Intervista a Eddie Vedder su Ukulele Songs
Chicago Tribune | Maggio 2011

<< Back to Interviste | Home
 

 

Eddie Vedder's ukulele holiday from Pearl Jam

http://leisureblogs.chicagotribune.com/

Pearl Jam is celebrating its 20th anniversary this year with a flourish: a Cameron Crowe-directed documentary; reissues of its 1993 and ’94 albums “Vs.” and “Vitalogy”; and a forthcoming festival at an as-yet-unannounced location.
In addition, the band is in the midst of recording sessions for a new studio album, and some members are still neck-deep in side projects – at least one involving a ukulele, of all things. That would belong to singer Eddie Vedder, whose “Ukulele Songs” solo album is due out May 31. A solo tour brings him to the Chicago Theatre on June 28-29.
"I’ve been writing and collecting songs on the ukulele for at least 10 years, so it was time to clear them out of the apartment building and make room for some new occupants,” Vedder says. “I need to make room for the bassoon record.”
It’s a busy time for a band that defined the alternative-rock era with its introspective lyrics and heavy guitars (call them “grunge” if you must), then nearly imploded after taking a firm stand against what it felt were excessive Ticketmaster service fees in 1994. In recent years, as sales of recorded music have plummeted and concert ticket prices have soared, the band has left major-label affiliations behind in favor of independent releases on its Monkeywrench Records label while continuing to attract arena-sized audiences around the world.
In an interview, Vedder talked about his love for the most un-rock ‘n’ roll of instruments and how Pearl Jam is navigating the new landscape of an economically challenged music industry.


Q: How did you start playing the ukulele?

A: It was about 13, 14 years ago. I was in a tiny row of dilapidated shops on an outer island of Hawaii with Kelly Slater the surfer (Vedder himself is a dedicated surfer). I went to buy beer at the liquor store and Kelly went to buy fish at the grocery store. I was done first, so I was sitting there on a couple of cases of beer waiting for him when I saw this ukulele in a storefront window. It was a nice Kamaka Tenor. It wasn’t a kids’ toy. I went in empty-handed and walked out five minutes later with a great sounding ukulele, and had a chorus and a verse written a few minutes later. I was halfway through writing the bridge when a few people walked by and threw some money in the open case. I had a $1.50 from playing the ukulele after owning it seven minutes. I thought, “Hmmm, this has some possibilities.”

Q: Did the ukulele change the way you write songs?

A: I learned so much about music by playing this little, miniature songwriting machine, especially about melody. The motto is less strings more melody. I was able to apply it to whatever I’m trying to write. It’s become part of songwriting for me, the knowledge I gained from hearing the melodies come out, and then applying that to guitar or vocals. I was starting to play the ukulele at the same time I was having all these conversations with (the late Ramones guitarist) Johnny Ramone, these intense tutorials staying up late and listening to the music he grew up on, and picking up what’s a great song and what makes a great song. He was all about lists and dissecting songs, like what’s a better song by Cheap Trick: “No Surrender” or “Dream Police”? Sometimes you’d be surprised by the answer. It was an interesting dichotomy between hanging out with the godfather of punk rock and starting to play the ukulele. They came together.

Q: “Ukulele Songs” is coming out on Pearl Jam’s label, Monkeywrench, as did the band’s last album (“Backspacer” in 2009). Are you done with putting your music out on outside labels?

A: One thing you might suggest to a young band is don’t get involved in any kind of long-term contract because everything changes on a bimonthly basis: The way people hear music and access it, the way it is distributed. I can’t say what the future holds for us. You have to be able to grow and move with the organism that is the music industry. You need to maintain flexibility. Ownership of your own stuff is key and then you’re able to dictate on a present-terms basis what would be the most effective way to protect yourself and what you’ve created. You also don’t want to lock yourself into a situation where a major label owns part of your touring and merchandise.

Q: I like that in the liner notes to “Ukulele Songs” you give credit to your 50-year-old Torpedo typewriter.

A: Yeah, I love the script -- a German script font. I’ve had a lot of typewriters that I’ve had relationships with; one still has a piece of masking tape that says “$8” on it. I love working on them. I can’t fix a computer or a car, but I can fix a typewriter. I like them because you can write on them late at night, depending on what you’re fortifying yourself with, and the next morning you can still figure what you wrote. There are times where I would keep three typewriters on a table, and I’d have three complete thoughts going. With computers, you make folders, files – I don’t know about those things. I have sheaves of paper polluted with words and paragraphs. I found it a good tool for me. And it keeps your hands strong for guitar playing.

Q: Are we going to see any new Pearl Jam music this year?

A: We’re just past the embryonic stages of songwriting for the next album, and it seems to be going quick. But whether we put something out this year I just don’t know, because we’re doing all the hindsight stuff this year. We’re fully in support of that, but it’s not what fuels us. The way we write as a group, we all bring songs in and invariably in the past it would take a lot of time to get things right. Now I jump on things immediately. The band will have a piece of music with no lyrics, and now it has to be a knockout in the first round. The ones that go 15 rounds, they become harder to appreciate, because you only remember the battle after they’re done. If you can get in there right away, you capture something in those first 15 minutes. That’s the way it seems to be working best for us.

Q: And yet you once said that you didn’t trust music that's made without some pain and insanity.

A: (Laughs) Oh, that’s got to be vintage. Can I almost guess when I said that?

Q: About 1994. In the mountains outside Denver during the infamous Ticketmaster-boycott tour.

A: Wow! At some point I no longer bought into that. Believe me that when I said it, I meant it. Maybe it was a way of validating, accepting -- obviously I was going through myriad issues -- it was a way of making use of those sorts of feelings. At some point you realize there’s got to be a better way. I think the idea of putting yourself through that and thinking that’s all that legitimizes your art, to be on the edge of not even being on the planet, it’s just destructive. You can still create art without being that way. Bonnie Raitt says, “I can still write blues songs because I remember everything.” There are people on farewell trains with our group. We saw the fragility of that at Roskilde (the 2001 Danish festival that Pearl Jam headlined in which nine people were killed). At some point, you come a long way from going through what you were as an adolescent. At some point you’ve earned the right to be happy. It’s a challenge for all of us. Can you be happy for a whole day? Can you link two days together? Having a house and a car that starts, and all these things I still feel fortunate to have; I’ve been through the other side of that. Things happen every day that could potentially make you feel really distraught. So you exorcise that emotion, write a song about it, process it, but then get back to living your life. These days being a parent (of two daughters ages 6 and 2), the kids deserve to have someone who is consistently a solid force in their life. You can’t be romantically drinking into the early hours of the morning, putting yourself in some psychological dilemma in order to create a good song. It’s unfair to the kids.

Q: What about the 20th anniversary shows?


A: We’re just trying to get together a bunch of friends and bands we’ve played with in the past and do a couple of shows in the States. It’ll probably all come together last minute. I don’t want to make it seem like any crazy, big deal. It should just be a natural thing. (The Band’s 1976 farewell concert) ‘The Last Waltz’ is great, one of the greatest things ever, but it had that impact because it was the last gig. For us it’ll be like ‘The Last Waltz,’ except we’ll be playing a show again the next week (laughs).

Q: You’ve reissued the first three Pearl Jam albums in the last couple years. Can you still relate to the guy who wrote those songs? In some ways it sounds like you’ve left part of that guy behind.

A: I had a long talk with Bruce Springsteen on a rooftop during the Vote for Change tour (in 2004). And it boiled down to this: That guy you used to be, he’s still in the car. He’ll always be in the car. Just don’t let him drive. He might be shouting out directions. But whatever you do, don’t let him get behind the wheel.

Q: People still hold Pearl Jam up as an example, a lightning rod, for the economics of putting on a concert because you went to the mat over service fees in the ‘90s. And now your solo show is $58 and $78 with $15 service fees, and people email me complaining that you’ve lost sight of what you were. They want you to be Fugazi and charge $5 for a show. How do you respond to those sorts of expectations?

A: I think that with where we are as a group, and where we are with how we make a living, and no longer selling records -- that’s probably the biggest aspect of why tickets have gotten to the point where I consider them expensive. I can only attempt as part of a group or on my own to make it worth whatever we’re charging. And that’s where you humbly try to say that longevity becomes honored at that point as well. It’s tricky. The other thing that comes in is that, what do people sell these tickets for (on the secondary market) after we sell them? It’s not something that we don’t think about. The main thrust of the answer is that touring is where you connect the dots and keep your bottom line from going in the red. People can argue that and call you names and say this doesn’t resonate with what it was like in the past, but hopefully people will realize how things have changed in the industry. And for some groups that wanted to keep the ticket prices low and T-shirt prices low, and maybe even the cost of their records low and looking out for consumers, as soon as the consumers didn’t have to buy records (by getting them for free on the Internet), did they hold up their end of the deal? That’s being critical of our audience, and I hate to do that. I should probably cut out our main constituency when I say that. But for most artists, selling records no longer pays the bills.

Q: Does that frustrate you?


A: It’s been a full generation of that and so there is no turning back. At some point, believe me, this group likes to get together and talk about music, songs, live shows, other bands. (Pearl Jam bassist) Jeff (Ament) and I get excited talking about making record artwork or working with T-shirt designs. The least exciting part for us is talking about the finances; it’s like going to the dentist for us. But we at least try to do it in a creative way and put our stamp on it. I can only think that we create something that’s worth the value of that dollar.

Q: You’ve been a role model in the way you conducted your career as a band and as a business, so you probably get more scrutiny than most.

A: We understand that. I remember back in 1994 when the Eagles charged more than $100 for tickets. They said, ‘We ain’t Pearl Jam.’ That’s back when records were selling and the Eagles had sold just about as many as anyone on the planet. And 20 years later we’re still charging less than them (laughs).

 

 

Eddie Vedder si prende una vacanza dai Pearl Jam con l'ukulele

http://leisureblogs.chicagotribune.com/ Traduzione a cura di As_It_Seems

I Pearl Jam celebrano quest’anno il loro 20° anniversario in grande stile: un documentario diretto da Cameron Crowe; le ristampe di “Vs.” e “Vitalogy”, i loro album del 1993 e ’94 ed un prossimo festival in una località non ancora annunciata.
Inoltre, la band è nel mezzo della registrazione di un nuovo album in studio ed alcuni membri sono impegnatissimi in progetti paralleli – uno di questi vede sorprendentemente protagonista un ukulele. Appartiene al cantante Eddie Vedder, il cui album solista “Ukulele Songs” uscirà il 31 maggio. Un tour solista lo porterà al Chicago Theatre il 28-29 giugno.
"Ho scritto e collezionato canzoni con l’ukulele per almeno 10 anni, così era arrivato il momento di liberare l’appartamento e fare spazio a nuovi inquilini,” dice Vedder. “Devo fare spazio per il disco suonato con il fagotto.”
E’ un periodo pieno di impegni per una band che ha segnato l’era del rock alternativo con testi introspettivi e chitarre pesanti (chiamateli “grunge” se dovete), per poi quasi implodere dopo una dura presa di posizione contro i costi eccessivi dei servizi di Ticketmaster nel 1994. Negli ultimi anni, con il crollo delle vendite dei dischi e l’impennata dei prezzi dei biglietti dei concerti, la band si è lasciata alle spalle i rapporti con le major in favore di pubblicazioni indipendenti con la loro etichetta Monkeywrench Records, continuando ad attrarre una quantità di pubblico che riempie le arene in tutto il mondo.
In un’intervista, Vedder ha parlato del suo amore per il meno rock ‘n’ roll degli strumenti e di come i Pearl Jam stiano navigando nel nuovo panorama di un’industria musicale economicamente in difficoltà.

Q: Come hai iniziato a suonare l’ukulele?

A: E’ stato circa 13, 14 anni fa. Mi trovavo in una minuscola serie di negozi sgangherati in una delle isole più estreme delle Hawaii insieme al surfista Kelly Slater (Vedder stesso è un devoto del surf). Sono andato a comprare della birra nel negozio di liquori mentre Kelly comprava il pesce nel negozio di alimentari. Ho fatto prima io, così per aspettarlo mi sono messo a sedere su un paio di casse di birra, quando ho visto questo ukulele nella vetrina di un negozio. Era un bel Kamaka Tenor. Non era un giocattolo per bambini. Sono entrato a mani vuote e sono uscito cinque minuti dopo con un ukulele dal suono fantastico, e dopo altri cinque minuti avevo già scritto un ritornello e una strofa. Ero a metà della scrittura del bridge quando sono passate alcune persone che mi hanno lanciato delle monete nella custodia aperta. Avevo guadagnato $1.50 suonando l’ukulele che possedevo da sette minuti. Ho pensato, “Hmmm, questo strumento ha delle potenzialità.”

Q: L’ukulele ha cambiato il modo in cui scrivi le canzoni?

A: Ho imparato così tanto sulla musica suonando questa piccola macchina in miniatura per la scrittura delle canzoni, specialmente per quanto riguarda la melodia. Il motto è: meno corde più melodia. Sono riuscito ad applicarlo a qualsiasi cosa cercassi di scrivere. E’ diventato parte del processo di scrittura per me, la conoscenza che ho acquisito dal sentire le melodie che venivano fuori, per poi applicarle alla chitarra o alla voce. Ho iniziato a suonare l’ukulele nello stesso periodo in cui avevo molte conversazioni con Johnny Ramone, delle intense lezioni mentre rimanevamo alzati fino a tardi ascoltando la musica con cui lui era cresciuto e imparando cosa sia una grande canzone e cosa renda grande una canzone. Facevamo sempre elenchi e svisceravamo le canzoni, come ad esempio qual è la canzone migliore dei Cheap Trick: “No Surrender” o “Dream Police”? A volte le risposte erano sorprendenti. Si trattava di un’interessante dicotomia tra frequentare il padrino del punk rock e iniziare a suonare l’ukulele. Le due cose si sono incontrate.

Q: “Ukulele Songs” esce per la Monkeywrench, l’etichetta dei Pearl Jam, così come è stato per l’ultimo album della band (“Backspacer” nel 2009). Non farete più uscire la vostra musica con etichette esterne?

A: Una cosa che si potrebbe suggerire ad una giovane band è di non legarsi con nessun tipo di contratto a lungo termine perché ogni due mesi cambia tutto: il modo in cui le persone accedono alla musica e come la ascoltano, il modo in cui viene distribuita. Non posso dire cosa ci riserva il futuro. Bisogna saper crescere e muoversi insieme a quell’organismo che è l’industria musicale. Bisogna essere flessibili. La chiave è mantenere la proprietà delle tue cose e poter così imporre, sulla base del presente, quello che è il modo più efficace per proteggere te stesso e ciò che hai creato. Inoltre non vuoi rimanere bloccato in una situazione in cui una major detiene dei diritti sui tuoi tour e sul merchandise.

Q: Mi piace il fatto che nelle note di copertina di “Ukulele Songs” ringrazi la tua macchina da scrivere Torpedo che ha 50 anni.

A: Sì, mi piacciono i caratteri – il font German. Ho avuto relazioni con tante macchine da scrivere; su una di queste c’è ancora un’etichetta adesiva che dice “$8”. Adoro usarle per lavorare. Non so aggiustare un computer o una macchina, ma posso riparare una macchina da scrivere. Mi piacciono perché puoi usarle per scrivere di notte, a seconda di quanto alcol hai assunto, e il mattino dopo riesci ancora a capire quello che hai scritto. A volte tenevo sul tavolo tre macchine da scrivere, e portavo avanti tre diversi pensieri. Con i computer crei cartelle, file – non sono pratico di queste cose. Io ho pile di carta inquinata di parole e paragrafi. Trovo che sia un arnese che fa per me. E fortifica le mani per suonare la chitarra.

Q: Avremo nuova musica dei Pearl Jam quest’anno?


A: Abbiamo appena superato le fasi embrionali della scrittura dei pezzi per il prossimo album, e sembra che la cosa stia andando velocemente. Ma non so proprio se faremo uscire qualcosa quest’anno, perché stiamo facendo tutte le cose che riguardano la retrospettiva. Stiamo pienamente dando supporto a questa cosa ma non è questo il carburante che ci alimenta. Il modo in cui scriviamo come gruppo è che tutti portiamo dei pezzi e inevitabilmente in passato ci voleva un sacco di tempo per fare bene le cose. Ora riesco ad entrare nelle cose in maniera immediata. Se la band ha un pezzo di musica senza il testo, ora deve essere un knockout alla prima ripresa. I pezzi che vanno avanti per 15 round diventano più difficili da apprezzare, perché quando arrivi alla fine ti ricordi solo della battaglia che hai dovuto fare. Se riesci ad entrarci subito, catturi qualcosa in quei primi 15 minuti. Questo è il metodo che sembra funzionare meglio per noi.

Q: Eppure una volta hai detto che non credevi nella musica creata senza dolore e follia.

A: (Ride) Oh, deve essere una cosa vintage. Non ricordo nemmeno quando l’ho detta.

Q: Intorno al 1994. Sulle montagne fuori Denver durante il famigerato tour del boicottaggio a Ticketmaster.

A: Wow! Ad un certo punto ho smesso di crederci. Credimi, quando l’ho detto lo pensavo veramente. Forse era un modo per convalidare, accettare -- ovviamente stavo sopportando miriadi di problemi – era un modo per utilizzare quel tipo di sensazioni. Ad un certo punto ti rendi conto che deve esserci un modo migliore. Credo che l’idea di mettere te stesso in quella condizione e pensare che tutto ciò legittimi la tua arte, sentirsi al limite del non essere nemmeno su questo pianeta, sia semplicemente distruttivo. Si può essere creativi anche senza essere in quella condizione. Bonnie Raitt dice “Posso ancora scrivere canzoni blues perché mi ricordo tutto”. Ci sono persone che abbandonano il nostro gruppo. Abbiamo visto la fragilità di tutto ciò a Roskilde (il festival danese del 2001 con i Pearl Jam headliner nel quale morirono nove persone). Ad un certo punto, ti accorgi che hai fatto tanta strada da quello che hai passato quando eri adolescente. Ad un certo punto ti sei guadagnato il diritto di essere felice. E’ una sfida per tutti noi. Riesci ad essere felice per una giornata intera? Puoi esserlo per due giorni consecutivi? Avere una casa e una macchina che si mette in moto, e tutte quelle cose che mi sento fortunato ad avere; ho sperimentato anche il lato opposto di tutto ciò. Ogni giorno accadono cose che potenzialmente potrebbero farti sentire davvero sconvolto. Allora cerchi di esorcizzare quell’emozione, ci scrivi sopra una canzone, la elabori, ma poi torni a vivere la tua vita. Oggi sono anche un genitore (di due figlie di 6 e 2 anni), i bambini hanno il diritto di avere qualcuno che sia immancabilmente una forza solida nella loro vita. Non puoi startene romanticamente a bere fino all’alba e infilarti in qualche dilemma psicologico con lo scopo di creare una bella canzone. Non è giusto nei confronti dei figli.

Q: Cosa ci dici dei concerti del 20° anniversario?

A: Stiamo giusto cercando di mettere insieme un po’ di amici e di band con cui abbiamo suonato in passato per fare un paio di concerti negli States. Probabilmente verrà fuori tutto all’ultimo minuto. Non voglio che sembri niente di folle o chissà cosa. Dovrebbe essere solo una cosa semplice. ‘The Last Waltz’ (il concerto d’addio dei The Band del 1976) è fantastico, una delle cose migliori in assoluto, ma ha avuto quell’impatto perché era l’ultimo concerto. Per noi sarà come ‘The Last Waltz,’ tranne per il fatto che faremo un altro concerto la settimana successiva (ride).

Q: Avete ripubblicato i primi tre album dei Pearl Jam negli ultimi due anni. Riesci ancora a sentirti in relazione con il ragazzo che ha scritto quelle canzoni? In qualche modo sembra che tu ti sia lasciato alle spalle una parte di quel ragazzo.

A: Durante il Vote for Change tour (nel 2004) ho fatto una lunga chiacchierata su una terrazza con Bruce Springsteen. E si può sintetizzare così: il ragazzo che eri una volta, è ancora seduto in macchina con te. Sarà sempre nella tua macchina. Però non farlo guidare. Potrebbe gridarti quale direzione prendere. Ma qualsiasi cosa tu faccia, non lasciare mai che prenda il volante.

Q: Le persone considerano ancora i Pearl Jam come un esempio, un parafulmine, per l’aspetto economico dei concerti perché avete supportato fortemente il discorso delle tariffe negli anni ‘90. Ed ora i vostri concerti costano $58 e $78 con $15 di costi aggiuntivi, e la gente mi scrive email lamentandosi che avete perso di vista quello che eravate. Vi vorrebbero come i Fugazi che fanno pagare $5 per un concerto. Come rispondi a questo tipo di aspettative?


A: Penso che vada considerato il punto in cui siamo oggi come gruppo e il modo in cui ci guadagniamo da vivere, non vendendo più dischi – questo è probabilmente l’aspetto più importante del perché i biglietti sono arrivati al punto in cui li considero costosi. Quello che posso fare come parte di un gruppo o per conto mio, è cercare di dare valore al prezzo del biglietto, qualsiasi esso sia. E questo è il momento in cui umilmente cerchi di dire che anche la longevità diventa qualcosa da rispettare a questo punto. E’ complicato. L’altra cosa da considerare è questa: qual è il motivo per cui la gente vende questi biglietti (nel mercato secondario) dopo che li abbiamo venduti noi? E’ una cosa a cui pensiamo. Il motivo principale della risposta è che il tour è il momento in cui unisci tutti i punti e fai il margine per non andare in rosso. Le persone possono polemizzare e chiamarti in certi modi e dire che questo non corrisponde a quello che era in passato, ma si spera che la gente si renda conto di come sono cambiate le cose nell’industria musicale. E per certi gruppi che volevano tenere bassi i prezzi dei biglietti e delle T-shirt e forse anche il costo dei loro dischi e avere cura degli acquirenti, dal momento che gli acquirenti non hanno bisogno di comprare i dischi (procurandoseli gratis in Internet), loro hanno tenuto fede alla loro parte dell’accordo? Questa è una critica per il nostro pubblico e odio doverla fare. Probabilmente dovrei rinunciare alla parte più grande del nostro pubblico dicendo queste cose. Ma per la maggior parte degli artisti, le vendite dei dischi non bastano più a pagare i conti.

Q: Lo trovi frustrante?

A: La cosa ha riguardato un’intera generazione perciò non si può tornare indietro. Ad un certo punto, credimi, a questo gruppo piace riunirsi e parlare di musica, canzoni, concerti, altre band. Io e Jeff (Ament, il bassista dei Pearl Jam) ci entusiasmiamo a parlare di come fare l’artwork dei dischi o a lavorare sui disegni delle T-shirt. La cosa meno entusiasmante per noi è parlare degli aspetti finanziari; è come andare dal dentista per noi. Ma almeno cerchiamo di farlo in modo creativo e di metterci il nostro marchio. Posso solo pensare che le cose che creiamo valgano quanto costano.

Q: Voi siete stati un modello per il modo in cui avete gestito la vostra carriera come band e come business, perciò probabilmente venite analizzati più di altri.


A: Questo lo comprendiamo. Ricordo che nel 1994 gli Eagles facevano pagare più di $100 a biglietto. Dicevano ‘Noi non siamo i Pearl Jam.’ Parliamo di un tempo in cui ancora si vendevano i dischi e gli Eagles avevano venduto quanto nessun’altro al mondo. E 20 anni dopo continuiamo a far pagare meno di loro (ride).

BACK