo avuto molti contatti attraverso il libro, cosa che abbiamo apprezzato. E’ stato faticoso affrontare il processo di scrittura del libro, e tenere le molte letture, ma ci ha aiutato ad aiutare gli altri e questa è stata la cosa più importante. Ma c’è anche un limite che va tenuto in considerazione quando ci viene chiesto di fare delle letture, cosa che noi non perseguiamo attivamente.


Vedere Venezia ...

Birgitta, Ebb e la loro figlia Sandra (e l’ultimo paio di volte anche il suo fidanzato John) hanno visto i Pearl Jam a Parigi nel 2006, a Copenhagen nel 2007, a Londra nel 2009 e presto andranno in Italia.

Birgitta: - Sì, è quasi incredibile. Stone ci ha invitati tutti a Venezia in occasione del concerto dei Pearl Jam. Ci offre il soggiorno, il viaggio aereo e tutto il resto. Diventa un’esperienza unica nella vita.

All’inizio Stone aveva invitato i Gustafsson a Berlino, ma il concerto dei Pearl Jam in città si svolge nel giorno del decimo anniversario della tragedia e sarebbe stato troppo per Birgitta.

Birgitta: - No, non voglio andare a Berlino il giorno dell’anniversario. E’ sempre un giorno difficile per me e non voglio vedere i Pearl Jam nel giorno che associo al lutto. E’ diverso per Ebb, per lui è così tutti i giorni per questo aspetto. Ma abbiamo la tradizione di fare un piccolo viaggio nei giorni dell’anniversario. Ogni anno mettiamo una ghirlanda di rose rosse a forma di cuore sulla tomba di Carl-Johan.

Una benedizione ed un privilegio

Come dicevamo, i Pearl Jam saranno sul palco il 30 giugno 2010 a Berlino, il 10° anniversario dell’incidente, che il chitarrista riassume così:

Stone: - E’ impossibile sfuggire al passato. Tutte le famiglie stanno soffrendo ancora terribilmente per la perdita dei loro figli. Spero di prendere atto del passato ed onorare coloro che sono morti e coloro che hanno perso i loro cari. Come band sentiamo quelle perdite ancora in maniera significativa e speriamo e preghiamo che il tempo possa ridurre e trasformare il dolore.

Il supporto di Stone ha realmente aiutato la famiglia Gustafsson nel loro grande dolore.

E’ stata una grande novità la vostra relazione con i Pearl Jam. Cosa pensate che ne direbbe Carl-Johan guardandovi dal Paradiso?

Birgitta: - Probabilmente direbbe "bra morsan! Riderebbe e sorriderebbe e potrebbe vedere come sono cambiata. Sarebbe felice di questa relazione e forse un po’ geloso! Un giorno, mentre stavo parlando con Stone, gli ho detto "Pensa se potesse vederci ora". E’ stato un momento molto intenso.

Uno dei molti esempi di una coesione ed una amicizia che, su uno sfondo di tristezza, ha portato a far avvicinare persone con background totalmente diversi: Stone Gossard, rock star da due decenni e Birgitta Gustafsson, segretaria a Tranås nella Svezia centrale. Una comunanza che include anche il resto dei Pearl Jam e la famiglia di Birgitta.

Birgitta: - Abbiamo registrato solo reazioni positive dal mondo rispetto alla nostra relazione con i Pearl Jam, sebbene molti potrebbero non comprendere pienamente le nostre sensazioni e la nostra esperienza. Ma anche se Stone è una grande rock star, è una persona assolutamente normale quando si tratta di contatto umano. Noi abbiamo a cuore la nostra profonda amicizia e vogliamo conservarla. Conosciamo molte persone che hanno perso un figlio, ma noi abbiamo avuto questo contatto con Stone e per questo ci sentiamo fortunati e privilegiati.


La tragedia di Roskilde e i Pearl Jam:

Tre delle vittime erano Svedesi, tre Danesi, un Tedesco, un Olandese ed un Australiano.

I Pearl Jam hanno dato aiuto a tutte le famiglie colpite.

Negli anni ‘90 i Pearl Jam erano la più grande rock band. Hanno pubblicato nove album, un "Greatest Hits", una doppia compilation di "rarità", un numero enorme di concerti live, alcuni DVD ed hanno venduto più di 60 milioni di dischi. L’ultimo, "Backspacer", è stato n° 1 in USA nel 2009.

I Pearl Jam sono sempre stati fortemente coinvolti in varie attività umanitarie e filantropiche, e questo vale anche e soprattutto per Stone Gossard.

La visita di Stone Gossard in Scandinavia è descritta nel libro "The Pearl Jam's footsteps - before and after Roskilde" del presente scrittore.

 

BACK