Intervista a Mike McCready
RockBand.com, 17.09.2009

<< Back to Interviste | Home
 

 

Rock Band’s Backstage Interview: Mike McCready of Pearl Jam!

Courtesy of RockBand.com

The 28th of last month was a banner day for Pearl Jam: They played to an ecstatic crowd at the Outside Lands festival at Golden Gate Park in San Francisco, slaying the crowd with two hours' worth of classics and new songs. Earlier that day, lead guitarist Mike McCready found time to sit down with Zine writer/editor Brett Milano for this exclusive backstage interview.

It begins with McCready remembering the last time Pearl Jam played Golden Gate Park in 1995…a notorious night when Eddie Vedder was laid out by food poisoning, and Neil Young stepped in to finish the set. From there we visit some key moments in Pearl Jam history and get some insight on many tracks from the new album. He even reveals the inspiration for the new album's upbeat tone—yes, it's political content!—and gives Rock Band guitarists a hint on which solo to attack first.

Don't forget, the new album Backspacer is available this week as full-album DLC. If you were at Outside Lands and want to relive it, go here for Brett's report from the day.

Brett Milano: So Pearl Jam and Rock Band have been a really good match thus far. We did Ten and we're about to do Backspacer. I believe Matt is the main gamer in the band, but I was wondering if you all had a chance to [play it]?

Mike McCready: I have done it. I play it, I play Rock Band with my friends' kids who are over sometimes if we're having a party. And they'll completely beat me senseless with it and I feel like I'm kind of holding them down. Like, I'll try to play the drums, and I just can't play the drums. It's kinda hard. So I have played it a few times and I think I need to work on my skills, because I can't get it as well as the kids.

BM: Have you at least investigated your own solos to see how they translate?

MM: You know, I haven't done that yet. I've gotta do that. I don't even investigate my own solos as I'm doing them. [laughs]

BM: So Backspacer's a great record from what I've come to know of it thus far.

MM: Thank you.

BM: When you were working on the re-issue of Ten, you were working on the new album at the same time?

MM: Yeah.

BM: So I was wondering if going back and re-investigating your old stuff had any effect on how you proceeded with the new stuff.

MM: I think the fact that we had wanted to take Ten and re-mix it, make it sound a little drier and Jeff Ament, our bass player, had wanted that to happen [for] a long time and it finally did. Both of those things kind of coincided at the same time. It probably had some sort of influence on how this new record came out, but I think songwriting-wise I don't believe it did because I think we're all kind of different people now. We're older. We have a new drummer, Matt. I mean, he's been our drummer for the longest time, but he kinda wrote the new single and I think our new songs are just a different bunch of songs than we were writing back when we were in our twenties and stuff. Sonically and soundwise it may sound crisper, they may sound equally as crisp. But other than that I think there's not a lot in common.

BM: I think one reaction a lot of us are having is that mostly it's very up and very celebratory. I'm wondering what prompted that.

MM: From my own point of view, I would imagine we've gotten out out [from] under eight years of horrible government and we now have a new president and we're all elated and excited about the fact that there's actually some hope and somebody smart in the White House and things are affecting our lives in a way that's positive whereas it hadn't been for many, many years. That makes us all as U.S. citizens and in our band excited about being around right now. I think that has a lot to do with it.

BM: I was wondering if “The Fixer” was a song specifically about that, because it seems like it ties in.

MM: I think “The Fixer” is a song, from my understanding, is more of a song of Eddie (Vedder, singer) writing about himself, about he kind of gets together and he'll listen to everybody else's ideas. And he'll bring in some and won't bring in other things. And he's kind of like this scientist behind the scenes, mad scientist I guess, I don't know. And he puts it together and he fixes it in a way. I'm guessing that's what it's about. But you can infer it to our latest political climate too. So hopefully.

BM: I noticed you kept the songs very short, very direct, kind of garage-y. Were you sort of reining in the tendencies to make them a little bit more like that?

MM: I think we didn't initially know that we were reining them in. We had about seventeen ideas going into this project, seventeen to twenty. And when we were at about eleven pretty much finished, Brendan (O'Brien, producer) and Ed sat down and said, “Hey, this looks like a really good record.” Stone (Gossard, guitarist) had been talking about wanting to have a record that was shorter, more concise and I think we achieved that. That being said, we still have other songs that are out there that are from this session that we may do something with in about six months. But that seemed like the perfect amount of songs. And it hearkens back to our favorite records growing up. Aerosmith Rocks was like nine songs, and old Van Halen records for me were like eight or nine songs. I'm dating myself right now, but that's the stuff. Those are really good records to me, and you don't have to have a lot of stuff on them.

BM: Yeah. Johnny Guitar got referenced in one song. I was wondering how he made his way into a Pearl Jam song.

MM: There was actually a picture of one of his records up in our warehouse when we bought our warehouse. And there was this one wall, specifically in the bathroom, that had a bunch of vinyl records and one of his records was on the wall and he was on a tricycle. And I think it was when the gas crisis was going on or something in the early '70s when he put that record out. He's on his tricycle and surrounded by these women and we just thought it was kind of…I think Ed found it and ironic cover. And, as his brain will do, he came up with ideas from there. You're the first person that's asked about that song for many interviews that I've been doing, so I'm glad that came out. Matt wrote the music to it, too.

BM: It's a good one. I also wanted to ask about “The End,” which to me is a real left turn at the end of the album because you've been on this more upbeat, very alive groove and then suddenly we have a song basically about dying.

MM: Yeah. Or it's about living. It could be about holding on to the moments that you cherish dearly with your loved ones and your family and remembering that we're only here temporarily. But that's a song that Ed had on a demo version and it almost sounds exactly like the demo. And he played it for us and it was just kind of haunting and it was perfect. So he re-recorded it and it almost sounds exactly like the demo. It sounds as haunting and poignant and to the point as the original and a great way to end the record, I guess.

BM: Do you know what kind of day he was having when he wrote that?

MM: I don't know…you'd have to ask him. I don't know what his process was behind that. I just knew it was a great song.

BM: Does he tend to come in with the whole thing formed in terms of lyrical ideas? And I assume you have some kind of intuitive sense of where he's coming from most times and what would work around it.

MM: It's a mixed bag. He will come in with a full song like “The End” all ready to go and then just lay it down himself. Or Stone will have a riff – we have this song called “Amongst the Waves” – and we'll do that musically and get that all together tight, and then he'll kind of come in and start humming harmonies and ideas over it. Go back on his typewriter and type stuff up, some lyrics. He'll work on it overnight and then maybe come back in and cut it the next day or a week later or something. It's kind of a different process for each song that I've noticed that he does.

BM: So the whole idea of a Backspacer is you get to go back for something you did wrong and get to do it right. Was that idea behind any of this?

MM: I like that you read that into it. [laughs] I think there could be that intent in there. I think that he got the initial idea from, on these 1930s typewriters that he collects and writes these lyrics on, there's a key on it that says, “Backspacer.” Now it says “Backspace,” I believe. Anyways, that's where he got that. I think it's also what you were saying, and I think it's also looking over your life from when you were a kid all the way up until now and there will be some artwork that will show you what I'm talking about when the record is released. The kind of young thought processes of us turn into art forms on the record, by this guy named Tom Tomorrow, who's a great artist.

BM: Oh yes, This Modern World.

MM: So you know him. He did all the artwork on it.

BM: Aside from the political thing you mentioned, was there a sense of, “Here we are, we're this number of years on, we're in a good place” – was that the prompting on this record?

MM: I think that's just kind of stated in our everyday lives. We feel like we're all super grateful to still be around playing music and people come out and see us, and that we all get along still. We talk and we still have fights and things like that, but we feel like we like making music with each other still. And people enjoy it, I guess. So there's that feeling of more of a calmness that we were here back in the windstorm when we were really huge, back in ‘95, ‘96 when we didn't know what to do other than just ride it out. And then sometimes crash and sometimes not. I think we're more composed now, but I think we still play great. Hopefully we play better than we did back then. Because we have more songs now. We have like 200 songs, it's crazy.

BM: I assume that was a long process that the fans kind of shared with the band in terms of the success of the band and how you reacted to it. And here you are still successful, but I assume you have a way of going about it now that you've learned over the years.

MM: I think our fans had to be patient with us, and I think we lost fans over the years, certainly by doing things so much do-it-ourselves, not doing videos, to taking on certain causes that made us play a certain venues that were hard to get to. It made it hard for people to come to see us. And I applaud people that have stuck with us through there, because I don't know if I would have. Restate your question again, because I think I lost it.

BM: Just talking about the comfort with success and the level you're at, and I assume you must have developed some method of working with it so it feels good.

MM: I think yeah. We'll take care of that in editing. [laughs] I think some of that comes with age. We're all older, in our 40s now, and we have families. Those are the priorities. That stuff is the priority now. Music is fun and it's great and it's our job and we're successful at it, and I'm very grateful about that, but there are other things in life. Whereas before, it's all about going headlong into it and maybe crashing a few times on our way to here. We are, like I said, grateful to still be around.

BM: One thing we like to do in Rock Band is to show that even the greatest bands have their little formative gigs in tiny places. I wanted to ask Pearl Jam about a place like the Off Ramp, which is kind of legendary as being like the Cavern Club. If you could sort of bring me back to that first gig and what the atmosphere was like.

BM: [laughs] I remember the first gig at the Off Ramp as being kind of hectic because I was nervous that we were playing a show too early. Jeff and Stone were in a contract with Polygram Records and they hadn't gotten out of it yet, and here we are showing off our new band eight or ten days after we had gotten together. And Stone was like, “Eh, let's go play a show and see how it goes.” And I was worried business-wise that this was not a smart idea. But that being said, I also wanted to play because I felt like we had a really good band. Ed had just come up and we were just, it was the first time I was in a band situation when everything was really firing on all cylinders. There was not a weak link in the band. The Off Ramp's a tiny, tiny club. It's still there. It's been under three different names over the years. I think it's called El Corazon now and there's a pole, basically in the middle of the stage that you always have to go around. I don't know if you've seen it or been there, but it's very small and kind of scary. We were there and there was a big buzz because it was kind of the next level of what Jeff and Stone were doing. Mother Love Bone was pretty notorious around town and famous, so people were there kind of checking this out and going, “What is this all about?” And I think we won over those early crowds just by doing our songs and playing with as much conviction and excitement as five young guys could. It was exciting and exhilarating. It was kind of oversold. It went by very fast, that's all I can say. And then we were off to start doing the record, and then we were on a van tour with Alice in Chains, and after that we were on another van tour, and after that we were opening up for the Peppers, and after that we were in Lollapalooza, and then [explosion noise] everything blew up.

BM: And then that happened.

MM: [laughs] Yeah. And that whole thing. Nirvana hit number one. And everything went crazy.

BM: We do have Drop In the Park, a couple of tracks from that in the game.

MM: Great.

BM: Which makes me think about the whole legend of Eddie and his little aerial adventure.

MM: Uh huh.

BM: Climbing up. I was just wondering what you were thinking when you looked over and saw him doing that.

MM: Of the many times that I've seen Ed do that over the years, my thought process is like, “Okay, he's going to fall. And this is all over. He's going to die. Please come down, and stop doing that.” But then also being exhilarated and excited about it too, because he'd do it in the middle of “Porch” I think. The one he did specifically at Drop in the Park, he hadn't really done anything like that before. He kinda threw the microphone up over the lighting truss and climbed up it and then hung around up there and then came down or something, I'm forgetting. It was another one of those moments like, “Well, is he gonna fall?” But he's super-strong, so I've never seen him fall. I've seen him go across the top of a fifty foot girder in the air in San Diego when we opened for the Peppers and Nirvana, for probably five minutes upside-down. And I'm going, “Let this guy come down, please come down. Is he gonna come down?” And certainly the Drop in the Park was an exciting show because we had a huge fight with the city to try to make this thing happen, and they shut us down the first time. For the first show that we wanted to do, they said we didn't have the proper police protection or blah blah blah, or whatever. But we felt we did hire all these people. They shut it down at Gasworks Park the day of the show, and so it pissed off all the parents that had dropped off all their kids. So they called into the mayor. When we put on shows, we want to make them as easy and as safe as possible. And we were very conscious of that for the first Drop in the Park and for the second. Because we had to work with the city to make that show happen and it was hard. It was 50,000 people at a free show. It was much like that show that was here. And this one happened. It was a cool…I'll never forget it. It was a wonderful experience. It was this old place where I used to play as a kid.

BM: So now you're one of those bands where a lot of your fans will collect all the live shows and compare notes about everything that's played at every show and different versions of the songs. Does that affect what you do on stage? That you give them something to notice every time?

MM: I think that Ed is conscious of that. I think as we do come into towns and we play shows, we'll look at the setlists that we've played over the last ten years in that town and actually go over and – Ed will do this – and go, “Okay, we played this here in the early '90s or something, so we won't play that.” And he has this incredible memory and we want to make sure that we're giving the fans something new every night, and to keep it exciting for us, too. Like I said earlier, we do have about 200 songs that we can pull from and there's stuff I forget about all the time. “Oh yeah, there's that song. We should do that.” And we'll try it at soundcheck and sometimes it works and sometimes it doesn't. You want to keep it interesting for yourself and then for the fans. Because that makes people want to collect stuff and to come back and check us out because they'll get a different, almost completely different setlist every night.

BM: Since people are playing the entire album on Rock Band, are there any either songs or moments in songs that you think are really exciting that you want them to pay attention to?

MM: On Backspacer?

BM: On Backspacer, yes.

MM: Yeah, I would say try the solo on “Amongst the Waves.” I felt good about that. And just kind of rock out to “Gonna See My Friend.” That'll be fun to jump around to and play. And in terms of harder songs to play, I'm not sure…play ‘em all.

BM: Do you recommend they jump around and stomp?

MM: For sure. As much as you possibly can.[laughs]

BM: Excellent

MM: That's rock. Right? That's rock & roll.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rock Band - Intervista a Mike McCready

Tratto da RockBand.com| Traduzione a cura di Irene

Il 28 del mese scorso è stato un giorno eccezionale per i Pearl Jam: hanno suonato per una folla in estasi all'Outside Lands festival al Golden Gate Park di San Francisco, uccidendo il pubblico con due meritevoli ore di classici e canzoni nuove. Qualche ora prima, il chitarrista Mike McCready ha trovato il tempo di sedersi con Brett Milano, scrittore/editore di Zine, per questa esclusiva intervista nel backstage.

Si inizia con McCready che ricorda l'ultima volta in cui i Pearl Jam hanno suonato al Golden Gate Park nel 1995...la famosa serata in cui Eddie Vedder è stato messo ko da un'intossicazione alimentare, e Neil Young è intervenuto per terminare il set. Da lì siamo partiti a rivisitare alcuni momenti chiave nella storia dei Pearl Jam ed abbiamo saputo qualcosa in più di molte tracce del nuovo album. Mike rivela anche l'ispirazione per il tono upbeat del nuovo album - sì, è contenuto politico! - e dà ai chitarristi di Rock Band un consiglio su quale assolo attaccare per primo.

(...)

Brett Milano: Allora i Pearl Jam e Rock Band sono stati un bell'incontro fin qui. Abbiamo realizzato Ten e stiamo per rilasciare Backspacer. Credo che Matt sia il giocatore principale della band, ma mi chiedevo se tutti voi avete avuto la possibilità di giocarci.

Mike McCready: Io l'ho fatto. Ci gioco, gioco a Rock Band con i figli dei miei amici qualche volta alle feste. E loro mi battono come un completo idiota proprio mentre ho la sensazione di riuscire a batterli. Allo stesso modo, provo a suonare la batteria, e non riesco a suonarla. E' molto difficile. Ci ho giocato un po' di volte ma penso di dovermi allenare, perché non sono bravo come i ragazzini.

BM: Hai almeno analizzato i tuoi assolo per vedere come sono stati tradotti?

MM: Sai, non l'ho ancora fatto. Devo farlo. Non analizzo i miei assolo nemmeno mentre li faccio. [ride]

BM: Allora Backspacer è un gran disco per quello che ho sentito finora.

MM: Grazie.

BM: Mentre stavate lavorando alla re-issue di Ten, stavate lavorando contemporaneamente al nuovo album?

MM: Sì.

BM: Mi chiedevo se andare indietro e riconsiderare le vostre vecchie cose abbia avuto qualche effetto sul modo in cui avete proceduto con il nuovo materiale.

MM: Credo che il fatto che abbiamo voluto prendere Ten e re-mixarlo, lo ha fatto suonare un po' più asciutto; Jeff Ament, il nostro bassista, voleva farlo da tanto tempo e alla fine l'abbiamo fatto. Entrambe le cose si sono verificate allo stesso tempo. C'è stata probabilmente una qualche influenza sul modo in cui questo nuovo disco è venuto fuori, ma non sul modo di scrivere le canzoni perché penso che siamo tutti delle persone diverse oggi. Siamo più vecchi. Abbiamo un nuovo batterista, Matt. Voglio dire, è il nostro batterista da più tempo, ma ha scritto il nuovo singolo e penso che i nuovi pezzi siano proprio qualcosa di diverso da quelli che scrivevamo quando avevamo vent'anni. A livello di suoni può essere più vivace, o possono suonare ugualmente vivaci. Ma a parte questo, penso che non ci sia molto altro in comune.

BM: Penso che una reazione che molti di noi stanno avendo è che per lo più è molto “up” e molto allegro. Mi chiedo da cosa dipenda.

MM: Dal mio punto di vista, direi che veniamo fuori da otto anni di orribile governo e ora abbiamo un nuovo presidente e siamo tutti felici ed eccitati dal fatto che c'è veramente un po' di speranza e qualcuno sveglio alla Casa Bianca e queste cose influenzano le nostre vite in modo positivo mentre non è stato così per molti, molti anni. Questo ci rende entusiasti di poter vivere questo momento come cittadini americani e come band. Penso che abbia molto a che fare con questa cosa.

BM: Mi chiedevo se “The Fixer” fosse una canzone specificamente su questo, perché sembra corrispondere.

MM: Penso che “The Fixer” sia più una canzone, per quello che ne so, di Eddie (Vedder, il cantante) che parla di se stesso, del suo modo di mettere insieme e di ascoltare le idee di tutti gli altri. Lui accoglie alcune cose e non altre. Ed è come uno scienziato dietro le quinte, uno scienziato pazzo credo, non so. Mette tutto insieme e aggiusta le cose in qualche modo. Penso che parli di questo. Ma puoi generalizzarlo anche al nostro nuovo clima politico. Si spera.

BM: Ho notato che avete fatto pezzi brevi, molto diretti, quasi stile garage. Avete in qualche modo cercato di controllare la tendenza a renderle un po' più così?

MM: Penso che all'inizio non fossimo consapevoli di limitarle. Avevamo circa 17 idee per questo progetto, da 17 a 20. E quando siamo arrivati a circa 11 completate, Brendan (O'Brien, il produttore) e Ed si sono fermati e hanno detto “Hey, questo sembra un disco davvero buono”. Stone (Gossard, il chitarrista) aveva parlato di voler fare un disco più breve, più conciso e penso che ci siamo riusciti. Detto ciò, abbiamo ancora altre canzoni rimaste fuori da questa session con le quali potremmo fare qualcosa nei prossimi sei mesi. Ma questa ci è sembrata la giusta quantità di pezzi. E riporta all'ascolto dei nostri dischi preferiti con i quali siamo cresciuti. Rocks degli Aerosmith aveva nove canzoni credo, e i vecchi dischi dei Van Halen per me avevano otto o nove pezzi. Sto mostrando la mia età adesso, ma sono queste cose qui. Quelli sono dischi davvero buoni per me, e non è necessario che contengano un sacco di roba.

BM: Infatti. In una canzone è citato Johnny Guitar. Mi chiedevo come ha fatto a finire dentro una canzone dei Pearl Jam.

MM: In realtà c'era una foto di uno dei suoi dischi nella nostra warehouse quando l'abbiamo comprata. E c'era un muro, specificamente nel bagno, che aveva un mucchio di vinili e tra questi c'era un suo disco con in copertina lui su un triciclo. Penso fosse del periodo della crisi energetica o qualcosa del genere, nei primi anni '70, quando uscì quel disco. Lui è sul triciclo, circondato da donne ed abbiamo pensato che fosse una specie di...penso che Ed l'abbia trovata una copertina ironica. E, come fa sempre il suo cervello, ha tirato fuori delle idee da lì. Sei la prima persona che mi chiede di quella canzone in tutte le interviste che sto facendo, mi fa piacere che sia venuto fuori. Anche in questo caso la musica è di Matt.

BM: E' una buona canzone. Volevo chiederti qualcosa anche di “The End” che secondo me è una vero cambio di direzione alla fine dell'album perché si attraversa un groove molto vivo e più upbeat e poi all'improvviso arriva una canzone sostanzialmente sulla morte.

MM: Già. O sulla vita. Potrebbe essere sul conservare i momenti in cui ti prendi cura profondamente delle persone che ami e della tua famiglia, tenendo a mente che siamo qui solo temporaneamente. Ma si tratta di una canzone che Ed aveva in versione demo e suona quasi esattamente come il demo. Ce l'ha suonata ed era così commovente ed era perfetta. Così l'ha registrata di nuovo e per lo più suona esattamente come il demo. Suona così evocativa e struggente e diretta come l'originale ed è un ottimo modo per chiudere il disco secondo me.

BM: Sai dirmi che tipo di giornata aveva avuto quando l'ha scritta?

MM: Non lo so...dovresti chiederlo a lui. Non so quale processo ci sia dietro. So solo che è un'ottima canzone.

BM: Di solito lui arriva con un insieme già formato per quanto riguarda le idee sui testi? E immagino che la maggior parte delle volte voi abbiate una qualche intuizione del posto da cui sta arrivando e su cosa sta lavorando.

MM: E' un mix di cose. A volte arriva con una canzone completa come “The End” già pronta e allora la mette giù da solo. Oppure Stone ha un riff - come è successo ad esempio con “Amongst the Waves” - e ci lavoriamo musicalmente e mettiamo tutto insieme, e poi lui arriva ed inizia a canticchiare delle armonie e delle idee. Poi se ne va alla sua macchina da scrivere e scrive alcune cose, alcuni testi. Ci lavora su tutta la notte e poi forse torna e li cambia il giorno dopo o una settimana dopo o quello che sia. Ho notato che segue un procedimento diverso per ogni brano.

BM: Quindi l'idea complessiva di Backspacer è di tornare indietro su qualcosa che avete sbagliato e correggere l'errore. E' questa l'idea che c'è dietro?

MM: Mi piace che tu ci veda questo. [ride] Penso che possa esserci quell'intento. Credo che Ed abbia avuto l'idea iniziale da quelle macchine da scrivere degli anni ‘30 che colleziona e con le quali scrive i testi, hanno un tasto che dice “Backspacer.” In realtà credo sia “Backspace”. Comunque, è da lì che ha preso l'idea. Penso sia anche quello che dici tu, e anche guardare alla propria vita da quando si era ragazzini fino ad oggi e, quando il disco sarà pubblicato, l'artwork mostrerà ciò di cui sto parlando. Alcuni nostri processi di pensiero da giovani sono diventati forme d'arte nel disco, grazie a Tom Tomorrow, che è uno straordinario artista.

BM: Oh sì, This Modern World.

MM: Lo conosci. Ha fatto tutto l'artwork.

BM: A parte l'aspetto politico di cui parlavi, c'era un senso di “Eccoci qui, sono passati tutti questi anni, siamo arrivati in un bel posto” - è stato questo lo spunto di questo disco?

MM: Penso che in qualche modo lo affermiamo nella nostra vita di tutti i giorni. Ci sentiamo tutti estremamente grati di essere ancora in giro a fare musica e che la gente venga a vederci, e che ancora stiamo bene insieme. Parliamo tra noi e ancora litighiamo e cose così, ma sentiamo che ancora ci piace fare musica insieme. E alla gente piace, credo. C'è una sensazione di maggiore calma rispetto a quando eravamo nella tempesta all'epoca in cui avevamo un successo enorme, nel ‘95, ‘96 quando non sapevamo cosa fare se non solo sopravvivere il più a lungo possibile. E poi a volte si crolla e a volte no. Penso che siamo più sereni ora, ma suoniamo ancora alla grande. Anzi spero che suoniamo meglio di allora. Perché adesso abbiamo più canzoni. Ne abbiamo circa 200, è folle.

BM: Immagino che sia stato un processo lungo, che i fan hanno condiviso con voi, il successo della band e come avete reagito ad esso. Ed eccovi qui, ancora di successo, ma immagino che oggi abbiate un modo di gestirlo che avete imparato nel corso degli anni.

MM: Penso che i nostri fan siano stati pazienti con noi, ne abbiamo persi alcuni nel corso degli anni, certamente facendo cose così tanto fai-da-te, non facendo video, occupandoci di alcune cause che ci hanno portato a suonare in alcuni posti difficili da raggiungere. Era difficile per la gente venire a vederci. Ed io applaudo le persone che ci sono rimaste vicine attraversando tutto ciò, perché non so se io l'avrei fatto. Rifammi la domanda, perché credo di essermi perso.

BM: Stavo solo parlando dell'essere a proprio agio con il successo, al livello cui siete arrivati, e immagino che abbiate sviluppato qualche metodo per gestirlo che vi permetta di stare bene.

MM: Penso di sì. Faremo attenzione a questa cosa nell'editing. [ride] Credo che alcune cose arrivino con l'età. Siamo tutti più vecchi, sulla quarantina, e abbiamo famiglia. Quelle sono le priorità. Questa roba è la priorità oggi. La musica è divertente ed è meravigliosa ed è il nostro lavoro ed abbiamo successo, ed io sono molto grato di tutto ciò, ma ci sono altre cose nella vita. Mentre prima, era tutto un buttarsi a capofitto in questa cosa e magari prendere qualche botta ogni tanto sulla strada che ci ha portato fin qui. Come ho detto, siamo grati di essere ancora in circolazione.

BM: Una cosa che ci piace fare in Rock Band è mostrare che anche le più grandi band hanno avuto le loro esperienze iniziali in piccoli locali. Volevo chiedere ai Pearl Jam di un posto come l'Off Ramp, che è diventato leggendario come il Cavern Club. Puoi riportarmi indietro a quel primo concerto e raccontarmi qual era l'atmosfera?

BM: [ride] Ricordo il primo concerto all'Off Ramp come un qualcosa di caotico, perché ero nervoso al pensiero che fosse troppo presto per uno show. Jeff e Stone avevano un contratto con la Polygram e non se ne erano ancora liberati, ed eravamo lì ad esibire la nostra nuova band otto o dieci giorni dopo che l'avevamo messa insieme. Stone diceva “Eh, facciamo uno show e vediamo come va”. Ed io ero preoccupato che non fosse una buona idea dal punto di vista del business.
Ma detto ciò, avevo anche voglia di suonare perché sentivo che avevamo una band davvero ottima. Ed era appena arrivato ed avevamo appena iniziato, era la prima volta che mi trovavo in una band nella situazione in cui si andava davvero al massimo con tutti i cilindri. Non c'era un legame fragile nella band. L'Off Ramp è un club piccolissimo. Esiste ancora. Ha cambiato nome tre volte nel corso degli anni. Credo che adesso si chiami El Corazon e c'è un palo, sostanzialmente al centro del palco, per cui devi sempre girarci intorno. Non so se l'hai visto o se ci sei mai stato, ma è molto piccolo e fa un po' paura. Eravamo lì e c'era un grande interesse perché era un po' il livello successivo di quello che Jeff e Stone stavano facendo. I Mother Love Bone erano piuttosto famosi in città, perciò la gente era venuta a vedere pensando “Di che si tratta?” E penso che abbiamo convinto quel primo pubblico semplicemente facendo i nostri pezzi e suonando con tutta la convinzione e l'entusiasmo di cui possono essere capaci cinque ragazzi giovani. E' stato eccitante ed esaltante. E' stato esageratamente lodato. E' filato via molto velocemente, è tutto quello che posso dire. E dopo eravamo fuori per iniziare a fare il nuovo disco, e poi eravamo in un van tour con gli Alice in Chains, e dopo ancora eravamo in un altro van tour, e poi ci siamo ritrovati ad aprire per i Peppers, e subito dopo eravamo al Lollapalooza, e poi [rumore di esplosione] è esploso tutto.

BM: E poi è successo.

MM: [ride] Sì. Tutto l'insieme. I Nirvana arrivarono al numero uno. E ogni cosa divenne folle.

BM: Noi abbiamo Drop In the Park, un paio di brani da quel concerto, nel gioco.

MM: Grandioso.

BM: E la cosa mi fa pensare a tutta la leggenda di Eddie e la sua piccola avventura aerea.

MM: Uh huh.

BM: L'arrampicata. Mi chiedevo cosa pensavi quando guardavi in alto e lo vedevi fare quelle cose.

MM: Tutte le volte che ho visto Ed fare quelle cose negli anni, il mio pensiero era “Okay, cadrà. E sarà tutto finito. Lui morirà. Per favore vieni giù, e smettila di farlo”. Ma ero anche euforico ed eccitato da queste cose, perché le faceva nel mezzo di “Porch”. Quella volta in particolare, al Drop in the Park, fece qualcosa che non aveva mai fatto prima. Ha lanciato il microfono sopra il supporto dei riflettori e ci si è arrampicato per poi penzolare da lassù e poi venire giù o qualcosa del genere, non ricordo bene. E' stato un altro di quei momenti del tipo: “Allora, cadrà?” Ma lui è super-forte, quindi non l'ho mai visto cadere. L'ho visto salire in cima ad una trave di 50 piedi sospeso in aria, a San Diego, quando aprivamo per i Peppers e i Nirvana, per probabilmente cinque minuti a testa in giù. E io continuavo a pensare “Fate venire giù quel ragazzo, per favore tiratelo giù. Verrà mai giù?” E sicuramente il Drop in the Park è stato un concerto eccitante perché avevamo fatto una grande lotta con il comune per cercare di realizzarlo, e la prima volta ci hanno fatto smettere. Per il primo show che volevamo fare, ci dissero che non avevamo l'appropriata protezione della polizia o blah blah blah, o non so che altro. Ma avevamo radunato tutta quella gente. Ci hanno fatto chiudere al Gasworks Park il giorno dello show, e così hanno fatto incazzare tutti i genitori che avevano portato lì i figli. Così si rivolsero al sindaco. Quando facciamo i concerti, vogliamo che siano quanto più possibile comodi e sicuri. Ed eravamo molto consapevoli di questo per il primo Drop in the Park e per il secondo. Per questo dovevamo lavorare con il comune per realizzare quello show ed è stata dura. Erano 50.000 persone ad un concerto gratuito. E' stato più simile allo show che c'è stato qui. E questo si è realizzato. E' stato meraviglioso...non lo dimenticherò mai. E' stata un'esperienza fantastica. Era il vecchio posto in cui suonavo da ragazzino.

BM: Adesso siete una di quelle band con molti dei vostri fan che collezionano tutti i concerti e confrontano le note di ogni cosa che suonate ad ogni show e le diverse versioni delle canzoni. Questo influisce su quello che fate sul palco? Cercate di dare loro qualcosa di notevole ogni volta?

MM: Credo che Ed sia consapevole di questo. Quando arriviamo in una città e facciamo un concerto, guardiamo le setlist che abbiamo fatto negli ultimi dieci anni in quella città e le riesaminiamo - lo fa Ed - e diciamo “Okay, abbiamo suonato qui questo pezzo nei primi anni '90 o qualcosa del genere, perciò non lo suoneremo”. Lui ha una memoria incredibile e vogliamo essere sicuri di dare ai fan qualcosa di nuovo ogni sera, e mantenere anche il nostro entusiasmo. Come ho detto prima, abbiamo circa 200 brani tra cui pescare e ci sono cose che spesso mi dimentico. “Oh sì, c'è quella canzone. Potremmo farla”. La proviamo al soundcheck e a volte funziona e a volte no. Vogliamo mantenere l'interesse per noi stessi e per i fan. Perché questo fa sì che le persone vogliano collezionare le cose e tornare a vederci perché avranno una setlist diversa, quasi completamente diversa ogni sera.

BM: Poiché si potrà suonare l'intero album su Rock Band, ci sono canzoni o momenti di alcune canzoni che ritieni siano particolarmente eccitanti e che vorresti evidenziare?

MM: Su Backspacer?

BM: Su Backspacer, sì.

MM: Sì, io direi di provare l'assolo di “Amongst the Waves.” Mi piace molto. E direi di darci dentro con “Gonna See My Friend.” Sarà divertente saltellare e suonare. E per quanto riguarda le canzoni più difficili da suonare, non saprei...suonatele tutte.

BM: Raccomandi di mettersi a saltare e pestare duro?

MM: Sicuro. Più che potete.[ride]

BM: Eccellente.

MM: E' rock. Giusto? E' rock & roll.

 

 

BACK