Interviste 2009 | Ten Reissue

<< Back to Interviste | Home
 

If Kurt were around today he'd say to me 'well you turned out OK'

By JACQUI SWIFT
Published: http://www.thesun.co.uk/



A FEW miles from Seattle-Tacoma International Airport in the district of Georgetown is a huge converted warehouse in an anonymous industrial neighbourhood.

It looks an unlikely location for a world-famous band, but for any Pearl Jam fan walking inside, it's like entering Aladdin's cave.

It's the band's HQ, rehearsal space and merchandise hub and impressively has all the stage sets, band memorabilia and instruments used throughout their 19-year history.

And the full guided tour offers more treats. The late Johnny Ramone's baseball card and photo collection — he and singer Eddie Vedder were close friends — is on show near a skateboard ramp and an enormous baseball cage plus pitching machine.

Polaroid photos on display show Kings Of Leon in full baseball gear, ready to take a hit as a ball is spat out at 50mph.

Upstairs in the warehouse apartment — a place to crash if rehearsals extend into the night — Eddie is celebrating.

We meet on the day of Barack Obama's inauguration and for Eddie, who was so central to the Vote For Change campaign, which urged people to choose John Kerry over George Bush in the 2004 presidential election campaign, it's an extra special day.

“Let's not even have his face anywhere on show,” he says with a beaming smile, as he turns over a copy of Rolling Stone magazine which features Bush glaring out from the cover.

“I've just watched him fly off to Texas on television. Finally we have got rid of him. I don't ever want to see him again.”

As passionate in his beliefs as he is engaging in his manner, it's no surprise Eddie remains one of rock's iconic and most compelling frontmen.

Pearl Jam's Ten stands alongside Nirvana's Nevermind as one of grunge's seminal albums and remains one of the all-time greats.

It sold 12million copies and introduced Pearl Jam — guitarist Stone Gossard, bassist Jeff Ament, guitarist Mike McCready and their then recent recruit from San Diego, Eddie — to the world's rock arena.

Ten's fired-up riffs and the guitar interplay between Gossard and McCready together with Eddie's lyrics meant Pearl Jam exploded out of Seattle in the Nineties.

Lyrically Ten was dark. Songs such as Alive (Eddie's semi-autobiographical tale of a young boy discovering his father is actually his stepfather), Even Flow (a song about homelessness), Why Go (about mental hospitals) and Jeremy (influenced by the story of 15-year-old Texan schoolboy Jeremy Wade Delle who shot himself in front of his English class) gave a voice to tortured adolescent souls.

Now, in the run-up to the band's 20th anniversary, Ten is being reissued in four exclusive editions.

They include the remastered version of the album, a remixed version by long-time producer Brendan O'Brien, a DVD of previously unreleased footage of the band's MTV Unplugged show, Eddie's original three-song “Mamasan” tape demo of Once, Alive and Footsteps and a copy of his composition notebook.

Eddie says: “We are so humbled by the amount of people who have stuck with us over the years that if we can provide them some new insight or something that's really cool, then we will.

“I know how I react when something special is released by The Who so we wanted this to be something thrilling. We have pride in our material and going back through old material was really special. I don't think I'd even heard the three-song demo since I sent it in.”

Over the years the band have expressed they were not 100 per cent happy with the sound of Ten, which was produced by Rick Parashar and mixed by Tim Palmer.

They felt it had too much reverb and too many guitar overdubs, but now the remixes by Brendan O'Brien have given them what they wanted.

Eddie says: “A few of the other guys were passionate about that being done. At the time Jeff and Stone had much more political power in the band (regarding) who we got in to mix the record than me and Mike. We were just the new guys.

“Tim had worked with Bowie on Tin Machine and was a great guy but over the years we've become used to how those records sound played live and so with the remixes we wanted to get to the core of what it sounded like live. The remixes strip away some of the atmospheric additives of the record's sound.”

As one of two defining albums of grunge, Ten has always been and remains Pearl Jam's benchmark album.

Lighting up a cigarette, Eddie explains: “Ten was our first kid, so it's the oldest. So it's the one that kind of brought up the others and gets all the attention. But I don't know if we were ready for what came with it.

“We were ready to play music, be a good band and be good playing live but it was so intense and some of the intensity makes that period even hard to remember.

“What it did do was keep our world floating. Now I think ‘Wow', because I didn't really try that hard. I remember distinctly that demo, being an exercise in song writing.

“I didn't know that was going to be something that would change my life, change other people's lives.

“There's been times when I've been standing in a line at a movie and someone's hit me with something really heavy about someone really close and how our music has helped them get through it. Even in our darkest moments we try and find something beautiful.

“With the Roskilde families (in 2000, nine Pearl Jam fans were crushed to death at Denmark's Roskilde Festival), we still have a close connection with them. It's inspiring to see how they've got through it.”

With Ten reaching No2 on the Billboard 200 chart in 1992, Pearl Jam upgraded from Seattle to stadium rock band and with it arrived the backlash.

They were accused of being careerists, of betraying grunge, with their most vocal critic, Kurt Cobain, slating them for “pioneering a corporate, alternative and cock-rock fusion.”

In terms of follow-up albums, in the next year, 1993, it seemed grunge fans disagreed with Kurt and Pearl Jam's Vs sold five times as many copies (nearly a million) as Nirvana's third album, In Utero (200,000 copies) in their first week of release.

“I don't think Kurt understood us at the time, but we became friends and I'm glad we had some of the great conversations we had, that I'm always going to keep up here,” says Eddie, pointing to his head.

“I don't talk too much about him in respect to Krist (Novoselic) and Dave (Grohl) and I know he said that early stuff about not liking us.

“But there's a couple of complimentary things that he said in public about me as a human being, which I'm proud exist. But if Kurt were around today, I know he'd say to me, ‘Well, you turned out OK.'”

In fact, few bands in recent history can match Pearl Jam's integrity and authenticity when it comes to music.

“Any conversations we hear about ‘So who are Pearl Jam marketing to?' are despicable,” says Eddie.

“People offered us money to sell out but do I look like a whore?

“It's always about being honest and the positive side of the huge success for whatever negatives there were, was that it gave us the power to say no and be able to commit to making decisions on our own and stick by them.”

In 1994 Pearl Jam cancelled their summer tour, and tried to sue Ticketmaster, alleging they were a monopoly which allowed them to push up ticket prices.

However, when fans complained they weren't getting to see their shows, it became a bigger issue to them.

“The Ticketmaster problem was stopping us focusing on the music. We were putting on our own shows and talking more about portable toilets in venues than set lists.

“We were annoyed that other bands didn't follow our lead and boycott Ticketmaster too.

“There were people in so-called ‘bands of the people' who bought in with the other side. But we learned a lot about politics then.”

And so looking back, what does he think of the whole grunge scene?

“It was more unconscious to us. There are a lot of different styles on all our records. I don't think there's any colours on the palette that we think we can't use.

“And when it comes to grunge or even just Seattle, I think there was one band that made the definitive music of the time. It wasn't us or Nirvana but Mudhoney.

“Nirvana delivered it to the world but Mudhoney were the band of that time and sound.”

Today, 18 years on from the release of Ten and Pearl Jam are halfway through making their ninth studio album. “It's taken two weeks to get halfway there and that's writing it from the bottom up, so we'll see how long it takes to finish it.

“I'm not sure what the recording process is going to be, but we will be playing shows,” says Eddie.

“One of us is having a baby next year so there'll be no touring then so we have to get it done this year.

“I think the hardest thing about making music now is being a great dad at the same time,” adds Eddie, who has two young daughters with model Jill McCormick.

“There's an insanity that goes with writing — a mad scientist thing that you have to go through and sacrificing a kid's upbringing to do that is not an option.

“But at the same time, I don't want to go the way where music becomes a hobby. I don't trust art that's made without some pain and insanity, so it's just about trying to balance that out.

“We all want to make music together as much as we did when we were making Ten.

“We get along and work really well together and as yet, we still don't have a band therapist. And that's something I'm particularly proud of.”

 

 

Se Kurt fosse qui oggi mi direbbe, “Ti sei rivelato ok”

Di JACQUI SWIFT
Pubblicato da: http://www.thesun.co.uk/

Traduzione a cura di As_It_Seems


A poche miglia dal Tacoma - l'Aeroporto Internazionale di Seattle - nel distretto di Georgetown, in un anonimo sobborgo industriale, c'è un enorme magazzino riconvertito.

Sembra un'ambientazione improbabile per una band famosa in tutto il mondo, ma per ogni fan dei Pearl Jam mettere piede qui dentro è come entrare nella grotta di Aladino.


E' il quartier generale della band, spazio per le prove e centro per il merchandise e la cosa impressionante è che contiene tutti gli allestimenti dei palchi, le memorabilia della band e gli strumenti usati nel corso dei 19 anni della loro storia.

E il tour guidato offre ulteriori chicche. La collezione di foto e di figurine del baseball del compianto Johnny Ramone - lui e il cantante Eddie Vedder erano molto amici - è in mostra vicino ad una rampa da skateboard e ad un enorme gabbia da baseball comprensiva di macchina lancia palle.

Foto Polaroid in mostra fanno vedere i Kings Of Leon in completa tenuta da baseball, pronti a colpire una palla sparata a 50 miglia all'ora.

Nell'appartamento al piano superiore - un posto in cui stare se le prove vanno avanti di notte - Eddie sta festeggiando.

Lo incontriamo nel giorno dell'inaugurazione di Barack Obama e per Eddie, che è stato così importante nella campagna “Vote For Change”, che esortava le persone a scegliere John Kerry anziché George Bush nella campagna elettorale presidenziale del 2004, è un giorno extra speciale.

“Non vedremo più la sua faccia esposta da nessuna parte,” dice con un sorriso raggiante, mentre sfoglia una copia di Rolling Stone in cui figura Bush che guarda di traverso dalla copertina.

“L'ho appena visto in televisione tornarsene in Texas. Finalmente ci siamo sbarazzati di lui. Non lo voglio vedere mai più.”

Tanto appassionato nelle cose in cui crede quanto attraente nel modo di fare, non sorprende che Eddie rimanga una delle icone del rock e uno dei più irresistibili frontman.

Ten dei Pearl Jam insieme a Nevermind dei Nirvana è uno degli album seminali del grunge e rimane uno dei più grandi di tutti i tempi.

Ha venduto 12 milioni di copie e ha introdotto i Pearl Jam - il chitarrista Stone Gossard, il bassista Jeff Ament, il chitarrista Mike McCready e la loro, all'epoca, recente recluta di San Diego, Eddie - nell'arena del rock mondiale.

I riff infuocati di Ten e l'interazione di chitarre tra Gossard e McCready insieme ai testi di Eddie significarono per i Pearl Jam l'esplosione fuori da Seattle negli anni Novanta.

I testi di Ten erano oscuri. Canzoni come Alive (la storia semi-autobiografica di Eddie, che racconta di un ragazzino che scopre che suo padre è in realtà il suo patrigno), Even Flow (una canzone sui senza tetto), Why Go (sugli istituti psichiatrici) e Jeremy (influenzata dalla storia del ragazzo Texano di 15 anni Jeremy Wade Delle che si sparò davanti alla sua classe di inglese) hanno dato voce alle anime torturate degli adolescenti.

Ora, nel periodo che precede il 20° anniversario della band, Ten sta per essere ristampato in quattro esclusive edizioni.

Queste includono la versione rimasterizzata dell'album, una versione remixata dal produttore di lunga data Brendan O'Brien, un DVD della ripresa del concerto della band all'MTV Unplugged mai pubblicata in precedenza, la cassetta delle tre canzoni “Mamasan” di Eddie del demo originale di Once, Alive e Footsteps e una copia del suo quaderno di appunti.

Eddie dice: “Siamo così colpiti dalla quantità di persone che sono rimaste legate a noi nel corso degli anni che se possiamo dargli qualche nuova rivelazione o qualcosa che sia davvero cool, allora lo faremo.

“So come io reagisco quando gli Who pubblicano qualcosa di speciale perciò volevamo che questo fosse qualcosa di entusiasmante. Siamo orgogliosi del nostro materiale e tornare indietro attraverso il vecchio materiale è stato davvero speciale. Non credo di aver mai ascoltato il demo delle 3 canzoni da quando l'ho spedito.”

Durante gli anni la band ha affermato di non essere soddisfatta al 100 per cento del suono di Ten, che è stato prodotto da Rick Parashar e mixato da Tim Palmer.

Secondo loro aveva troppo riverbero e troppe sovraincisioni di chitarra, ma adesso i remix di Brendan O'Brien hanno dato loro quello che volevano.

Eddie dice: “Alcuni degli altri ragazzi erano entusiasti che si facesse questa cosa. All'epoca Jeff e Stone avevano molto più potere politico nella band riguardo chi doveva mixare il disco rispetto a me e Mike. Noi eravamo solo i ragazzi nuovi.

“Tim aveva lavorato con Bowie in Tin Machine ed era una persona fantastica ma nel corso degli anni ci siamo abituati al suono che hanno questi pezzi quando sono eseguiti dal vivo e quindi con i remix volevamo catturare la loro essenza live. I remix hanno tolto alcuni additivi d'atmosfera del sound del disco.”

In quanto uno dei due album che hanno definito il grunge, Ten è sempre stato e rimane l'album marchio di fabbrica dei Pearl Jam.

Accendendosi una sigaretta, Eddie spiega: “Ten è stato il nostro primo figlio, quindi è il più vecchio. Perciò è quello che in qualche modo ha introdotto gli altri ed ha tutta l'attenzione. Ma non so se eravamo pronti per tutto quello che ne è derivato.

“Noi eravamo pronti per suonare musica, essere una buona band e suonare bene dal vivo ma è stato tutto così intenso e parte di quella intensità rende quel periodo addirittura difficile da ricordare.

“Quello che fece fu far fluttuare il nostro mondo. Adesso penso ‘Wow', perché in realtà non ho faticato così tanto. Ricordo nitidamente che quel demo rappresentava un esercizio nello scrivere canzoni.

“Non sapevo che sarebbe stato qualcosa che avrebbe cambiato la mia vita, e cambiato le vite di altre persone.

“Mi è successo a volte di stare in fila al cinema e qualcuno mi colpiva raccontandomi di qualcosa davvero grave capitato a qualcuno a loro vicino e di come la nostra musica li avesse aiutati ad affrontarlo. Anche nei nostri momenti più bui riusciamo a trovare qualcosa di bello.

“Con le famiglie di Roskilde (nel 2000, nove fan dei Pearl Jam morirono schiacciati dalla folla al Festival di Roskilde in Danimarca), abbiamo ancora una stretta relazione. E' commovente vedere come hanno affrontato la situazione.”

Quando Ten raggiunse il 2° posto nella classifica dei top 200 di Billboard nel 1992, i Pearl Jam furono promossi da Seattle a rock band da stadio e con ciò arrivò il contraccolpo.

Furono accusati di essere interessati solo alla carriera, di aver tradito il grunge, con Kurt Cobain che rappresentava la voce più critica nei loro confronti, che li criticava per “essere stati i pionieri di una azienda, una fusione di musica alternativa e cock-rock (glam rock).”

Considerando gli album successivi, l'anno seguente, il 1993, sembrò che i fan del grunge non fossero d'accordo con Kurt, e “Vs” dei Pearl Jam vendette 5 volte (quasi un milione) più del terzo album dei Nirvana, “In Utero” (200.000 copie) nella loro prima settimana di pubblicazione.

“Credo che Kurt non ci avesse capiti all'epoca, ma poi siamo diventati amici e sono felice di aver avuto con lui alcune magnifiche conversazioni, che conserverò per sempre qui dentro,” dice Eddie, indicando la sua testa.

“Non parlo molto di lui in rispetto a Krist (Novoselic) e Dave (Grohl) e so che ha detto quelle cose all'inizio sul fatto che non gli piacevamo.

“Ma ci sono un paio di complimenti che mi ha fatto in pubblico, relativi a me come essere umano, dei quali sono orgoglioso. Ma se Kurt fosse qui oggi, so che mi direbbe, “Bene, ti sei rivelato uno ok.”

In effetti, poche band nella storia recente possono competere con l'integrità e l‘autenticità dei Pearl Jam quando si tratta di musica.

“Qualsiasi conversazione sentiamo su ‘Allora quale mercato vogliono avere i Pearl Jam?' è disprezzabile,” dice Eddie.

“La gente ci ha offerto soldi per venderci ma io vi sembro una puttana?

“Si tratta sempre dell'essere onesti e il lato positivo dell'enorme successo, per quanti negativi ce ne fossero, è stato che ci ha dato il potere di dire no e la capacità di impegnarci nel prendere decisioni da soli e rimanere fedeli ad esse.”

Nel 1994 i Pearl Jam cancellarono il loro tour estivo, e cercarono di fare causa a Ticketmaster, dichiarando che si trattava di un monopolio, cosa che gli permetteva di far salire i prezzi dei biglietti.

Tuttavia, quando i fan si lamentarono perché non riuscivano d andare a vedere i loro concerti, questo divenne per loro un problema ancora più grande.

“Il problema Ticketmaster ci aveva fatto smettere di concentrarci sulla musica. Mettevamo su da soli i nostri concerti e passavamo più tempo a parlare delle toilette portatili che delle setlist.

“Eravamo irritati dal fatto che le altre band non ci seguissero e non boicottassero anche loro Ticketmaster.

“C'erano persone nelle cosiddette ‘band del popolo' che sono state comprate dall'altra parte. Ma abbiamo imparato molto sulla politica allora.”

E quindi guardando indietro, cosa pensa di tutta la scena grunge?

“Era più inconsapevole per noi. Ci sono tanti stili diversi nei nostri dischi. Non credo che ci sia nessun colore della tavolozza che pensiamo di non poter utilizzare.

“E quando si parla di grunge o anche solo di Seattle, penso che ci sia stata una sola band che ha fatto la musica definitiva di quel periodo. Non eravamo noi né i Nirvana ma i Mudhoney.

“I Nirvana l'hanno consegnata al mondo ma i Mudhoney erano la band di quel tempo e di quel sound.”

Oggi, a 18 anni dalla pubblicazione di Ten i Pearl Jam sono a metà strada verso il loro nono album in studio. “Ci sono volute due settimane per arrivare a metà strada e lo stiamo scrivendo da cima a fondo, per cui vedremo quanto ci vorrà per finirlo.

“Non sono sicuro di quale sarà il processo di registrazione, ma faremo dei concerti,” dice Eddie.

“Uno di noi avrà un bambino l'anno prossimo perciò non ci saranno tour e così dobbiamo finirlo quest'anno.

“Penso che la cosa più difficile del fare musica oggi sia riuscire ad essere un buon padre allo stesso tempo,” aggiunge Eddie, che ha due bambine con la modella Jill McCormick.

“C'è una forma di follia che si accompagna con lo scrivere - una cosa da scienziato pazzo che devi sperimentare e sacrificare l'educazione di un figlio non è una buona scelta.

“Ma allo stesso tempo, non voglio prendere la strada per cui la musica diventa un hobby. Non mi fido dell'arte che viene fatta senza un certo dolore e un po' di follia, per cui si tratta solo di provare a bilanciare il tutto.

“Tutti noi vogliamo fare musica insieme tanto quanto lo volevamo quando abbiamo realizzato Ten.

“Andiamo d'accordo e lavoriamo davvero bene insieme e, fino a questo momento, non abbiamo ancora un terapeuta per la band. E questa è una cosa di cui sono particolarmente orgoglioso.”

 

 

Pearl Jam Revisit Their Early Days

By Brian Hiatt / Rolling Stone - April 2009

Stone Gossard can't quite remember the dude's name – only that he almost became Pearl Jam's singer. “Tyrone? Ian? Liam?” he says, rummaging through a refrigerator in an apartment on the top floor of the ban's warehouse headquarters in Seattle. Downstairs is PJ's merch and fan-club operation, along with their rehearsal space, museum-quality band memorabilia and indoor batting cage. Bassist Jeff Ament, who's sitting at a kitchen table, isn't having mudh luck with his memory either: “He was kind of a tall, skinny guy,” he says.

With a remixed, bonus-packed reissue of Pearl Jam's first album, Ten out on March 24th, the group is in the mood to look back – and at the moment, Gossard, Ament and lead guitarist Mike McCready are trying to dredge up details about one of the few frontmen they considered before Eddie Vedder. Ament is sure of one thing: “If we had chosen that guy, instead of sitting in an apartment above our warehouse now, this would be the apartment the three of us live in,” he says, cracking up his bandmates. “We'd be playing you two grand under the table to do this interview.”

Since its August 1991 release, Ten has sold 9.6 million copies, according to Nielsen Sound Scan, more than Nirvana's Nevermind. And while Wedder's bandmates know that none of it would have happened without him, the singer feels equally luck to have gotten the gig – especially after the harrowing recent experience of listening to the cassette demo that started it all. “There was one part in there that's as hysterical as anything I've ever heard,” Vedder says, “I haven't laughed so hard in years.” He's referring to his early version of “Once,” which is the goffiest thing he's ever recorded – the humongous chorus is intact, but the rest wavers between bizarre spoken-word segments and falsetto funk breaks. “I'm fortunate they were able to see beyond that and give me the job.”

But the rest of the three-song tape – a cassette version is included in a superdeluxe edition of the reissue – comes eerily close to the sound of Ten. It all started as riffs written by Gossard, who was determined to start over after the death of Andrew Wood, frontman of Gossard and Ament's band Mother Love Bone. Fascinated by the Led Zep-influenced Jane's Addiction, Gossard had a very specific idea of the music he wanted to make. “I like propulsion, I like rhythm,” he says. “I wanted people jumping up and down. It can be kind of like ‘Achilles Last Stand,' or anything moving toward that heavy, funky, grooving, chaotic thing.”

To record the demo, Gossard recruited the best drummer in town: Soundgarden's Matt Cameron – who wouldn't play again with Pearl Jam until he joined the band in 1998. “I got the sense that Stone had a pretty big picture of what this next musical endeavor would be,” says Cameron.

Former Red Hot Chili Pepper Jack Irons told Gossard and Ament about a singer living in Sand Diego named Eddie Vedder who was working as a gas-station security guard. They mailed him the tape, labeled “Stone Gossard demos.” “I recorded my vocals in four or five hours,” says Vedder, who wrote lyrics and melodies in his head while surfing. “And it changed our lives in infinite ways, changed everything – it's almost terrifying to listen to it. It gave me what's certainly the best life I've ever lived – to be able to support my kids, to be able to travel. It was the best five hours I ever spent.”

With Vedder on board, along with drummer Dave Krusen, the band was convinced it had something special – especially as songs like “Black” and “Even Flow” developed. “Someon asked me who this band reminded me of, and I said, ‘U2,'” says Krusen. “Not that the music sounded like them – just the overall feeling.”

But when it came time to record Ten, the magic was sometimes hard to find. “We played ‘Even Flow,' like, a hundred fucking times,” says Ament, who would slam basketballs around the studio when he was frustrated. “I was about to go fucking crazy.” Vedder was trying to push the band's music closer to punk – the song most indicative of its future direction is the power-chord blast of “Porch,” which he wrote on his own. “This was my first chanced to make a real record, and I was pretty damn focused,” he says. “I was in a new town, so that batch of songs replaced my friends and family.”

At some point in the mixing process, something went wrong: The guitars and drums float inside stadium-size digital reverb that now sounds more Eighties than Nineties. As soon as they began working with producer Brendan O'Bien on their second album, Vs., Ament started begging him to remix Ten. Last year, they finally convinced O'Brien to do it, and the results are impressive: The guitars snap and bite, Vedder's vocals are rawer and more textured, and Krusen's crisp, syncopated parts stand out. “Krusen was a real hero,” Vedder says of the drummer, who left the band soon after his work on Ten, heading to rehab for a drinking problem. “He was going through a lot, but he had something really special.”

The members of Pearl Jam are harder on Ten than most of their fans. “From a musical point of view, it still seems kind of unrealized,” says Gossard. “But that just shows I can't hear it.”

“We were really wanting to figure it out, knowing it was somehow going to get better,” says Vedder. “And we weren't going to stop trying.”

 

 

I Pearl Jam rivisitano i loro primi giorni

Di Brian Hiatt / Rolling Stone - Aprile 2009

Traduzione a cura di As_It_Seems

Stone Gossard proprio non riesce a ricordare il nome di quel tizio - solo che per poco non diventò il cantante dei Pearl Jam. "Tyrone? Ian? Liam?" dice, frugando in un frigorifero in un appartamento all'ultimo piano del quartier generale della band a Seattle. Al piano di sotto c'è il merchandise dei PJ e le operazioni del fan-club, insieme al loro spazio per le prove, al museo di qualità con le memorabilia della band e ad una gabbia per il baseball indoor. Il bassista Jeff Ament, seduto ad un tavolo da cucina, non sta avendo neanche lui molta fortuna con la sua memoria: "Era un ragazzo alto, pelle e ossa," dice.

Con la pubblicazione, il 24 marzo, della versione remixata e piena di bonus, del primo album dei Pearl Jam, Ten, il gruppo ha voglia di guardare indietro - e al momento, Gossard, Ament e il chitarrista Mike McCready stanno cercando di far riaffiorare i dettagli riguardanti uno dei pochi frontman che avevano preso in considerazione prima di Eddie Vedder. Ament è sicuro di una cosa: "Se avessimo scelto quel ragazzo, adesso anziché stare qui seduti in un appartamento sopra al nostro quartier generale, questo sarebbe stato l'appartamento in cui noi tre avremmo abitato," dice, facendo ridere i suoi compagni della band. "Ti staremmo dando 2.000 dollari sotto il tavolo per fare questa intervista."

Dalla sua pubblicazione nell'Agosto del 1991, Ten ha venduto 9,6 milioni di copie, secondo Nielsen Sound Scan, più di Nevermind dei Nirvana. E mentre i compagni di Vedder sanno che niente di tutto ciò sarebbe accaduto senza di lui, il cantante si sente ugualmente fortunato ad essere stato ingaggiato - specialmente dopo la recente esperienza di aver ascoltato la cassetta demo che ha dato il via a tutto. "C'è una parte lì dentro così isterica come nessuna altra cosa che io abbia mai ascoltato," dice Vedder, "Non ridevo così tanto da anni." Si riferisce alla sua prima versione di "Once", che è la cosa più goffa che abbia mai registrato - l'ampio ritornello è intatto, ma il resto vacilla tra bizzarri segmenti recitati e intermezzi funk in falsetto. "Sono fortunato che loro siano stati capaci di vedere al di là di quello e che mi abbiano dato il lavoro."

Ma il resto delle tre canzoni della cassetta - una versione della cassetta è inclusa in una edizione superdeluxe della ristampa - arrivano in maniera suggestiva vicine al sound di Ten. Tutto è iniziato con i riff scritti da Gossard, che era determinato a ricominciare dopo la morte di Andrew Wood, frontman della band di Gossard e Ament, i Mother Love Bone. Affascinato dai Jane's Addiction influenzati dai Led Zep, Gossard aveva un'idea molto precisa della musica che voleva fare. "Mi piace la propulsione, mi piace il ritmo" dice. "Volevo che le persone saltassero su e giù. Può essere una specie di 'Achilles Last Stand' o qualsiasi cosa che si muova verso quella heavy, funky, grooving, caotica roba."

Per registrare il demo, Gossard ingaggiò il miglior batterista della città: Matt Cameron dei Soundgarden - che non avrebbe più suonato con i Pearl Jam finché non si unì a loro nel 1998. "Avevo la sensazione che Stone avesse un quadro molto chiaro di quello che sarebbe stata questa nuova proposta musicale" dice Cameron.

Jack Irons, ex dei Red Hot Chili Pepper, parlò a Gossard e Ament di un cantante che viveva a San Diego, di nome Eddie Vedder, che lavorava come guardia di sicurezza in un distributore di benzina. Gli spedirono il nastro, etichettato "Stone Gossard demos." "Ho registrato le mie parti vocali in quattro o cinque ore" dice Vedder, che scrisse i testi e le melodie nella sua testa mentre faceva surf. "Ed ha cambiato le nostre vite in infiniti modi, ha cambiato tutto - è quasi terrificante sentirlo. Mi ha dato quella che è sicuramente la migliore vita che avrei mai potuto vivere - poter mantenere i miei figli, poter viaggiare. Sono le migliori cinque ore che io abbia mai speso."

Con Vedder a bordo, insieme al batterista Dave Krusen, la band si convinse di avere qualcosa di speciale - soprattutto quando elaborarono canzoni come "Black" e "Even Flow". "Qualcuno mi chiese chi mi ricordava questa band, e io ho risposto 'U2'" dice Krusen. "Non che la musica suonasse come la loro - ma proprio il feeling nel suo insieme."

Ma quando arrivò il momento di registrare Ten, la magia era a volte difficile da trovare. "Abbiamo suonato 'Even Flow' qualcosa come un centinaio di dannate volte" dice Ament, che scaraventava palloni da basket in giro per lo studio quando si sentiva frustrato. "Stavo per diventare dannatamente pazzo". Vedder stava tentando di spingere la musica della band più vicina al punk - la canzone più indicativa della sua direzione futura è l'esplosione del power-chord di "Porch," che scrisse da solo. "Quella era la mia prima possibilità di fare un vero disco ed io ero dannatamente concentrato" dice. "Ero in una città nuova, perciò quel pugno di canzoni sostituivano i miei amici e la mia famiglia."

Ad un certo punto nella fase di mixaggio, qualcosa andò storto: le chitarre e la batteria galleggiavano dentro un riverbero digitale formato stadio che ora suona più anni '80 che anni '90. Non appena iniziarono a lavorare con il produttore Brendan O'Brien al loro secondo album, Vs., Ament iniziò a sollecitarlo a remixare Ten. L'anno scorso, finalmente, hanno convinto O'Brien a farlo, e i risultati sono impressionanti: le chitarre schioccano e mordono, la voce di Vedder è più grezza e più ricca di sfumature, e spiccano la vivacità di Krusen e le parti sincopate. "Krusen era un vero eroe" dice Vedder del batterista che lasciò la band subito dopo aver lavorato su Ten, per entrare in una clinica di riabilitazione per un problema di alcoolismo. "Stava avendo parecchi problemi, ma aveva qualcosa di davvero speciale".

I membri dei Pearl Jam sono più duri con Ten della maggior parte dei loro fans. "Da un punto di vista musicale, sembra ancora in un certo senso non realizzato" dice Gossard. "Ma questo dimostra soltanto che non posso ascoltarlo".

"Volevamo veramente riuscire a comprenderlo, sapendo che in qualche modo sarebbe migliorato" dice Vedder. "E non avremmo smesso di provarci".

 

 

 

Pearl Jam: History In Process

Interview by Gregg LaGambina from http://www.shockhound.com


Has it really been just an eyelash shy of 20 years ago that a surfer from San Diego laid down some vocals over three instrumentals that would forever hence be known as “Alive,” “Once,” and “Footsteps”? That surfer, of course, was Eddie Vedder, those songs were composed by guitarist Stone Gossard and bassist Jeff Ament — former members of Seattle staples Green River and Mother Love Bone — and two of those three songs wound up on Ten, the 1991 debut album by Pearl Jam.
Debut is a French word meant to describe “a formal entrance into society.” There was nothing formal about Ten, and the society into which it was thrown was even less refined. The album appeared precisely at the time when it was needed; cuts like “Alive,” “Jeremy” and “Evenflow” resonated deeply with a new generation of kids who were distinctly not all right. Rounded out by guitarist Mike McCready and drummer Dave Abbruzzese (who joined shortly after Ten was finished, replacing original drummer Dave Krusen), Pearl Jam crawled out of the insomniac hours of MTV rotation and into the spotlight. They toured the earth with a singer who dangled from rafters and tumbled into the arms of newly anointed devotees, created small riots in the early afternoons of the second Lollapalooza festival (back when it was still a tour), and earned their adulation one person at a time, face to face, eardrum to eardrum.
On the occasion of the reissue of Ten — which comes in four different deluxe editions, all of which include a stripped-down, remixed version by producer Brendan O'Brien — SHOCKHOUND visited with bassist Jeff Ament to discuss then, now, and all points in between.

SHOCKHOUND: You've been a photographer for a long time, assembling a large pictorial archive of your band over the years. Are you a particularly nostalgic person?

JEFF AMENT: I'm probably nostalgic more so now than I ever have been. But I think I've been kind of lazy-nostalgic because the photos that I've taken over the years, I only really organized them in the last year or so. Timing-wise, it worked out pretty well [for the reissue of Ten] because it was pretty easy to access a lot of the photos I took during the two years that we were putting the band together and touring. It was pretty cool. I think you always worry about getting too nostalgic about things because we're still a working band and we still feel like we're making music that means something. Sometimes it's a little bit tricky to jump back and forth between those two worlds. But in some ways, it feels like we can kind of close the door on that era a little bit now.

SHOCKHOUND: After all this time, how do you feel Ten has held up?


AMENT: The reason the album got remixed is because about around Vitalogy [1994], I saw a cassette tape that said “rough mix” — I was organizing this old crate full of cassettes — and it had the rough mixes from Ten. And when I heard it, I went, “Wow. This sounds so much better than the record.” I started bugging Brendan [O'Brien] around that time and started putting it in the ears of the other guys in the band. I thought if there was an opportunity at some point to remix that record, it would actually be a version that we could listen to. Whether it got released or not didn't really matter to me, but I felt like I wanted to have a properly mixed version of it. Stone's comment was he thought the reverb was covering up our inability to play [laughs]. A part of me had doubts too, but in listening to the rough mixes, it kind of proved that wrong. Listening to that stuff and listening to how Brendan remixed it — it kept it kind of punchy and raw. It really made me have a lot more respect for Dave Krusen, who was our drummer on that record. He was a really great drummer. He had a lot to do with how that record sounded. I don't know if I ever gave him props; hopefully this remix will give him those props.


SHOCKHOUND: What exactly were the circumstances of Krusen's exit?

AMENT: He was going through a bunch of stuff at the time. He had a wife and a newborn kid at that point. When we started touring, he just had a really hard time with it. And we were like, “Well, we're going to be touring for the next 20 years [laughs] so if that's something you're not into…” So, it just didn't work out.

SHOCKHOUND: When Pearl Jam started out, you famously sent a cassette of three instrumental songs you had recorded with Stone Gossard to “some surfer in San Diego” and it came back with vocals — the rest, as they say, is history. Almost 20 years later, you're now in the studio recording your ninth album. Can you compare what it was like to hear Eddie Vedder sing over your music then to now? Is there a similar thrill now when you hear his new ideas for the first time?

AMENT:
I have a huge appreciation for people who can put words together and be poetic. He's always been a really strong writer in my eyes, but I think there's been different phases when he's really bumped it up. That's just what he thinks about all the time. He's always messing with wordplay and always thinking about words and how to put words together. Just the first few things that he did on this [forthcoming] record, it was obvious that he had again stepped it up a notch. It's been really exciting these last few weeks just to hear what he comes up with and how he keeps making the words better. And sometimes he'll come up with something great and then he'll totally replace it with something even better. That's a huge talent. I write some complete songs myself and it's such an intense process for me just to get it to where it's average. Slightly below average is really a lot of work [laughs]. He puts a lot of work into it too, but he also has an incredible gift.

SHOCKHOUND: Does he still cart around composition notebooks and jot things down?

AMENT:
Yeah. He has a suitcase full of them.

SHOCKHOUND: Looking at the cover photo of Ten, you get a sense of how different things were back then, how being young and in a new band created a unique kind of solidarity. You're all huddled there, announcing yourself to the world. For better or worse, how has that camaraderie changed over the years?

AMENT:
I think partly with the relationships we've had with our better halves and over the years with our good friends and our families and the growing process of that — wives, girlfriends, that whole thing — we're just having more grown-up conversations and communicating better. I think about Stone and I, and us being together for 25 years or whatever, and how we communicated early on — or really, how we didn't communicate [laughs] — and how good of friends we are now and how we can have a pretty elevated, emotional discussion and not have it turn into something ugly like it could, or did. Even around the time we were making that record, there were strong feelings flying around and probably, to some degree, little power struggles, and really no ability to communicate in a calm, loving way what we were feeling. When we did take that picture, the idea was like, “If I'm going to be in a band still…” — because I had been in bands for 10 years at that point — “everybody has to be on the same page. If we are going to go step out into this world and really go for it, we really can't have a weak link because a weak link is going to make us less of a band.” That was the idea — to really be a band. The cover, looking back at it, there's a little bit of a cheesiness to it, but I think that was just the idealistic view we had at that point. We're in this together and we're gonna build a life out of this somehow — even if it's only four or five years long [laughs] — we're gonna go for it.

SHOCKHOUND: When Ten was originally released, it took a bit of time to find an audience; but when it did, you became huge almost without warning. When you were scheduled for the Lollapalooza festival that year, you had a 2 pm time slot usually reserved for smaller acts, and the crowds literally tore down barricades to get closer. Was that when you knew something was happening?

AMENT:
Lollapalooza was a year after the record came out. We went to Europe three times that album cycle and every time we came back to Europe, the reception was exponential. We were playing like 200 or 300 capacity clubs and then all of sudden 2000-seaters, then we're doing Lollapalooza at two in the afternoon. The record was doing well at that point, but we're playing with the Chili Peppers and Soundgarden and Ministry — bands that we really looked up to. It was pretty intense. I don't think we really knew how to handle all that energy. When you listen to tapes of some of those shows, we're playing so fast, it's so fucking crazy. I think we just took that energy in. I remember times on that tour when I just couldn't go to sleep at night. I would just go back to the hotel and just lay there and it's like five in the morning. It was great. At any given show it felt like something could go wrong too. It felt like we were playing on the edge of something. The barricades were coming down. All the people from the grass are coming down up front. Who played after us? The Jesus and Mary Chain. I think it was a bummer for them, because we had this thing going on and they played their pop music [after us] and it just didn't translate.

SHOCKHOUND: But that band thrives on complaining.

AMENT:
[Laughs] Right. Absolutely. They probably got a couple of good songs out of it.

SHOCKHOUND: The point of Lollapalooza then was to create this little traveling band of misfits who would play huge venues together that they wouldn't be able to fill on their own. Now, there are “destination” festivals all over the place that basically have the same lineup in a different order. It might be good for the fans, but do you think the bands have that same kind of kinship of travelling around the country together like you did back in '92?

AMENT:
I think the good thing for us is that we haven't played a lot of festivals in the past 15 years, really. We play a couple every year, and I think when we went to Europe two or three years ago, we played four or five but they were all in different countries. I think in the States, we've chosen every year to play a different one and not to play three or four. That makes it a little more exciting for us because only a couple times of year are we in the same vicinity as a lot of our peers. That makes it more fun as opposed to going out and doing the festival circuit every year. I think for a lot of bands that's a way to make money and it's a bit easier because you don't have to carry your own sound and own lights and all that stuff. So, I think a lot of it is probably financially driven, but we've always wanted to change it up. There have been points over the years where we've toured too much in the same sort of setting, whether playing sheds or arenas and I've been like, “God, if I play another shed, I'm going to kill myself.” We've gotten pretty good at this point at knowing how to mix it up, keep it fresh, throw a festival or two in. It was fun a couple of years ago, we got to see Queens of the Stone Age for a couple of shows. For the last six or seven years, every time they've played Seattle we were out of town. So, it's kind of a way to catch up. We got to see the Stooges at Lollapalooza a couple of years ago and that was great. I don't know if that answers your question [laughs].

SHOCKHOUND: You just finished two weeks of recording in Los Angeles for your next album. What's your favorite song, what's its name, and why do you like it so much?

AMENT:
[Laughs] Oh, man. There's some really good stuff happening right now and it's just starting to happen. The basic tracks are all kind of done. There are rough vocals. That stuff is getting tidied up. There are some keyboards and percussion things going on right now. It's kind of just starting, but there's a song called “The Fixer” that I think is really incredible.

SHOCKHOUND: Is that still your favorite part of being in Pearl Jam — seeing these little ideas hatch into brand new songs?

AMENT:
Absolutely. Especially after all this time. This has been a real collaborative process. All five of us, with Brendan, have been in the same room for the last couple of months working these things out. So, from the inception of any one of us sitting on our couch or in our studio with a guitar in our hands — from that point to this point is pretty cool.

SHOCKHOUND: As a fan of basketball, do you feel a certain karmic satisfaction that the Oklahoma City Thunder are currently in last place? [The Seattle Supersonics were sold last year and moved to Oklahoma.]

AMENT:
Nah. I think, for me, I have a little bit of an attachment to those guys because I saw them play some games last year, but I'm mostly just down on pro sports. In particular, I'm down on the NBA. I just think pro sports in general, everything's caught up to it, whether it's steroids or the price of tickets or leagues holding cities hostage over building new stadiums and all the under-the-table deals that go along with that crap. I'm a sports fan, but everybody shouldn't be taxed to build a stadium. Not everybody is using it and not everybody is getting benefits out of it. It's just crazy that billionaires are holding cities hostage. In some ways it's probably good that Seattle doesn't have to deal with that now because those teams are just money pits right now. And it's probably not the best time now to have a whole bunch of those.

SHOCKHOUND: Remember when stadiums were named after great people who did great things and not the corporations that paid to build them?

AMENT:
Yeah. And now all of those names are changing because all the banks are going out of business and all the insurance companies are going out of business. Everything has kind of caught up to the crookedness of business and the way that things have been handled.

SHOCKHOUND: Which brings us to the whole potential Ticketmaster and LiveNation deal. [The two companies are currently in negotiations to merge.] If bands can't even sell records anymore because music is flying around the internet for free, where can an artist make a living if one corporation controls how money is made on the road too?

AMENT:
Well, I have to say, I'm glad to see it in the newspapers and I'm glad to see that people are paying attention, and I hope a lot of bands get behind this thing. And then the other part of me goes, “Where were you at, like, 15 years ago?” [Laughs] Because we couldn't get anybody. [Ament and Gossard testified in front of Congress in 1994, arguing that Ticketmaster was a monopoly in violation of antitrust laws.] It's a joke. It works fine for the huge bands, but for anybody in between, or even worse yet, a young band who is maybe not selling records and is just kind of approaching venues that they have control over: you're screwed. I actually really hope that Congress does something about it this time besides turn a blind eye, because that's what happened 15 years ago.

SHOCKHOUND: Luckily for your band, you get to put out your next album on your own label and will probably have more control over your music than ever before.


AMENT:
Absolutely. It's a good time to be a free agent.

 

 

Pearl Jam: History In Process

Intervista di Gregg LaGambina da http://www.shockhound.com

Traduzione a cura di As_It_Seems

E' stato davvero solo in un rapido battito di ciglia di 20 anni fa che un surfista di San Diego mise giù delle parti vocali su tre pezzi strumentali che da quel momento in poi sarebbero state per sempre conosciute come “Alive,” “Once,” e “Footsteps”? Quel surfista, ovviamente, era Eddie Vedder, quelle canzoni erano state composte dal chitarrista Stone Gossard e dal bassista Jeff Ament - ex membri dei prodotti principali di Seattle, i Green River e i Mother Love Bone - e due di quelle tre canzoni sarebbero finite su Ten, l'album di debutto dei Pearl Jam nel 1991.
Debutto è una parola francese il cui significato descrive “un ingresso formale nella società.” Non c'era niente di formale in Ten, e la società nella quale è stato lanciato era ancora meno raffinata. L'album apparve precisamente nel momento in cui se ne sentiva la necessità; pezzi come “Alive,” “Jeremy” e “Evenflow” avevano una risonanza profonda con una nuova generazione di ragazzi che decisamente non si sentivano del tutto a posto. Completati dal chitarrista Mike McCready e dal batterista Dave Abbruzzese (che si unì a loro subito dopo la realizzazione di Ten, rimpiazzando il batterista originale Dave Krusen), i Pearl Jam scivolarono fuori dalle ore notturne della programmazione di MTV ritrovandosi sotto la luce dei riflettori. Andarono in tour in tutto il mondo con un cantante che si dondolava dalle impalcature e si lasciava cadere tra le braccia di nuovi adepti prescelti, crearono piccoli tumulti nei primi pomeriggi del secondo festival Lollapalooza (all'epoca in cui era ancora itinerante), e si guadagnarono la loro ammirazione una persona alla volta, faccia a faccia, timpano su timpano.
In occasione della ripubblicazione di Ten - che arriverà in quattro diverse edizioni deluxe, che includono tutte una versione essenziale, remixata, curata dal produttore Brendan O'Brien - SHOCKHOUND è andato a trovare il bassista Jeff Ament per parlare del passato, del presente, e di tutto quello che c'è in mezzo.

SHOCKHOUND: Tu sei stato per parecchio tempo un fotografo, hai messo insieme un ampio archivio di foto della tua band nel corso degli anni. Sei una persona particolarmente nostalgica?

JEFF AMENT: Probabilmente sono più nostalgico adesso di quanto non lo sia mai stato prima. Ma credo di esserlo perché solo nell'ultimo anno più o meno, ho riorganizzato le foto che ho fatto nel corso degli anni. La saggezza del tempo ha funzionato molto bene [per la ripubblicazione di Ten] perché è stato piuttosto facile avere accesso a tante foto che ho fatto durante i due anni in cui abbiamo messo su la band e fatto tour. E' stato divertente. Penso che ci preoccupiamo sempre di diventare troppo nostalgici su certe cose perché siamo una band ancora in attività e abbiamo ancora la sensazione di fare musica che significa qualcosa. A volte è un po' difficile saltare avanti e indietro tra questi due mondi. Ma in un certo senso, è come se adesso potessimo chiudere un po' la porta su quell'epoca.

SHOCKHOUND: Dopo tutto questo tempo, come ti fa sentire questa nuova uscita di Ten?

AMENT: La ragione per cui l'album è stato remixato è perché all'epoca di Vitalogy [1994], ho trovato una cassetta che diceva “rough mix” - stavo mettendo a posto questo vecchio contenitore pieno di cassette - e conteneva i mixaggi grezzi di Ten. E quando l'ho ascoltata, mi sono detto “Wow. Suona molto meglio del disco”. Ho iniziato a rompere le scatole a Brendan [O'Brien] a quell'epoca e ho iniziato a mettere la pulce all'orecchio degli altri ragazzi della band. Pensavo che se ci fosse stata un'opportunità ad un certo punto di remixare quel disco, sarebbe stata davvero una versione che avremmo potuto ascoltare. Che fosse stato poi pubblicato o no, non era davvero importante per me, ma sentivo che volevo avere una versione mixata decentemente. Il commento di Stone era che il riverbero serviva a coprire la nostra incapacità a suonare [ride]. Anche una parte di me aveva questo dubbio, ma ascoltando i mixaggi grezzi, ho avuto la prova contraria. Ascoltando quella roba e ascoltando come Brendan l'ha remixata - l'ha resa in qualche modo più vigorosa e cruda. Mi fa avere davvero molto più rispetto di Dave Krusen, che era il nostro batterista in quel disco. Era davvero un grande batterista. Ha avuto molto a che fare con il modo in cui suonava quel disco. Non so se gli ho mai dato tutto il mio rispetto; spero che questo remix possa darglielo.

SHOCKHOUND: Quali sono state esattamente le circostanze dell'abbandono di Krusen?

AMENT: Stava attraversando un sacco di casini in quel periodo. Aveva una moglie e un bambino appena nato. Quando abbiamo iniziato ad andare in tour, per lui era molto difficile. E ci siamo detti “Bè, andremo in tour per i prossimi 20 anni [ride] perciò se non te la senti…” Così, semplicemente non c'era altra soluzione.

SHOCKHOUND: Quando i Pearl Jam hanno iniziato, è noto che tu hai inviato una cassetta con tre pezzi strumentali che avevi registrato con Stone Gossard, ad “un certo surfista di San Diego” e ti è tornata indietro con le parti vocali - il resto, come si dice, è storia. Quasi 20 anni dopo, siete ora in uno studio a registrare il vostro nono album. Puoi fare un confronto tra come è stato sentire Eddie Vedder cantare sulla vostra musica allora e adesso? C'è un brivido simile ora quando senti le sue nuove idee per la prima volta?

AMENT: Io ho un'enorme ammirazione per le persone che riescono a mettere insieme delle parole e ad essere poetici. Lui è sempre stato un grandissimo scrittore ai miei occhi, ma penso che ci siano stati diversi momenti in cui lo ha fatto ad altissimi livelli. Lui ci pensa in continuazione. Traffica sempre con giochi di parole e pensa sempre alle parole e a come metterle insieme. Con le prime cose che ha fatto su questo [prossimo] disco, com'era ovvio, ha segnato ancora un'altra tacca. E' stato davvero entusiasmante in queste ultime settimane sentire quello che sta tirando fuori e come continua a migliorare le parole. E certe volte tira fuori qualcosa di meraviglioso e poi lo sostituisce completamente con qualcosa addirittura migliore. Ha un immenso talento. Io ho scritto alcune canzoni da solo ed è un processo così intenso per me già solo farlo con un risultato medio. Lievemente al di sotto della media è comunque un sacco di lavoro [ride]. Anche lui ci mette tanto impegno, ma possiede anche un incredibile dono.

SHOCKHOUND: Si porta ancora dietro i taccuini per le composizioni e si annota le cose?

AMENT: Sì. Ne ha una valigia piena.

SHOCKHOUND: Guardando la foto della copertina di Ten, si ha il senso di come ci fossero diverse cose allora, come essere giovane e in una nuova band creasse un senso di solidarietà unico. Siete tutti stretti insieme, annunciandovi al mondo. Bene o male, come è cambiato quel tipo di amicizia nel corso degli anni?

AMENT: Penso, in parte, con le relazioni che abbiamo avuto con le nostre compagne e nel corso degli anni con i nostri migliori amici e con le nostre famiglie ed il loro processo di crescita - mogli, fidanzate, tutto l'insieme - abbiamo delle conversazioni più adulte e comunichiamo meglio. Penso a me e a Stone, che ci conosciamo da circa 25 anni, e a come comunicavamo all'inizio - o in realtà, come non comunicavamo [ride] - e quanto siamo buoni amici adesso e come riusciamo ad avere delle discussioni elevate, emotive senza farle diventare spiacevoli come potrebbe succedere, o come succedeva. Anche nel periodo in cui registravamo il disco, circolavano sentimenti forti e probabilmente, ad un certo livello, piccole lotte di potere, e non avevamo davvero nessuna capacità di comunicare in modo calmo, amichevole, ciò che provavamo. Quando abbiamo fatto quella foto, l'idea era, “Se sarò ancora in una band...” - perché ero già stato in altre band per 10 anni a quell'epoca - “tutti devono stare sulla stessa pagina. Se allungheremo il passo in questo mondo e ci proviamo sul serio, proprio non possiamo avere un legame debole perché un legame debole ci farà essere meno di una band.” Quella era l'idea - essere una vera band. La copertina, guardando indietro, è un po' scadente, ma credo che fosse proprio la visione idealistica che avevamo in quel momento. Siamo tutti insieme in questa cosa e ci costruiremo una vita in qualche modo fuori da qui - anche se durerà solo quattro o cinque anni [ride] - ce l'andremo a prendere.

SHOCKHOUND: Quando Ten è stato pubblicato per la prima volta, c'è voluto un po' di tempo per trovare un pubblico; ma quando poi è successo, siete diventati enormi quasi senza preavviso. Quando siete stati inseriti nel programma del Lollapalooza quell'anno, avevate uno slot alle due del pomeriggio generalmente riservato ad esibizioni minori, e la folla letteralmente demoliva le barriere per avvicinarsi. E' stato lì che avete capito che stava succedendo qualcosa?

AMENT: Il Lollapalooza è stato un anno dopo l'uscita del disco. Eravamo stati tre volte in Europa per la promozione dell'album e ogni volta che tornavamo in Europa, l'accoglienza era esponenziale. Suonavamo in club da 200 o 300 posti e poi all'improvviso 2000 posti, e poi abbiamo fatto il Lollapalooza alle due del pomeriggio. Il disco stava andando bene a quel punto, ma suonavamo con i Chili Peppers, i Soundgarden e i Ministry - band che ammiravamo veramente. E' stato molto intenso. Credo che non sapessimo veramente come gestire tutta quella energia. Quando ascolti le registrazioni di alcuni di quei concerti, suoniamo così veloci, è così dannatamente folle. Penso che abbiamo assorbito quella energia. Ricordo alcune volte, durante quel tour, in cui non riuscivo ad andare a dormire la notte. Tornavo in albergo e me ne stavo lì ed erano le cinque del mattino. Era fantastico. Ma allo stesso tempo ad ogni singolo concerto sembrava che qualcosa potesse andare storto. Sembrava che stessimo suonando sull'orlo di qualcosa. Le barriere stavano venendo giù. Tutto il pubblico del prato stava venendo sotto al palco. Chi suonava dopo di noi? I Jesus and Mary Chain. Credo sia stato una brutta esperienza per loro, perché noi avevamo questa cosa che ci stava succedendo e loro suonavano musica pop [dopo di noi] e non era proprio la stessa cosa.

SHOCKHOUND: Ma quella band prospera lamentandosi.


AMENT: [ride] Giusto. Assolutamente. Probabilmente hanno un paio di pezzi buoni in giro.

SHOCKHOUND: Lo scopo del Lollapalooza all'epoca era di creare questa piccola compagnia itinerante di pazzoidi che avrebbero suonato insieme in spazi enormi che non avrebbero potuto riempire da soli. Adesso ci sono “destination” festival ovunque che di base hanno la stessa lineup in ordine diverso. Potrebbe essere una cosa buona per i fan, ma pensi che le band abbiano quello stesso tipo di relazione per poter viaggiare insieme per tutto il paese come avete fatto voi nel '92?


AMENT: Credo che la cosa buona per noi è che non abbiamo suonato in molti festival negli ultimi 15 anni. Ne facciamo un paio ogni anno, e penso che quando siamo stati in Europa due o tre anni fa, abbiamo suonato in quattro o cinque di questi ma erano tutti in paesi diversi. Negli Stati Uniti, abbiamo scelto di suonare ogni anno in un festival diverso e di non farne tre o quattro. Questo rende la cosa un po' più eccitante per noi perché solo un paio di volte all'anno siamo nelle vicinanze di molti dei nostri colleghi. Questo è più divertente rispetto al fare il circuito dei festival ogni anno. Credo che per molte band sia un modo per fare soldi ed è un po' più facile perché non devi portare il tuo suono e le tue luci e tutto il resto. Così, credo che buona parte di tutto ciò sia probabilmente guidato dall'aspetto finanziario, ma noi abbiamo sempre voluto cambiare questa cosa. Ci sono stati dei momenti nel corso degli anni in cui abbiamo fatto troppi tour nello stesso tipo di ambientazione, che fossero posti piccoli oppure arene e pensavo “Dio, se suono in un altro posto piccolo, mi ucciderò.” Siamo diventati piuttosto bravi adesso a capire come mescolare le cose, mantenerle fresche, aggiungendo uno o due festival. E' stato divertente un paio di anni fa, siamo riusciti a vedere i Queens of the Stone Age per un paio di concerti. Negli ultimi sei o sette anni, ogni volta che loro avevano suonato a Seattle noi eravamo fuori città. Così, è un modo per ritrovarsi. Siamo riusciti a vedere gli Stooges al Lollapalooza un paio d'anni fa ed è stato fantastico. Non so se questo risponde alla tua domanda [ride].

SHOCKHOUND: Avete appena terminato due settimane di registrazione a Los Angeles per il vostro prossimo album. Qual è la tua canzone preferita, come si intitola, e perché ti piace così tanto?

AMENT: [ride] Oh, cavolo. Ci sono alcune cose molto buone che stanno accadendo proprio adesso e stanno appena iniziando ad accadere. Le tracce base sono tutte praticamente fatte. Ci sono testi abbozzati. Questa roba andrà sistemata. Ci sono alcune cose con tastiere e percussioni che stiamo portando avanti proprio adesso. Siamo ancora all'inizio, ma c'è una canzone che si chiama “The Fixer” che penso sia davvero incredibile.

SHOCKHOUND: E' ancora la cosa che preferisci dell'essere nei Pearl Jam - vedere queste piccole idee diventare canzoni nuove di zecca?

AMENT: Assolutamente. Soprattutto dopo tutto questo tempo. E' diventato un processo veramente collaborativo. Tutti e cinque, con Brendan, siamo stati nella stessa stanza negli ultimi due mesi ad elaborare queste cose. Così, dallo spunto di ognuno di noi seduti sul nostro divano o nel nostro studio con una chitarra tra le mani - da quel punto a questo punto è davvero fantastico.

SHOCKHOUND: Come fan del basket, provi una certa soddisfazione karmica nel fatto che gli Oklahoma City Thunder sono attualmente all'ultimo posto? [I Seattle Supersonics sono stati venduti l'anno scorso e si sono trasferiti in Oklahoma.]

AMENT: Noo. Io credo di avere un po' di attaccamento a questi ragazzi perché li ho visti giocare alcune partite l'anno scorso, ma sono per lo più mal disposto verso lo sport professionistico. In particolare, ce l'ho con l'NBA. Penso che lo sport professionistico in generale, sia tutto allo stesso livello, che siano gli steroidi o il prezzo dei biglietti o le leghe che tengono in ostaggio le città con la costruzione di nuovi stadi e tutti gli accordi sotto banco che accompagnano questa merda. Io sono un tifoso, ma nessuno dovrebbe essere tassato per la costruzione di uno stadio. Non tutti lo utilizzano e non tutti ne traggono beneficio. E' folle che dei miliardari tengano in ostaggio delle città. In qualche modo è probabilmente una cosa buona che Seattle non debba avere a che fare con tutto ciò ora perché quelle squadre sono solo miniere di soldi in questo momento. E probabilmente non è il momento migliore adesso per averne tanti.

SHOCKHOUND: Ti ricordi quando gli stadi avevano i nomi di grandi personaggi che avevano fatto grandi cose e non quelli delle aziende che hanno pagato per costruirli?

AMENT: Sì. E adesso tutti quei nomi sono cambiati perché tutte le banche stanno uscendo dal business e tutte le compagnie di assicurazione stanno uscendo dal business. Tutto sembra essere stato raggiunto dalla distorsione del business e dal modo in cui le cose sono state gestite.

SHOCKHOUND: Il che ci porta al potenziale accordo Ticketmaster e LiveNation. [Le due aziende sono attualmente in fase di negoziazione per fondersi] Se le band non riescono più a vendere dischi perché la musica gira gratis in internet, come può guadagnare un artista se una corporation controlla anche i soldi che si possono fare on the road?

AMENT: Bè, devo dire, sono lieto di vederlo sui giornali e sono lieto di vedere che le persone gli stiano dando attenzione, e spero che tante band vadano a fondo su questa cosa. E poi l'altra parte di me dice “Dove eravate 15 anni fa?” [ride] Perché noi non abbiamo trovato nessuno. [Ament e Gossard testimoniarono davanti al Congresso nel 1994, affermando che Ticketmaster era un monopolio in violazione delle leggi antitrust.] E' uno scherzo. Funziona bene per le grandissime band, ma per gli altri in una situazione intermedia, o ancora peggio, una giovane band che forse non sta vendendo dischi e si sta rivolgendo a posti per suonare su cui loro hanno il controllo: sei fottuto. Spero davvero che il Congresso faccia qualcosa in merito stavolta, anziché chiudere un occhio, perché questo è quello che è successo 15 anni fa.

SHOCKHOUND: Fortunatamente per la tua band, potete far uscire il vostro prossimo album con la vostra etichetta e probabilmente avrete più controllo sulla vostra musica come mai prima.

AMENT: Assolutamente. E' un buon momento per essere un libero professionista.

 

 


The Reluctant Rock Star

http://www.newsweek.com/

Pearl Jam exploded onto the Seattlemusic scene in 1991 and has been fending off celebrity ever since. The group's debut album, "Ten," reached No. 2 on the pop charts and has sold some 12 million copies, but the band shunned endorsements and shied away from almost all self-promotion, even refusing to make videos for a time. Close to two decades later, it's clear they didn't need the hype. In a 2005 USA Today readers' poll, Pearl Jam was voted the greatest American rock band of all time. They've managed to take up causes from health care to antitrust, even testifying before Congress in a Justice Department probe into Ticketmaster. Currently at work on their ninth studio album, Pearl Jam is re-releasing "Ten" in four new and expanded editions that include six bonus tracks. Lead singer Eddie Vedder, 44, spoke with NEWSWEEK about the reissue, balancing music with activism, and life as a father of two. Excerpts:

NEWSWEEK: How has Pearl Jam changed in the years since "Ten" was first released?
Eddie Vedder: I think in so many ways we've grown up, but I think in music you're also able to hang on to a part of youth that in a normal job you'd have to surrender. In a way, it was a blessing that we didn't have families at the time, because we could give everything to the music. But I never thought we'd have to actually look back and answer questions about 20 years ago.

How much of this has become about activism for you, and how much is still about music?
I think it's always been a balance. I think music is the greatest art form that exists, and I think people listen to music for different reasons, and it serves different purposes. Some of it is background music, and some of it is things that might affect a person's day, if not their life, or change an attitude. The best songs are the ones that make you feel something. But it's really a balance, because part of it is just, well, you're a rock-and-roll band. But what happens is you learn that a rock-and-roll band can be a whole lot of things.

Has the way you pursue activism changed?
Back [in our early days] it was very knee-jerk: You'd want to kick out a stained-glass window to get your point across. Now you try to deliver better business plans to corporate entities so they can still make a profit, but do it without destroying land or culture.

Has having a family changed your views about celebrity?
I don't really have too many views on it, to be honest. [Laughs] Seattle's very close-knit, and I don't feel any different, even though I have a different job than some of the other parents at school. How else do I answer that?

Well, what's it like to be a rock star?
You know, rock stardom … I have a hard time discussing that because I don't really accept it. It's not really that tangible. What's really bizarre is how it's used as a thing—you know, "He's the rock star of politics," "He's the rock star of quarterbacks"—like it's the greatest thing in the world. And it's not bad, but it's just different. I don't understand it. Cause I'm going, "Well—am I that?" I want to be the plumber of rock stars.

How do you keep your music relevant?
I think by pushing the boundaries, by not doing something you've already done, and pushing each other as bandmates to create in a new way.

Do you miss that Seattle heyday of the early '90s at all?
I think what we miss is the bands all showing up at each other's shows, and five people being up onstage, and then the next night the same people that were up onstage being in the audience and vice versa. Everyone was very supportive of each other. And, you know, there were some great f--king living-room parties as well. And it still happens, it's just a little less.

Does that community you talk about still exist?
You know, it's amazing how few bands are able to keep it together. But I'd like to think there's still a number of us who, for lack of a better word, are slaves to rock and roll. It's in us and we need it. And I think it's trickier now because a lot of us have to be a little bit more grown up. We're parents and we're figuring out how to do both. Because as much as I would dedicate my life solely to music, I wouldn't sacrifice the kids' upbringing to do it.

You recently had a second daughter.

Yep, she's 4 months old. She was born on Bruce Springsteen's birthday . So my one kid's 4, my other kid's 4 months, I'm 44, Barack Obama is the 44th president—it's all lining up nicely here.

Do you still wear a lot of flannel?
I'm not wearing one today, but I sure was wearing one yesterday.

 

 

La Rock Star riluttante

http://www.newsweek.com
- Traduzione a cura di As_It_Seems

I Pearl Jam esplosero nella scena musicale di Seattle nel 1991 e da allora hanno sempre cercato di difendersi dalla celebrità. L'album di debutto del gruppo, "Ten," ha raggiunto il numero 2 nelle classifiche ed ha venduto qualcosa come 12 milioni di copie, ma la band ha cercato di evitare la promozione e si è tirata indietro perlomeno da tutta l'auto-promozione, anche rifiutando di fare video per un certo periodo. Quasi 20 anni dopo, è chiaro che non hanno bisogno di una clamorosa pubblicità. In un sondaggio tra i lettori di USA Today del 2005, i Pearl Jam sono stati votati come la più grande rock band Americana di tutti i tempi. Si sono occupati di varie cause, dalla salute all'antitrust, perfino testimoniando davanti al Congresso in una indagine del Dipartimento di Giustizia su Ticketmaster. Attualmente al lavoro sul loro nono album in studio, i Pearl Jam stanno per ripubblicare "Ten" in quattro nuove ed ampliate edizioni che includono 6 bonus tracks. Il cantante Eddie Vedder, 44, ha parlato con NEWSWEEK di questa pubblicazione, di come bilanciare musica e attivismo, e della sua vita come padre di due figlie. Alcuni estratti:

NEWSWEEK: Come sono cambiati i Pearl Jam negli anni, da quando "Ten" venne pubblicato per la prima volta?
Eddie Vedder:
Penso che siamo cresciuti in tanti modi, ma penso anche che nella musica hai la possibilità di rimanere aggrappato ad una parte di gioventù alla quale, facendo un lavoro normale, avresti dovuto rinunciare. In un certo senso, è stata una benedizione il fatto che non avessimo una famiglia a quell'epoca, perché ci siamo potuti dare completamente alla musica. Ma non ho mai pensato che avremmo dovuto guardarci indietro e rispondere a domande relative a 20 anni fa.

Quanto di tutto questo è diventato attivismo per te, e quanto riguarda ancora la musica?

Credo che sia sempre stato un equilibrio. Penso che la musica sia la più grande forma di arte che esista, e penso che le persone ascoltino musica per diverse ragioni, e con diversi scopi. In certi casi è musica di sottofondo, in altri è qualcosa che può influenzare la giornata di una persona, se non la loro vita, oppure cambiare un punto di vista. Le canzoni migliori sono quelle che ti fanno provare qualcosa. Ma è davvero un equilibrio, perché parte di tutto questo è solo, bene, voi siete una rock-and-roll band. Ma quello che succede è che scopri che una rock-and-roll band può essere una grande quantità di cose.

E' cambiato il modo in cui porti avanti l'attivismo?
Un tempo [ai nostri inizi] era piuttosto una reazione automatica: avresti voluto prendere a calci una vetrata per comunicare il tuo messaggio. Adesso cerchi di far realizzare migliori business plan alle aziende in modo che possano continuare a fare profitti, ma senza distruggere terra o culture.

Avere una famiglia ha cambiato il tuo punto di vista sulla celebrità?
In realtà non ho molti punti di vista al riguardo, se devo dire la verità. [ride] Seattle è una comunità molto unita, e io non mi sento diverso, anche se faccio un lavoro diverso rispetto agli altri genitori a scuola. Come potrei rispondere diversamente?

Beh, com'è essere una rock star?
Sai, celebrità rock... E' difficile per me discutere di questo argomento perché non lo accetto veramente. Non è così tangibile. Quello che è davvero bizzarro è come viene usato - sai, "Lui è la rock star dei politici", "Lui è la rock star dei quarterback" - come se fosse la cosa migliore del mondo. E non è male, ma è solo diverso. Non lo capisco. Perché penso "Bè - io lo sono?" Io voglio essere l'idraulico delle rock star.

Come si fa a mantenere rilevante la propria musica?
Credo spingendo oltre i confini, non facendo le cose che hai già fatto, e sollecitandosi l'uno con l'altro all'interno della band a creare in modo nuovo.

Ti manca per niente quell'età dell'oro dei primi anni ‘90 di Seattle?
Penso che quello che ci manca è quel farsi vedere delle band ai concerti di tutti gli altri: 5 persone stavano sul palco, e poi la sera successiva le stesse persone che erano sul palco le ritrovavi nel pubblico e viceversa. Ognuno dava supporto agli altri. E, sai, c'erano anche delle feste private fottutamente grandiose. E succede ancora, solo un po' meno.

Esiste ancora quella comunità di cui parli?

Sai, è sorprendente come alcune band siano capaci di tenerla insieme. Ma mi piace pensare che ci sia ancora un certo numero di noi che, in mancanza di una migliore definizione, sono schiavi del rock and roll. E' dentro di noi e ne abbiamo bisogno. E penso che sia più difficile adesso perché molti di noi devono essere un po' cresciuti. Siamo genitori e stiamo cercando il modo di fare entrambe le cose. Perché per quanto io voglia dedicare la mia vita unicamente alla musica, non vorrei per questo sacrificare l'educazione dei miei figli.

Recentemente hai avuto una seconda bambina.
Sì, ha 4 mesi ora. E' nata nel giorno del compleanno di Bruce Springsteen. E così, la mia prima figlia ha 4 anni, l'altra 4 mesi, io ho 44 anni, Barack Obama è il 44° presidente - tutto si sta allineando bene mi pare.

Indossi ancora molte camicie di flanella?

Non ne indosso una oggi, ma sicuramente ne indossavo una ieri.

 

 


Ten remix package set to alt-rock Pearl Jam lovers

KATHY MCCABE, 20 March 2009, Daily Telegraph


IT HAS been 18 years since Pearl Jam ushered alternative rock into the mainstream with their debut record Ten. Since then the Seattle quintet, whose line-up has remained solid since former Soundgarden drummer Matt Cameron joined in 1998, have steadfastly surged forward.

Their discomfort at the phenomenal success of Ten - it has sold more than 12 million copies - led to the band refusing to film videos and lamenting that the record had been "over-rocked" during mixing.

Pearl Jam are finally looking back at their career, only because they have the opportunity to correct what they felt was wrong about Ten.

The band have enlisted their longtime producer Brendan O'Brien to mix Ten the way they originally intended it to sound.

Frontman Eddie Vedder agrees it is not in the band's nature to revisit their path, particularly as they are now working on their ninth studio record.

Vedder remembers the first 10 years of the band's career as a mad scramble to deal with success and the changes it wrought on this insular unit of musicians who had survived much before becoming Pearl Jam.

Most fans of the grunge era would be aware that Pearl Jam rose from the ashes of two Seattle bands, Green River and Mother Love Bone, the latter disintegrating before they were able to release their debut record Apple after the overdose death of frontman Andrew Wood.

"It's interesting, because we are similar to who we were then but, like all of us, we have changed.

"Whether it's by having families, we're more upstanding citizens now. Before we were just rebellious kids and now we deal with our rebellion in a intelligent manner," Vedder says, laughing.

"When we ask ourselves how we can make a difference it's not an anarchist approach, the way we reacted as younger humans."

Musicians always have a love/ hate relationship with the songs that launched them on to the world stage. But Vedder says Pearl Jam maintained the link to the songs that made their name by continuing to perform them live.

"Every night we play live, we are living with the songs we recorded 18 years ago. Songs like Black ... every time I sing it, I am singing it the same way I sang it the first time. It is like looking at old pictures every night," he says.

"But now we are also playing it to new people, which makes me think the band is still a very healthy vessel."

In their efforts to give their loyal fans some valuable extras to go with the 2009 reissue of Ten, Pearl Jam unearthed some archival gold - the Momma-Son demo tape, which featured Vedder's overdubbed vocals on three instrumentals sent to him by then bassist Jeff Ament and guitarists Stone Gossard and Mike McCready in 1990.

Those songs prompted the invitation for him to join the band and later became Alive, Once and Footsteps.

"Jeff had it. He had to look pretty deep into his archive. I think it was in a box that had been left in the rain and everything else in there got ruined," Vedder recalls.

"I hadn't heard it until a couple of months ago and it was an incredible experience to realise my whole future was based on those 15 minutes. I had no clue really. It was an exercise in songwriting for me. When Jeff and a friend of our's played it to me, I started laughing so hard I fell off a stool. When you hear it, you might see why."

For all their reticence to indulge nostalgia, Vedder says the exercise of reissuing Ten has thrown up some valuable lessons.

He recalls how the lyrics for most of the songs were written on mornings when the avid surfer was trying to find a wave after coming off a midnight shift.

"Maybe you do learn things by going back. One thing as a writer that I hear listening to this record was there wasn't any second guessing. For the avocado album [their self-titled 2006 record], I think I worked up four different sets of lyrics for each song," Vedder says.

"Back in the day, there wasn't time to second guess. We had two weeks to write a record."

 

 

Ten remix package set to alt-rock Pearl Jam lovers

KATHY MCCABE, 20 March 2009, Daily Telegraph

Traduzione a cura di As_It_Seems

Sono passati 18 anni da quando i Pearl Jam hanno fatto entrare l'alternative rock nel mainstream con il loro album di debutto Ten. Da allora il quintetto di Seattle, la cui line-up è rimasta solida dal momento in cui l'ex batterista dei Soundgarden, Matt Cameron, si è unito a loro nel 1998, si è fatto strada con determinazione.

Il loro disagio nei confronti del fenomenale successo di Ten - ha venduto più di 12 milioni di copie – ha portato la band a rifiutare di fare video e a lamentarsi del fatto che il disco è stato "over-rocked" durante il mixaggio.

I Pearl Jam stanno guardando indietro alla loro carriera, solo perché hanno l'opportunità di correggere quello che secondo loro non andava in Ten.

Hanno arruolato il loro produttore storico Brendan O'Brien per mixare Ten nel modo in cui originariamente volevano che suonasse.

Il frontman Eddie Vedder concorda che non è nella natura della band rivisitare il loro cammino, particolarmente in questo momento mentre stanno lavorando al loro nono album.

Vedder ricorda i primi 10 anni di carriera della band come un folle sbattimento per venire a patti con il successo e con i cambiamenti che avrebbero avuto un impatto su questa ristretta squadra di musicisti che erano sopravvissuti a lungo prima di diventare i Pearl Jam.

La maggior parte dei fans dell'era grunge dovrebbero sapere che i Pearl Jam nascono dalle ceneri di due band di Seattle, i Green River e i Mother Love Bone, quest'ultima disintegrata prima di riuscire a pubblicare l'album di debutto, Apple, dopo la morte per overdose del frontman Andrew Wood.

"E' interessante, perché siamo simili a quello che eravamo allora ma, come tutti, siamo cambiati.

"Che sia o no perché abbiamo famiglia, siamo cittadini più impegnati adesso. Prima eravamo solo ragazzini ribelli mentre ora veniamo a patti con la nostra ribellione in maniera intelligente" dice Vedder, ridendo.

"Quando chiediamo a noi stessi come possiamo fare la differenza, non è un approccio anarchico, il modo in cui reagivamo come persone più giovani."

I musicisti hanno sempre una relazione di amore/odio con le canzoni che li hanno resi famosi nel mondo. Ma Vedder dice che i Pearl Jam hanno mantenuto il legame con le canzoni con le quali si sono fatti un nome, continuando ad eseguirle dal vivo.

"Ad ogni concerto, ci troviamo a convivere con le canzoni che abbiamo registrato 18 anni fa. Pezzi come Black ... ogni volta che la canto, la canto nello stesso modo in cui l'ho cantata la prima volta. E' come guardare vecchie fotografie ogni sera" dice.

"Ma adesso le suoniamo anche per persone nuove, che mi fa pensare che la band è ancora in ottima salute."

Nei loro tentativi di dare ai loro fedeli fans alcuni preziosi extra con la ristampa 2009 di Ten, i Pearl Jam hanno tirato fuori dagli archivi delle gemme - il demo tape Momma-Son, nel quale Vedder sovrappone la sua voce a tre pezzi strumentali inviatigli dal bassista Jeff Ament e dai chitarristi Stone Gossard e Mike McCready nel 1990.

Quelle canzoni lo portarono ad essere invitato ad unirsi alla band e più tardi diventarono Alive, Once e Footsteps.

"Jeff aveva quella cassetta. Ha dovuto cercare a fondo nel suo archivio. Credo fosse in una scatola che era stata lasciata sotto la pioggia e tutto il contenuto si è rovinato" ricorda Vedder.

"Non l'avevo riascoltata fino a un paio di mesi fa ed è stata un'esperienza incredibile rendermi conto che tutto il mio futuro si è basato su quei 15 minuti. Davvero non ne avevo idea. Per me si trattava di un esercizio nella scrittura di canzoni. Quando Jeff e un nostro amico me l'hanno fatta sentire, ho iniziato a ridere così tanto che sono caduto dallo sgabello. Quando l'ascolterete, capirete perché."

Nonostante tutta la loro reticenza ad indulgere nella nostalgia, Vedder dice che l'esercizio di ripubblicare Ten ha portato delle lezioni preziose.

Ricorda come i testi della maggior parte delle canzoni siano stati scritti di mattina, quando l'appassionato surfista cercava di trovare un'onda dopo aver terminato un turno di notte.

"Forse tornando indietro si imparano delle cose. Ascoltando questo disco, una cosa che ho sentito come scrittore è che non c'era nessun ripensamento. Per l'abum avocado [il loro disco omonimo del 2006], credo di aver creato quattro diversi set di testi per ogni canzone" dice Vedder.

"All'epoca non c'era tempo per un ripensamento. Avevamo due settimane per scrivere un disco".

 

 

Inside Music: Pearl Jam's Perfect "Ten"

http://entertainment.msn.com/news/article.aspx?news=358286


In 1990, bass player Jeff Ament and guitarists Stone Gossard and Mike McCready were in Seattle, going nowhere fast. The trio had joined together out of the wreckage of two previous bands, and they were working on some new songs, trying to recruit a drummer and singer.

They slipped a five-song demo tape to former Red Hot Chili Peppers drummer Jack Irons; Irons, in turn, passed it on to a friend, a sometime vocalist, sometime gas station attendant in San Diego named Eddie Vedder. While surfing one day, lyrics began to come to Vedder. He recorded vocals over three of the songs ("Alive," "Once," and "Footsteps") in a suite he called the "Momma-Son Trilogy," and sent the tape back to Seattle.

When the three musicians heard this home recording, they flew Vedder up to audition in person. Within a week, Vedder had joined the band.

The "Momma-Son" cassette is the moment of genesis for the group that came to be known as Pearl Jam, and those three songs formed the core of its 1991 album "Ten," one of the biggest rock albums of all time. Though Nirvana's "Nevermind," yin to the yang of "Ten" as the dual foundations of the "alternative rock" revolution, is usually considered the defining album of the age, the 12-times-platinum "Ten" actually wound up selling more copies.

While working on a new, expanded reissue of "Ten," Ament stumbled upon the "Momma-Son" tape for the first time since it arrived. "I was amazed at how a couple of the songs came out on the record almost identical to those demos," he says, on the phone from Seattle. "I played it for Ed, and we laughed about it a lot. He said he knocked it out in the middle of the night, and didn't know if anything would come of it. I have to say it was definitely much better than I thought it was going to be."

A replica of this mythic cassette is included in the "Super Deluxe Edition" of "Ten," along with LPs of the album remastered for vinyl, a DVD of the band's 1992 "MTV Unplugged" session, a two-LP live recording from 1992, and copies of various notes, mementos, and flotsam from the era that saw Pearl Jam catapulted to superstar status. (There are four different versions of the release; the basic "Legacy Edition" is a remastering of the album, packaged with a new remix of the songs by longtime Pearl Jam producer Brendan O'Brien, plus six bonus tracks.) The reissue kicks off a two-year catalog re-release campaign, leading up to the band's 20th anniversary in 2011.

"As a listener, I'm always looking for demos or alternate takes, to see how songs grew and developed," says Ament. "It allows you to get inside the songs and see the growth -- or the mistakes, depending."

MSN Music: Where did the idea for revisiting "Ten" originate?


Jeff Ament: There have always been things I wasn't happy with about "Ten." There was a bit of a power struggle between me and the art department at Sony over the artwork. The last version that came to us is the one everybody knows, and at the time they basically said, "If we change this, we can't put the record out for six months." The most important thing for us then was to get out and play and be a better band. But we always intended for that pink color on the cover to be more burgundy. So, first, this was a great opportunity to go back and correct that. Then, in the process, we started to look at the whole thing. Ed found a box of stuff from back then, I found some stuff -- there was this incredible package of preserved items. And, eventually, we convinced Brendan O'Brien to remix it, after he spent 15 years saying that he didn't want to go back and touch such a classic, and it's vastly improved.


Were you always dissatisfied with the sound of the album?

When we made "Vs," our second record, I remember thinking, "Man, I wish our first record sounded like this." I thought it was more direct, more powerful. I know Stone felt that the reverb on "Ten" was covering up our own inability to play at the time, but when I found a tape of the rough mixes, it sounded killer. That really made me keep bugging Brendan to consider doing this.

Everyone just wanted to see what he would come up with. When we heard it, it became apparent that they had to be included -- that, at the least, they were a very good alternative to the original mixes.


Were you at all reluctant to alter such a monumental album? The only precedent that I can think of is what the Beatles did with the "Let It Be ... Naked" project, removing the work that Phil Spector did on the released album and then remixing the original recordings.

That's a good comparison, because I love "Let It Be." It was one of the first records I ever bought, and I got used to what Phil Spector did with those songs. But I can understand why Paul McCartney would think that the "Naked" version was superior. There's less of an imprint by the producer on those songs. I think these mixes are more like Truffaut, like the black-and-white version of "Ten." It's a much starker, more present sound. The package includes both, so which one is definitive will really be up to the listener.

What did you hear in the band's playing when you went back into these recordings?

I knew that we played really energetic shows, but my memory was that we just weren't that great as players. But to go back to the demos and listen in raw form, now I think, "Wow, we really weren't that bad." The version of "State of Love and Trust" with Dave Krusen on drums is so much better than what ended up being released. I had been thinking he wasn't that great a drummer, but he actually did an amazing job, and I really found a new respect for him.

Pearl Jam is still hugely popular, so were you all sure that it was a good idea to devote this much attention to a reissue?

Yeah, any time you talk about reissues or new versions of old projects, it does start to feel like, "Wait a minute, we're still a viable band." We're working on a new record now, and you don't want anything to get in the way of that. But, especially with "Ten," there were just things that really didn't get done the way we wanted. I don't know about all the rest of the albums. I'm pretty happy with most of them, but I committed myself to really get into this one.

And, in the process, we all got to hear what everybody's memories of that time are. It fills in some of the blanks, because it was such an insane time. Things were moving at a pace that none of us were prepared for. For a year and a half, on a typical day we would wake up, do five or six interviews, do an in-store, go sound check, do another interview or two, play the show, go to the after-show, stay up all night, and then do it all over again the next day. It was just impossible to retain it all.


What's the first thing that comes into your mind when you think about that period?

There was a show in Cincinnati, I think, or maybe Columbus. We'd only done a handful of shows in the States, and then we went to Europe for six or seven weeks, and while we were away the album blew up. This was before cell phones or the Internet or whatever, so I guess our managers kind of told us, but we really had no idea, it really hadn't sunk in. In Europe, we were playing 200- to 300-seaters and when we got back, it was supposed to be in [400-] or 500-seaters. But all of a sudden we came back and were playing in 2,500-seat theaters -- it was like, "Whoa, what was that?" And after this show in Ohio, there were 500 people in the parking lot, surrounding the bus. We'd never experienced anything like that before. That's when we recognized that something had changed.

We'd all been in bands for eight or 10 years, and to go from working all month to set up a show -- printing the fliers, putting them up, making the T-shirts, renting the PA -- to, all of a sudden, Keith Richards wants you to play his birthday party and Neil Young wants you to go on tour with him, it's really hard not to just keep saying yes to everything. And we really were at our wits' end before we said, "We just have to stop." Really, it's a lesson in, "Be careful what you wish for," because it suddenly all just came true.

Is spending so much time with this material influencing the album you're working on?

We started the writing process before getting into the "Ten" stuff, so some of it was already in motion. But listening to the demos, and some of the stuff that didn't make it onto the record or didn't even turn into finished songs, it reminded me of a time when we were playing with a lot less rules. We didn't have much in the way of music theory, we didn't really know "this is major, this is minor, that doesn't fit in this scale."


Do you hear that coming out in the new songs?

I've written a couple of things since then and thought, "Yeah, I can put this weird note in here," even when my current instincts tell me it's wrong. So it's cool to remember that rock and roll isn't about playing within any confines.

 

 



Inside Music: Il dieci perfetto dei Pearl Jam

http://entertainment.msn.com/news/article.aspx?news=358286

Traduzione a cura di As_It_Seems

Nel 1990, il bassista Jeff Ament e i chitarristi Stone Gossard e Mike McCready erano a Seattle, e non andavano velocemente da nessuna parte. Il trio si era formato dalle macerie di due band precedenti, e stava lavorando su alcune canzoni nuove, cercando un batterista e un cantante.

Diedero un demo tape di cinque pezzi all'ex batterista dei Red Hot Chili Peppers, Jack Irons; Irons, a sua volta, lo passò ad un amico, a volte vocalist, a volte custode presso un distributore di benzina a San Diego, che si chiamava Eddie Vedder. Mentre faceva surf un giorno, i testi iniziarono a prendere forma nella testa di Vedder. Registrò le parti vocali su tre di quei pezzi ("Alive," "Once," e "Footsteps") in una suite che chiamò la "Momma-Son Trilogy," e rispedì il nastro a Seattle.

Quando i tre musicisti sentirono questa registrazione fatta in casa, fecero venire Vedder per una audizione di persona. Nel giro di una settimana, Vedder faceva parte della band.

La cassetta "Momma-Son" è il momento di genesi per il gruppo che diverrà noto come Pearl Jam, e quelle tre canzoni hanno formato il nucleo del loro album del 1991 "Ten", uno dei più grandi album rock di tutti i tempi. Sebbene "Nevermind" dei Nirvana, lo yin rispetto allo yang di "Ten" come le doppie fondamenta della rivoluzione dell'"alternative rock", sia generalmente considerato l'album che ha definito un‘epoca, il 12-volte disco di platino "Ten" finì in realtà per vendere più copie.

Mentre stava lavorando ad una nuova, estesa ripubblicazione di "Ten," Ament si è imbattuto nella cassetta "Momma-Son" per la prima volta da quando era arrivata. "Ero stupito di come un paio di canzoni siano venute fuori nel disco quasi identiche a quei demo", dice al telefono da Seattle. "L'ho fatta sentire ad Ed, e ci siamo fatti un sacco di risate. Ha detto che l'aveva buttata giù nel cuore della notte, e non sapeva se ne sarebbe venuto fuori qualcosa. Devo dire che era decisamente molto meglio di quello che pensavo sarebbe stata".

Una replica di quella mitica cassetta è inclusa nella "Super Deluxe Edition" di "Ten", insieme all'LP dell'album rimasterizzato per il vinile, un DVD dell'"MTV Unplugged" del 1992, un doppio LP live registrato nel 1992, e copie di varie note, appunti e roba varia dell'era che ha visto i Pearl Jam catapultati nello status di superstar. (Ci sono 4 diverse versioni della pubblicazione; la "Legacy Edition" di base è una rimasterizzazione dell'album, allegata ad un nuovo remix delle canzoni curato dal vecchio produttore dei Pearl Jam, Brendan O'Brien, più sei bonus tracks.) La ristampa dà l'avvio ad una campagna di due anni di ripubblicazione del catalogo, che porterà al 20° anniversario della band nel 2011.

"Come ascoltatore, ho sempre cercato demo o take alternative, per vedere come crescono e si sviluppano le canzoni", dice Ament. "Ti permette di entrare nelle canzoni e vederne la crescita - o gli errori, dipende".

MSN Music: Da dove è nata l'idea di rivisitare "Ten"?

Jeff Ament:
Ci sono sempre state delle cose di cui non ero contento riguardo "Ten". C'era stata un po' di lotta di potere tra me e l'ufficio artistico della Sony riguardo l'artwork. L'ultima versione che ci arrivò è quella che tutti conoscono, e a quel tempo in pratica ci hanno detto "Se cambiamo questa, non possiamo far uscire il disco per sei mesi". La cosa più importante per noi all'epoca era uscire e suonare ed essere una band migliore. Ma la nostra intenzione per quel colore rosa della copertina era sempre stata che dovesse essere più borgogna, rosso scuro. Così, prima di tutto, questa era una grande opportunità di tornare indietro e correggere questa cosa. Poi, durante lo sviluppo della cosa, abbiamo iniziato a guardare al progetto nel suo insieme. Ed ha trovato una scatola di roba di quel periodo, io ne ho trovata altra – c'era questo incredibile pacco di roba conservata. E, finalmente, abbiamo convinto Brendan O'Brien a remixarlo, dopo che aveva trascorso 15 anni a dire che non voleva andare nel passato e toccare un classico del genere, ed è ampiamente migliorato.

Siete sempre stati insoddisfatti del suono dell'album?

Quando abbiamo realizzato "Vs", il nostro secondo disco, ricordo di aver pensato "Cavolo, vorrei che il nostro primo disco suonasse come questo". Pensavo che fosse più diretto, più potente. So che Stone pensava che il riverbero su "Ten" coprisse la nostra inabilità a suonare all'epoca, ma quando ho trovato la cassetta dei mixaggi grezzi, suonavano formidabili. Questo mi ha spinto a implorare Brendan di considerare l'idea di farlo.
Tutti volevano vedere cosa ne sarebbe venuto fuori. Quando l'abbiamo sentito, era evidente che dovevano essere inclusi e che, perlomeno, erano una validissima alternativa al mixaggio originale.


Non siete stati per niente riluttanti ad alterare un album così monumentale? L'unico precedente a cui riesco a pensare è quello che fecero i Beatles con il progetto "Let It Be ... Naked", rimuovendo il lavoro che aveva fatto Phil Spector sull'album pubblicato e quindi remixando le registrazioni originali.

Questo è un buon confronto, perché io amo "Let It Be". E' stato uno dei primi dischi che ho comprato, ed ero abituato a quello che Phil Spector aveva fatto con quelle canzoni. Ma posso capire perché Paul McCartney abbia pensato che la versione "Naked" fosse superiore. C'è una minore impronta del produttore su quelle canzoni. Penso che questi mixaggi siano più come Truffaut, come la versione in bianco e nero di "Ten". E' un suono più crudo, più presente. Il package li include entrambi, perciò starà all'ascoltatore decidere quale sia quella definitiva.

Cosa hai sentito nel modo di suonare della band quando siete tornati a queste registrazioni?

Sapevo che facevamo dei concerti pieni di energia, ma da quello che ricordavo non eravamo proprio fenomenali come musicisti. Invece ritornando a quei demo e ascoltandoli in una forma abbozzata, ora penso "Wow, non eravamo affatto male". La versione di "State of Love and Trust" con Dave Krusen alla batteria è decisamente migliore di quella che ha finito per essere pubblicata. Io pensavo che non fosse un batterista fenomenale, ma in realtà ha fatto un lavoro meraviglioso, ed io sono arrivato ad avere un nuovo rispetto per lui.

I Pearl Jam sono ancora enormemente popolari, per cui eravate tutti convinti che fosse una buona idea dedicare tutta questa attenzione ad una ristampa?

Sì, ogni volta che si parla di ristampe o nuove versioni di vecchi progetti, si inizia a pensare "Aspetta un minuto, noi siamo ancora una band vitale". Stiamo lavorando ad un disco nuovo adesso e non vorremmo che niente intralciasse questo cammino. Ma, specialmente con "Ten", c'erano delle cose che non erano state fatte nel modo in cui volevamo noi. Non so riguardo agli altri album. Sono piuttosto contento della maggior parte di loro, ma mi sono impegnato con me stesso ad interessarmi di questo qui.
E, nel farlo, abbiamo ascoltato tutti quali fossero i ricordi di ognuno riguardo quel periodo. E questo ha riempito alcuni buchi, perché è stato un periodo così folle. Le cose si muovevano ad una velocità alla quale nessuno di noi era preparato. Per un anno e mezzo, in una giornata tipo avremmo potuto svegliarci, fare cinque o sei interviste, fare un'apparizione in un negozio, andare a fare il sound check, fare un'altra intervista o due, fare il concerto, andare al dopo-concerto, stare in piedi tutta la notte, e poi rifare tutto di nuovo il giorno successivo. Era proprio impossibile ricordare tutto.


Qual è la prima cosa che ti viene in mente quando pensi a quel periodo?

C'è stato un concerto a Cincinnati, credo, o forse a Columbus. Avevamo fatto solo una manciata di concerti negli States, e poi eravamo andati in Europa per sei o sette settimane, e mentre eravamo via, l'album esplose. Questo accadeva prima dei cellulari o di Internet o altro, così penso che i nostri manager cercarono di raccontarcelo, ma veramente non ne avevamo idea, non avevamo capito. In Europa, suonavamo davanti a 200 o 300 persone e quando siamo tornati, avrebbero dovuto essere 400 o 500. Ma improvvisamente siamo tornati e ci siamo ritrovati a suonare in spazi da 2.500 posti – è stato come "Wow, cos'è successo?" E dopo questo concerto in Ohio, c'erano 500 persone nel parcheggio, che circondavano il bus. Non avevamo mai avuto un'esperienza del genere prima di allora. Quello è stato il momento in cui abbiamo capito che qualcosa era cambiato.
Tutti avevamo fatto parte di altre band per otto o dieci anni, e lavoravamo un mese per mettere su un concerto – stampare i volantini, metterli in giro, fare le T-shirt, affittare il locale – e poi, all'improvviso, Keith Richards vuole che suoni alla sua festa di compleanno e Neil Young vuole che tu vada in tour con lui, è davvero difficile riuscire a non dire di sì a tutto. E non sapevamo più quello che dovevamo fare finché ci siamo detti "Dobbiamo fermarci". Davvero, c'è una lezione in questo, "Fai attenzione a quello che desideri", perché di colpo potrebbe avverarsi tutto.


Passare così tanto tempo con questo materiale sta influenzando l'album al quale state lavorando?

Abbiamo iniziato a scriverlo prima di essere coinvolti nella roba di "Ten", per cui in parte era già in movimento. Ma ascoltare i demo, e un po' di altre cose che non erano finite nel disco o che non erano nemmeno diventate della canzoni complete, mi ha fatto ricordare di un periodo in cui suonavamo con molte meno regole. Non sapevamo molto di teoria musicale, non sapevamo "questo è maggiore, questo è minore, quello non è adatto a questa scala."

Senti che questo sta venendo fuori nelle canzoni nuove?

Io ho scritto un paio di cose da allora e ho pensato "Sì, qui posso metterci questa strana nota", anche quando il mio istinto attuale mi dice che è sbagliato. Perciò è bello ricordarsi che il rock and roll non è suonare dentro confini determinati.

 

 

Q&A: Pearl Jam's Jeff Ament

March 24, 2009 11:17 AM
Jonathan Cohen

Billboard

As Pearl Jam's blockbuster 1991 debut, "Ten," gets a re-release on March 24 so deluxe that it would be fairer to call it a complete reimagining, the veteran Seattle band's bassist and co-founder Jeff Ament sat down with Billboard to talk about what went into the four extras-laden editions of the 12-times platinum album. He also took a trip down the long road of memory lane back to the days when the quintet's "Alive," "Even Flow" and "Jeremy" dominated radio and singer Eddie Vedder swung Tarzan-like from the rafters of clubs and amphitheaters from Los Angeles to London.

Each of the four versions of the "Ten" reissue includes a digitally remastered version of the original album as well as a completely new remix of the set by longtime producer Brendan O'Brien. The O'Brien disc also includes six previously unreleased songs from the era: early versions of "Breath" and "State of Love and Trust," "Brother" (with vocals, not the instrumental version from the 2003 rarities collection "Lost Dogs"), "Just a Girl," "Evil Little Goat" and "2,000 Mile Blues," a Stevie Ray Vaughan-inspired jam with improvised vocals from Vedder.

The "Legacy" edition of "Ten" adds a DVD of Pearl Jam's previously unreleased 1992 performance on "MTV Unplugged," including a never-aired version of "Oceans." But the package that has sent hardcore fans into a tizzy is the two-CD, one DVD, four LP "Super Deluxe Edition." The linen-covered, slip-cased clamshell box includes a replica of "Momma-Son," the audition demo tape Vedder sent to Ament and guitarist Stone Gossard in 1990 to land the job in Pearl Jam, the previously unreleased Sept. 20, 1992, concert at Seattle's Magnuson Park on two vinyl LPs, a replica of Vedder's composition notebook packed with notes and photos and assorted stickers and other memorabilia from the "Ten" era.

When you guys started conceptualizing this project, what were some of the things you wanted to make sure were included?


Jeff Ament: There were definitely some politics with the art department at Sony at the time, so the cover didn't turn out the way we intended. It was a pinker shade of red than what we intended (laughs). Also, when we started making records with Brendan, we sort of realized how we wanted to sound. We knew the first record maybe didn't sound like the band that we were. It didn't sound direct enough and was maybe over-mixed and a tad bit wet for our tastes. When we were mixing "Ten," we were pulling stuff off of it, which is hard to believe. I think those things made me want to make it the way we intended. It's one of those things: if we would have known then what we know now, what sort of record would it be? In the process of digging through things and deciding we'd put some special things and surprises together, we found a lot of stuff. We found boxes and boxes of journals and tour itineraries that had stuff written on them. It was a pretty cool thing to do. I didn't know it at the time, but when you take pictures and write little comments about shows, it facilitates your memory. It helps you remember what was going on at the time. I don't think any of us had thought much about what happened 18 years ago since. This is one of the first times I've really looked back on the band, because typically we've been so busy moving forward. It felt like a good time. It felt like there was enough separation between what had happened then. We all have a sense of humor about it, which 10 years ago I don't think we would have had as much of.

Would you say the willingness to include the original demo tape speaks to that?

Yeah. When I found it and played it, I wasn't sure if it was appropriate for it to come out, to be honest. My first instinct was, this is pretty personal and done before we knew each other. Then when Ed listened to it, he just laughed. He was like, 'Wow. I was kind of out there.' So that was a great sign, that he was willing. It made me feel more willing to put a lot of those personal things out there and be done with it a little bit. In some ways, it will probably make it subconsciously easier to move forward by getting this out there and letting go, just because it was such a huge record and such a crazy time.


Were there things you just couldn't do for the most deluxe version?

The things that ended up in the journal, that's probably a tenth of what we had laying out on the table. We put the stuff that we thought best told the story. It gives you an inside glimpse into what we were going through and doing with our pens in the downtime. There's a page from something I did about how we wanted to do this very idealistic approach to merchandising. It's kind of funny, but it's pretty right on. It's kind of what we've done, and it was funny to see that. I didn't remember us even thinking that way back then, but we were. It's interesting to think we were a very idealistic band at that time, and we actually pulled a lot of it off.

I imagine you guys were confident the fan base would snap up the deluxe version very quickly. Does it feel like an approach you'll limit to special things like this? Or would you consider putting out a new album with all these bells and whistles?

Probably not to this extent. Except for that first record, for me, I feel like on every record, we overextended ourselves with the sorts of packages we put out. With "Vitalogy," that package cut into about 30 to 40% of our royalties, because the manufacturing wasn't set up to do what we wanted. On "Vs.," we did an ecopack, which they don't do anymore. It preceded the digipak. It was us trying to take plastic out of the package and make it more like a record; to make it feel like you were opening something up and something inside would reveal itself. It would be big enough to be a substantial piece of art, and it wouldn't be in a jewel case. We hated those from the very beginning, because they were breakable. The spines would break, the cases would crack and you couldn't close them. Subsequent reissues won't be to the extent of what we did with "Ten." I haven't started digging through those boxes yet, but I can only think of a handful of things I'd like to re-do on any of those records. That would be more mix or sound things.

"MTV Unplugged" has never been out before. Had you seen this in years?

No. I don't think I'd seen it since it came out. It was a little bit before things got nuts. When we heard about it, we were actually in Europe for the second time. It was the day after we played this show in Zurich. We showed up at this club and the stage was about as big as our normal drum riser. We looked at it and wondered how we could play a show in there and fit all our gear in. Somebody said, we don't we play an acoustic show? There were some people from the label there, and they got us some acoustic guitars. We'd probably played 70 or 80 shows as a band on that record at that point, so it was a really refreshing take on things. The audience sang the songs back to us, because we had a little teeny PA. The next day, [manager] Kelly [Curtis] called and said we had an offer to do "MTV Unplugged." And we were like, we just did it! Had they called a week ago we wouldn't have known if we could have pulled it off. But in Zurich, it seemed like it was all right musically. I think this was one of the first "MTV Unplugged." We had very little experience as an acoustic band at that point, so part of us wished we could do it over. Nirvana did theirs a couple of years later and obviously spent some time on it. We literally got off the plane from Europe, spent all day in a cavernous sound studio in New York and did the show that night. It was just kind of what it was. That's part of the reason we didn't want it released on a big level. If we did one now, we could actually do it properly. But it's appropriate for it to come out with this stuff. It's pretty powerful, and Ed's singing great. Yet, it's kind of naïve, which is kind of awesome.

And because you weren't putting out new videos then, all those songs got broadcast separately, and divorced of their context in the show. For a lot of people I think it was the first time they'd seen you perform in any form.

We look crazy young. The first time I saw it, I was like, holy shit! I guess that was 18 years ago.

"Drop in the Park" was another key moment in the band's history. It's pretty well established that it was a nightmare to set up.

It was supposed to be held at Gas Works Park initially, more in the city, near Lake Union. The city has always had a big disconnect with what was going on here musically. The mayor, Greg Nichols, recently came out and said he was reaching out to the music community to be more a part of the arts movement, and they'd put money into these programs. I was like, it's 20 years too late! At that time, they really didn't want to have anything to do with what was going on in the town musically. I remember having dinner with Paul Schell, who was the mayor at the time, maybe two or three years after the show. He was incredibly condescending when we talked about how much money the whole movement brought into the city. He just thought we were ridiculous for talking about that. It felt good to finally do the show, but it was a little anti-climactic. We were really, really excited to put on the show initially, but it took six months or something for us to finally figure out a way to do it. Most of it was us kind of giving in to the fears the city had about what was going to happen at this "grunge concert." All we wanted to do was put on a free show for the town.

I heard that volunteers were let in for free with the understanding that they'd stick around to help clean up, but of course they all left, and there were like three people picking up the entire grounds.

Yeah. Putting on that show taught us a lot about how to put on your own show. There were definitely things we didn't do right. The barricade was too small. It broke at one point during Cypress Hill's set. We were definitely getting into something we didn't have the experience dealing with, but it was still great. There was definitely a celebratory vibe to that show, and relief. It took months of us working with the city to pull it off.

Let's talk about Brendan's remix. He had a crack at a few songs on the "Greatest Hits" album that came out in 2004. What is it about the sound of "Ten" that has bugged you?

Well again, it goes back to making our first record with Brendan, which was "Vs." When we heard how powerful that sounded in the way that he treated it, which was basically not treating it very much, other than making things punchier and doing some EQ and compression ... There's really not a lot of reverb on things. "Ten," you can hear when you listen that there is so much going on. You can hear the tool of the time, the Lexicon Reverb, on almost everything. Somewhere in the late '90s, I found a rough mix tape of "Ten." I played it on cassette and that's when I started saying, "We have to remix 'Ten'." It would usually happen after we'd been in a club or something and we'd hear a song from it. It was like, "Ugh! This is killing me!" At one point I told Brendan that I'd pay him to just do a version for me, just so if I had to listen to a song to re-learn it or whatever, I'd hear the proper version. He was always like, "It's a classic and I don't want to touch it." He was very respectful. That's the reason the original is still part of this package, because it's the version that 10 million or however many people bought. When you hear his version though, it's just twice as powerful to me. It's so much more distinctive. You can really hear the texture of Ed's voice and of the instruments. It also reminded me what a great drummer Dave Krusen was. The other mixes, there's so much room and reverb that you don't hear the attack on the drums, but on this version you really hear him playing hard. I think everybody is super, super psyched about it. A few weeks ago when Stone first heard it, he cranked it up and sent me a text saying how happy he was.

And this brings the representation of those songs more in line with what they sound like live.


Yeah. I think those songs changed so much the first couple months we were out touring. That's what was hardest about listening to the record. Not only were the songs slower on "Ten," they had a really soft sound to them. We felt like it didn't represent us, so here it is, represented.

Tell me about this blues jam that you found.

I think there were a couple of days where Stone was either sick or at the dentist. We had a couple of days in the studio, and on one day we did "Master/Slave," which is the beginning and end of the record. The other day, we just jammed on some things. This was one of the things we pulled up and we were like, "Wow. This isn't terrible!" It shows you, even at that time, what Ed could adlib. Nothing got changed. That's just us hacking away at 12-bar blues and Ed going off and Mike going off, basically. I think that was the sort of thing we wanted to grow into as a band. We wanted to be able to play like that; take 12-bar blues and move it somewhere exciting.

So there's no Stone on that?

I don't think so. I think it's just one guitar.

And of course "Brother" resurfaces here again, but this time it has singing.

Hallelujah! I was really, really into that song. Stone wrote that song musically. There was a point during the recording of "Ten" that Stone was like, "Eh, I'm over it." And I was like, "No! Let's work on it." We actually got in a big fight about it in the studio. It didn't end up getting worked on anymore. It got to a point and Stone was over it. I think maybe to some degree Ed probably wasn't totally happy with where it was at, so it never came out. I think there's great guitar on that song.

Was it a compromise then to put it out as an instrumental on "Lost Dogs?"

Yeah. I think at that point Ed still didn't want the vocals on it, so Mike just threw a bunch of guitar on top of it. A part of me thought some of this stuff would never come out. But it just felt like the right time to put it all out. The other thing we found which I don't think had ever been out there before is the "State of Love and Trust" that Dave Krusen played on. I think it's vastly superior to the one that's on "Singles." Again, I don't think I fully appreciated what Krusen brought to the band at that point. He really plays that song in the spirit it was written in. It's has a much trashier, Crazy Horse feel to it. It's awesome.

Is he also on that version of "Breath" on the bonus material? That's from 1990.

Yep. I think that is from the second time we went in.

Did you actually listen to "Ten" before this process began?

I didn't listen to it before Brendan did the remix. I did listen to dozens and dozens of unmarked cassettes trying to find stuff that was interesting, but I didn't listen to the whole album until Brendan remixed it.

There was that totally different "Jeremy" that was played live in 1995, but it's nowhere to be found here.

I don't know that we ever got it to a place where it would have been a really proper alternate version. I think we only played it five or six times.

Do you still find yourself experiencing the material in different ways as time goes on?

I think hearing the remixes I did, definitely. Except for that rough mix I mentioned, I don't think I've really sat down and listened to anything off of "Ten" unless we were deciding to play "Deep" one night for the first time in three years. The combination of listening to the remix and digging through those boxes brought a bunch of things to the surface that I think I'd buried. I think I felt from my side that I wasn't as good as I wanted to be, so I was looking forward and trying to be a better bandmate and bass player. I always kind of cringed when people would take about it, but because it was so huge, it added this weirdness to it.

But by the same token, almost all of those songs are still in live rotation. They still have a life.

Yeah. Especially the fact that we've had three drummers since we made "Ten" -- each one has been able to play different songs better or differently, in ways that got us excited.

Domande e Risposte con Jeff Ament

24 Marzo 2009 11:17 AM
Jonathan Cohen
Billboard

Traduzione a cura di As_It_Seems

Mentre "Ten", il sensazionale debutto dei Pearl Jam del 1991, viene ripubblicato il 24 Marzo in edizione così speciale che sarebbe più giusto definirlo un completo rifacimento, Jeff Ament, il veterano bassista e co-fondatore della band di Seattle, si è seduto con Billboard per parlare di quello che c'è dentro le quattro extra-cariche edizioni del 12 volte album di platino. Ha inoltre intrapreso un viaggio attraverso la lunga strada della memoria ricordando i giorni in cui "Alive", "Even Flow" e "Jeremy" dominavano le radio e il cantante Eddie Vedder si dondolava come Tarzan dalle travi dei locali e degli anfiteatri da Los Angeles a Londra.

Ognuna delle quattro versioni della ripubblicazione di "Ten" include una versione rimasterizzata in digitale dell'album originale così come un remix completamente nuovo realizzato dal loro storico produttore Brendan O'Brien. Il disco di O'Brien include anche sei canzoni di quel periodo mai pubblicate prima: le prime versioni di "Breath" e "State of Love and Trust", "Brother" (con la parte vocale, non la versione strumentale di "Lost Dogs", la collection di rarità del 2003), "Just a Girl", "Evil Little Goat" e "2.000 Mile Blues", una jam stile Stevie Ray Vaughan con improvvisazioni vocali di Vedder.

La "Legacy" edition di "Ten" ha in allegato un DVD della performance dei Pearl Jam all'"MTV Unplugged" del 1992 mai pubblicata in precedenza, che include una versione di "Oceans" mai andata in onda. Ma la versione che ha mandato in delirio i fan più accaniti è la "Super Deluxe Edition" con i due CD, il DVD, quattro LP. La scatola di tela include una replica della "Momma-Son", la cassetta demo che Vedder inviò ad Ament e al chitarrista Stone Gossard nel 1990 che gli ha fatto ottenere il posto nei Pearl Jam, il doppio vinile del concerto del 20 Settembre 1992 al Magnuson Park di Seattle mai pubblicato prima, una replica del taccuino delle composizioni di Vedder riempito di appunti e foto e stickers assortiti e altre memorabilia del periodo "Ten".

Quando avete iniziato a concepire questo progetto, quali erano le cose che volevate assolutamente includere?

Jeff Ament: C'erano state indubbiamente alcune discussioni con l'ufficio artistico della Sony a quell'epoca, così la cover alla fine non è venuta come volevamo. Era una tonalità di rosso più rosa di quello che intendevamo (ride). Inoltre, quando abbiamo iniziato a fare dischi con Brendan, in qualche modo ci siamo resi conto del suono che volevamo. Sapevamo che il primo disco forse non rispecchiava la band che eravamo. Non suonava abbastanza diretto ed era forse over-mixato e un tantino poco asciutto per i nostri gusti. Mentre stavamo mixando "Ten", stavamo ancora terminando alcune cose, che è difficile da credere. Penso che queste cose mi abbiano portato a volerlo fare nel modo in cui volevamo che fosse. E' una di quelle cose: se avessimo saputo allora quello che sappiamo adesso, che tipo di disco sarebbe stato? Nello scavare tra le cose e decidendo di mettere insieme alcune cose speciali e sorprese, abbiamo trovato un sacco di roba. Abbiamo trovato scatole e scatole di diari e itinerari dei tour con delle scritte sopra. E' stata una cosa molto divertente da fare. Non lo sapevo in quel momento, ma quando scatti delle fotografie e scrivi dei brevi commenti dei concerti, questo facilita la tua memoria. Ti aiuta a ricordare quello che succedeva in quel periodo. Non credo che nessuno di noi abbia pensato molto a quello che è succeso 18 anni fa finora. Questa è una delle prime volte in cui realmente ho guardato indietro alla storia della band, perché siamo sempre stati molto impegnati a muoverci in avanti. La sensazione è che sia stato un gran periodo. E che ci sia stata abbastanza differenza con quello che è successo dopo. Tutti noi guardiamo a quel periodo con senso dell'umorismo, cosa che non penso avremmo avuto così tanto, 10 anni fa.

Vuoi dire che la volontà di includere il demo originale ha a che fare con questo?

Sì. Quando l'ho trovato e l'ho ascoltato, non ero sicuro se fosse appropriato farlo uscire, per dirla tutta. Il mio primo istinto è stato, questo è piuttosto personale ed è stato fatto prima che ci conoscessimo a vicenda. Poi quando Ed lo ha ascoltato, si è messo a ridere. Ha detto qualcosa come 'Wow. Ero piuttosto fuori'. E questo era un buon segno che era dell'idea di farlo. Mi ha fatto sentire più voglia di tirare fuori un sacco di quelle cose personali e di lasciarmi coinvolgere un po' da questa cosa. In un certo senso, fare uscire tutte queste cose e lasciarle andare, probabilmente renderà più facile a livello inconscio muoversi in avanti, proprio perché è stato un disco così enorme e un periodo così folle.

Ci sono state cose che proprio non avete potuto fare per la versione deluxe?

Le cose che sono finite nel diario, sono probabilmente un decimo di quello che avevamo sparso sul tavolo. Abbiamo messo le cose che pensavamo avrebbero raccontato meglio la storia. Ti dà un colpo d'occhio dall'interno su quello che ci stava succedendo e che scrivevamo nei tempi morti. C'è una pagina di qualcosa che ho fatto relativamente a come volevamo avere questo approccio molto idealistico al merchandising. E' divertente, ma è abbastanza condivisibile. E' più o meno quello che abbiamo fatto, ed è stato divertente vederlo. Non ricordavo nemmeno che pensassimo a cose di questo genere all'epoca, ma lo facevamo. E' interessante pensare che fossimo una band molto idealistica in quel periodo, ed abbiamo portato a compimento davvero molte di quelle cose.

Immagino che aveste fiducia nel fatto che i vostri fan si sarebbero accaparrati la versione deluxe molto rapidamente. E' un approccio che limiterete a cose speciali come questa? O considererete di far uscire un nuovo album con tutti questi orpelli e fronzoli?

Probabilmente non fino a questo punto. Tranne che per questo primo disco, per me, penso che in ogni disco, abbiamo superato noi stessi con tutti i tipi di package che abbiamo fatto. Con "Vitalogy", quel package ha tagliato di circa il 30 o 40% le nostre royalties, perché quello che volevamo fare era fuori dagli standard di fabbricazione. Per "Vs." abbiamo fatto un ecopack, che non si fa più. Ha preceduto il digipak. Cercavamo di evitare la plastica per il package e cercavamo di renderlo più simile a un disco; per farlo apparire in modo che aprendo qualcosa spuntasse qualcosa dall'interno. Sarebbe stato abbastanza grande da essere un valido oggetto artistico, e non sarebbe stato in un jewel case. Li abbiamo odiati fin dall'inizio, perché si rompevano. Si poteva rompere il dorso, i contenitori si potevano spezzare e non potevi più chiuderli. Le prossime ristampe non saranno della portata di quello che abbiamo fatto con "Ten". Non ho ancora iniziato a rovistare tra quelle scatole, ma posso immaginare solo una manciata di cose che mi piacerebbe rifare per ognuno di quei dischi. E sarebbero cose più relative a mix o suono.

"MTV Unplugged" non è mai uscito prima. Lo avevi visto in questi anni?

No. Non penso di averlo visto finché non è uscito. E' stato poco prima che le cose impazzissero. Quando ne abbiamo sentito parlare, eravamo in Europa per la seconda volta. Era il giorno dopo un concerto a Zurigo. Siamo arrivati in questo club e il palco era grande quanto lo spazio che abbiamo di solito per la batteria. Lo guardavamo e ci chiedevamo come avremmo potuto fare un concerto lì dentro e farci entrare tutta la nostra attrezzatura. Qualcuno ha detto, perché non facciamo uno show acustico? C‘erano alcune persone della casa discografica, e ci hanno dato delle chitarre acustiche. Probabilmente avevamo fatto 70 o 80 concerti come band a quel punto per quel disco, così è stata un'interpretazione piacevolmente diversa di quei pezzi. Il pubblico cantava le canzoni con noi, perché avevamo un piccolissimo amplificatore. Il giorno successivo, [il manager] Kelly [Curtis] ci chiamò e ci disse che avevamo una proposta per fare "MTV Unplugged." E noi abbiamo pensato, lo abbiamo appena fatto! Se ci avessero chiamato una settimana prima non avremmo saputo se saremmo stati in grado di farlo. Ma a Zurigo, ci era sembrato che fosse andato tutto bene musicalmente. Penso che fosse uno dei primi "MTV Unplugged." Avevamo pochissima esperienza come band acustica a quell'epoca, per cui alcuni di noi avrebbero voluto farlo più avanti. I Nirvana fecero il loro un paio di anni dopo e ovviamente ebbero il tempo di prepararlo. Noi, letteralmente appena scesi dall'aereo di ritorno dall'Europa, abbiamo passato tutta la giornata in un cavernoso studio di registrazione a New York e ci siamo esibiti quella stessa sera. E' venuto come è venuto. Questa è in parte la ragione per cui non volevamo pubblicarlo a grandi livelli. Se ne facessimo uno adesso, potremmo veramente farlo nel modo giusto. Ma è appropriato fare uscire quello che abbiamo fatto, insieme a questa roba. E' abbastanza potente, e Ed canta meravigliosamente. Inoltre, è un po' naif, cosa che è in qualche modo piacevole.

E visto che allora non facevate nuovi video, tutte quelle canzoni sono state trasmesse singolarmente, e separate dal loro contesto nello show. Per molte persone penso che fosse la prima volta che vedevano una vostra qualsiasi esibizone.

Sembriamo follemente giovani. La prima volta che l'ho visto, ho pensato, Porca miseria! Pensare che era 18 anni fa.

"Drop in the Park" è stato un altro momento chiave nella storia della band. E' risaputo che organizzarlo è stato un incubo.

Doveva tenersi al Gas Works Park inizialmente, più in città, vicino a Lake Union. La città ha sempre avuto una grande disconnessione con quello che stava succedendo qui a livello musicale. Il sindaco, Greg Nichols, recentemente se ne è uscito dicendo che stava tentando di comunicare con la comunità musicale affinché fosse maggiormente parte del movimento artistico, e che avrebbe stanziato dei soldi per programmi di questo genere. Ho pensato, con 20 anni di ritardo! A qell'epoca, non volevano avere niente a che fare con quello che stava succedendo in città a livello musicale. Ricordo una cena con Paul Schell, che era il sindaco allora, forse due o tre anni dopo quel concerto. Aveva un'incredibile aria di superiorità quando abbiamo parlato di quanti soldi l'intero movimento aveva portato alla città. Pensava che fossimo ridicoli a parlare di queste cose. E' stato bello alla fine riuscire a fare il concerto, ma c'era un clima un po' ostile. Inizialmente eravamo davvero molto entusiasti di mettere in piedi questo concerto, ma ci abbiamo messo quasi sei mesi alla fine per trovare il modo di farlo. La maggior parte dei problemi erano legati alla paura che c'era in città di quello che sarebbe successo a questo "concerto grunge". Tutto quello che volevamo fare era dare alla città uno spettacolo gratuito.

Ho sentito dire che i volontari erano stati fatti entrare gratuitamente con l'accordo che si sarebbero fermati per aiutare a ripulire, ma ovviamente se ne sono andati tutti, lasciando solo tre persone ad occuparsi dell'intera area.

Sì. Mettere in piedi quello show ci ha insegnato molto su come allestire i nostri concerti. Ci sono state sicuramente delle cose che abbiamo sbagliato. Le barriere erano troppo piccole. Hanno ceduto ad un certo punto durante il set dei Cypress Hill. Ci eravamo impegnati in qualcosa di cui non avevamo nessuna esperienza, ma è stato comunque grandioso. C'era un clima di festa a quel concerto, e di liberazione. Ci sono voluti mesi di lavoro con la città per portarlo a compimento.

Parliamo del remix di Brendan. Aveva già fatto dei tentativi su alcune canzoni del "Greatest Hits" che è uscito nel 2004. Che cosa vi disturbava del suono di "Ten"?

Bè, risale al periodo in cui facevamo il nostro primo disco con Brendan, che era "Vs.". Quando abbiamo sentito quanto suonava potente nel modo in cui lo aveva trattato, che poi di base non lo aveva trattato molto, al di là di rendere le cose più dinamiche e fare qualche EQ e compressione... Non c'è molto riverbero. Su "Ten", come puoi sentire, ce n'è tanto. Puoi sentire lo strumento di quel periodo, il Lexicon Reverb, su quasi ogni cosa. Da qualche parte a fine anni '90, ho trovato una cassetta dei mixaggi grezzi di "Ten". Quando l'ho sentita ho iniziato a dire "Dobbiamo remixare 'Ten'". Di solito succedeva dopo essere stati in un club o qualcosa del genere dove sentivamo un pezzo tratto da Ten. E pensavo "Ugh! Questo mi sta uccidendo!" Ad un certo punto ho detto a Brendan che l'avrei pagato per avere una versione solo per me, così se avessi dovuto ascoltare una canzone per reimpararla o per qualsiasi altro motivo, avrei potuto ascoltare la versione giusta. Lui ha sempre detto "E' un classico e non voglio toccarlo". Era molto rispettoso. Questo è il motivo per cui l'originale fa ancora parte di questo package, perché è la versione che 10 milioni o non so quante persone hanno comprato. Quando senti la sua versione però, è due volte più potente secondo me. E' molto più caratteristica. Riesci a sentire le sfumature della voce di Ed e degli strumenti. Inoltre mi ha ricordato che grande batterista fosse Dave Krusen. L'altro mixaggio ha così tanto riverbero che non si sente l'attacco della batteria, ma in questa versione lo senti veramente picchiare duro. Penso che tutti ne siano super, super entusiasti. Qualche settimana fa quando Stone l'ha sentito per la prima volta, è impazzito e mi ha mandato un messaggio dicendomi quanto fosse contento.

E questo porta la rappresentazione di quelle canzoni più in linea con il modo in cui suonano dal vivo.

Sì. Penso che quelle canzoni siano cambiate così tanto nei pimi due mesi in cui eravamo in tour. E questo è ciò che rendeva più difficile ascoltare il disco. Non solo i pezzi erano più lenti in "Ten", avevano un suono molto soft. Avevamo l'impressione che non ci rappresentasse, per cui ecco qui, ora ci rappresenta.

Raccontami di questa jam blues che hai trovato.

Ci sono stati un paio di giorni in cui Stone era malato o dal dentista. Noi avevamo un paio di giorni in studio, e in un giorno abbiamo fatto "Master/Slave" che è l'inizio e la conclusione del disco. L'altro giorno, abbiamo fatto solo jam su alcune cose. Questa era una delle cose su cui ci siamo fermati e ci siamo detti "Wow. Non è terribile!" Ti dimostra, anche all'epoca, quello che Ed riuciva ad improvvisare. Non è stato cambiato niente. Sostanzialmente siamo solo noi con un accordo 12-bar blues e Ed che prende il via e Mike che prende il via. Era quel tipo di cosa nella quale volevamo crescere come band. Volevamo essere capaci di suonare così; prendere un accordo 12-bar blues e spostarci verso luoghi avventurosi.

Quindi non c'è Stone in quel pezzo?

Mi pare di no. Penso sia una sola chitarra.

E ovviamente "Brother" riappare ancora, ma questa volta è cantata.

Hallelujah! Io ero davvero preso da quella canzone. Stone aveva scritto la musica. C'è stato un momento durante la registrazione di "Ten" in cui Stone disse "Ehi, non ne posso più di questo pezzo" Ed io "No! Lavoriamoci ancora". Abbiamo davvero litigato in studio. Alla fine non ci abbiamo più lavorato. Era arrivata ad un punto e Stone ne aveva abbastanza. Penso che forse in qualche modo Ed probabilmente non fosse totalmente contento di come era il brano a quel punto, e così non è mai uscito. Penso ci sia una magnifica chitarra in quella canzone.

E' stato un compromesso quindi farla uscire come brano strumentale in "Lost Dogs?"

Sì. In quel momento Ed ancora non voleva metterci il testo, così Mike ci ha messo su un sacco di chitarra. Una parte di me pensava che alcune di queste cose non sarebbero mai dovute uscire. Ma sembra che ora sia il momento giusto per tirare fuori tutto. L'altra cosa che abbiamo trovato e che non pensavo sarebbe mai venuta fuori è la "State of Love and Trust" in cui suona Dave Krusen. Penso che sia ampiamente superiore a quella che si trova su "Singles". Ribadisco, non penso di aver pienamente apprezzato l'apporto di Krusen alla band a quell'epoca. Lui suona quel pezzo esattamente nello spirito in cui è stato scritto. Ha un feeling molto più trash, Crazy Horse. E' meraviglioso.

Ed è lui anche nella versione di "Breath" che fa parte dei bonus? E' del 1990.

Sì. Credo fosse la seconda volta che la provavamo.

Ascoltavi "Ten" prima che iniziasse questo lavoro?

Non lo ascoltavo prima del remix di Brendan. Ho ascoltato dozzine e dozzine di cassette senza nome cercando di trovare roba interessante, ma non avevo ascoltato l'intero album finché Brendan non l'ha remixato.

C'era quella "Jeremy" totalmente diversa che è stata suonata live nel 1995, ma non si trova qui.

Non so se l'abbiamo mai portata al punto di essere una reale buona versione alternativa. L'abbiamo suonata solo cinque o sei volte.

Ti trovi ancora a sperimentare il materiale in modi differenti con il passare del tempo?

Penso di averlo fatto ascoltando i remix, sicuramente. Eccetto quel mix grezzo di cui parlavo, non penso di essermi mai seduto ad ascoltare niente di "Ten" salvo quando abbiamo deciso di suonare "Deep" una sera per la prima volta in tre anni. La combinazione di aver ascoltato il remix ed aver frugato tra quelle scatole ha riportato alla superficie un sacco di cose che credevo di aver seppellito. Da parte mia sentivo di non essere così bravo come avrei voluto, così guardavo avanti e cercavo di essere un miglior elemento della band e un miglior bassista. Mi sono sempre tirato un po' indietro quando le persone mostravano considerazione, ma poiché è stata una cosa così enorme, si è aggiunta questa stranezza.

Ma allo stesso modo, quasi tutte quelle canzoni sono ancora in live rotation. Hanno ancora una vita.

Sì. Soprattutto per il fatto che abbiamo avuto tre batteristi da quando abbiamo realizzato "Ten" – ognuno di loro è stato capace di suonare le diverse canzoni in modo migliore o comunque differente, in modi che ci hanno entusiasmato.

 

BACK