Josh Brolin by Eddie Vedder
Interview Magazine, November 2008

<< Back to Interviste | Home
 

 

Josh Brolin
by Eddie Vedder
From http://www.interviewmagazine.com/
(November 2008)

To understand Josh Brolin, to really get inside his skin, it helps to know that in addition to being an actor—and a fine one at that—he really knows how to pick his stocks. In fact, a few years ago, when the marquee roles weren't coming as fast and furious as they are now, Brolin sold his ranch in Northern California and focused his energy on day-trading—the idea being that if he could supplement his income by playing the market, then he wouldn't have to take acting jobs simply in order to make a living. Brolin was good at trading, making his moves from a computer in his home office, like Gordon Gekko in sweatpants. This was all, of course, before Robert Rodriguez cast him in Grindhouse (2007) and Ridley Scott put him in American Gangster (2007) and the Coen brothers handed him the bulk of the screen time in No Country for Old Men (2007). It was before Josh Brolin—former teen star of The Goonies (1985), journeyman thespian, husband of Diane Lane, and stepson of Yentl (his father, actor James Brolin, is married to Barbra Streisand)—became the Josh Brolin that we have before us today: a guy who has all the markings of an old-model actor, the rugged, roguish kind who looks like he belongs on the back of a horse in a Sam Peckinpah movie and seems to lack that 21st-century gene that makes movie stars care about whether you like them or not.
But back to the stock market: Soon after selling his old ranch, Brolin found himself shopping for a new one, a fact that has as much to do with his ability to negotiate the bulls and the bears as it does his innate understanding of the science of choice—those intangible forces that make people do what they do, and the internal logic that drives them. Indeed, in Brolin's last few films, he has been hard to like but easy to love, and things aren't about to get any less complicated: Brolin spent much of this past summer in Shreveport, Louisiana, shooting W., Oliver Stone's new biopic of George W. Bush, in which he plays the outgoing 43rd president of the United States. He also stars alongside Sean Penn in Gus Van Sant's upcoming Milk, a film about gay rights activist and San Francisco city supervisor Harvey Milk; Brolin plays Dan White, a political rival of Milk's from a working-class district who would go on to assassinate both Milk and Mayor George Moscone, shooting both men at close range at City Hall in November of 1978. (During his trial, White's lawyers would put forth the now-famous “ Twinkie defense,” claiming that their client, a lifelong fitness junkie, suffered from severe depression at the time of the killings, evident by the fact that he stopped exercising and begun consuming large quantities of Twinkies.)
In addition to all of this, Brolin has also taken part in The People Speak, a forthcoming TV miniseries based in part on the best-sellingbook A People's History of the United States by political scientist and historian Howard Zinn. The series features music by, among others, Brolin's interviewer here, Pearl Jam front man Eddie Vedder. With this cleansing moment in American history upon us and a historic presidential election in the making, the 40-year-old Brolin and Vedder sat down to surmise the state of the union, the bullish upturn of Brolin's career, and the lengths to which some people are willing to go for their art. So, how to explain Brolin's recent windfall? It's the economy, stupid.


EDDIE VEDDER: I just finished touring, and I'm on a detox thing. It's a heavy detox, so nothing in my belly except water, salt, and cayenne pepper.

JOSH BROLIN: You're drinking the lemon water and the cayenne and all that?

EV: Yeah, I'm doing the master cleanse, which also means I'm not smoking. I haven't smoked for four days. This is probably the first phone conversation I've had in 10 years where I haven't had a smoke. It's like trying to talk without using adverbs.

JB: Right. I just lit up. Sorry. Where are you?

EV: I'm back in Seattle.

JB: We were just at the DNC [Democratic National Convention] in Denver, doing The People Speak. I didn't see Howard [Zinn] there, but he was telling me over the phone the whole deal with you in Boston and how you put the spotlight on him in the middle of the show.

EV: Yeah. His wife [the artist Roslyn Zinn, who died of ovarian cancer on May 14 of this year] was the best. She made Ruth Gordon look kind of like a dim bulb. So I put her picture in the program, a really beautiful picture of her and Howard, and we dedicated a tune to her. She was one of those people . . . When she passed away, I felt her presence around me.


JB: Hugely. Me, too. The last time I saw her was in Boston when we did The People Speak performance at the Majestic Theatre with Viggo [Mortensen] and all those guys. She was really sick at the time, but the great thing with her was that you never knew it, man. She was incredible.

EV: Well, the timing of it was just absolutely stunning, that she made it out for that performance. So you were at the DNC?

JB: I was. I saw Cindy Sheehan speak [at the Open the Debates rally], and then spent some time with her after that. I guess she's trying to run against Nancy Pelosi for her U.S. Congressional seat. And then I saw Sean [Penn] speak and about half of [Ralph] Nader's speech. Sean was fantastic, man. He's incredibly well-spoken and passionate. I know that the guy gets so much shit about speaking out, but it's amazing. He's the most empathetic guy, so I'm always blown away when he gets up in front of people.

EV: Well, there's this thing that you hear a lot these days. People say, “ I'm tired of hearing about the war in Iraq. I'm tired of hearing about it.” And it makes me realize how few people have deeper connections with it, as far as knowing people who have come back paralyzed or who have died, or families that have been affected . . . If they had a connection to it, then they wouldn't be tired of hearing about it.

JB: It's almost like a denial process. It reminds me of when the AIDS epidemic first started. There were people who said, “ Well, if there weren't gays, then we wouldn't have this problem. It's got to be because of them—let it be them instead of us.” But when you educate yourself about it, you can't help but realize that we're all affected by it. I think that things like that just become too daunting for people. That's what's great about Howard Zinn. Here's a guy who says, “ Look, democracy doesn't come from above—it comes from below.” The only way change will ever happen is if we speak up, and we have to know that it actually has an impact. Because we have a lot more power than we think we do, I think.

EV: Well, another idea Howard has turned me on to is that the guys with the power on top never just give it away. They have to be challenged. Which leads us to your investigating this guy, George W. Bush, in order to play him in W.

JB: Do you know how weird it was for me to have done so much research on George W. Bush? There's this churning that goes on when you actually get into somebody's life. W. is not necessarily a political film, but it was sort of a contrasting reality for me to get into George W. Bush as a character because of how I felt about his administration before I started making the film. I'll never forget it, man. Diane and I were up north—we were just kind of vacationing before I started on the film—and I was talking to a lot of people and reading a bunch of books. So one day I was outside with these redwoods around me, and I had just finished this book called The Faith of George W. Bush, and I walked in and looked Diane in the eye, and she goes, “ What's the matter?” And I said, “ I actually like this guy right now. I don't know why, and I don't know how.” What was so fascinating is that George W. Bush is kind of an inspiration for anybody who is off on any sort of drunken, lost tangent. This guy literally just said one day, “ This is no good. My life is going nowhere—I'm going to quit drinking.” And so he starts to deepen his relationship with Jesus and becomes almost a different person who eventually goes on to become the president of the United States. You can't help but be inspired by somebody with that kind of conviction and steel will. But those demons he was dealing with exist no matter what, and they'll eventually find their way out. They will resurface—it's just a question of how.

EV: Yeah, that's why I'm detoxing this week. It's just to set myself up for next month.

JB: [laughs] Why are you detoxing?

EV: Well it was a long couple of years, and being on the road a lot . . . I'm ready to just clean up my act. I don't know how it's all going to come out—this is, like, four days in. In fact, I don't want to talk about it. But it does feel weird. I'm feeling different.

JB: Are you feeling high yet? I've done what you're doing a few times. After the initial period of feeling like you have the flu come these five or six days of speediness. Obviously, that hasn't hit you yet.

EV: No. I'm more kind of walking around in a daze, wondering if this is all really happening.


JB: That's perfect for this conversation.

EV: But now, in addition to George W. Bush, you play another sort of intense political figure, Dan White, in Milk. Did you become as forgiving of Dan White as you're saying you did of George W.?

JB: No, and Dan White is ostensibly the more forgivable character. I don't want to insult his family or his kid, whom I met and who was very pleasant. I don't want to insult anybody, but the truth of the matter is that one of the big differences between George W. Bush and Dan White is that George
W. Bush has this conviction in his foresight. At least Bush feels like—and I've heard him say it— “You can't judge me now, because look at Abraham Lincoln. When he was in the middle of that war and 600,000 people died, he was vilified for the Gettysburg Address because they felt it was too short and almost insulting, and now you look back and it's considered one of the great speeches of all time and he's considered one of the great presidents of all time.” All that kind of shit. But the thing with Dan White was that he didn't have any foresight at all. They had just created multiple city supervisor [positions]. In San Francisco, it used to be that just one city supervisor dealt with the whole city, and then I think it was broken up into nine different districts, or something like that. Dan White was the Great White Hope because everything was changing. There was the gay and lesbian movement and all that stuff happening. But it just wasn't his time. So somebody who was more politically savvy would have realized: Okay, this is happening now—this is Harvey Milk's time, and then down the road I'll have my time. But he didn't see that. He just kind of wallowed in the fact that he wasn't being noticed, that he wasn't being praised—and this was a guy who was used to being praised in his small district. I think he just got more and more frustrated, and it ended up the way it did. Who knows why? There's that whole Twinkie defense, which was a small part of his defense, but they just held on to it, and it's become a much bigger thing than the reality of what it was. The killings were obviously premeditated. He had the bullets in his vest. I think he was planning on killing four people and then ended up killing just Mayor Moscone and Harvey. Did you ever see Gus Van Sant's film Elephant [2003]? There's a shot of an elephant following the kid going into school, and it lasts forever. It follows him for, like, 10 minutes. When we were doing Milk we realized that when Dan White shot Mayor Moscone, it was on one side of City Hall, so he had to leave that office after he shot Moscone and walk, I don't know, it must have been at least a four-minute walk all the way to the other side of City Hall. It's fascinating to me what he must have been thinking during that walk. Was there a moment when he thought, What am I doing? Was he completely immersed in this kind of momentary psychosis? So I said to Gus, “ Remember that shot in Elephant? What if we try to do something like that, just to see what this guy is thinking? Maybe he could go through this myriad of emotions: crying, laughing, smiling, immersed, completely numb, whatever. Let me just try a few things.” Anyway, Gus kept some of it, and it works.

EV: So without putting you in a position of having to gush, it seems like the last bunch of films you've made have been directed by people who are among the best filmmakers of our generation: the Coen brothers, Gus Van Sant, Oliver Stone. And this is all within the last three years.

JB: Ridley Scott, too, on American Gangster. He's another amazing guy.

EV: Oh, yeah, yeah. You guys—you actors—move around. We stay in a band, for the most part, and we do our thing. So, to me, what you've been doing is kind of like playing with Jimi Hendrix and then playing with John Coltrane.

JB: I don't know what it's like for you being around people you've appreciated since you were a kid, but there was a point in my life . . . Look, I've never gotten bitter about where I was at in my career. I've always earned enough money to put my kids through school and eat and all that, so I was never one of those guys who said, “ Why am I not in this other position? Why am I not that other guy? Why am I me?” When this stuff started to happen . . . I guess it mostly started when Robert Rodriguez cast me in Grindhouse, and then there was some kind of snowball effect from there. I know that, for me, working with people like Robert Rodriguez and Ridley Scott and the Coen brothers and Oliver Stone and Gus Van Sant was so much easier than working with a lot of the people I had worked with before, because with these guys, there's not a lot of ego involved. It's all about the work. It's all about how to make the story better. So at the end of the day, you feel a trust that you usually don't feel—or at least I haven't felt in the past with most people. I'd heard rumors about Oliver Stone before we went to work on W., and I don't get it. To me, he's one of the most sensitive directors. He is just fascinated by why people act in the ways that they do. His movies are an excuse to explore that idea, and he wants to work with people who are as passionate about exploring it as he is. So we got along brilliantly.

EV: So you mentioned earlier seeing Sean speak and how good he was. And now we have Barack Obama—

JB: Who is a great speaker.

EV: Well, if he can just get through the election process without having to cater to the bigger corporate powers and talk about things in a way that gets people to listen . . . It's a difficult thing to do; I certainly couldn't do it. But it seems like Barack is the guy.

JB: Do you trust him?

EV: Absolutely. I've done a bit of research in order to come to that conclusion, but I do. I still think that with any candidate, whoever gets elected, there are going to be certain issues or platforms that those who feel strongly can work with him on. You can't be perfect. You can't be the perfect father. You can't be the perfect singer. You can't be the perfect president. But I've stepped back a few times and had these crazy epiphanies that we are blessed by having him as a candidate at this time in our history. If we were ever to have a man of color become president—and it shouldn't be about that, and it doesn't need to be, because he's qualified on all levels—but if you do think about it, just in terms of that idea of unifying people, it's a huge positive.

JB: I think so too. I was just over in Europe. We are not a liked people over there.

EV: We tour a lot, so I'm aware of that. But maybe a lot of people back in the States aren't really aware of it on a daily basis. They don't realize the huge amount of goodwill that we need to build back up.

JB: Did you watch the RNC [Republican National Convention]? Did you see Sarah Palin's speech?

EV: I did. Yeah.

JB: What did you think?

EV: I thought she was . . . I didn't respond to the kind of sarcastic tone. It felt like some of the speech was written as though it were a Saturday Night Live newscast. Maybe that's because she looks very similar . . . She's got her Tina Fey thing going.

JB: That's what my wife kept saying: Tina Fey.
It just seems to me that from the Republican perspective, there's so much focus on how bad the other side is, as opposed to their running on their own trajectory within the issues.

EV: I would think we have a trajectory of failure on the Republicans' part—a failed strategic direction—except that I think it's been working for them. When you think about how they managed to make John Kerry look bad during the last election for actually serving in Vietnam, and testifying in Congress after he'd gotten medals, and said that he didn't believe in them or that he didn't believe in the war and that it should stop . . . That they could turn that—

JB: Into a negative.

EV: When their guy, George W. Bush, never even went to Vietnam. Do you cover that at all in W.?

JB: The fact that he didn't go? No. We don't deal with that. But we do deal with a lot of other milestones. We're following him from approximately the ages of 21 to 57, so from 1967 to after the U.S. goes to war with Iraq in 2003. A lot of what has happened springboarded from his relationship with his dad, and a lot of it is in reaction to what he was like when he was younger, before he made the decision—at 40 years old—to take whatever puzzle there was to his life and make the pieces fit together. I don't know how people are going to react to the film, -because I think what the movie really does is bring back the idea of “ Why did we vote for this guy?” Because regardless of whether there was ballot manipulation or not, you still have 50 million people who voted for George W. Bush [in the 2000 election]. And why? Because he's fallible? Because he reminds you of us? So the movie really gets into that idea of “ Don't forget that we are empowered to hire these people. That's what we do. We are hiring these people. They don't hire themselves.” It's irresponsible to disregard this guy as some bumbling, blathering idiot who has no intelligence whatsoever, because I don't think we'd be in the predicament that we are in right now if that was the case. W. is really about a guy who was completely flailing who becomes the president of the United States. And that's a compelling story.

EV: The interesting thing is that it seems like George W. Bush would have been happy being the president of anything. He could have been president of Major League Baseball.


JB: That would have been great.

EV: Less people killed. It wouldn't have affected the world on a planetary level. Sure, there would have been little things. There would have been scandals and kind of numbskull things here and there . . .

JB: But on a very minute level.

EV: And he would have been happy and the family would have been happy and his dad would have been happy. The Republicans initially sort of saw him as a blank canvas, didn't they?

JB: Completely.

EV: It seems like they interviewed him when he was governor of Texas to see what kind of candidate he could be. Then they were like, “ Oh, yeah—”

JB: “ This is the guy.” Because they thought he would be easy to control. Yet none of that was what happened. I mean, for the first months of his administration, there wasn't much to do because 9/11 hadn't happened yet. George W. Bush brought a lot of minorities into his administration, which was a positive thing, and they had some issues that they wanted to press, but 9/11 really gave them direction. It gave them a purpose. I do think, from the other side, that W. was somewhat of an innocent in his thinking about what Ronald Reagan did during the Cold War and by bringing democracy to Eastern Europe. I think he believed that he could do the same thing by bringing democracy—or Midland, Texas, really—to the Middle East. I truly think he felt it was possible. “ I want to do for the Middle East what Reagan did for the Soviet Union.”

EV: That would be a hard thing to believe in. I'm not a college graduate, but I don't know how he could have truly believed that the flower of democracy was going to blossom in that part of the world—at least in part because the governments there are so tied to religion . . . This kind of talk really makes me want to have a smoke! Remember that Pixies song “ I've Been Tired,” where Frank Black sings, “ Politics go so good with beer.

JB: There's something very true about that.

EV: You said everything started for you with Grindhouse, but you've been making films for a long time. I remember Flirting With Disaster [1996]—of course, that was seven or eight years ago.

JB: No, 12. Did you see it?

EV: I saw it when it came out, and I've seen it again recently. The first time we met, I didn't realize that you had been in the film until you reminded me of the conversation you have in the back of the car about—

JB: Right. The blow job conversation. Humming.

EV: Then at the end of the movie, with your head in Patricia Arquette's—

JB: Armpit. Did I tell you that story?

EV: No.


JB: Okay, so Patricia and I, we had known each other sort of loosely before. Anyway, we were doing this scene the way the scene was written: We kissed and then Ben Stiller's character walks into the room and says, “ What are you doing? How are you doing this?” But we saw it and it was boring. So I said, “ Well, what if my character had a foot fetish? What if he was sucking on her big toe? He could be talking about her big toe and how beautiful big toes are and how beautiful feet are.” But the director, David O. Russell, was like, “ Uh . . . I don't know.” So then Patricia said, “ What about the armpit?” And David says, “ Yeah, yeah, that's great.” But I was like, “ I don't know, man,” because I'm thinking, I've got to lick the armpit. And Patricia goes, “ Yeah, you could just lick my armpit,” and she lifted her arm and, I guess because that's how she saw the character, she had grown out all her underarm hair. Then I had, like, a severe reaction. I said, “ No! I don't like that idea. I really like the foot idea. Or maybe we could go with the small of her back. But the underarm thing, I don't think it's proper. It seems a little disgusting to me.” Anyway, they were already on it, that it was working. So we shot it and I had to lick her armpit with the hair.

EV: This is really great for me, man. This is going to keep me from eating for days.

JB: It's the disgusting truth of my profession. Anyway, we saw the footage, and it was so disgusting that David said, “ We can't have the hair. Patricia has to shave the hair.” So what you see in the film is the third attempt at making that scene playable.

EV: Well, the scene worked like it was written. [Brolin laughs] Anyhow, I think it's great that films like W. and Milk can be made.

JB: We'll see how they're received. So let me ask you this: What did you think when you heard that I was going to do this role as George W. Bush?

EV: I thought about how weird it was that Diane was going to have to make out with a Republican
.

 

 

 

 

 

 

 

Josh Brolin
di Eddie Vedder
From http://www.interviewmagazine.com / Traduzione a cura di Irene
(Novembre 2008)

Per comprendere Josh Brolin, per entrare veramente nella sua pelle, è d'aiuto sapere che oltre ad essere un attore - e di ottima qualità peraltro - egli sa bene come incrementare il proprio capitale. Infatti, alcuni anni fa, quando i ruoli importanti non arrivavano così veloci e intensi come adesso, Brolin ha venduto il suo ranch nel Nord della California ed ha concentrato le sue energie sul day-trading - con l'idea che se avesse potuto arrotondare il suo reddito giocando in Borsa, allora non avrebbe dovuto accettare dei ruoli semplicemente per sopravvivere. Brolin era bravo nel trading, facendo le sue mosse dal computer nell'ufficio a casa sua, come un Gordon Gekko (il personaggio di Michael Douglas in “Wall Street” n.d.t.) in tuta da ginnastica. Tutto ciò, ovviamente, prima che Robert Rodriguez lo scegliesse per “Grindhouse” (2007) e Ridley Scott per “American Gangster” (2007) e i fratelli Coen gli affidassero la maggior parte del tempo sullo schermo in “No Country for Old Men” (2007). Era prima che Josh Brolin - ex star adolescente di “The Goonies” (1985), attore di esperienza, marito di Diane Lane, e figliastro di Yentl (suo padre, l'attore James Brolin, è sposato con Barbra Streisand) - diventasse il Josh Brolin che conosciamo oggi: un uomo che ha tutte le caratteristiche di un attore vecchio stile, il tipo duro, disonesto che sembra fatto apposta per il dorso di un cavallo in un film di Sam Peckinpah e a cui sembra mancare quel gene del 21° secolo che fa sì che le star del cinema si preoccupino di sapere se piacciono o meno.
Ma tornando al mercato azionario: subito dopo aver venduto il suo vecchio ranch, Brolin ne ha comprato uno nuovo, un fatto che ha tanto a che fare con la sua abilità a negoziare i tori e gli orsi (in Borsa) quanto con la sua innata comprensione della scienza del saper scegliere - quelle intangibili forze che fanno fare alle persone ciò che fanno, e la logica interna che li guida. Infatti, negli ultimi film di Brolin, egli è stato difficilmente piacevole, ma facile da amare, e le cose non saranno ora meno complicate: Brolin ha trascorso buona parte della scorsa estate a Shreveport, in Louisiana, girando “W.”, il nuovo film biografico su George W. Bush realizzato da Oliver Stone, nel quale interpreta il 43° presidente uscente degli Stati Uniti. E' inoltre protagonista accanto a Sean Penn in “Milk” il nuovo film di Gus Van Sant sull'attivista per i diritti dei gay e consigliere comunale della città di San Francisco, Harvey Milk; Brolin interpreta Dan White, un rivale politico di Milk proveniente da un distretto operaio che voleva assassinare sia Milk che il sindaco George Moscone, sparando ad entrambi a breve distanza nel Municipio nel novembre del 1978. (Durante il processo, gli avvocati di White avrebbero prodotto la ormai famosa “ difesa Twinkie” asserendo che il loro cliente, da sempre devoto del fitness, soffriva di una grave depressione al momento degli omicidi, evidenziata dal fatto che aveva smesso di fare esercizio ed aveva iniziato a consumare grandi quantità di Twinkies).
In aggiunta a tutto ciò, Brolin ha anche preso parte a “The People Speak”, una miniserie TV di prossima uscita basata in parte sul bestseller “A People's History of the United States” del politologo e storico Howard Zinn. La serie include la musica, tra gli altri, di Eddie Vedder, il front man dei Pearl Jam, qui intervistatore di Brolin. In questo momento di pulizia nella storia Americana e mentre sta per avvenire una storica elezione presidenziale, i 40enni Brolin e Vedder si sono messi comodi per fare congetture sullo stato dell'Unione, sulla prepotente ripresa della carriera di Brolin, e su fino a che punto alcune persone sono disposte ad arrivare in nome della loro arte. Quindi, come spiegare il recente colpo di fortuna di Brolin? E' l'economia, stupido.


EDDIE VEDDER: Ho appena terminato un tour, e mi sto disintossicando. E' una disintossicazione pesante, per cui nella mia pancia non c'è niente altro che acqua, sale, e pepe di cayenna.

JOSH BROLIN: Stai bevendo la limonata, il pepe di cayenna e tutto il resto?

EV: Sì, sto facendo la “Master Cleanse”, che significa anche che non sto fumando. Non fumo da quattro giorni. Questa è probabilmente la prima conversazione telefonica che faccio senza una sigaretta negli ultimi 10 anni. E' come cercare di parlare senza utilizzare avverbi.

JB: Bene. Ne ho appena accesa una. Mi dispiace. Dove ti trovi?

EV: Sono tornato a Seattle.

JB: Siamo appena stati alla DNC [Convention Nazionale Democratica] a Denver, per fare “The People Speak”. Non ho visto Howard [Zinn] lì, ma mi ha raccontato al telefono tutta la storia con te a Boston e di come hai acceso un riflettore su di lui nel mezzo dello show.

EV: Sì. Sua moglie [l'artista Roslyn Zinn, che è morta di cancro alle ovaie il 14 maggio di quest'anno] era la migliore. Ha fatto sembrare Ruth Gordon come una pallida luce. E così ho messo una sua foto nel programma, una foto davvero bella di lei e Howard, e le abbiamo dedicato un brano. Era una di quelle persone... Quando è morta, ho sentito la sua presenza intorno a me.

JB: Enormemente. Anch'io. L'ultima volta che l'ho vista è stato a Boston quando abbiamo fatto la performance di “The People Speak” al Majestic Theatre con Viggo [Mortensen] e tutti gli altri ragazzi. Era molto malata in quel periodo, ma la cosa meravigliosa di lei era che non l'avresti mai detto. Era incredibile.

EV: Bè, la tempistica è stata assolutamente sbalorditiva, rendendo possibile quella performance. Quindi eri alla DNC?

JB: Sì. Ho visto il discorso di Cindy Sheehan, e poi ho passato un po' di tempo con lei. Penso che stia cercando di correre contro Nancy Pelosi per il suo seggio al Congresso. E poi ho visto il discorso di Sean [Penn] e circa la metà del discorso di [Ralph] Nader. Sean è stato fantastico. Sa parlare incredibilmente bene e con passione. So che lui ha molta difficoltà a parlare in pubblico, ma è straordinario. E' l'uomo più empatico, per cui sono sempre profondamente colpito quando si alza davanti ad un pubblico.

EV: Bene, c'è questa cosa che si sente dire molto in questi giorni. La gente dice “Sono stanco di sentir parlare della guerra in Iraq. Sono stanco di sentire questi discorsi.” E questo mi fa capire come poche persone abbiano un legame più profondo con tutto ciò, finché non conoscono persone che sono tornate paralizzate o che sono morte, o famiglie che sono state colpite... Se avessero un legame con tutto ciò, allora non sarebbero stanchi di sentirne parlare.

JB: E' quasi come un processo di negazione. Mi ricorda quando iniziò l'epidemia di AIDS. C'erano persone che dicevano “Bè, se non ci fossero i gay, non avremmo questo problema. E' colpa loro - lascia che siano loro anziché noi”. Ma quando ti informi meglio sull'argomento, non puoi fare a meno di capire che siamo tutti coinvolti. Credo che cose come queste diventano troppo spaventose per la gente. Ecco cos'è magnifico di Howard Zinn. Ecco un uomo che dice “ Guarda, la democrazia non viene dall'alto - viene dal basso.” L'unico modo in cui il cambiamento potrà mai avvenire è attraverso la forte espressione della nostra opinione, e dobbiamo essere consapevoli che questo ha davvero un impatto. Perché abbiamo molto più potere di quello che pensiamo, io credo.

EV: Bene, un'altra idea di Howard che mi ha molto interessato è che gli uomini al vertice che hanno il potere cercano di tenerselo. Devono essere sfidati. E questo ci porta alle ricerche che hai fatto su quest'uomo, George W. Bush, per poterlo interpretare in “W.”

JB: Puoi immaginare quanto sia stato strano per me aver fatto così tante ricerche su George W. Bush? C'è questo stato di agitazione che si verifica quando entri veramente nella vita di qualcuno. “W.” non è necessariamente un film politico, ma c'era una specie di realtà contrastante per me ad entrare nel personaggio di George W. Bush a causa di quello che provavo nei confronti della sua amministrazione prima che iniziassi a girare il film. Non lo dimenticherò mai. Diane ed io eravamo su al nord - era una specie di vacanza prima che io iniziassi il film - ed ho parlato con molte persone ed ho letto tanti libri. Così un giorno ero fuori circondato dalle sequoie, ed avevo appena finito questo libro intitolato “The Faith of George W. Bush”, e sono entrato e ho guardato Diane negli occhi, e lei mi ha detto “Che cosa c'è?” Ed io ho detto “Adesso mi piace veramente quest'uomo. Non so perché, e non so come.” Ciò che era così affascinante è che George W. Bush è una sorta di ispirazione per chiunque se ne sia andato per la tangente ubriaco perso. Quest'uomo letteralmente un giorno ha detto “Così non va bene. La mia vita non sta andando da nessuna parte - Smetterò di bere.” E così inizia ad approfondire la sua relazione con Gesù e diventa quasi una persona diversa che alla fine riesce a diventare il presidente degli Stati Uniti. Non puoi fare a meno di essere ispirato da qualcuno con quel tipo di convinzione e volontà d'acciaio. Ma quei demoni con cui aveva a che fare esistono comunque in qualsiasi condizione ti trovi, ed alla fine troveranno il modo di venire fuori. Risaliranno in superficie - si tratta solo di vedere come.

EV: Sì, ecco perché mi sto disintossicando questa settimana. E' proprio per mettermi a posto per il mese prossimo.

JB: [ride] Perché ti stai disintossicando?

EV: Bè, negli ultimi due anni sono stato molto “on the road”... Sono pronto per migliorare il mio comportamento. Non so quale sarà il risultato - sono quattro giorni per ora. In effetti, non ne voglio parlare. Ma mi fa sentire strano. Mi sento diverso.

JB: Ti senti più forte? Ho fatto qualche volta quello che stai facendo tu. Dopo il periodo iniziale in cui ti senti come se avessi l'influenza arrivano quei cinque o sei giorni di accelerazione. Ovviamente, non ti ha ancora preso.

EV: No. Sono più nella fase in cui mi aggiro stordito chiedendomi se tutto questo sta accadendo realmente.

JB: E' perfetto per questa conversazione.

EV: Ma ora, oltre a George W. Bush, tu interpreti un altro tipo di figura politica intensa, Dan White, in “Milk”. Sei diventato così clemente con Dan White come dicevi di essere stato con George W.?

JB: No, e Dan White è all'apparenza il personaggio più perdonabile. Non voglio insultare la sua famiglia o suo figlio, che ho incontrato e che sono stati molto piacevoli. Non voglio insultare nessuno, ma la verità della questione è che una delle maggiori differenze tra George W. Bush e Dan White è che George W. Bush ha questa convinzione nella sua preveggenza. O per lo meno Bush dice - e l'ho sentito dire - “Non potete giudicarmi ora, perché, guardate Abraham Lincoln. Quando si trovò nel mezzo della guerra e 600.000 persone erano morte, egli è stato vilipeso per il discorso di Gettysburg perché era sembrato troppo breve e quasi oltraggioso, ed ora ti guardi indietro ed è considerato uno dei più grandi discorsi di tutti i tempi ed egli è considerato uno dei più grandi presidenti di tutti i tempi.” Tutto questo genere di merda. Ma la questione con Dan White era che egli non aveva alcuna preveggenza. Erano stati creati diversi consiglieri comunali [posizioni]. A San Francisco, c'era solo un consigliere comunale che si occupava dell'intera città, e poi credo che sia stato suddiviso in nove diversi distretti, o qualcosa del genere. Dan White era la Grande Speranza Bianca perché tutto stava cambiando. C'era il movimento dei gay e delle lesbiche e tutta quella roba che stava accadendo. Ma non era il suo momento. Così qualcuno che fosse stato politicamente più esperto avrebbe pensato: Okay, questo è ciò che sta accadendo ora - questo è il momento di Harvey Milk, e poi più avanti arriverà il mio momento. Ma egli non vide questo. Si impantanò nel fatto che egli non era stato preso in considerazione, che non era stato acclamato - e questo è un uomo che era stato acclamato nel suo piccolo distretto. Credo che divenne via via più frustrato, e andò a finire come andò a finire. Chi può dire perché? C'è tutta questa storia della “difesa Twinkie”, che fu una piccola parte della sua difesa, ma insistettero su questo, e divenne una cosa molto più grande di ciò che in realtà era. Gli omicidi furono ovviamente premeditati. Aveva i proiettili nel gilè. Credo che avesse pianificato l'uccisione di quattro persone e poi finì per uccidere solo il sindaco Moscone e Harvey. Hai mai visto Elephant [2003] il film di Gus Van Sant? C'è una ripresa di un elefante che segue il ragazzo quando entra nella scuola, e dura per tutto il tempo. Lo segue per, qualcosa come 10 minuti. Mentre stavamo girando “Milk” ci siamo resi conto che quando Dan White sparò al sindaco Moscone, si trovava in un'ala del Municipio, per cui egli deve aver lasciato quell'ufficio dopo aver sparato a Moscone e deve aver camminato, non so, deve essere stata una camminata di almeno quattro minuti per raggiungere l'altro lato del Municipio. E' affascinante per me quello che deve aver pensato durante quel cammino. C'è stato un momento in cui ha pensato “Cosa sto facendo?” Era completamente immerso in questa sorta di psicosi momentanea? Così ho detto a Gus, “Ricordi quella ripresa in “Elephant”? Che ne dici se cercassimo di fare qualcosa del genere, giusto per vedere cosa sta pensando quest'uomo? Forse potrebbe passare attraverso questa miriade di emozioni: pianto, riso, sorriso, concentrazione, completo torpore, qualsiasi cosa. Lasciami provare un po' di cose.” Comunque, Gus ha tenuto alcune di esse, e funziona.

EV: Senza volerti mettere in condizione di abbandonarti ad eccessive effusioni , sembra che gi ultimi film che hai fatto sono stati diretti da alcuni tra i migliori filmmakers della nostra generazione: i fratelli Coen, Gus Van Sant, Oliver Stone. E tutto negli ultimi tre anni.

JB: Anche Ridley Scott, in “American Gangster”. E' un altro uomo straordinario.

EV: Oh, sì, sì. Voi attori vi muovete molto. Noi stiamo in una band, per la maggior parte, e facciamo le nostre cose. Quindi, per me, quello che stai facendo tu è come suonare con Jimi Hendrix e poi suonare con John Coltrane.

JB: Non so com'è per te essere circondato da persone che apprezzi da quando eri ragazzo, ma c'è stato un momento nella mia vita... Guarda, non mi sono mai amareggiato per la mia carriera. Ho sempre guadagnato abbastanza per mandare a scuola i miei figli, farli mangiare e tutto il resto, perciò non sono mai stato uno di quelli che dicono “Perché non sono in quest'altra posizione? Perché non sono al posto di quell'altro? Perché sono io?” Quando queste cose hanno iniziato ad accadere... Credo che tutto sia cominciato quando Robert Rodriguez mi ha scelto per “Grindhouse” e poi da lì c'è stato una sorta di effetto valanga. Io so che, per me, lavorare con persone come Robert Rodriguez e Ridley Scott e i fratelli Coen e Oliver Stone e Gus Van Sant è stato molto più facile che lavorare con tante altre persone con le quali avevo lavorato in precedenza, perché con loro non c'è così tanto coinvolgimento dell'ego. Tutto riguarda il lavoro. Tutto riguarda come migliorare la storia. Così, alla fine della giornata, senti una fiducia che di solito non senti - o almeno io non ho sentito in passato con la maggior parte delle persone. Avevo sentito delle dicerie su Oliver Stone prima che iniziassimo a lavorare a “W.”, e non capisco. Per me, è uno dei registi più sensibili. Lui è affascinato dalle motivazioni che sono dietro ai comportamenti delle persone. I suoi film sono una scusa per esplorare questa idea, e vuole lavorare con persone che siano altrettanto appassionate a questo tema. Perciò siamo andati brillantemente d'accordo.

EV: Dicevi prima di aver visto il discorso di Sean e di quanto fosse valido. Ed ora abbiamo Barack Obama -

JB: Che è un grande oratore.

EV: Bè, se egli potesse arrivare al termine del processo delle elezioni senza dover soddisfare i più grandi poteri corporativi e parlare di cose in un modo che porti la gente ad ascoltare... E' una cosa difficile da fare; io certamente non potrei farlo. Ma sembra che Barack sia l'uomo giusto.

JB: Hai fiducia in lui?

EV: Assolutamente. Ho fatto un po' di ricerche per arrivare a questa conclusione, ma ho fiducia. Penso inoltre che qualsiasi candidato, chiunque venga eletto, potrà essere influenzato su alcune questioni o programmi da coloro che le hanno a cuore. Non si può essere perfetti. Non puoi essere il padre perfetto. Non puoi essere il cantante perfetto. Non puoi essere il presidente perfetto. Ma mi sono fermato a pensare alcune volte e ho avuto questa follie visione che siamo fortunati ad averlo come candidato in questo momento della nostra storia. Se mai avessimo dovuto avere un uomo di colore che diventasse presidente - e non dovrebbe essere questo il punto, e non ha bisogno di esserlo, perché è qualificato a tutti i livelli - ma se ci pensi, proprio nei termini dell'idea di unire le persone, è un'enorme cosa positiva.

JB: Anch'io la penso così. Sono appena stato in Europa. Non siamo molto amati laggiù.

EV: Noi giriamo molto in tour, per cui ne sono consapevole. Ma forse molte persone negli States non ne sono affatto consapevoli nella loro quotidianità. Non si rendono conto dell'enorme quantità di benevolenza che abbiamo bisogno di ricostruire daccapo.

JB: Hai visto l'RNC [Convention Nazionale Repubblicana]? Hai visto il discorso di Sarah Palin?

EV: L'ho visto, sì.

JB: Cosa hai pensato?

EV: Ho pensato che lei era... Non ho risposto al tipo di tono sarcastico. Sembrava che parte del discorso fosse stato scritto come se fosse un notiziario del Saturday Night Live. Forse perché lei somiglia molto... Ha questa cosa di Tina Fey...

JB: E' quello che ma moglie continuava a dire: Tina Fey.
Mi sembra che dalla prospettiva Repubblicana, l'attenzione sia molto centrata su quanto sia cattiva l'altra fazione, anziché correre sulla propria traiettoria dentro le varie questioni.

EV: Io penserei che ci sia una traiettoria perdente dalla parte Repubblicana - una direzione strategica fallita - salvo che penso si sia lavorato per loro. Quando pensi a come sono riusciti a far sembrare cattivo John Kerry durante l'ultima elezione per aver realmente prestato servizio in Vietnam, e testimoniato al Congresso dopo aver ottenuto delle medaglie, e aver detto che non credeva in loro o che non credeva nella guerra e che avrebbe dovuto essere fermata... Che loro abbiano potuto trasformare questo -

JB: In una cosa negativa.

EV: Quando il loro uomo, George W. Bush, non era nemmeno mai andato in Vietnam. Vi siete occupati di tutto ciò in “W.”?


JB: Il fatto che non ci è andato? No. Non ce ne siamo occupati. Ma ci siamo occupati di molte altre pietre miliari. Lo abbiamo seguito approssimativamente dai 21 ai 57 anni, quindi dal 1967 fino a dopo che gli Stati Uniti sono entrati in guerra con l'Iraq nel 2003. Molto di ciò che è accaduto ha avuto come trampolino la relazione con suo padre, e molte cose sono una reazione a ciò che era quando era più giovane, prima di prendere la decisione - a 40 anni - di prendere i pezzi della sua vita e rimetterli insieme. Non so come la gente reagirà al film - perché penso che ciò che il film realmente fa è riportare l'idea del “Perché abbiamo votato per quest'uomo?” Perché nonostante ci sia stata o non ci sia stata una manipolazione dei voti, hai comunque 50 milioni di persone che hanno votato per George W. Bush [nelle elezioni del 2000]. E perché? Perché è fallibile? Perché ci ricorda noi stessi? Quindi il film entra davvero in quell'idea di “Non dimenticare che abbiamo il potere di assumere queste persone. Ed è quello che facciamo. Noi assumiamo queste persone. Non si assumono da sole.” E' da irresponsabili disprezzare quest'uomo come un maldestro idiota blaterante che non ha nessuna specie di intelligenza, perché non credo che saremmo nella situazione critica in cui siamo ora se fosse così. “W.” è realmente su un uomo che era completamente abbattuto che diventa presidente degli Stati Uniti. Ed è una storia irresistibile.

EV: La cosa interessante è che sembra come se George W. Bush sarebbe stato felice di essere il presidente di qualsiasi cosa. Avrebbe potuto essere presidente della Major League di Baseball.

JB: Sarebbe stato meraviglioso.

EV: Meno persone uccise. Non avrebbe influenzato il mondo a livello planetario. Sicuramente ci sarebbero state piccole cose. Ci sarebbero stati scandali e alcune cose idiote qui e là...

JB: Ma ad un livello davvero piccolo.

EV: E lui sarebbe stato felice e la famiglia sarebbe stata felice e suo padre sarebbe stato felice. I Repubblicani inizialmente lo vedevano come una tela nera, no?

JB: Completamente.

EV: Sembra che l'abbiano intervistato quando era governatore del Texas per vedere che tipo di candidato potesse essere. Quindi pensarono “Oh, sì - ”

JB: “E' il nostro uomo.” Perché pensavano che sarebbe stato facile da controllare. Ma niente di tutto ciò accadde. Voglio dire, per i primi mesi della sua amministrazione, non c'era molto da fare perché l'11 settembre non era ancora avvenuto. George W. Bush portò molte minoranze nella sua amministrazione, che è stata una cosa positiva, e avevano alcune questioni che volevano affrettare, ma l'11 settembre realmente dettò loro la direzione. Diede loro uno scopo. Credo, d'altra parte, che W. fosse in qualche modo un ingenuo nel suo pensare a ciò che Ronald Reagan aveva fatto durante la Guerra Fredda e portando la democrazia nell'Europa dell'Est. Penso che lui credesse di poter fare la stessa cosa portando la democrazia in Medioriente. Credo davvero che lui pensasse che fosse possibile. “Voglio fare per il Medioriente ciò che Reagan fece per l'Unione Sovietica.”

EV: Sarebbe una cosa difficile da credere. Io non ho una laurea, ma non so come possa aver davvero creduto che il fiore della democrazia avrebbe potuto sbocciare in quella parte del mondo - almeno in parte perché i governi lì sono così legati alla religione... Questo tipo di discorso mi fa davvero venire voglia di fumare! Ti ricordi quella canzone dei Pixies “I've Been Tired” in cui Frank Black canta “Politics go so good with beer”.

JB: C'è qualcosa di molto vero in questo.

EV: Hai detto che tutto è iniziato per te con “Grindhouse”, ma fai film da tanto tempo. Io ricordo “Flirting With Disaster” [1996] - sicuramente era di 7 o 8 anni fa.

JB: No, 12. L'hai visto?

EV: L'ho visto quando è uscito, e l'ho rivisto recentemente. La prima volta che ci siamo incontrati, non mi sono reso conto che eri in quel film finché non mi hai ricordato la conversazione che facevi sui sedili posteriori della macchina circa -

JB: Giusto. La conversazione sul sesso orale.

EV: Poi alla fine del film, con la tua testa nella -

JB: Ascella di Patricia Arquette. Ti ho raccontato quella storia?

EV: No.

JB: Okay, allora Patricia ed io, ci eravamo appena conosciuti. Comunque, stavamo facendo questa scena nel modo in cui era stata scritta: ci baciavamo e poi il personaggio di Ben Stiller entra nella stanza e dice “Cosa state facendo? Come lo state facendo?” Ma l'abbiamo vista ed era noiosa. Allora io ho detto “Bè, che ne dite se il mio personaggio fosse un feticista dei piedi? Che ne dite se le succhiasse l'alluce? Potrebbe parlare del suo alluce e di quanto sono belli gli alluci e di quanto sono belli i piedi.” Ma il regista, David O. Russell, diceva “Uh…non so.” Allora Patricia disse “Che ne dite dell'ascella?” E David dice “Sì, sì, fantastico.” Ma io dicevo “non so” perché stavo pensando che avrei dovuto leccare l'ascella. E Patricia continua “Sì, potresti leccarmi l'ascella” e sollevò il braccio e, penso, a causa del modo in cui vedeva il suo personaggio, si era lasciata crescere i peli sotto l'ascella. Allora ho avuto una brutta reazione. Ho detto “No! Non mi piace l'idea. Mi piace molto di più l'idea del piede. O forse potremmo andare con i reni. Ma la cosa dell'ascella non credo sia appropriata. Mi sembra un po' disgustosa.” Comunque, loro erano tutti già convinti che avrebbe funzionato. Così abbiamo girato ed io ho dovuto leccare la sua ascella con i peli.

EV: Questo è davvero fantastico per me, amico. Mi impedirà di mangiare per giorni.

JB: E' la disgustosa verità della mia professione. Comunque, abbiamo guardato il girato ed era così disgustoso che David disse “Non possiamo avere i peli. Patricia deve raderli.” Così quello che vedi nel film è il terzo tentativo di fare la scena.

EV: Bè, la scena funzionava come se fosse stata scritta. [Brolin ride] Comunque, credo sia meraviglioso che si possano realizzare film come “W.” e “Milk”.


JB: Vedremo come saranno accolti. Vorrei chiederti una cosa: cosa hai pensato quando hai sentito che avrei fatto il ruolo di George W. Bush?

EV: Ho pensato a quanto fosse strano il fatto che Diane sarebbe andata a letto con un Repubblicano.

 

BACK