Vedder commenta le tracce di "Backspacer"
Globe and Mail | 18.09.2009

<< Back to Interviste | Home
 

 

Jamming over Pearl's latest tracks

With his band's ninth studio album about to hit stores, Eddie Vedder gives Brad Wheeler a backgrounder on its 11 new songs

Courtesy of The Globe and Mail

‘I think we've been discovered,” says Eddie Vedder, waving back to a pair of fans who watch him through the ceiling-length windows of his corner dressing room, set a couple of stories above the water at Toronto's lakeside Molson Amphitheatre. “They might have seen me earlier, when I changed my clothes.”

The warrior-singer hadn't considered the glass walls earlier, when he stripped without closing the bathroom door. He laughs at the thought of it, but, really, what's funny is the notion of Vedder offering himself up to the world. He's always been a generous performer onstage and he's plenty outspoken, but he's been guarded otherwise, particularly early on, after the whirlwind success of Pearl Jam's smash 1991 debut, Ten . The band stopped making videos, battled Ticketmaster on pricing. They made music, but didn't play the game.

Now, though, a couple of hours before Pearl Jam's concert here in August, Vedder was more than willing to talk about the band's ninth studio album, the Brendan O'Brian-produced Backspacer , out Sunday. “This one seemed to sequence itself,” says Vedder, stroking his beard. “The songs kind of wrote themselves, too, in a weird way. As much work as we put into it, it was quick and it was also very effortless.”

Sitting on a couch with all his road companions – pack of American Spirit cigarettes, song-catalogue binder, travel-size acoustic guitar, retro suitcase – within arm's length, Vedder gives a track-by-track lowdown of a lean rock record that clocks in at just 36 minutes. “None of these songs became homework,” he explains. “The ones that did, they didn't make the record.”

And if the material came quickly, there's nothing fleeting about the album, says the man who writes the lyrics and the set lists. “I think it's going to be a batch of songs we're going to like playing for quite a long time.” Herewith, Vedder gives the back story on songs you'll be hearing for a while.

Gonna See My Friend

A tough, high-energy rocker that likes to be heard loud.

“All I remember is writing it in a little room on a small table with a little four-track tape machine. I got it sounding loud real quick, without disturbing the neighbours. I work using headphones a lot. I'm not going to have any hearing left. We all make sacrifices at our jobs, and my hearing is obviously going to be the first thing to go.”

Got Some

One of the songs influenced by eighties new-wave pop.

“I'm talking about music to put on when you don't know how you're going to get to work, when you're just not feeling it. It rains in Seattle 220 days a year on average – there's a lot of mornings it's hard to get going. This song will do it.”

The Fixer

The lean riff-rocked first single.

“Men, we all think we can fix anything. It's not necessarily a good thing. In a relationship, a woman will say ‘This is wrong,' and we're like, ‘I'll fix that, don't worry about it, we can fix it.' These wonderful people, the woman you're in a relationship with, they don't want you to fix it. They just want you to listen to what's happening: ‘Don't fix it, I want you to own this with me – feel it.' This is a reminder song to me, to stop fixing.”

Johnny Guitar

An angular Elvis Costello-like number motivated by an album-cover photo from a record by pimp-blues guitarist Johnny (Guitar) Watson that was pasted over a men's room urinal. “It's actually not the first time we've got our inspiration from something on a bathroom wall. It's a made-up story about a kid falling in love with a girl on a record cover. I imagine that must have happened a few times.”

Just Breathe

Triggered by a song from Vedder's Into the Wild soundtrack, with added strings and French horns.

“There's never a dull moment on the road – every day it's something. Maybe that's why my goal is the dull moment. That's what this song is: It's saying, ‘Just stop, and be together. Don't talk now, just breathe and feel each other's presence – now that the kids are in bed.'

Amongst the Waves

About ebbs and flows – of a couple's relationships or even those of a long-running rock band. “On the strength of this album, we feel good about where the band is at. Our relationship is long-standing, but it's turned into a forthcoming relationship. We're open and honest. Things go pretty easy – we feel like a gang. We feel like a galvanized group of individuals. As far as waves, I think we're up there.”

Unthought Known

Culled from a book, a talk with an actress, and one late night.

“It's about a conversation with Catherine Keener, and a book – I think it might have even been called Unthought Known . I got back late to my hotel in New York, and I pushed it that extra hour. I pushed the limits of how much you can drink and smoke, and this song came out of it. I think the thought of the song is that there are things that you know, and they're in us, but we just haven't thought of them. But they're there, and we base decisions on them.”

Supersonic

A towering track written two years ago by guitarist Stone Gossard, with Vedder adding lyrics about living life with the volume on full, and the need for loud music.

“There's something about this infusion of energy. It's a tangible thing that gives you as much energy as a drug. It can change the shape of your mood. I think [rock music] is the greatest art form there is, because there's so many elements to it, volume being one of them. But momentum, and rhythm, and the literary side of a good lyric, it can really transport you.”

Speed of Sound

A brooding, down-tempo track with complex chord changes that stemmed from a songwriting session with a Rolling Stones guitarist.

“I was working with Ronnie Wood on a record he's putting together. He asked me if I could contribute some words, which really excited me because I love his voice. This particular song was a little difficult to transcribe though, so it ended up in [Pearl Jam's] court. I played it to Brendan at four in the afternoon, and by the next afternoon it was complete.”

Force of Nature

A classic grungy Pearl Jam vibe, originally titled Distant Planet .

“It's about the strength of one person in the relationship, when they can withstand some of the faults in another – maybe drug addiction, or straying off the path. The person in the song is the lighthouse for the other person caught in the storm.”

The End

A Springsteen-like ballad with strings, about an unknown future.

“I got a phone call from a friend, from Spain. I couldn't pick up the phone because I was recording the guitar part. I had written half the song's lyrics. When I checked his message, he had said something that enabled me to write the second verse, and in 20 minutes, it was done. That's how it happened on this record. It was writing the quick ones – there was no room for the other stuff. We'll see how long approaching it like this goes. But it's the right way for us to do it right now.”

 

 

 

 

 

 

 

 

Jamming over Pearl's latest tracks

Ed Vedder commenta le tracce di "Backspacer"

Tratto da The Globe and Mail | Traduzione a cura di Irene

“Penso che ci abbiano scoperto” dice Eddie Vedder, facendo un cenno di saluto a un paio di fan che lo guardano attraverso le porte-finestre del suo camerino d'angolo, collocato un paio di piani sopra l'acqua al Molson Amphitheatre di Toronto sulla riva del lago. “Potrebbero avermi visto prima, mentre mi stavo cambiando.”

Il cantante-guerriero non aveva considerato prima le vetrate, quando si è spogliato senza chiudere la porta del bagno. Ride al pensiero, ma, in realtà, la cosa divertente è l'idea di Vedder che offre se stesso al mondo. E' sempre stato un generoso performer sul palco ed è molto schietto, ma allo stesso tempo è sempre stato prudente, particolarmente all'inizio, dopo il successo travolgente di Ten, il clamoroso debutto dei Pearl Jam del 1991. La band smise di fare video, fece una battaglia legale con Ticketmaster sui prezzi dei biglietti. Facevano musica, ma non partecipavano al gioco.

Adesso, però, un paio d'ore prima del concerto dei Pearl Jam qui in Agosto, Vedder è più che disponibile a parlare del nono album in studio della band, Backspacer prodotto da Brendan O'Brian, che uscirà domenica. “Questo album sembra aver seguito una sua sequenza” dice Vedder, accarezzandosi la barba. “E' anche come se le canzoni si fossero scritte da sole, in uno strano modo. Ci abbiamo messo tanto lavoro, ma allo stesso tempo è stato veloce e anche molto facile”.

Seduto su un divano con tutti i suoi compagni di strada a portata di mano - un pacchetto di sigarette American Spirit, il raccoglitore con tutte le canzoni, una chitarra acustica da viaggio, una valigia vecchio stile - Vedder racconta tutta la storia pezzo per pezzo di un disco di rock essenziale di appena 36 minuti. “Nessuna di queste canzoni è diventata un compito a casa” spiega. “Quelle che lo erano, non sono finite nel disco”.

E se il materiale è arrivato velocemente, l'album non ha niente di fugace, dice l'uomo che scrive i testi e le set list. “Penso che saranno delle canzoni che ci piacerà suonare per molto tempo”.
Qui di seguito, Vedder racconta il retroscena delle canzoni che ascolterete per un po'.



Gonna See My Friend

Un pezzo rock duro, ad alta energia, da ascoltare ad alto volume.

“Tutto quello che mi ricordo è di averla scritta in una stanzetta su un tavolino con un piccolo registratore a quattro piste. L'ho ascoltata subito a volume alto, senza disturbare i vicini. Lavoro usando molto le cuffie. Non mi rimarrà niente dell'udito. Tutti noi facciamo sacrifici al lavoro, e il mio udito ovviamente sarà la prima cosa ad andarsene”.



Got Some

Una delle canzoni influenzate dal pop new-wave degli anni ‘80.

“Qui parlo della musica da mettere su quando non sai come farai ad andare al lavoro, quando proprio non te la senti. A Seattle piove in media 220 giorni all'anno - ci sono un sacco di mattine in cui è dura mettersi in moto. Questa canzone lo farà”.



The Fixer


Il primo singolo, con un essenziale riff rock.

“Cari uomini, tutti noi pensiamo di poter aggiustare qualsiasi cosa. Non è necessariamente una buona cosa. In una relazione, una donna dirà ‘Questa cosa è sbagliata' e noi ‘La sistemerò, non ti preoccupare, possiamo aggiustarla'. Queste persone meravigliose, la donna con cui hai una relazione, non vogliono che tu aggiusti le cose. Vogliono solo che tu ascolti quello che sta succedendo: ‘Non aggiustarla, voglio che tu condivida questa cosa con me - che la senti'. Questa canzone è un promemoria per me, per ricordarmi di smettere di aggiustare”.



Johnny Guitar

Un brano angolare stile Elvis Costello ispirato da una foto di copertina di un album del chitarrista pimp-blues Johnny (Guitar) Watson che era incollata su un orinatoio in un bagno per uomini. “Effettivamente non è la prima volta che prendiamo ispirazione da qualcosa sul muro di un bagno. E' una storia inventata su un ragazzino che si innamora di una ragazza sulla copertina di un disco. Immagino che debba essere successo parecchie volte”.



Just Breathe

Nata da una canzone della colonna sonora di Into the Wild di Vedder, con l'aggiunta di violini e corni.

“Non c'è mai un momento monotono quando sei on the road - ogni giorno succede qualcosa. Forse è per questo che il mio obiettvo è un momento di lentezza. La canzone è proprio questo: dice ‘Fermiamoci e stiamo insieme. Non parliamo ora, respiriamo soltanto e sentiamo la presenza l'uno dell'altro - adesso che i bambini sono a letto'.


Amongst the Waves

Sui flussi e riflussi - della relazione di una coppia o anche quelli di una rock band di lunga data.

“Sulla potenza di questo album, siamo felici di dove si trova ora la band. La nostra relazione dura da tanto tempo, ma è diventata una relazione aperta. Siamo aperti ed onesti. Le cose vanno avanti molto facilmente - ci sentiamo come una gang. Ci sentiamo come un gruppo di individui galvanizzati. Come onde, penso che siamo in alto”.



Unthought Known

Il frutto di un libro, una chiacchierata con una attrice e una sera tardi.

“E' su una conversazione con Catherine Keener, e un libro - penso che si chiamasse proprio Unthought Known. Ero tornato tardi al mio hotel a New York, e sono andato avanti per un'altra ora. Avevo superato i limiti di quanto si può bere e fumare, e questa canzone è venuta fuori da lì. Credo che il pensiero della canzone sia che ci sono cose che conosciamo, e sono dentro di noi, ma non ne abbiamo la cognizione. Ma sono lì, e noi basiamo su di esse le nostre decisioni”.



Supersonic

Una traccia imponente scritta due anni fa dal chitarrista Stone Gossard, con il testo di Vedder sul vivere la vita con il volume al massimo, e il bisogno di musica ad alto volume.

“C'è qualcosa su questa infusione di energia. E' una cosa tangibile che ti dà la stessa energia di una droga. Può farti cambiare umore. Io penso che [la musica rock] sia la più grande forma d'arte che ci sia, perché contiene così tanti elementi, e il volume è uno di essi. Ma la velocità, il ritmo, e il lato letterario di un buon testo, possono realmente trasportarti”.



Speed of Sound

Una traccia meditativa, down-tempo con complessi cambiamenti di accordi, derivata da una sessione di songwriting con un chitarrista dei Rolling Stones.

“Stavo lavorando con Ronnie Wood per un disco che lui stava mettendo insieme. Mi aveva chiesto se potevo contribuire con alcune parole, cosa che mi eccitava molto perché amo la sua voce. Questa canzone particolare era un po' difficile da trascrivere però, così è finita nella corte [dei Pearl Jam]. L'ho suonata a Brendan alle quattro del pomeriggio, e il pomeriggio successivo era terminata”.



Force of Nature

Una classica vibrazione grunge in stile Pearl Jam, originariamente intitolata Distant Planet.

“E' sulla forza di una persona nella relazione, quando si riesce a resistere ad alcuni errori dell'altro - forse la dipendenza dalla droga, o un periodo di smarrimento. La persona nella canzone è il faro per l'altra persona bloccata nella tempesta”.



The End

Una ballata in stile Springsteen, con archi, che parla di un futuro incerto.

“Ho ricevuto una telefonata da un amico, dalla Spagna. Non potevo rispondere perché stavo registrando la parte di chitarra. Avevo scritto metà del testo della canzone. Quando ho sentito il suo messaggio, aveva detto qualcosa che mi ha facilitato a scrivere il secondo verso e, in 20 minuti, era terminata. E' successo così in questo disco. Si trattava di scrivere le cose veloci - non c'era posto per le altre cose. Vedremo quanto durerà un approccio di questo genere. Ma è il modo giusto di fare, per noi, in questo momento”.

 

 

BACK