2017
RNRHOF & EDDIE VEDDER TOUR

PARTECIPAZIONI


10.01.2017 McCormick Place, Chicago, IL (Set di Eddie Vedder)
Setlist: Rise, People Have The Power (Patti Smith), Something Inside So Strong (Labi Siffre), Rockin’ In The Free World (Neil Young)

Concerto di Eddie Vedder in occasione dello storico discorso di addio di Barack Obama. “Rise” è stata suonata in solitaria da Eddie, che poi è stato poi raggiunto sul palco dal Chicago Children’s Choir per suonare tre cover. “Rockin’ In The Free World” in versione soundcheck è disponibile su SoundCloud ed è stata dedicata all'ormai ex presidente degli Stati Uniti.

24.01.2017 Sloan Park, Mesa, AZ (Concerto privato di Eddie Vedder)
Setlist: Redemption Song (Bob Marley), Waiting On A Friend (Rolling Stones), Hide Your Love Away (Beatles), The Weight (The Band), Just Breathe, Unthought Known, Better Man, All The Way

Concerto privato di Eddie Vedder suonato durante l’evento Randy Hundley Cubs Fantasy Camp.

17.03.2017 Key Arena, Seattle, WA (Apparizione di Eddie Vedder)
Setlist: Shine On Your Crazy Diamond (Pink Floyd)

Eddie Vedder è apparso durante il concerto che Jack Irons stava tenendo come opening act dei Red Hot Chili Peppers alla Key Arena di Seattle. I due hanno proposto "Shine On Your Crazy Diamond" dei Pink Floyd (video).

07.04.2017 Barclays Center, Brooklyn, NY
The 32nd Annual Rock and Roll Hall of Fame Induction Ceremony

Setlist: Alive (w/ Dave Krusen), Given To Fly, Better Man/ Save It For Later (The English Beat), Rockin' In The Free World (Neil Young, w/ Jack Irons, Dhani Harrison, Alex Lifeson and Geddy Lee of Rush, Trevor Rabin of Yes, Neal Schon and Jonathan Cain of Journey).

I Pearl Jam sono stati introdotti da David Letterman (che ha sostituito all'ultimo minuto un malato Neil Young) nella Rock and Roll Hall of Fame nel corso dell'annuale cerimonia che è stata trasmessa in esclusiva dal network americano HBO il 29 aprile. Letterman ha tenuto un sentito e divertente discorso di presentazione, seguito dai discorsi di ringraziamento di ogni membro dei Pearl Jam (video).
I Pearl Jam hanno poi suonato un set di quattro pezzi iniziato sulle note di "Alive" (video), che è stata eseguita insieme al primo batterista della band, Dave Krusen. Il set è continuato con "Given To Fly" (video), dedicata all'attore Michael J. Fox, seguita da una bella versione di "Better Man" (video) e si è concluso con "Rockin' In The Free World" (video) suonata insieme a Jack Irons, Dhani Harrison e membri degli Yes e dei Journey (band introdotte nella Hall of Fame nel corso della stessa serata) e dei Rush (che hanno introdotto gli Yes).

>> Discorsi di ingresso nella Rock and Roll Hall of Fame - Trascrizione completa (italiano)

>> Galleria fotografica (Facebook)

29.04.2017 Paradise Rock Club, Boston, MA (Eddie Vedder)
Hot Stove, Cool Music charity event


Setlist: Corduroy, Not For You, Small Town, Watch Outside (Mono Men), The Kids Are All Right (The Who), I Can't Explain (The Who), Bobby Jean (Bruce Springsteen), History Never Repeats (Split Enz), Love > Building On Fire (Talking Heads), Down The Drain (Will Dailey, w/ Will Dailey), The Golden State (John Doe, w/ Tanya Donelly), Wishlist, Better Man, Taillights Fade (Buffalo Tom, w/ Bill Janovitz), Waiting On A Friend (The Rolling Stones), Another Nail In The Heart (Squeeze),Comfortably Numb (Pink Floyd), Hard Sun (Indio)
Encore: Drawn The Line (Aerosmith), Rockin' in the Free World (Neil Young)

Vedder ha partecipato all'annuale concerto benefico a favore di Foundation To Be Named Later, presieduta da Theo Epstein, il general manager dei Chicago Cubs. Il set è stato suonato dal cantante insieme a diversi musicisti locali. Tutti i video della serata sono disponibili su YouTube.

Mike McCready è apparso il 15 aprile al Ford Park, in Colorado, insieme agli 1,2,3 GO! (superband formata insieme a Steven Lessard della Dave Matthews Band, Brett Scallions e Kenneth Schalk). A fine aprile è stato protagonista di una partita di tennis benefica insieme a Roger Federer e Bill Gates a Seattle. A maggio, sempre a Seattle, il chitarrista si è esibito all'Upstream Music Fest + Summit e con i suoi Flight to Mars all'annuale CCFA Benefit.

Il 14 maggio Eddie Vedder, insieme ai Mumford & Sons, ha raggiunto gli U2 sul palco del CenturyLink Field di Seattle per cantare su Mothers Of The Disappeared. Bono l'ha introdotto dicendo: "Dov'è Eddie Vedder? Spirito di Seattle, spirito di Chicago, spirito dell'America. Dov'è Eddie?". È la terza volta che il cantante dei Pearl Jam compare a un concerto della band di Dublino. La prima fu il 17 settembre 2005 a Toronto per "Ol' Man River", la seconda il 9 dicembre 2006 alle Hawaii per "Rockin' in the Free World".

Matt Cameron è apparso il 19 aprile, a fianco di Chris Cornell e Brendan O'Brien, al The Tonight Show Starring Jimmy Fallon per suonare su "The Promise" del cantante dei Soundgarden. A maggio il batterista è stato impegnato in un tour nordamericano insieme alla sua band madre. Il tour si è interrotto tragicamente il 18 maggio 2017 a Detroit, dopo che nel corso della notte Chris Cornell si è tolto la vita nella sua camera d'albergo. Il 26 maggio Jeff Ament, Stone Gossard, Mike McCready e Matt Cameron erano alla cerimonia funebre all'Hollywood Forever Cemetery di Los Angeles.

EUROPEAN TOUR
27.05.2017 AFAS Live, Amsterdam, The Netherlands

Opening act: Glen Hansard

Setlist: Long Road, Trouble (Cat Stevens), Sometimes, Can't Keep, Sleeping By Myself, Without You, Longing To Belong (w/ Jonas Pap), The Needle and the Damage Done (Neil Young), I Am Mine, Light Years, Good Woman (Cat Power), Far Behind, No Ceiling, Guaranteed, Rise, I'm Open, Better Man (lullaby version), Immortality, Porch
Encore: I'm So Tired (Fugazi), Small Town, Imagine (John Lennon), Heroes (David Bowie/Brian Eno, w/ Red Limo String Quartet), Just Breathe (w/ Red Limo String Quartet), Lukin (w/ Red Limo String Quartet), Song Of Good Hope (Glen Hansard, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet), Falling Slowly (Hansard/ Irglova, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet), The End (w/ Red Limo String Quartet)
Encore 2: Rockin' In The Free World (Neil Young), Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard)

Primo concerto di Eddie Vedder del suo tour europeo 2017. Prima dell'inizio del set di Glen Hansard è stato chiesto ai presenti un minuto di silenzio in memoria delle vittime dell'attacco terroristico di pochi giorni prima a Manchester durante il concerto di Ariana Grande.
Alle 20:45 precise, accolto da un boato, Eddie è salito sul palco, si è battuto il petto, ha imbracciato l'elettrica e ha suonato Long Road. Dopo Sometimes ha ringraziato in olandese la città di Amsterdam e il pubblico presente "per avermi dato un posto per andare lontano". Dopo Sleeping By Myself, un fan ha gridato "Ti amo". Ed ha risposto: "Grazie. Ne ho bisogno, ne abbiamo tutti bisogno. Sto pensando a tantissime persone stasera, in particolare ad alcune, e alle loro famiglie. So solo che guarire richiede tempo, ammesso che succeda. Richiede tempo. Questo significa che devi iniziare da qualche parte. E allora che siano la musica, l'amore e la vicinanza. E che sia Amsterdam".
Sono seguite alcune canzoni tratte da Ukulele Songs, tra cui una versione particolarmente intensa di Without You e la premiere europea di Longing To Belong con Jonas Pap del Red Limo String Quartet al violoncello. The Needle and the Damage Done è stata stoppata una volta perchè, come ha detto Eddie, "stasera mi sudano troppe le mani".
"Non so se suonare la prossima canzone, se verrà male spero non ve la prenderete" sono le parole con con ha introdotto una versione – non particolarmente riuscita – di Light Years. Alla cover di Cat Power hanno fatto seguito le canzoni tratte da Into the Wild, che si sono fatte ancora più apprezzare grazie alla nuova scenografia: teli retrattili alle spalle del cantante che prima hanno mostrato uno scorcio di palazzi, poi il tendone di un circo, una notte stellata e infine una spiaggia con un fuoco, finto, alla destra di Eddie. Il main set si è concluso sulle note della lullaby version di Better Man, seguita da Immortality e Porch.
Il primo encore è iniziato sulle note di una premiere assoluta: una versione al pump organ di I'm So Tired dei Fugazi. Prima di Imagine, Eddie ha detto, riferendosi al minuto di silenzio a inizio concerto: "Il silenzio va bene, ma anche parlare e cantare, così vorrei suonare questa canzone di John Lennon e se vi va potete accendere le vostre luci. Cantiamola per noi e per gli altri esseri umani".
Sempre nel corso dell'encore è salito sul palco il Red Limo String Quartet, un quartetto d'archi locale che ha accompagnato Eddie prima in un breve snippet di Heroes di David Bowie, poi in riuscite versioni di Just Breathe e Lukin. Dopo aver chiamato anche Glen Hansard sul palco, Eddie ha rivelato che gli sarebbe piaciuto suonare una canzone proprio di Glen, quindi è stata proposta – per la prima volta dai due insieme, con Vedder come voce principale – Song Of Good Hope, seguita da Falling Slowly. Il primo encore si è concluso sulle note di una versione particolarmente intensa di The End accompagnata dagli archi.
Dopo Rockin' in the Free World, Eddie, con la sigaretta in bocca e l'aiuto di Hansard, ha concluso il concerto sulle note di Hard Sun. Grazie a N.P.

Nota: come tutti probabilmente saprete, Chris Cornell – amico e collega, cantante di Soundgarden, Audioslave e Temple of the Dog, e figura leggendaria della scena di Seattle – si è tolto la vita a Detroit il 18 maggio 2017. Nonostante quanto riportato dalla stampa di mezzo mondo, Eddie Vedder non lo ha mai nominato esplicitamente durante il concerto. Riteniamo indelicato nei confronti di Vedder a livello umano sbandierare questo primo show del tour come un "tributo" all'amico scomparso e pertanto noi non lo faremo, anche se è sicuramente facile leggere dei riferimenti a lui nella scelta delle canzoni proposte e in alcune parole pronunciate da Ed. Pur non spettando a noi il compito di indagare su cosa stia passando in questo momento nel cuore e nella mente di Vedder, siamo sicuri che in qualche modo lo spirito di Cornell fosse lì sul palco di Amsterdam insieme a lui.

Poster (Ken Taylor) Front
29.05.2017 AFAS Live, Amsterdam, The Netherlands

Opening act: Glen Hansard

Setlist: Walking The Cow (Daniel Johnston), Thumbing My Way, Brain Damage (Pink Floyd), Wishlist, Can't Keep, Soon Forget, Light Today, Drifting, Small Town, Setting Forth, Far Behind, Guaranteed, Rise, Man of the Hour, Unthought Known, Parting Ways, Off He Goes, Last Kiss (Wayne Cochran), Porch
Encore: Comfortably Numb (Pink Floyd), Heroes (David Bowie/Brian Eno, w/ Red Limo String Quartet), Just Breathe (w/ Red Limo String Quartet), Come Back (w/ Red Limo String Quartet), Sleepless Nights (Bryant, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet), Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Song of Good Hope (Glen Hansard, w/ Glen Hansard), Arc
Encore 2: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet)

Secondo show di Eddie Vedder ad Amsterdam. Rispetto alla prima data è apparso più rilassato e socievole, meno teso. Ha parlato parecchio con il pubblico, interagendo e scherzando spesso. Soon Forget è stata dedicata a Donald Trump e ai suoi capelli arancioni, che a detta di Eddie, "potrebbero piacere al pubblico olandese". “Da quando sono arrivato qui c’è sempre stato bel tempo, come l’ultima volta con i Pearl Jam. Amsterdam mi ricorda più le Hawaii che Seattle. Mancano le onde, ma quelle ve le ho portate io”, ha detto Eddie facendo partire il registratore con i suoni ambientali che introducono Light Today. Prima di Drifting ha detto che sarebbe stata perfetta nella colonna sonora di Into The Wild. Man of the Hour è stata dedicata al nonno di sua moglie Jill, scomparso nel pomeriggio. Prima di Unthought Known Eddie ha parlato della mostra di Banksy che aveva visitato il giorno prima al museo Moco, lodando l'artista inglese: "Un grandissimo artista e attivista, una bussola morale che ci guida come la stella polare. Lui è completamente anonimo, nessuno sa chi sia ed è semplicemente incredibile, questo gli permette di concentrarsi sulla sua arte e di non essere solo un'altra figura pubblica che deve dare delle opinioni. Come ha detto lui stesso, a nessuno ne servono altre." Prima di Off He Goes, Eddie ha parlato dell’importanza dell’amicizia, dei crescere insieme e di come, a volte, le strade si possano dividere ma se si è fortunati si possono incrociare nuovamente.
Nel primo encore Eddie ha suonato un'emozionante versione al pump organ di Comfortably Numb dei Pink Floyd. Introducendo il quartetto d’archi locale, il Red Limo String Quartet, Vedder ha rivelato che qualche ora prima, nel backstage, aveva chiesto loro di seguirlo per tutto il tour europeo, e che loro avevano accettato. Il quartetto ha suonato come la prima sera uno snippet di Heroes ed è rimasto anche per le successive Just Breathe e Come Back. Presentando quest'ultima, Eddie ha detto che per lui sono stati giorni molto duri. Finita la canzone, ha chiamato sul palco Glen Hansard e ha parlato dell’amicizia che li lega, poi insieme al quartetto hanno suonato Sleepless Nights, sbagliando il finale. Tra le risate generali, Eddie ha detto a Glen che sarebbe stato meglio provarla prima, ma che Glen avrebbe detto di no.
Introducendo Song of Good Hope un Eddie particolarmente emotivo ha parlato dell'importanza di cercare un contatto quando ci si sente soli e disperati, perché ci sarà sempre qualcuno disposto ad aiutare ("Avevo bisogno di sentire questa canzone e ho persino chiesto a Glen se potevo cantare la sua canzone e… Dio, vorrei solo che le persone sapessero che se… io ci sono passato e so che ci sono dei momenti in cui sembra che non ci sia nessuno a cui rivolgersi, e lo so che può sembrare folle perché io sono molto fortunato, e anche quando ero giovane, quello è stato il periodo peggiore, non so se all’epoca avessi persone a cui rivolgermi, però probabilmente c’erano, è che non lo sapevo e non le cercavo, e invecchiando ci sono state delle volte in cui non l’ho fatto perché lo avvertivo come un segno di debolezza. Ma sapete, questo in realtà mette gli altri nella posizione di aiutare, vorrebbero aiutare… ci sono persone là fuori, magari a volte degli sconosciuti dall’altra parte della cornetta che dedicano le loro vite ad aiutare la gente in difficoltà. Non sto parlando di nessuno in particolare, vorrei solo parlarne senza renderla una cosa ovvia... è solo che non riesco a smettere di pensare…"). Poi ha parlato dell’importanza della musica e di come possa aiutarti a sopravvivere, e di come l'abbia sempre aiutato nella vita, facendo notare come quella canzone di Glen fosse proprio quel tipo di musica. Ha anche detto, scherzando, che probabilmente qualcuno avrà detto anche a Bon Jovi che le sue canzoni gli hanno salvato la vita. L’encore si chiuso con una toccante versione di Arc cantata da Eddie di fronte alla prima fila.
Hard Sun, che ha chiuso il concerto, è stata suonata in compagnia di Glen Hansard e del Red Limo String Quartet ai cori. Grazie a N.P.

Poster (Ian Williams) Front
30.05.2017 AFAS Live, Amsterdam, The Netherlands

Opening act: Glen Hansard

Setlist: Setlist: Long Road, Picture in a Frame (Tom Waits), Dead Man, I Am Mine, Around The Bend, Hide Your Love Away (Beatles), Sleeping By Myself, Can't Keep, Love Boat Captain, Good Woman (Cat Power), No Ceiling, Not For You, Far Behind, Guaranteed, Masters of War (Bob Dylan), Immortality, I Am A Patriot (Steve Van Zandt), Crazy Mary (Victoria Williams)/ All Along The Watchtower (Bob Dylan), Porch, I'm So Tired (Fugazi), I Won't Back Down (Tom Petty), Satellite (w/ Red Limo String Quartet), Lukin (w/ Red Limo String Quartet), Falling Slowly (Glen Hansard/Markéta Irglová, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet), Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Rockin' In The Free World (Neil Young, w/ Glen Hansard), Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet)

Terza e ultima data ad Amsterdam. La setlist ha incluso molti pezzi – principalmente cover – che non erano stati proposti nelle due serate precedenti. Ci sono stati anche parecchi errori e canzoni interrotte e riprese, cosa che Eddie ha commentato scherzando: "C'era un'amica a vedere i miei primi due show. Io tendo a sbagliare spesso all'inizio del tour, e nessuno ci fa mai caso quando hai una band alle spalle. Lei mi ha detto che la donna seduta accanto a lei diceva 'È completamente fatto, fuori di testa, ecco cosa gli prende'... cazzo, magari fossi stato così, sarebbe stato grandioso." Eddie ha anche scherzato molto con il pubblico che urlava richieste di ogni genere. I Won't Back Down è stata dedicata a Banksy: "Quante persone qui conoscono l'artista chiamato Banksy? Qualcuno lo conosce di persona? Ho sentito che potrebbe essere qui stasera. Volevo suonare questa canzone con lui in mente. So che il suo gruppo preferito sono i Massive Attack, ma magari conosce questa canzone."
Dopo aver chiamato sul palco il Red Limo String Quartet, presentando il violoncellista Jonas Pap ha detto: “Lui ha lavorato con il grande, beh probabilmente con il più grande... che cantante, Mark Lanegan dal Northwest. Ho saputo oggi che hanno lavorato insieme qualche anno fa, e che lui ha scritto una canzone intitolata 'Jonas Pap', come il Jonas Pap che è seduto qui. Il motivo per cui Mark Lanegan ha scritto una canzone intitolata 'Jonas Pap' è perché ha scoperto cosa significava il suo cognome. Porridge? E Mark Lanegan ha pensato che fosse la cosa più divertente che avesse mai sentito. E io sono d’accordo con lui!"
A differenza del solito, non c'è stato alcun encore; dopo Porch, Eddie è rimasto infatti sul palco e ha detto: "Normalmente a questo punto esco un attimo. Sarebbe l'encore, ma tanto tutti sanno che tornerò. Domani quando me ne andò sarà il mio ottavo giorno qui ad Amsterdam. Era nei piani, ma è stata una decisione difficile... voglio dire, incredibilmente difficile, impossibile, brutale... è un momento davvero fragile per la nostra comunità musicale, i nostri vicini, i nostri amici, le famiglie coinvolte, per non parlare dei miei fratelli nella band. Non c'era molta scelta, ma devo ringraziare le persone in questo edificio che ce l'hanno lasciato usare in questi giorni, sono state davvero incredibili, così come la crew del posto e il team di sicurezza, ci hanno fatto sentire davvero benvenuti e al sicuro, e noi siamo loro molto grati. È stata energia guaritrice in un momento fragile. È stato un bel posto in cui stare e sarà un bel posto in cui tornare. Grazie anche a tutti voi che avete riempito questo posto per tre sere. Ne sono così grato, grazie tante."

Poster (Timothy Pittides) Front
01.06.2017 Zitadelle, Berlin, Germany

Opening act: Glen Hansard

Setlist: Sometimes, Trouble (Cat Stevens), Brain Damage (Pink Floyd), Wishlist, Can't Keep, Sleeping By Myself, Without You, Satellite (w/ Red Limo String Quartet), It Happened Today (R.E.M., w/ Red Limo String Quartet), The Needle and the Damge Done (Neil Young), Far Behind, Off He Goes, Guaranteed, Setting Forth, Rise, Immortality, Unthought Known, Masters of War (Bob Dylan), Porch
Encore: Alive (performed by Red Limo String Quartet), Heroes (David Bowie/ Brian Eno, w/ Red Limo String Quartet), Just Breathe (w/ Red Limo String Quartet), Lukin (w/ Red Limo String Quartet), Come Back (w/ Red Limo String Quartet), Hide Your Love Away (Beatles), Small Town, Song of Good Hope (Glen Hansard, w/ Glen Hansard), Falling Slowly (Glen Hansard/Markéta Irglová, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet), Society (Jerry Hannan) [Instrumental Outro], Rockin' In The Free World (Neil Young, w/ Glen Hansard)
Encore 2: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet)

Poster (SIT) Front
03.06.2017 Heartland Festival, Egeskov Castle, Kvaerndrup, Denmark

Opening act: Glen Hansard

Setlist: Sometimes, Trouble (Cat Stevens), Picture in a Frame (Tom Waits), Throw Your Arms (Around Me) (Hunters & Collectors), Wishlist, Hide Your Love Away (Beatles), I Am Mine, Light Years, Can't Keep, Soon Forget, Tonight You Belong To Me (Rose/David, w/ Cat Power), Far Behind, No Ceiling, Guaranteed, Long Nights (w/ Glen Hansard), Rise, Unthought Known, Masters of War (Bob Dylan), Immortality, It Happened Today (R.E.M.), Porch
Encore: I'm So Tired (Fugazi), Lukin, Small Town, Sleepless Nights (Bryan, w/ Glen Hansard), Song of Good Hope, Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Rockin' In The Free World (Neil Young, w/ Glen Hansard)
Encore 2: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard)

Poster (Paul Jackson) Front
06.06.2017 Eventim Apollo, London, UK

Opening act: Glen Hansard

Setlist: Walking The Cow (Daniel Johnston), Trouble (Cat Stevens), Sometimes, Thumbing My Way, I Am Mine, Can't Keep, Without You, Ukulele Anthem (Amanda Palmer), Here Comes The Sun (The Beatles, w/ Red Limo String Quartet), Far Behind, Setting Forth, Guaranteed, Long Nights (w/ Glen Hansard), Rise, Better Man, I Am A Patriot (Steve Van Zandt), Immortality, Lukin, Porch
Encore: Isn’t It A Pity (George Harrison), Wishlist, Small Town, Forever Young (Bob Dylan), Heroes (David Bowie/Brian Eno, w/ Red Limo String Quartet), Just Breathe (w/ Red Limo String Quartet), Song of Good Hope (Glen Hansard, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet) [Dedicated to Chris Cornell], Sleepless Nights (Bryant, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet), Falling Slowly (Glen Hansard/Markéta Irglová, w/ Glen Hansard & Red Limo String Quartet), Rockin' In The Free World (Neil Young, w/ Glen Hansard and Dhani Harrison)
Encore 2: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard, Dhani Harrison and Red Limo String Quartet), Dream a Little Dream (Gus Kahn/Wilbur Schwandt/Fabian Andree

Prima di Song of Good Hope, Eddie si è aperto per la prima volta sull'amico scomparso, pur senza farne il nome: "In questi giorni a volte mi riesce difficile concentrarmi. Stavo pensando alla storia di questo edificio e alla storia di Bowie. Così ho iniziato a pensarci e la mia mente ha cominciato a perdersi. Non è un bene...

Ci sono alcune cose di cui finora non ho parlato e in un certo senso... ormai sta diventando ovvio, perché ho perso un amico molto vicino, qualcuno che...

Dirò anche una cosa, siamo cresciuti in quattro ragazzi, eravamo quattro fratelli, e ho perso mio fratello due anni fa tragicamente in un incidente. Dopo aver perso lui e alcune altre persone, non sono più stato bravo in queste cose, nel senso che non sono disposto ad accettare la realtà e questo è semplicemente il mio modo di affrontare la cosa.

Quindi voglio esserci per la famiglia, per la comunità, per i miei fratelli nella mia band, sicuramente per i fratelli nella sua band. Ma per queste cose ci vorrà tempo, e intanto il mio amico se ne sarà andato per sempre e io dovrò...

Queste cose richiedono tempo e io voglio mandare questo pensiero a chiunque sia stato colpito da questa perdita, e tutti quelli che sono a casa e noi qui apprezzano così profondamente il sostegno e i pensieri positivi per un uomo che era... lui per me non era solo un amico, era qualcuno a cui guardavo come fosse un fratello maggiore.

Circa due notti dopo la notizia, penso fosse la seconda notte, stavamo dormendo in una casetta vicino all'acqua, un posto che lui avrebbe amato. E tutti questi ricordi hanno iniziato ad affiorare intorno all'1:30, come se volessero svegliarmi. Dei grandi ricordi, ricordi a cui avrei pensato di continuo, come se fossero dei grandi muscoli.

E non sono riuscito a fermarli, i ricordi. Anche se cercavo di dormire, era come se i vicini avessero la musica al massimo e io non potessi spegnerla. Ma andava bene così, perché poi sono arrivati i piccoli ricordi, che sono andati avanti e avanti, e mi sono reso conto di quanto io sia stato fortunato ad avere ore e ore piene di... sapete, ognuno di questi ricordi era veloce, e io ne avevo per ore. Ma quanto sono stato fortunato? E non volevo essere triste, volevo essere grato, non triste. Sto ancora pensando a quei ricordi, e continuerò a vivere con quei ricordi nel cuore, e gli vorrò per sempre bene".

Gli ultimi versi di Song of Good Hope sono stati cantati da Glen Hansard, dopo che Eddie si è dovuto interrompere per la troppa emozione.

Poster (Brad Klausen) Front
07.06.2017 Eventim Apollo, London, UK

Opening act: Glen Hansard

Setlist: Long Road, Dead Man, The Needle and the Damage Done (Neil Young), Off He Goes, Wishlist, Can't Keep, Sleeping By Myself, Soon Forget, It Happened Today (R.E.M., with Red Limo String Quartet), Out of Sand, Drifting, Far Behind, Guaranteed, No Ceiling, Rise, Good Woman (Cat Power), Unthought Known, Masters of War (Bob Dylan), Parting Ways, Porch
Encore: I'm So Tired (Fugazi), Small Town, Black (w/ Red Limo String Quartet), Come Back (w/ Red Limo String Quartet), Sleepless Nights (Bryant, w/ Glen Hansard and Red Limo String Quartet), I Am The Answer (Simon Townshend, w/ Simon Townshend), Should I Stay Of Should I Go (The Clash, w/ Dhani Harrison), Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard)
Encore 2: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard, Simon Townshend and Red Limo String Quartet)

Poster (Dan Mumford) Front
09.06.2017 3 Arena, Dublin, Ireland

Opening act: Glen Hansard

Setlist: Trouble (Cat Stevens), Brain Damage (Pink Floyd), Sometimes, Elderly Woman Behind The Counter In A Small Town, Thumbing My Way, I Am Mine, I'm One (The Who, dedicated to Donnie Kruse), Can’t Keep, You’re True [Dedicated to Jill Vedder], Sleeping By Myself (w/ Red Limo String Quartet), Jeremy (w/ Red Limo String Quartet), Far Behind, Setting Forth, Guaranteed, Rise, Immortality, Masters Of War (Bob Dylan), Better Man/Save It For Later (The English Beat), Porch, I'm So Tired (Fugazi), Wishlist, Hide Your Love Away (Beatles), Black (w/ Red Limo String Quartet & Andrew Bennet - PJ Fan), Lukin (w/ Red Limo String Quartet), Heroes (David Bowie/Brian Eno, w/ Red Limo String Quartet), Just Breathe (w/ Red Limo String Quartet), Sleepless Nights (Bryant, w/ Glen Hansard & Red Limo String Quartet), Falling Slowly (Glen Hansard/Markéta Irglová, w/ Glen Hansard & Red Limo String Quartet), Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), The Auld Triangle (Dicky Shannon, w/ Glen Hansard), Dublin You Are [Performed by poet Stephen James Smith, w/ Glen Hansard & Eddie Vedder on stage], Rockin' In The Free World (Neil Young, w/ Glen Hansard)
Encore: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard, Red Limo String Quartet & Stephen James Smith)

Verso la fine del suo set, Glen Hansard ha suonato uno snippet di Present Tense su Way Back in the Way Back When.
Eddie ha suonato I’m One degli Who – premiere per questo tour – per Donnie, un suo amico di Chicago scomparso da poco, mentre You’re True è stata dedicata a sua moglie Jill. Jeremy è stata proposta per la prima volta durante un concerto solista di Vedder, in una versione mozzafiato accompagnata unicamente dal quartetto d'archi. Black è stata cantata insieme a un fan presente nelle prime file, Andrew Bennet.
The Auld Triangle, traditional irlandese scritto da Dicky Shannon, è stata suonata per la prima volta insieme a Glen Hansard. Il poema Dublin You Are è stato recitato dall'autore stesso, Stephen James Smith, mentre Glen Hansard suonava gli accordi di The Auld Triangle e Vedder guardava rapito la performance.
Il concerto sarebbe dovuto terminare entro le 23:00. Per proseguire altri 40 minuti – per un totale di due ore e 45 minuti di concerto, il suo show solista più lungo di sempre – Eddie ha voluto sborsare di tasca propria il corrispettivo di circa 25.000 Euro per pagare gli straordinari al personale impiegato all’interno e all’esterno della 3Arena. Straordinario, proprio come Eddie.

Poster (Munk One) Front
11.06.2017 Live at the Marquee, Cork, Ireland

Opening act: Glen Hansard

Setlist: Better Man, Throw Your Arms Around Me (Hunters & Collectors), Sometimes, Don't Be Shy (Cat Stevens), I Am Mine, Off He Goes, Happy Birthday to Olivia Vedder, Small Town, Bad (U2)/ Wishlist, Can't Keep, Soon Forget, Sleeping By Myself (w/ Red Limo String Quartet), It Happened Today (R.E.M., w/ Red Limo String Quartet), Far Behind, Drifting, Guaranteed, Rise, Unthought Known, Open All Night (Bruce Springsteen), Porch
Encore: Comfortably Numb (Pink Floyd), Should I Stay Or Should I Go? (The Clash), Last Kiss (Wayne Cochran), Come Back (w/ Red Limo String Quartet), Black (w/ Red Limo String Quartet), Falling Slowly (Markéta Irglová/Glen Hansard, w/ Glen Hansard & Red Limo String Quartet), Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), The Auld Triangle (Dicky Shannon, w/ Glen Hansard), Rockin’ In The Free World (Neil Young, w/ Glen Hansard)
Encore 2: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard & Red Limo String Quartet)

Premiere assoluta per Bad, capolavoro degli U2, suonata come intro a Wishlist. Prima di Small Town, Glen Hansard ha portato sul palco una torta, e Eddie ha chiesto al pubblico di aiutarlo a registare un videomessaggio di auguri per sua figlia Olivia che compiva 13 anni. Esaudita la sua richiesta, Eddie ha prima fatto spegnere le candeline alle persone nelle prime file, poi ha lanciato la torta tra il pubblico.
Open All Night di Bruce Springsteen è stata proposta per la prima volta durante questo tour.
Comfortably Numb è stata suonata da Ed al pump organ, seguita da Should I Stay or Should I Go? dei Clash, suonata con l'ukulele elettrico. Anche in questo caso si è trattato della premiere per questo tour europeo (l’ultima volta che è apparsa in una setlist di Vedder risale al tour sudamericano del 2014).
Da notare che nel primo encore sono state seguite emozionanti versioni di Come Back e Black (introducendo quest'ultima Eddie ha ricordato Stone Gossard) insieme al Red Limo String Quartet.

Poster (David Welker) Front

14.06.2017 Music Visionary of the Year Award, New York, NYC [Vedder e Gossard]

Setlist: Without You, Daughter

Eddie Vedder e Stone Gossard sono apparsi all'UJA-Federation di New York per onorare il lavoro di Michele Anthony, vice presidente esecutivo di Sony e Universal Music. Eddie ha suonato, in solista, Without You poi è stato raggiunto sul palco da Stone Gossard per una versione in acustico di Daughter. L'audio dell'apparizione è disponibile su pearljamonline.it.
19.06.2017 Lotto Arena, Antwerp, Belgium

Opening act: Glen Hansard

Setlist: [Intro Music: Batman Theme performed by EV & Harper Vedder], Brain Damage (Pink Floyd), Sometimes, Wishlist, The Needle and the Damage Done (Neil Young), I Am Mine, Off He Goes, Can't Keep, Sleeping By Myself, Satellite (w/ The Red Limo String Quartet), Again Today (Brandi Carlile, w/ The Red Limo String Quartet), Better Man/ Save It 4 Later (The English Beat), Far Behind, Setting Forth, Guaranteed, Rise, Immortality, Lukin, Millworker (James Taylor) [Instrumental], Porch
Encore: Improv/ I'm So Tired (Fugazi), Hide Your Love Away (Beatles), Small Town, Should I Stay Or Should I Go? (The Clash), Black (w/ The Red Limo String Quartet), Heroes (David Bowie/ Brian Eno, w/ The Red Limo String Quartet), Just Breathe (w/ The Red Limo String Quartet), Song of Good Hope (Glen Hansard, w/ Glen Hansard), Falling Slowly (Markéta Irglová/ Glen Hansard, w/ Glen Hansard & The Red Limo String Quartet), Drive All Night (Bruce Springsteen, w/ Glen Hansard), Rockin' in the Free World (Neil Young, w/ Glen Hansard)
Encore 2: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard & The Red Limo String Quartet)

Poster (Munk One) Front
21.06.2017 Cannes Lions Festival, Cannes, France [EV Private Show]
Setlist: Trouble (Cat Stevens), Small Town, I Am Mine, Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Soon Forget, Can’t Keep, Rise, Should I Stay or Should I Go? (The Clash), Falling Slowly (Glen Hansard/ Markéta Irglová, w/ Glen Hansard), Song of Good Hope (Glen Hansard, w/ Glen Hansard), Porch

Partecipazione non annunciata di Eddie Vedder al festival francese Cannes Lions. Il cantante si è esibito a un party organizzato da Live Nation. Tra il pubblico era presente anche il surfer Kelly Slater.

24.06.2017 Visarno Arena, Firenze Rocks Festival, Florence, Italy

Opening act: Altre di B, Eva Pevarello, Samuel, Glen Hansard & His Band

Setlist: [Intro Music: Tuolumne] Small Town, Wishlist, Immortality, Trouble (Cat Stevens), Brain Damage (Pink Floyd), Sometimes, I Am Mine, Can’t Keep, Sleeping By Myself, Far Behind, Setting Forth, Guaranteed, Rise, The Needle and The Damage Done (Neil Young), Millworker (James Taylor) [Instrumental Version], Unthought Known, Black, Lukin, Porch
Encore: Comfortably Numb (Pink Floyd), Imagine (John Lennon/ Yoko Ono), Better Man/ Save It For Later (The English Beat), Last Kiss (Wayne Cochran), Untitled, MFC, Falling Slowly (Glen Hansard/ Markéta Irglová, w/ Glen Hansard), Song Of Good Hope (Glen Hansard, w/ Glen Hansard), Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), Smile (w/ Glen Hansard), Rockin' in the Free World (Neil Young, w/ Glen Hansard)
Encore 2: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard, Graham Hopkins, Joe Doyle, Ruth O’Mahony-Brady)

>> Live report di Pearl Jam OnLine dei concerti italiani di Eddie Vedder <<

Poster (Zeb Love) Front
26.06.2017 Teatro Antico, Taormina (Sicily), Italy

Opening act: Glen Hansard

Setlist: [Intro Music: Batman Theme performed by Harper and Eddie Vedder/ Tuolumne] Long Road, Bad (U2), Wishlist, I Am Mine, Can’t Keep, Without You, Sleeping By Myself (w/ The Red Limo String Quartet), It Happened Today (R.E.M., w/ The Red Limo String Quartet), Drifting, Setting Forth, No Ceiling, Far Behind, Guaranteed, Rise, Picture In A Frame (Tom Waits), The Kids Are Alright (The Who), Out Of Sand, Better Man/Save It For Later (The English Beat), Porch
Encore: Isn’t It A Pity (George Harrison), Crazy Mary (Victoria Williams), Jeremy (w/ The Red Limo String Quartet), Heroes (David Bowie/Brian Eno, w/ The Red Limo String Quartet), Just Breathe (w/ The Red Limo String Quartet), Lukin (w/ The Red Limo String Quartet), Song Of Good Hope (Glen Hansard, w/ Glen Hansard), Sleepless Nights (Bryant, w/ Glen Hansard) [Busking Style Version], Society (Jerry Hannan, w/ Glen Hansard), All Along The Watchtower (Bob Dylan, w/ Glen Hansard & The Red Limo String Quartet) Encore 2: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard, The Red Limo String Quartet, Jill Vedder, Harper Vedder & Olivia Vedder)

>> Live report di Pearl Jam OnLine dei concerti italiani di Eddie Vedder <<

Poster (Ames Bros) Front
27.06.2017 Teatro Antico, Taormina (Sicily), Italy

Opening act: Glen Hansard

Setlist: [Intro Music: Batman Theme performed by EV w/ Harper Vedder/Tuolumne] Trouble (Cat Stevens), Brain Damage (Pink Floyd), Sometimes, Throw Your Arms Around Me (Hunters & Collectors), Small Town, Off He Goes, Thumbing My Way, You're True, Satellite (w/ The Red Limo String Quartet), Here Comes The Sun (The Beatles, w/ The Red Limo String Quartet), Wishlist, Let My Love Open The Door (Pete Townshend), Far Behind, Guaranteed, Long Nights (w/ Glen Hansard), Rise, Good Woman (Cat Power), Better Man, Immortality, Lukin [Partial], Porch
Encore: I'm So Tired (Fugazi), Imagine (John Lennon/Yoko Ono), The Ship Song (Nick Cave, w/ The Red Limo String Quartet), Black (The Red Limo String Quartet), Sleepless Nights (Brynt, w/ Glen Hansard) [Busking Version Style], Just Breathe (w/ Glen Hansard) [Partial], Falling Slowly (Glen Hansard/Markéta Irglová, w/ Glen Hansard & The Red Limo String Quartet], Smile (w/ Glen Hansard), Rockin' In The Free World (Neil Young, w/ Glen Hansard)
Encore 2: Hard Sun (Indio, w/ Glen Hansard, The Red Limo String Quartet, Olivia & Harper Vedder)
Encore 3: Dream A Little Dream (Kahn/Andre/Schwandt)

>> Live report di Pearl Jam OnLine dei concerti italiani di Eddie Vedder <<

Poster (Rhys Cooper) Front
USA
23.07.2017 United Center, Chicago (Concerto di Roger Waters - Apparizione di Ed Vedder)

Setlist (solo le canzoni con Eddie Vedder): Comfortably Numb (Pink Floyd)

Eddie Vedder è apparso a sorpresa al concerto che Roger Waters stava suonando all'United Center di Chicago durante il suo "Us + Them Tour". Il cantante dei Pearl Jam ha cantato Comfortably Numb dei Pink Floyd, il video della performance è disponibile su YouTube. Non è la prima volta che i due si trovano su un palco per cantare questa canzone, era già successo nel 2012 durante il "Concert for Sandy Relief" (video).

09.09.2017 Ohana Music Festival, Dana Point, CA

08.09.2017
Social Distortion's setlist (solo le canzoni con Eddie Vedder): Ball & Chain (Social Distortion, w/ Ed Vedder)
Simon Townshend's setlist (solo le canzoni con Eddie Vedder): She Asked Me (Simon Townshend, w/ Ed Vedder)

09.09.2017
Glen Hansard's setlist (solo le canzoni con Eddie Vedder): Present Tense (Pearl Jam, w/ Ed Vedder)
Liam Finn's setlist (solo le canzoni con Eddie Vedder): Habit (Pearl Jam, w/ Ed Vedder)

EV's Setlist: Untitled New Pump Organ Song, I'm So Tired (Fugazi), Small Town, Brain Damage (Pink Floyd), Sometimes, Wishlist, I Am Mine, Can't Keep, Sleeping By Myself, Just Breathe, Immortality, Far Behind, Rise, Lukin, Porch, Isn't It A Pity (George Harrison), I'm The Answer (Simon Townshend, w/ Simon Townshend), Society (Jerry Hannan, w/ Liam Finn), Falling Slowly (Glen Hansard/Markéta Irglová, w/ Glen Hansard)
Encore: Rockin' In The Free World (Neil Young, w/ Glen Hansard, Liam Finn, Fiona Apple & Kelly Slater)

10.09.2017
Jack Johnson's Setlist (solo le canzoni con Eddie Vedder): Constellations (Jack Johnson, w/ Ed Vedder), I Shall Be Released (Bob Dylan, w/ Ed Vedder)

Eddie Vedder ha tenuto il suo primo concerto solista americano del 2017 all'interno dell'Ohana Festival, in California. Il giorno prima della sua esibizione, mentre Mike McCready suonava a Seattle il National Anthem prima delle partita dei Mariners e andava a trovare on stage i Cheap Trick, Vedder ha raggiunto sul palco Simon Townshend per cantare su She Asked Me, poi i Social Distortion per Ball & Chain.
Il giorno seguente ha invece suonato Habit con Liam Finn e Present Tense con Glen Hansard.
Ed Vedder ha iniziato il suo concerto con una nuova canzone suonata al pump organ (ascoltala qui), seguita dalla cover dei Fugazi I'm So Tired, qui al suo debutto americano. Il testo di Sometimes è stato modificato per prendersi gioco di Donald Trump ("You’re Trump and you got small hands / The orange blends / The challenges you give man") mentre prima di I Am Mine, Eddie Vedder ha parlato dei problemi legati al cambiamento climatico. Dopo alcune canzoni tratte dai suoi dischi solisti, è stato raggiunto sul palco da Simon Townshend per I'm The Answer e da Glen Hansard per Falling Slowly. Il concerto si è concluso con Rockin' In The Free World suonata insieme a Glen Hansard, Liam Finn, Jack Johnson, Fiona Apple e Kelly Slater. Il giorno seguente Vedder è apparso durante il concerto di Jack Johnson per cantare su Constellations e sulla cover di Bob Dylan I Shall Be Released.

Quattro giorni dopo la partecipazione all'Ohana Festival, Eddie Vedder ha partecipato ad un benefit al Rosemont Theatre di Chicago organizzato dal chitarrista degli Who Pete Townshend a favore del Teen Cancer America, in cui è stato riproposto front-to-back il capolavoro della band inglese Quadrophenia. Vedder ha cantato su The Punk and the Godfather, I’m One, Drowned – in coppia col tenore Alfie Boe – e sulla finale The Real Me, proposta insieme all’intera line up della serata: Pete Townshend, Alfie Boe e Billy Idol. Un video con gli highlight della serata è presente sul nostro canale YouTube.

Due giorni dopo il concerto al Rosemont Theatre, Eddie Vedder è stato avvistato in strada davanti al Wrigley Field di Chicago mentre suonava con alcuni ragazzi. Il video della performance, in cui il cantante dei Pearl Jam ha suonato versioni strumentali di Corduroy e The Seeker degli Who, è su PearlJamOnLine.it - YouTube.

Poster (Timothy Pittides) Front
23.09.2017 Bourbon & Beyond Festival, Louisville, KY

Setlist: I Am Mine, Small Town, Wishlist, Sometimes, Can't Keep, Sleeping By Myself, Far Behind, Guaranteed, Rise, Unthought Known, I'm So Tired (Fugazi), I Am a Patriot (Steve Van Zandt), Lukin, Porch
Encore: Open All Night (Bruce Springsteen), Rockin' in the Free World (Neil Young), Hard Sun (Indio)

Poster (Dan Mumford) Front
24.09.2017 Pilgrimage Music and Cultural Festival, Franklin, TN

Setlist: Untitled New Pump Organ Song, Small Town, Hide Your Love Away (The Beatles), I Am Mine, Trouble (Cat Stevens), Wishlist, Good Woman (Cat Power), Sometimes, Just Breathe (w/ Matt Cameron), Without You, Setting Forth, Far Behind, Guaranteed, Society (Jerry Hannan, w/ Jack West), Rise, Better Man, Isn’t It A Pity (George Harrison), Porch
Encore: Should I Stay Or Should I Go? (The Clash), Hard Sun (Indio)

Poster (Ben Brown) Front
22.10.2017 John F. Kennedy Center for The Performing Arts, Washington D.C.

Setlist: Keep Me in Your Heart (Warren Zevon)

Eddie Vedder è apparso al Kennedy Center di Washington durante il Mark Twain Prize for American Humor conferito a David Letterman. Il cantante dei Pearl Jam si è esibito, insieme a Paul Shaffer e a un coro locale, in una magnifica versione di Keep Me in Your Heart di Warren Zevon. Il video pro-shot, mandato in onda il 20 novembre dalla CBS, è disponibile sul nostro canale YouTube.

Qualche giorno dopo, il 6 novembre, Vedder ha suonato un set acustico privato a San Francisco nel piccolo locale The Chapel. La setlist non è nota.