Q&A session with Pearl Jam

<< Back to Interviste | Home
 

 

Q&A session with Pearl Jam
Mar 9 2009 By Bryan Quinn

http://www.dailyrecord.co.uk



Q: Seattle has always been out of the mainstream American rock circuit, so how did the scene develop in the 1980s?
Stone Gossard: Everyone just got in bands. There wasnt a lot of trying to do anything other than that nobody was getting signed. A lot of us couldnt play! Whatever we had we tried to bring to the table and that made some weird combinations of people playing together so everybody was going for broke in the sense of what have you got to lose?
Matt Cameron: Seattle was isolated so a lot of national known big time rock acts wouldnt necessarily come up to Seattle and Portland. That forced the North West music scene to look inward and create stuff on our own turf, play our own clubs. At the time the 80s underground in the US was definitely getting a lot more organised with bands like Black Flag and Husker Du, Minor Threat, Butthole Surfers they were able to create a circuit that had nothing to do with major labels and the known music industry at that time. What our music scene really plugged into was that do it yourself spirit.

Q: Jeff and Stone you started playing together in Green River back in 1984. What were your early influences?
Stone: my influences were a lot of FM rock and pop on the radio. Simon and Garfunkel and disco. You couldnt help but be affected by disco. Even if you werent at the time in love with disco it was everywhere. I missed British punk I never really understood it until I started listening to the Sex Pistols in 84 and I went whoa, this is a rock band. Heavy Metal was huge too. Motorhead was the ultimate Seattle band, the lynchpin memories of how much you loved Black Sabbath when you were 8 years old.

Q: It is sometimes claimed that Green River invented grunge .
Jeff Ament: (chuckles) In the last year weve played four shows with Green River and while its been great to go back weve come to the conclusion that we were really just ripping off Black Flag and Motorhead and The Stooges. I guess thats what ended up being grunge so we probably owe Iggy and Lemmy and Greg Ginn some royalties from that era. They havent asked yet!

Q: In early 1990 the future of the Seattle rock scene appeared to be Mother Love Bone, in which Stone and Jeff wrote many of the songs. The band was fronted by the charismatic Andrew Wood and was signed to a major label. Days before the release of the bands debut album, Apple, Wood took a heroin overdose. He died a few days later from a cerebral haemorrhage. When Andrew died did you feel your chance was gone?
Jeff: I felt like maybe that was my one shot. I hung out with Stone a little right after Andy died. Wed go on long bike rides, sit around, have coffee and talk about anything other than being in a band together. I tried to make some sort of sense about what I was gonna do and if Stone and I were ever going to do anything together again. A friend of mine, Richard Stuverud, was in a band called War Babies. Their bass player had just quit and he said we have a show in 3 days can you learn these songs and play the show with us? I did and I had such a great time, better than the last days in Mother Love Bone. Right around the same time Stone said that he and Mike [McCready] had been playing some new songs that hed written and did I want to play on the demos that they were gonna cut.
Stone: I loved writing songs I had the bug so I was just gonna keep writing. We had some really tough circumstances but at the same time I loved waking up, writing songs and playing in a band particularly if its stuff you can play.

Q: How did you meet Mike?
Jeff: I ran into the singer of Shadow in the parking lot behind the restaurant that I worked in and he invited me to their show. When I got off work I walked in and Mike was on the stage by himself playing a guitar solo a la Eddie Van Halen
Mike McCready [laughs]: He shuddered. Even through Jeff was in the punk rock scene and I was in the metal scene it was a small scene up here in Seattle back in the early 80s so it was hard not to run into somebody.
By the end of the 80s Id been through the ringer of the music business. Id been playing in bands since I was 11 and we moved down to Los Angeles in 86 trying to make it down there with Shadow. We played for about a year, partied, ran out of money and I became totally disillusioned with rock and roll. I got Crohns disease, which just brought me to my knees so I changed everything. I just knew it was never gonna happen. I went to the illogical extreme. So I went back to school in Seattle, cut off all my hair and I was reading these Barry Goldwater books. That lasted for about a year then I heard Muddy Waters playing on the Bands last Waltz and started playing music again. Like phew.
I heard that Stone was looking for me he saw me playing at a party jamming to a Stevie Ray Vaughan record when Mother Love Bone was still happening so for me it was a huge opportunity. In my mind Stone had made it cos he had a record contract, hed already put out records, he knows the game and that was the unattainable thing for me. Stone and Jeff were rock stars around Seattle I had to ask Stone after we started jamming for about a week are we gonna start a band? What do you want to do? Cos he was keeping everything very close to his chest. It was an exciting timebrand new. it was a twist of fate for me.

Q. The trio of Stone, Jeff and Mike quickly put together some song ideas but were still looking for a singer and a drummer. Matt Cameron, drummer with Soundgarden and a stalwart of the Seattle scene, was recruited to play on the demo tapes. Eight years later he joined Pearl Jam as their full time drummer.
Matt: I couldnt predict what it would become obviously but they were all very well structured songs that you could definitely hear vocals on top. It was just a fun thing to do as I was between tours. It didnt sound like Mother Love Bone to me. It seemed like Stone was going for something different.
Stone: I expected that we were going to find somebody [to sing] in Seattle only because so far thats the way it had all worked. We loved Uplift Mofo Party Plan the Chilli Peppers record and the drumming on that record. Then because wed had some success in terms of getting signed and we were like OK maybe we should be bold enough to call up [drummer] Jack Irons and see what hes doing because we heard at that time he wasnt playing with the Chilli Peppers anymore. He was playing with Eleven and I literally just asked him on they way out the door if you know of any singers let us know so he said Yeah I do. I know a guy. Crazy Eddie.

Q: The demo tape was passed along to Eddie Vedder who had an epiphany on his surfboard. He quickly recorded three vocals over the backing tracks and posted it back to Seattle. What was your reaction to Eddies songs?
Stone: For Jeff it was instantaneous he loved it and a lot of people realised how good he was. For me it was a longer process. I was probably slow. He was clearly a good singer. I didnt necessarily get it. You can hear a song in your head but when somebody actually brings you back a finished vocal you can be like wow thats a different approach.

Q: When Eddie flew up to Seattle he insisted on going straight from the plane into the rehearsal studio.
Stone: Eddie wasnt a drunk. He was mellow. He brought us gifts. He was very thoughtful and very different and that was a great change so we dove right into it and wrote a bunch of songs. Then we knew it was on. You write your songs and then youve got em, then you go out and play, try to put yourself into em and hope for the best.
Mike: the first time Ed came to the studio he was wearing a Butthole Surfers T shirt. He had long hair but it was shaved at the side, cut off shorts and Doc Marten boots that were fairly worn in and a tan because he was living in California. I had already heard him sing on his demo and I knew he had a fantastic, exciting voice so I was wondering what this guy looked like. He was my size. He was short, unassuming but when he opened his mouth he had this thunderous voice and I was stoked. Because he was still feeling the situation out he was very stoic and staid, didnt move very much as he does now. He would sing with this incredible voice and just stand there. I was blown away.
I knew this was one of those moments that only comes once in a bands career. He was the missing piece to our band. There were 5 guys in a band, everybody was firing on all cylinders and Ed was a guy that could lead us to the promised land. I had no idea it was gonna be as huge as it did but I knew we were good.
Jeff: When we played with Ed we knew there was something happenin. I felt connected to what he was saying, how he was singing and the voice he brought to the band. I felt more connected to that than any other band Id ever been in. somewhere deep inside I knew that he gave us something for people to respond to it.

Q. The band were originally working as Mookie Blaylock the name of a pro basketball player. After they signed to Epic Records it became clear they would have to find another name for legal reasons. How did you settle on Pearl Jam?
Mike: Jeff, Ed and Stone saw Neil Young jamming for a long time so the word jam was there. I remember this list of names and we were sitting around the B&O coffee shop on Broadway. Pearl was up here and Jam was there amongst all these other words and we were putting them together. Jeff put those two together and we were like thats it.

Q: How did the recording sessions for Ten go?
Mike: wed done a few demos prior in our studio, the Galleria Potato Head. When we recorded Ten we brought in those ideas that Stone and I had been working on, that Jeff, Stone and I had been working on and what Ed had sung on over the period of a week Alive, Once, Jeremy and a couple of others that didnt make the record. We were up in London Bridge Studios in North Seattle and we would go in and record takes daily, and then overdub them later or the next day.
We did Evenflow about 50 70 times. I swear to God it was a nightmare. We played that thing over and over until we hated each other. I still dont think Stone is satisfied with how it came out. That was maybe the most arduous thing but it was also very exciting to be in a big major recording studio for the first time.

Q: What are your favourite songs on Ten
Stone: I love Oceans. That probably sums up why I get excited about song writing. Its like open detuning where the first chords just straight across and its just 2 fingers that come on and off to create the whole thing and then it moves down one position and it moves back up. It has a tiny little change in it but its also got 3 big movements. What I love about music is aesthetic chords; the simpler the better and then another set that does something to those original chords. Its a really simple arrangement.
We wrote it, we played it and Ed sang it, which is another thing that he does. Id never seen anyone engage with song writing the same way. Heres the song, let me play it for you. It goes like this. Ok theres a change here, lets do it and he would sing it. Id hear the melodies and Id think OK hes gonna write words or whatever and then I realised later that he actually had written the words right there. I couldnt understand how somebody could do that. Since then Ive met a lot of people that can do it so it was an eye opener but he does it better than anyone Ive ever seen do it.
Matt: When I was in Soundgarden and we were making Badmotorfinger Eddie brought up the mixes to Ten and I distinctly remember hearing the chorus for Evenflow and thinking thats HUGE. So hooky, its got a really rad Zeppelin huge rock feel to it. Although weve played it a couple of thousand times since Ive been in the group I think thats the quintessential Pearl Jam song. Even though it gets played out, the nuts and bolts of that song are just amazing. Oceans is also a fantastic song. Super fun to play.
Mike: I really like Alive a lot I look at it as a live song that weve done over the years and that people respond to very well and have an emotional attachment to. And I get to do a fun solo on it!
Jeff: At the time it was Oceans and its still my favourite track. When we recorded it I thought we were pushing the envelope and that there was a lot of other places that we could take the music that we made. I also like the intro and outro music, which was a kind of art, project that we did on a day where somebody was sick. Thats what I get most excited about, the stuff thats just a little bit outside of our comfort zone. Every record we made has had a little art project index. Somebody would come in with a vision for something crazy or a different way to approach recording or writing or switching instruments. Sometimes theyve failed but every once in a while something really good happens which creates a new way to make music together. If we felt like we were pushing out and people responded to that that is success to me.

Q: Ten sold 12 million copies and has become a seminal 90s album. What do you think of it now?
Stone: I think Tens still good but I dont put it on (laughs). The new mix of the record is great. Thats one of the things Im most excited about is Brendan doing another mix on it it sounds a little bit more like our subsequent records sounded so it gives it a different treatment
Matt: Its definitely stood the test of time. To me it sounds like a band playing in the studio.
Jeff: A little bit of hindsight but not necessarily the 17 years that its taken to get to this point! Ever since we made our 2nd record weve been thinking about remixing Ten. The original version has a little bit more of an 80s production. When Brendan mixed Vs., I asked him can you remix Ten just for me so I can listen to a drier more direct version of those songs?

Q: The Super deluxe Ten reissue package contains all sorts of extra goodies, including Eddies original demo tape, a DVD of your MTV Unplugged session, a new remix of Ten by Brendan OBrien, notebooks and vinyl versions. How did it come about?
Jeff: Sonys been asking us to do it for a long time but Kelly our manager has had the idea to do a 20 year anniversary retrospective movie so hes been on board with [film director] Cameron Crowe for the last few years. He presented the idea to us of reissuing some of these records leading up to that and I was really excited about doing Ten.
I wasnt happy with the way the original package came out. We had pretty severe restrictions in terms of what we could do. They didnt let us put it out on vinyl and that was a rough blow to us at the time cos I dont think I even had a CD player. I was one of the last people that I knew that got a CD player.
Early on I found out it was better to make bad art yourself than to have somebody else create what they thought would represent you. Ed and I have always been super hands on with all our art and Ten was the one time in Pearl Jam where the finished product really wasnt 100% what we intended. There was a bit of headbutting going on with the Sony art department at that time. The version that everybody got to know as the Ten album cover was pink and it was originally intended to be more of a burgundy colour and the picture of the band was supposed to be black and white. I felt this reissue was an opportunity to go back and finish what we started.
We had a hard time actually finding original photographs so all we had to work with was black and white photographs so we have a slightly different version of what the original colour was. We gave it a sepia tone finish. Ed and I dug through boxes and boxes of memorabilia and journals that we kept during the tours and the making of that first record and we created a journal with a lot of those artefacts and it was super fun. I think it was the first time that either one of us had dug through that stuff for 17 years and it filled in some memory loss that we had from that time. I think it has turned into a really cool package, a real fans package.
Mike: When we did MTV Unplugged we had flown in that day from Germany so we were all tired, jet lagged and hungover. We rented some guitars that were OK and we didnt feel that comfortable about it but we knew it was something that was good for us to do. Nobody in the band has ever been that excited about that performance but MTV Unplugged has been very exciting to many fans over the years like dude when are you going to release that? So we are finally gonna release that because of the fan demand.

Q: In the early days Ten was a slow seller and the band toured for months promoting it. During his first shows Eddie Vedder was a restrained front man. By the end he was an inspired performer. What caused that change?
Mike: What made Ed change from being stoic and being introspective was when Chris Cornell from Soundgarden took him out drinking and gave him an idea of maybe loosening up. I dont know what he did but after he hung out with Chris he started to open up a little bit more. Then we went on tour, we went to Europe a few times and he became this guy who would climb everywhere during the middle of the songs. I was worried every time he did it.
We were in San Diego it was us, Nirvana and the Chilli Peppers. He jumped up on this scaffolding bar, threw his microphone cord over it, climbed up it maybe 40 feet up, while we were doing the solo for Alive. Im thinking this guys gonna fall and kill himself and our careers over.
Stone: Ed didnt perform the way he was to subsequently till hed played 40 or 50 shows. Maybe not that many. All of a sudden he figured out how to exchange energy with the crowd in a way that hed never done before so thats when it went pheeeeeew. Ed knows how to inhabit a song and people can see it in his eyes and they hear it in his voice and they just fall into that.
I knew everything had gelled on the road where we had transcendent shows. The next record was probably where it felt better recording wise. I saw how it could change and evolve which gave me a lot of inspiration to go we can do ballads, we can do fast stuff, we can do slow stuff, we can do punk stuff. That was where I realised there were gonna be a lot of places to go with Ed. To have Ed sing on anything, the way he writes lyrics and the way he approaches your material is fantastic. He really loves getting into it, the challenges of all of our songs and the different ways theyre brought into em. He hears things and once hes onto it hell give you such incredible variety in terms of vocal approaches and rhythm and story. Hes so great with different points of view that its like going to Disneyland.

Q: The band became hugely successful very quickly and then as a band instead of grasping for every buck you took a counter stance stopped shooting videos and got into a battle with Ticketmaster. Was that entirely popular inside the group?
Mike: The idea of pulling back at the height of our popularity was not exciting to me at the time. I wanted to continue to ride it and play the game, to do videos and go on tour, not throw away this great opportunity. In hindsight it was the right idea.
It happened so fast for all of us out of the blue. It was kind of mind shattering. It was affecting us all in certain different ways and we werent talking to each other, we were partying too much, Ed was on the cover of Time magazine everything blew up and had we not done that at the time certainly the record label wanted us to not do that. The record company wanted us to do a video for Black, they wanted us to play all the game shows, get on everything they could possibly get on and they fought us for a long time about that and were very pissed about it.
Jeff, Stone and Ed specifically wanted to pull back and that saved us.
Jeff: At the time we thought that selling millions of records was the biggest curse ever. We saw the REM kind of slow success as being the right way to do it cos they came from that same kind of DIY background. But in retrospect that power actually allowed us a lot of freedom and allowed us to do things in a way that probably 99% of the major label bands that were out there didnt get to do. We created our own method and our own handbook on how to do it and were still figuring it out because of the way technologys changing now.
Jeff: The process of making a video was a painstaking process for us. It wasnt something that we were comfortable with, making sure the editing process was going the right way and that it was going to be as edgy as we wanted it to be, those were battles that took weeks and sometimes months. Sometimes wed spend $200,000 on this piece of art that nobody has ever seen so it just seemed like a waste of our time when we would rather be playing shows or writing songs.
After we won the video of the year for Jeremy we were like well weve done this. We made the best video on the planet this year so now lets do something else.

Q: Over the years Pearl Jam have been incredibly supportive of their fans. Was that always in your grand plan or did that evolve?
Stone: It was always in the plan in the sense that we saw right away that doin stuff on your own is good. None of us waited for anything to happen We just started playing, touring and making T shirts, recording and making coloured singles. We started doing that on our own.
Mike: Our fan base is very important to us. They are everything. They are the reason I am sitting here on this couch in our warehouse. We run a business out of here - its very important. It keeps us alive as a band. Our fans are extremely important to us and they follow us around. People go and see hundreds of shows. It just blows me away.
Jeff: After we sold a bazillion records on Ten we had a bit of power so we decided to exert that power. What would a music fan want? We approached things from that standpoint. The way that Pink Floyd put out packages using Hipgnosis artwork, Led Zeppelin used real special packaging. It was mystical and super creative and a lot of times it was totally off the wall I like to think that we used that little bit of power to make stuff that looked cooler.

Q: Pearl Jam were one of the first bands to release official bootlegs - and now internet downloads - of your concerts. Did you experience any record company objection when you started doing it?
Stone: Im sure there was somebody that said it was a bad idea but we just pushed it through and I think in the end they said oh we sold thousandsso thats cool. I didnt get the memo (laughs) as to how much we had to make the record company let us do bootlegs.
Mike: The driving force behind the bootleg series was Kelly Curtis our manager who had been talking about it with Jeff Ament and Eddie. Weve always liked bootlegs as a band but we would see our own bootlegs out there, wed collect them and they would be inferior quality. So we decided lets just put our own out and charge a little bit less for them and make em sound as good as they possibly can

Q: Where are you favourite places to tour?
Mike: I love England a lot. I love to walk around Hyde Park and hang out. I like to play in Rome, Milan; weve toured all over Italy thats been interesting. Columbia River Gorge is a favourite place we play here in Seattle. We played some shows with Neil Young and we subsequently did a record called Mirrorball with him and he asked us if we would be his touring band over in Europe. It was a dream come true. We got to play a bunch of Neil Young songs with Neil Young himself and got to go to Berlin, to Jerusalem, to the Red Sea.
Jeff: Europe is certainly on our radar right now and were still trying to figure out how to sanely tour there at some point in the next 18 months. A lot of its gonna depend on how quickly we finish up our new record.
Weve only been to South America once but that was pretty phenomenal. The countries in Europe that have a real similar vibe to South America are Spain and Italy. We had a great tour of Canada in 2005 incredible. Its cool to know there are still places that we havent played. We havent played Alaska, we havent played Iceland, and we really need to get back to Finland because we played a show there in 93 with Neil Young that was not the best.

Q: Pearl Jam will be celebrating your 20th Anniversary in 2010. Do you see yourself going on indefinitely?
Stone: It would be thrilling if it happened if we all looked at each other 10-20 years from now and went how did we do this. Wed have to play a crotchety Evenflow with disco brushes. (Laughs) Our fans are gonna be so old theyre not going to be able to hear us anyway so maybe we can be video transformed to look 30 years younger
Matt: I just dont want to become the Rolling Stones
Mike: I dont think theres any way we thought our band would last 20 years. Were still talking. Its incredible.
Jeff: Its pretty insane that weve lasted 20 years. At the start I guessed we might make 3 or 4 records, have a little bit of success and we would have gotten to play with some of our heroes. Probably the biggest fringe benefit is that weve shared stages with Iggy Pop, Henry Rollins, REM, Neil Young, the Rolling Stones and Frank Black the list goes on and on. Thats the little kid dream come true being able to play with all those incredible bands and artists that we grew up loving and we still love.

Q: What is the secret of your longevity?
Mike: Pearl Jam has survived this long by luck and because over the years the five of us have confronted each other on issues. We have open lines of communication and wed call somebody on their shit if theres a problem. The reason why weve lasted so long is we write music, we get very intense, we go away from each other, do our own thing and then we get back together. We give each other space.
Jeff: Thats the biggest reason why were still around. There was a point about 93 or 94 where we sort of disbanded for 6 months, didnt really talk to one another, didnt really know where each other was at and went off to live life and refuel. It gave us a lot of energy creatively to get away from the bubble. Right around that time everybody started doing side projects, started working on their own music and thats been really important and satisfying individually.

Q: Has Pearl Jam always been a democracy?
Jeff: I dont know if its ever been a dictatorship. we started the band with the idea that it was gonna be a democracy but theres been times in the last 15 years where Ed has had to take the reins because we were about to go off a cliff. At those times where we werent sure WHAT we were doing, hes been great at being able to steer the ship right. He has no problem telling any of us that he needs help. Now were pretty good at calling one another and saying things like how do you feel about this? Id really love to take the reins on this project and work it through. It makes everyone feel a genuine part of the band. Pearl Jam is a real band.
Stone: Im the luckiest guy in the world cos I get to be in a band and write songs in a band with 5 songwriters. I get to learn from everybodys process of how a song structures change and how different people hear different rhythms and different melodies and different sequences. Ed can relate to all these sorts of different things, he always steps outside and keeps exploring new places. I get to play with Matt Cameron, I get to play with Eddie Vedder, come on! And I get to strum along.

Q: Whats your favourite Pearl Jam song?
Stone: Nothing Man. I didnt write it. Jeff Ament wrote it, Dave Abbruzzese plays great drums on it. Jeff had the chord changes; him and Ed maybe worked it out before. Real Jeff Ament style, his approach to strumming. It has his character trademarks but at the same time really super simple, Ed connects so well with it that anyone who hears it will wanna sing along.
Matt: I really like playing Glorified G a lot from the 2nd record. Thats a really great quintessential Pearl Jam song 'cos its got the counterpoint guitars panned right and left hard and a really funky bass line.
Stone: Its trying to be country and funky at the same time (laughs), which is really bizarre.
Mike: Alive or Evenflow but mostly Alive cos its our classic. a song that people identify with us. Its anthemic. I know the other guys probably wouldnt say that but thats what I think of it and thats what Ive heard people tell me. Alive encapsulates the lyricism, the musicianship and the feeling of this band.
Jeff: Im really fond of a handful of songs that we recorded for the Vitalogy record. Last Exit, Nothing Man and Tremor Christ were recorded at Daniel Lanois studio in New Orleans. Theres something about the sound of those songs and how easily they came. I love playing Last Exit live and whenever I hear it, it just sounds like we did it right, it sounds natural like we captured what was coming out of us.

 

Domande & Risposte con i Pearl Jam
9 Marzo 2009 di Bryan Quinn

http://www.dailyrecord.co.uk / Traduzione a cura di As_It_Seems



Seattle è smpre stata fuori dal circuito mainstream del rock Americano, e allora come si è sviluppata la scena negli anni ‘80?
Stone : Tutti erano in una band. Non c'era molto altro da fare a parte questo, nessuno aveva un contratto. Molti di noi non sapevano suonare! Cercavamo di mettere sul piatto qualsiasi cosa avessimo e questo ha creato alcune strane combinazioni di persone che suonavano insieme e tutti ci investivamo al massimo nel senso di “cosa hai da perdere?”
Matt : Seattle era isolata, per cui tanti grandi del rock di fama nazionale non necessariamente venivano a Seattle e Portland. Questo costringeva la scena musicale del Nord Est a guardare al proprio interno e a creare cose in proprio, a suonare nei nostri clubs. In quel periodo l'underground degli anni '80 negli USA stava diventando indubbiamente molto più organizzato con band come Black Flag e Husker Du, Minor Threat, Butthole Surfers, che riuscirono a creare un circuito che non aveva niente a che fare con le major e con l'industria della musica che esisteva in quel momento.
La nostra scena musicale si è connessa direttamente a quello spirito fai-da-te.

Jeff e Stone, voi avete iniziato a suoare insieme nei Green River nel 1984. Quali sono state le vostre prime influenze?
Stone : le mie influenze sono state tanto rock FM e pop alla radio. Simon and Garfunkel e disco. Non potevi fare a meno di essere influenzato dalla disco. Anche se non ti piaceva la disco in quel periodo era dappertutto. Ho perso il punk inglese, non l'ho mai capito veramente finché non ho iniziato ad ascoltare i Sex Pistols nell'84 e allora ho detto WOW, questa è una rock band. Anche l'Heavy Metal era importante. I Motorhead erano la più grande band di Seattle, il ricordo fondamentale di quanto ti piacevano i Black Sabbath quando avevi 8 anni.

Qualcuno sostiene che i Green River hanno inventato il grunge.
Jeff : (ridacchia) Nell'ultimo anno abbiamo suonato quattro show con i Green River e sebbene sia stato bellissimo tornare indietro, siamo giunti alla conclusione che stavamo più che altro saccheggiando i Black Flag e Motorhead e The Stooges. Penso che questo è ciò che ha finito per diventare grunge quindi probabilmente dobbiamo alcune royalties di quell'epoca a Iggy e Lemmy e Greg Ginn. Non le hanno ancora chieste!

Nei primi anni '90 il futuro della scena rock di Seattle sembravano essere i Mother Love Bone, nei quali Stone e Jeff scrivevano molte delle canzoni. La band aveva un carismatico frontman, Andrew Wood e aveva firmato per una major. Alcuni giorni prima della pubblicazione dell'album di debutto della band, Apple, Wood ebbe un'overdose di eroina. Morì alcuni giorni dopo per un'emorragia cerebrale. Quando Andrew morì avete sentito che la vostra possibilità era svanita?
Jeff : Sentivo che forse quella era la mia unica possibilità. Sono stato un po' con Stone subito dopo la morte di Andy. Facevamo lunghe corse in bicicletta, andavamo in giro, bevevamo caffè e parlavamo di niente altro che di stare insieme in una band. Cercavo di trovare in qualche modo un senso a quello che avrei fatto e se Stone ed io avremmo mai fatto altro insieme. Un mio amico, Richard Stuverud, era in una band chiamata War Babies. Il loro bassista se ne era appena andato e mi disse “abbiamo uno show fra 3 giorni, puoi imparare questi pezzi e suonare con noi?” L'ho fatto e mi sono divertito moltissimo, più che negli ultimi giorni nei Mother Love Bone. Nello stesso periodo Stone mi disse che lui e Mike [McCready] avrebbero suonato alcuni pezzi nuovi che lui aveva scritto e mi chiese se volevo suonare nel demo che avrebbero registrato.
Stone : Adoravo scrivere canzoni, era come una malattia per me quindi ho semplicemente continuato a scrivere. Avevamo vissuto circostanze durissime ma allo stesso tempo mi piaceva svegliarmi, scrivere canzoni e suonare in una band soprattutto se sono cose che puoi suonare.

Come avete incontrato Mike?
Jeff : Ho incontrato per caso il cantante degli Shadow nel parcheggio dietro il ristorante in cui lavoravo e mi ha invitato al loro show. Quando ho finito di lavorare sono entrato e Mike era sul palco da solo a suonare la chitarra stile Eddie Van Halen.
Mike [ride]: Lui è rabbrividito. Anche se Jeff era nella scena punk rock ed io ero nella scena metal, la scena qui a Seattle era piccola nei primi anni '80 per cui era difficile non imbattersi in qualcuno.
Dalla fine degli anni ‘80 ho iniziato a conoscere il music business. Ho suonato in band da quando avevo 11 anni e con gli Shadow ci siamo trasferiti a Los Angeles nell'86 cercando di sfondare laggiù. Abbiamo suonato per circa un anno, abbiamo fatto baldoria, abbiamo finito i soldi e mi sono totalmente disilluso sul rock and roll. Avevo il morbo di Crohn, che mi ha messo in ginocchio e così ho cambiato tutto. Pensavo che non sarebbe mai successo niente. Sono arrivato all'illogico estremo. Così sono tornato a scuola a Seattle, mi sono tagliato i capelli e mi sono messo a leggere i libri di Barry Goldwater. Questo è durato per circa un anno, poi ho sentito suonare Muddy Waters in Last Waltz dei The Bands ed ho ricominciato a suonare. Per fortuna!
Ho saputo che Stone mi cercava, mi aveva visto suonare ad un “party jamming” per un disco di Stevie Ray Vaughan quando i Mother Love Bone si dovevano ancora formare, quindi per me era una grande opportunità. Nella mia mente Stone ce l'aveva fatta perché aveva un contratto per un disco, aveva già fatto dischi, conosceva il gioco e questa era una cosa impossibile per me. Stone e Jeff erano delle rock star nell'area di Seattle, ho dovuto chiedere a Stone, dopo che avevamo iniziato a suonare da circa una settimana “metteremo su una band? Cosa vuoi fare?” Perché lui si teneva tutto dentro. E' stato un periodo nuovo davvero eccitante. E' stato un momento fatale per me.

Il trio Stone, Jeff e Mike mise insieme velocemente alcune idee per dei pezzi ma stava ancora cercando un cantante e un batterista. Matt Cameron, batterista dei Soundgarden e membro importante della scena di Seattle, venne reclutato per suonare nei demo tapes. Otto anni dopo si è unito ai Pearl Jam come loro batterista ufficiale .
Matt : Non avrei potuto immaginare ciò che sarebbe successo ovviamente ma i loro pezzi erano così ben strutturati che potevi sentirci la parte cantata sopra. E' stata una cosa divertente da fare visto che ero tra un tour e l'altro. Non suonavano come i Mother Love Bone secondo me. Sembrava che Stone stesse cercando qualcosa di diverso.
Stone : Mi aspettavo che avremmo trovato qualcuno [come cantante] a Seattle solo perché fino a quel momento era sempre andata così. Ci piaceva il disco dei Chilli Peppers “Uplift Mofo Party Plan” e la batteria di quel disco. E allora visto che avevamo avuto un po' di successo avendo avuto un contratto discografico, pensavamo “Ok forse potremmo essere abbastanza arditi da chiamare Jack Irons [batterista] e sentire cosa sta facendo” perché sapevamo che in quel periodo non suonava più con i Chilli Peppers. Suonava con gli Eleven ed io gli ho chiesto letteralmente mentre stava partendo “se conosci qualche cantante, facci sapere” e lui ha detto “sì, conosco un ragazzo. Eddie il pazzo”.

Il demo tape è stato consegnato a Eddie Vedder che ha avuto un'illuminazione sulla sua tavola da surf. Ha rapidamente registrato tre parti vocali sulle tracce e le ha rispedite a Seattle. Quale è stata la vostra reazione alle canzoni di Eddie?
Stone : Per Jeff è stato istantaneo, gli è piaciuto moltissimo e molte persone si sono accorte di quanto fosse buono. Per me è stato un processo più lungo. Probabilmente ero lento. Era chiaramente un ottimo cantante. Non lo avevo necessariamente capito. Puoi sentire una canzone nella tua testa ma quando qualcuno ti riporta una parte vocale perfetta tu puoi pensare “wow questo è un approccio diverso”.

Quando Eddie è arrivato a Seattle ha insistito per andare direttamente dall'aeroporto alla sala prove .
Stone : Eddie non era un alcolizzato. Era una persona dolce. Ci ha portato dei regali. Era molto introspettivo e molto particolare e questo era un grande cambiamento così ci siamo tuffati in questa cosa e abbiamo scritto un po' di canzoni. Poi abbiamo capito che funzionava. Tu scrivi le tue canzoni e le fai tue, poi vai fuori e le suoni, cerchi di metterci tutto te stesso e speri per il meglio.
Mike : la prima volta che Ed è venuto in studio indossava una t-shirt dei Butthole Surfers. Aveva i capelli lunghi ma era rasato ai lati, pantaloncini tagliati e scarponcini Doc Martens abbastanza usati ed era abbronzato perché viveva in California. Lo avevo già sentito cantare nel demo e sapevo che aveva una voce fantastica, meravigliosa, quindi mi chiedevo che aspetto avesse questo ragazzo. Fisicamente era come me. Non era alto, era modesto ma quando ha aperto la bocca ho sentito questa voce potente e mi ha impressionato. Poiché non si sentiva ancora a suo agio, era piuttosto impassibile e serio, non si muoveva molto, al contrario di come fa adesso. Ha cantato con quella incredibile voce stando lì in piedi. Mi ha colpito profondamente.
Sapevo che quello era uno di quei momenti che capitano una sola volta nella vita di una band. Lui era il pezzo mancante della nostra band. C'erano 5 ragazzi in una band, tutti andavamo a mille e Ed era colui che ci poteva condurre verso la terra promessa. Non avevo idea che sarebbe stata una cosa così enorme come poi è stata ma sapevo che eravamo grandi.
Jeff : Quando abbiamo suonato con Ed sapevamo che stava succedendo qualcosa. Mi sentivo legato a quello che diceva, al modo in cui cantava e alla voce che aveva portato alla band. Mi sentivo più legato a tutto questo che ad ogni altra band in cui ero stato. Da qualche parte nel profondo sapevo che ci stava dando qualcosa a cui il pubblico avrebbe risposto.

La band si presentava originariamente come Mookie Blaylock, il nome di un giocatore di basket. Dopo aver firmato per la Epic Records diventa chiaro che bisognava trovare un altro nome per ragioni legali. Come avete deciso il nome “Pearl Jam”?
Mike : Jeff, Ed e Stone avevano visto Neil Young fare jam per parecchio tempo per cui la parola “jam” era lì. Mi ricordo questa lista di nomi e noi che stavamo seduti attorno al B&O coffee shop di Broadway. “Pearl” era lì in cima alla lista e c'era “Jam” in mezzo a tutte quelle altre parole e le abbiamo messe insieme. Jeff le mise insieme e noi abbiamo pensato “ecco qui”.


Come andarono le session di registrazione di Ten?
Mike : inizialmente abbiamo fatto alcuni demo nel nostro studio, Galleria Potato Head. Quando abbiamo registrato Ten abbiamo portato quelle idee a cui Stone ed io avevamo lavorato, a cui Jeff, Stone ed io avevamo lavorato e sulle quali Ed aveva cantato nel giro di una settimana, Alive, Once, Jeremy e un altro paio che non sono finite nel disco. Siamo andati poi nei London Bridge Studios in North Seattle e siamo andati avanti a registrare diverse take al giorno, per passare poi all'overdub più tardi o il giorno successivo.
Abbiamo fatto Evenflow almeno 50 o 70 volte. Giuro su Dio che è stato un incubo. L'abbiamo suonata ancora e ancora fino ad odiarci l'uno con l'altro. Penso ancora che Stone non sia soddisfatto di come è venuta. E' stata forse la cosa più difficile ma è stato anche molto eccitante essere in una grande major a registrare in studio per la prima volta.

Quali sono le vostre canzoni preferite di Ten?
Stone : Io amo Oceans. Probabilmente riassume la mia passione per la scrittura di canzoni. L'inizio è come privo di messa a punto, i primi accordi sono lineari e sono solo 2 dita che attaccano e staccano per creare il tutto e poi si muove giù di una posizione e torna indietro. Ha un minuscolo cambio in mezzo ma ha anche 3 grandi movimenti. Quello che amo della musica sono gli accordi estetici; più sono semplici e meglio è e poi un altro set che apporta qualcosa a questi accordi originali. E' un arrangiamento davvero semplice.
L'abbiamo scritta, l'abbiamo suonata e Ed l'ha cantata, che è un'altra delle cose che lui fa. Non ho mai visto nessuno impegnarsi nella scrittura delle canzoni nello stesso modo. Ecco la canzone, fammela suonare per te. Funziona così. “Ok c'è un cambiamento qui, facciamolo” e lui lo cantava. Io avrei ascoltato le melodie e avrei pensato “OK scriverà le parole o quello che sia” e poi più tardi mi sono reso conto che in realtà aveva scritto le parole proprio lì. Non riuscivo a capire come potesse farlo. Da allora ho incontrato molte persone che riescono a farlo, ed è stata una rivelazione, ma lui riesce a farlo meglio di chiunque altro io abbia mai visto.
Matt : Quando ero nei Soundgarden e stavamo facendo Badmotorfinger, Eddie portò i mixaggi di Ten ed io ricordo chiaramente di aver ascoltato il ritornello di Evenflow e di aver pensato che fosse IMMENSO. Così “hooky”, dà la sensazione davvero meravigliosa dell'immenso rock degli Zeppelin. Nonostante l'abbiamo suonata 2000 volte da quando io sono nel gruppo, credo che sia la canzone che rappresenta la quintessenza dei Pearl Jam. Anche se è stata consumata, i dadi e i bulloni di quel pezzo sono fantastici. Anche Oceans è una canzone fantastica. Super divertente da suonare.
Mike : A me piace moltissimo Alive, lo vedo come un pezzo live che abbiamo suonato in tutti questi anni e al quale il pubblico risponde molto bene e per il quale ha un attaccamento emotivo. E io faccio un divertente assolo in quel pezzo!
Jeff : A quei tempi era Oceans ed è ancora la mia preferita. Quando l'abbiamo registrata pensavo che stavamo facendo qualcosa di innovativo e che esistevano molti altri posti in cui potevamo portare la musica che stavamo facendo. Mi piace anche l'intro e la musica di coda, che era un tipo di arte, un progetto che abbiamo fatto un giorno in cui tutti erano malati. E' la cosa che mi ha appassionato di più, roba che è un po' fuori dal territorio che conosciamo. Ogni disco che abbiamo fatto ha avuto un piccolo progetto artistico. Qualcuno arrivava con una visione di qualcosa di folle o un differente modo di approcciare la registrazione o la scrittura o cambiare gli strumenti. A volte sono stati dei fallimenti ma ogni tanto è capitato qualcosa di veramente buono che ha createo un nuovo modo di fare musica insieme. Se avevamo la sensazione di spingerci oltre e le persone rispondevano positivamente, questo per me è un successo.

Ten ha venduto 12 milioni di copie ed è diventato un album seminale degli anni ‘90. Cosa ne pensate oggi?
Stone : Credo che Ten sia acora buono ma non lo ascolto (ride). Il nuovo mixaggio del disco è fantastico. Una delle cose che mi appassiona di più è che Brendan ha fatto un altro mixaggio, suona un po' di più come i nostri dischi successivi, quindi ha una cura diversa.
Matt : Ha indubbiamente resistito alla prova del tempo. Per me ha il sound di una band che suona in studio.
Jeff : Un po' di senno di poi ma non necessariamente i 17 anni che ci sono voluti per arrivare a questo punto! Già dal momento in cui abbiamo fatto il nostro secondo disco pensavamo al remixing di Ten. La versione originale è un po' più simile ad una produzione anni ‘80. Quando Brendan ha mixato Vs., gli ho chiesto “puoi remixare Ten solo per me in modo da pter ascoltare una versione più asciutta, più diretta di queste canzoni?”

Il “Super deluxe Ten reissue package” contiene ogni sorta di extra “chicche”, inclusi i demo tape originali di Eddie, un DVD della vostra performance all'MTV Unplugged, un nuovo remix di Ten realizzato da Brendan O'Brien, quaderni di appunti e versioni in vinile. Come ci si è arrivati?
Jeff : era da tanto che la Sony ci aveva chiesto di farlo ma Kelly, il nostro manager, ha avuto l'idea di fare un film retrospettivo per l'anniversario dei 20 anni e così ha lavorato con Cameron Crowe [regista] negli ultimi anni. Ci ha presentato l'idea di ristampare alcuni dei nostri dischi per preparare la strada a tutto ciò ed io ero molto eccitato dall'idea di rifare Ten. Non ero soddisfatto del package originale. Abbiamo avuto restrizioni piuttosto severe su quello che potevamo fare. Non ci hanno permesso di farlo uscire in vinile e questo è stato un brutto colpo per noi in quel momento perché io credo di non aver nemmeno avuto un lettore CD all'epoca. Io sono stato una delle ultime persone che conosco a comprare un lettore CD.
In un primo momento pensavo che fosse meglio fare della brutta arte da soli piuttosto che avere qualcuno che crea qualcosa che lui pensa possa rappresentarti. Ed ed io siamo sempre stati super attivi in tutti i nostri progetti artistici e Ten è stata l'unica volta nella storia dei Pearl Jam in cui il prodotto finale non è stato al 100% quello che volevamo. C'è stato un po' di scontro con l'ufficio artistico della Sony all'epoca. La versione che tutti conoscono come copertina dell'album Ten è rosa mentre nell'intenzione originaria era di un colore più borgogna e la foto della band doveva essere in bianco e nero. Ho pensato che questa ristampa potesse essere un'opportunità di tornare indietro e terminare quello che avevamo iniziato.
E' stato piuttosto difficile in realtà trovare le fotografie originali così tutto ciò con cui abbiamo potuto lavorare erano foto in bianco e nero e quindi abbiamo una versione lievemente differente da quello che era il colore originale. Gli abbiamo dato poi un tono seppia come finitura. Ed ed io abbiamo scavato tra scatole e scatole di memorabilia e diari che avevamo tenuto durante i tour e la lavorazione di quel primo disco ed abbiamo creato un diario con moltissimi di quei manufatti ed è stato davvero divertente. Credo fosse la prima volta che ciascuno di noi rovistasse tra quella roba da 17 anni a questa parte ed ha riempito alcuni vuoti di memoria che avevamo avuto da quell'epoca. Penso che sia venuto fuori un bel package, un package per veri fans.
Mike : Quando abbiamo fatto l'MTV Unplugged eravamo arrivati quel giorno dalla Germania per cui eravamo tutti stanchi, con il jet-lag e i postumi della sbornia. Abbiamo noleggiato delle chitarre che erano ok e non ci sentivamo molto tranquilli ma sapevamo che si trattava di qualcosa che dovevamo fare. Nessuno nella band è mai stato così contento di quella performance ma MTV Unplugged ha appassionato così tanti fans negli anni che ci dicevano “ragazzi quando lo pubblicherete?” E così lo pubblichiamo per soddisfare la richiesta dei fans.


Nei primi giorni Ten ha venduto poco e la band è andata in tour per mesi per promuoverlo. Durante i suoi primi show Eddie Vedder era un front man molto misurato. Alla fine è diventato un performer ispirato. Cosa ha provocato questo cambiamento?
Mike : Quello che ha fatto cambiare Ed dall'essere impassibile e introverso è stato quando Chris Cornell dei Soundgarden lo portò fuori a bere e gli diede forse l'idea di sciogliersi un po'. Io non so cosa fece ma dopo che uscì con Chris iniziò ad aprirsi un po' di più. Poi siamo andati in tour, siamo andati in Europa diverse volte e lui è diventato questo ragazzo che voleva arrampicarsi ovunque nel bel mezzo delle canzoni. Ero preoccupato ogni volta che lo faceva.
Eravamo a San Diego, eravamo noi, i Nirvana e i Chilli Peppers. Lui saltò in piedi su questa impalcatura, lanciò su il cavo del suo microfono, si arrampicò forse per 40 piedi (15 metri), mentre noi facevamo l'assolo di Alive. Io pensavo “questo ragazzo cadrà e si ammazzerà e la nostra carriera è finita”.
Stone : Ed non si esibì nel modo in cui fece successivamente finché non fece 40 o 50 concerti. Forse non così tanti. Improvvisamente scoprì come scambiare energia con il pubblico come non aveva mai fatto prima così quando ci riuscì...wow! Ed sa come interpretare una canzone e le persone possono vederlo nei suoi occhi e sentirlo nella sua voce e ci si immergono.
Capivo che tutto sarebbe cambiato mentre eravamo in tour e facevamo concerti straordinari. Nel disco successivo si è sentita probabilmente una maggiore consapevolezza nella registrazione. Mi sono reso conto di come le cose potevano cambiare ed evolvere e questo mi ha dato molta ispirazione per continuare, possiamo fare ballad, possiamo fare cose veloci, possiamo fare cose lente, possiamo fare cose punk. Lì ho capito che c'erano tanti posti in cui potevamo andare con Ed. Avere Ed che può cantare qualsiasi cosa, il modo in cui scrive i testi e il modo in cui si approccia al tuo materiale, è fantastico. Lui ama davvero farsi coinvolgere, le sfide di tutte le nostre canzoni e i diversi modi in cui venivano presentate. Lui ascolta le cose e quando ci è dentro ti dà una tale incredibile varietà di approcci vocali e ritmo e storia. E' così bravo a farti vedere diversi punti di vista che è come andare a Disneyland.

La band ha avuto un enorme successo molto rapidamente ma poi anziché andare ad afferrare ogni dollaro, avete assunto un atteggiamento contrario: avete smesso di girare video e avete iniziato una battaglia con Ticketmaster. Era condiviso da tutti all'interno del gruppo?
Mike : L'idea di ritirarci quando eravamo al massimo della nostra popolarità non mi piaceva così tanto all'epoca. Io volevo continuare a cavalcare il successo e partecipare al gioco, fare video e andare in tour, non buttare via questa grande opportunità. Col senno di poi era l'idea giusta.
E' successo tutto così velocemente per tutti noi, improvvisamente. E' stata una sorta di devastazione mentale. Ha colpito tutti noi in modi differenti e non parlavamo tra di noi, facevamo troppe feste, Ed era sulla copertina di Time, tutto era esploso, certamente la casa discografica non voleva che facessimo tutto ciò. La casa discografica voleva che facessimo un video per Black, voleva che suonassimo a tutti i game show, che apparissimo ovunque fosse possibile e ci contrastarono per un lungo periodo su queste cose e noi eravamo molto incazzati per questo.
Jeff, Stone e Ed specificamente volevano ritirarsi e questo ci ha salvato.
Jeff : All'epoca pensavamo che vendere milioni di dischi fosse la più grande maledizione possibile. Vedevamo il lento successo dei REM come il modo giusto di fare perché loro venivano da quello stesso tipo di background fai-da-te. Ma guardando indietro, quel potere ci ha dato molta libertà e ci ha permesso di fare le cose in un modo che probabilmente il 99% delle band che erano in giro con le major non potevano fare. Abbiamo creato il nostro metodo e il nostro manuale su come fare le cose e ci stiamo ancora lavorando a causa del modo in cui oggi stanno cambiando le tecnologie.
Il processo di creazione di un video era molto meticoloso per noi. Non era qualcosa con cui ci sentivamo a nostro agio, volevamo assicurarci che il processo di editing andasse nel modo giusto e che fosse provocatorio quanto volevamo noi, quelle erano battaglie che duravano settimane e a volte mesi. A volte abbiamo speso $200,000 in questo pezzo di arte che nessuno ha mai visto così ci sembrava solo uno spreco di tempo quando piuttosto avremmo potuto fare dei concerti o scrivere canzoni.
Dopo aver vinto il video dell'anno per Jeremy ci siamo detti “bene, l'abbiamo fatto. Abbiamo fatto il miglior video del pianeta quest'anno perciò adesso facciamo qualcos'altro”.

Negli anni i Pearl Jam sono stati incredibilmente di supporto ai loro fans. Questo è sempre stato nei vostri progetti oppure è una cosa che si è andata via via sviluppando?
Stone : E' sempre stato in progetto nel senso che abbiamo capito subito che farsi le cose da soli è positivo. Nessuno di noi si aspettava che succedesse nulla. Abbiamo solo iniziato a suonare, andare in tour e fare le T-shirt, registrare e fare singoli colorati. Abbiamo iniziato a farlo da soli.
Mike : I nostri fan sono molto importanti per noi. Loro sono tutto. Sono la ragione per cui io sono seduto qui su questo divano nella nostra warehouse. Noi gestiamo un business fuori di qui – è molto importante. Ci tiene vivi come band. I nostri fan sono estremamente importanti per noi e ci seguono ovunque. Le persone vengono a vedere centinaia di concerti, è una cosa che mi fa impazzire.
Jeff : Dopo aver venduto un'enormità di dischi con Ten avevamo un po' di potere così abbiamo deciso di esercitarlo. Cosa vorrebbe un fan? Abbiamo approcciato le cose da questo punto di vista. Il modo in cui i Pink Floyd realizzavano dei package usando artwork di Hipgnosis, i Led Zeppelin usavano dei packaging davvero speciali. Era qualcosa di mistico ed estremamente creativo e spesso erano cose totalmente non convenzionali. Mi piace pensare che abbiamo usato quel piccolo potere che avevamo per fare cose che sembravano più cool.

I Pearl Jam sono stati una delle prime band a pubblicare bootleg ufficiali – ed ora download in internet – dei concerti. Avete avuto qualche obiezione dalla casa discografica quando avete iniziato a farlo?
Stone : Sono sicuro che c'è stato qualcuno che ha detto che era una cattiva idea ma noi abbimo fatto pressione e credo che alla fine abbiano detto “oh ne abbiamo venduti migliaia per cui va bene”. Non ho tenuto gli appunti (ride) su quanto abbiamo dovuto fare perché la casa discografica ci lasciasse fare i bootleg.
Mike : La forza trainante dietro la serie di bootleg è stato Kelly Curtis, il nostro manager, che ne ha parlato con Jeff Ament e Eddie. Abbiamo sempre amato i bootleg come band ma avremmo visto uscire i nostri bootleg, li avremmo collezionati e sarebbero stati di bassa qualità. Perciò abbiamo deciso di farli uscire noi e farli pagare un po' meno e con il miglior suono posibile.

Quali sono i vostri posti preferiti per i tour?
Mike : Io amo molto l'Inghilterra. Mi piace passeggiare ad Hyde Park e passare un po' di tempo lì. Mi piace suonare a Roma, Milano; abbiamo suonato in tutta Italia ed è stato appassionante. Il Columbia River Gorge è uno dei posti preferiti in cui suoniamo qui a Seattle. Abbiamo fatto alcuni concerti con Neil Young e a seguire abbiamo fatto un disco insieme che si chiama Mirrorball e lui ci ha chiesto se volevamo andare in tour con lui in Europa. E' stato l'avverarsi di un sogno. Abbiamo suonato un mucchio di canzoni di Neil Young insieme a lui e siamo stati a Berlino, Jerusalemme, Mar Rosso.
Jeff : L'Europa è sicuramente nel nostro radar in questo momento e stiamo ancora cercando di capire come possiamo ragionevolmente andare in tour da quelle parti nei prossimi 18 mesi. Molto dipenderà da quanto velocemente finiremo il nostro nuovo disco.
Siamo stati in Sud America una sola volta ma è stato davero fenomenale. I paesi in Europa che hanno un'atmosfera molto simile al Sud America sono la Spagna e l'Italia. Abbiamo fatto un grande tour in Canada nel 2005, incredibile. E' bello sapere che ci sono ancora posti in cui non abbiamo suonato. Non abbiamo suonato in Alaska, non abbiamo suonato in Islanda, e dobbiamo davvero tornare in Finlandia perché nel '93 abbiamo fatto lì uno show con Neil Young che non è stato proprio il massimo.

I Pearl Jam celebreranno il 20° Anniversario nel 2010. Vi vedete continuare indefinitamente?
Stone : Sarebbe entusiasmante se succedesse – se ci guardassimo l'uno con l'altro tra 10-20 anni e ci chiedessimo come abbiamo realizzato tutto questo. Dovremmo suonare una bisbetica Evenflow con inserti “disco”. (ride) I nostril fans diventeranno così vecchi che non riusciranno più a sentirci perciò…forse possiamo essere video trasformati per sembrare 30 anni più giovani.
Matt : Non voglio diventare come i Rolling Stones
Mike : Credo che in nessun modo avessimo pensato che la nostra band sarebbe durata 20 anni. Ne stiamo ancora parlando. E' incredibile.
Jeff : E' davvero folle che siamo durati 20 anni. All'inizio pensavo che potevamo fare 3 o 4 album, avere un po' di successo e che avremmo potuto suonare con alcuni dei nostri eroi. Probabilmente il più grande benefit aggiuntivo è che abbiamo condiviso il palco con Iggy Pop, Henry Rollins, REM, Neil Young, Rolling Stones, Frank Black e la lista potrebbe continuare. E' il sogno da bambino che si avvera, poter suonare con tutte queste incredibili band e artisti con cui siamo cresciuti e che ancora amiamo.

Qual è il segreto della vostra longevità?
Mike : I Pearl Jam sono sopravvissuti così a lungo grazie alla fortuna e perché negli anni noi 5 ci siamo confrontati l'un l'altro sulle varie questioni. Abbiamo aperto linee di comunicazione e ci sentivamo se c'era un problema. La ragione per cui siamo duranti così a lungo è che scriviamo musica, in modo molto intenso, ci allontaniamo l'uno dall'altro, facciamo le nostre cose e poi torniamo di nuovo insieme. Abbiamo i nostri spazi.
Jeff : Questo è il motivo più grande per cui siamo ancora in giro. C'è stato un momento nel ‘93 o ‘94 in cui ci siamo quasi separati per 6 mesi, non ci parlavamo, non sapevamo reciprocamente dove fosse ognuno di noi e abbiamo smesso di vivere quella vita e ci siamo ricaricati. Questo ci ha dato molta energia creativa per sfuggire agli schemi. Proprio in quell periodo ognuno di noi ha iniziato deo ad avere dei progetti paralleli, iniziando a lavorare sulla propria musica e questo è stato davvero importante e soddisfacente a livello individuale.

I Pearl Jam sono sempre stati una democrazia?
Jeff : Non so se sia mai stata una dittatura. Abbiamo avviato la band con l'idea che sarebbe stata una democrazia ma negli ultimi 15 anni ci sono state delle volte in cui Ed ha dovuto tenere le redini perché stavamo quasi precipitando. In quei momenti in cui non eravamo sicuri di cosa stavamo facendo, lui è stato fantastico nella capacità di governare la nave. Lui non ha problemi a dire ad ognuno di noi che ha bisogno d'aiuto. Ora siamo piuttosto bravi a chiamarci tra di noi e dirci cose come “come ti sembra questa cosa? Mi piacerebbe molto prendere le redini di questo progetto e lavorarci su”. Questo fa sentire ognuno come una parte genuina della band. I Pearl Jam sono una vera band.
Stone : Io sono l'uomo più fortunato del mondo perché sto in una band e scrivo canzoni in una band con 5 songwriters. Posso imparare da ognuno di loro il modo in cui cambia la struttura di una canzone e come persone diverse sentano ritmi diversi e melodie diverse e sequenze diverse. Ed riesce a collegare tutte queste cose diverse tra loro, esce fuori e comincia ad esplorare nuovi posti. Io suono con Matt Cameron, suono con Eddie Vedder, andiamo! E continuerò a strimpellare a lungo.

Qual è la vostra canzone preferita dei Pearl Jam?
Stone : Nothing Man. Non l'ho scritta io. L'ha scritta Jeff Ament, Dave Abbruzzese suona magnificamente la batteria in quel pezzo. Jeff voleva cambiare gli accordi; lui ed Ed forse ci avevano lavorato su prima. In puro stile Jeff Ament, il suo modo di suonare. Ha il suo caratteristico marchio di fabbrica ma allo stesso tempo è davvero molto semplice, Ed ci si associa così bene che chiunque ascolta avrà voglia di cantare in coro.
Matt : A me piace molto suonare Glorified G del 2° album. E' davvero la quintessenza di una canzone dei Pearl Jam perché ha i contrappunti di chitarra che si muovono veloci a destra e sinistra e una linea di basso molto funky.
Stone : Vuole essere country e funky allo stesso tempo (ride), una cosa davvero bizzarra.
Mike : Alive o Evenflow ma soprattutto Alive perché è il nostro classico, una canzone con cui le persone si identificano con noi. E' antemica. So che gli altri ragazzi probabilmente non lo direbbero ma è quello che penso ed è quello che le persone mi hanno detto. Alive racchiude il lirismo, la musicalità e il feeling di questa band.
Jeff : Io sono molto legato a una manciata di canzoni che abbiamo registrato per Vitalogy. Last Exit, Nothing Man e Tremor Christ sono state registrate nello studio di Daniel Lanois a New Orleans. C'è qualcosa di particolare nel suono di quelle canzoni e nel modo in cui sono venute fuori facilmente. Amo suonare Last Exit live e ogni volta che la sento, suona proprio bene, suona naturale come se avessimo catturato quello che stava venendo fuori da noi stessi.

 

BACK